Come viene diagnosticata e trattata la forma diffusa di adenomiosi?

L'adenomiosi diffusa è una malattia accompagnata dalla proliferazione delle cellule endometriali. Se non trattata, questa patologia può causare infertilità o oncologia..

Le principali differenze e caratteristiche dello sviluppo della malattia

Esistono le seguenti forme di adenomiosi:

  1. Diffondere. È la forma più comune della malattia in cui l'endometrio cresce nello strato muscolare dell'utero. Più difficile da trattare.
  2. Focale. È caratterizzato dalla formazione di focolai patologici dell'endometrio.
  3. La forma nodulare di adenomiosi. È accompagnato dallo sviluppo di formazioni dense piene di liquido o sangue.

Sintomi e fasi del disturbo

Ci sono 4 fasi di adenomiosi:

  1. La proliferazione cellulare avviene sotto il rivestimento dell'utero.
  2. La malattia cattura il centro del muro del corpo dell'utero.
  3. Il processo patologico passa alla membrana muscolare della parete dell'organo.
  4. L'adenomiosi uterina diffusa si diffonde alla membrana sierosa dell'utero e agli organi adiacenti.

I principali segni della malattia:

  • sanguinamento mestruale prolungato e pesante, anemia;
  • forte dolore nella regione pelvica prima e dopo le mestruazioni;
  • sindrome premestruale moderata e grave;
  • accorciamento e altri cambiamenti patologici nel ciclo mestruale;
  • scarico marrone scuro prima delle mestruazioni;
  • dolore durante il sesso;
  • allargamento dell'utero e un cambiamento nella sua forma (rilevato dalla palpazione e dall'esame).

Un'altra condizione patologica che suggerisce la presenza di adenomiosi è l'infertilità. Quando le particelle endometriali entrano nella membrana muscolare dell'utero, iniziano a moltiplicarsi e crescere attivamente. Il risultato è lo sviluppo di emorragie e infiammazioni locali. I medici dicono che l'infertilità viene diagnosticata in ogni secondo paziente con adenomiosi.

Sullo sfondo dell'adenomiosi, possono verificarsi anche altre patologie, tra cui l'endometriosi ovarica, i tumori al seno e il mioma uterino. L'ultima malattia è osservata più spesso di altri.

Segni di una combinazione di adenomiosi con fibromi uterini:

  • disturbi del ciclo;
  • mestruazioni abbondanti e prolungate;
  • scarso scarico marrone, non associato alle mestruazioni;
  • disagio durante il rapporto sessuale;
  • dolore nell'addome inferiore (specialmente con danni all'istmo dell'utero);
  • bassa emoglobina;
  • aumento della minzione;
  • vertigini, aumento della stanchezza, pallore della pelle;
  • mal di testa;
  • dispnea;
  • disturbi delle feci;
  • angoscia.

Diagnostica e tattiche di trattamento

Per fare una diagnosi, sono necessarie le seguenti attività:

  • visita ginecologica con specchietti;
  • prendere uno striscio per determinare la microflora della vagina;
  • colposcopia per rilevare cambiamenti patologici nella cervice;
  • Ultrasuoni degli organi pelvici per determinare la forma della malattia;
  • altre attività volte all'identificazione di patologie concomitanti.

Inoltre, il paziente può essere indirizzato ad altri specialisti: cardiologo, ematologo, gastroenterologo, endocrinologo.

La scelta delle tattiche di trattamento è influenzata dalla gravità del processo patologico, dalla gravità dei sintomi dell'adenomiosi, dalla presenza di malattie concomitanti, dalle condizioni generali del corpo, dal desiderio o dalla riluttanza del paziente ad avere figli in futuro..

Una terapia adeguatamente selezionata può curare l'adenomiosi diffusa e prevenirne l'ulteriore insorgenza.

Terapia conservativa

Per sbarazzarsi dell'adenomiosi, è necessario concentrarsi sul miglioramento dell'immunità e sulla normalizzazione dell'equilibrio ormonale. I farmaci sono prescritti solo da un medico. L'autoselezione dei medicinali è vietata.

I seguenti medicinali sono usati per trattare una condizione patologica:

  • farmaci antinfiammatori non steroidei;
  • antidolorifici;
  • antispastici;
  • agenti ormonali;
  • contraccettivi orali (se il paziente non sta pianificando figli);
  • antigonadotropine.

Con lo sviluppo di adenomiosi diffusa, è possibile installare un dispositivo intrauterino.

Le controindicazioni all'uso del metodo sono malattie del sangue, gravi patologie cardiache e alcune altre malattie..

Prima di installare la spirale, è necessario superare i test. Se c'è una gravidanza, la spirale non è installata.

Inoltre, i farmaci vengono selezionati per eliminare la causa dell'adenomiosi. In presenza di malattie infettive del sistema riproduttivo, vengono prescritti antibiotici e farmaci per normalizzare la microflora vaginale. In presenza di oncologia, vengono utilizzati metodi di trattamento del cancro (micronutrienti, radiazioni e chemioterapia, ecc.). È obbligatorio assumere immunostimolanti e vitamine..

Procedure di fisioterapia

Per aumentare l'efficacia della terapia conservativa, viene eseguita la fisioterapia:

  • magnetoterapia: elimina l'infiammazione;
  • elettroforesi con iodio - ripristina l'equilibrio ormonale;
  • bagni di radon: normalizzano i livelli ormonali, prevengono l'ulteriore diffusione del processo patologico.

A volte il mioma si sviluppa parallelamente all'adenomiosi, che dovrebbe essere la ragione dell'ablazione FUS..

Intervento chirurgico

Le indicazioni per gli interventi chirurgici sono:

  • danno totale all'utero;
  • sanguinamento abbondante;
  • violazioni nel lavoro degli organi del sistema riproduttivo;
  • alto rischio di sviluppare il cancro.

L'operazione viene eseguita dopo le seguenti attività:

  • consegna di esami del sangue biochimici e clinici;
  • chiarificazione del fattore Rh e del gruppo sanguigno;
  • consegna di un test clinico delle urine;
  • prendere uno striscio dalla parete vaginale;
  • fluorografia.

Quando i risultati dell'esame sono pronti, viene scelto il metodo di intervento chirurgico. Esistono i seguenti metodi di trattamento chirurgico:

  • coagulazione elettrica;
  • ablazione;
  • embolizzazione;
  • rimozione dell'utero.

L'intervento chirurgico, che viene eseguito in un ospedale, aiuta a eliminare i focolai patologici e ripristinare la normale struttura dell'organo. Ci vogliono diversi giorni per riprendersi dopo l'intervento chirurgico.

Farmaci popolari e raccomandazioni di trattamento

La forma diffusa di adenomiosi viene trattata con i seguenti farmaci:

  • FANS: ibuprofene, aspirina, diclofenac;
  • contraccettivi orali - Logest, Yarina, Janine, Marvelon;
  • antigonadotropine - Danazol, Danol.

È necessario assumere farmaci secondo lo schema stabilito dal medico. Questo dovrebbe essere fatto regolarmente, preferibilmente alla stessa ora del giorno..

Trattamento e prevenzione della forma nodulare diffusa di adenomiosi uterina

Nella classificazione dell'endometriosi interna, esiste una forma della malattia chiamata adenomiosi diffusa. In pratica, si verifica più spesso.

Caratteristiche caratteristiche della forma diffusa di adenomiosi

Nonostante tutte le tecnologie mediche, l'adenomiosi uterina rimane una malattia che solleva molte domande..

La forma diffusa differisce da tutte le altre forme in sintomi e segni più luminosi, quindi alcuni esperti dicono che lo stadio iniziale della malattia è la forma focale e nodulare dell'adenomiosi.

Alcuni, al contrario, credono che queste forme abbiano una patogenesi così diversa da dover essere considerate come malattie separate..

  • La forma diffusa di adenomiosi è caratterizzata da un notevole aumento dell'utero nella seconda metà del ciclo, con la forma nodale e focale questo non è così evidente.
  • In un'analisi comparativa dei sintomi caratteristici di varie forme di adenomiosi, sono stati ottenuti i seguenti dati: l'anemia e l'emoglobina bassa si verificano più spesso nel gruppo con cambiamenti diffusi, ma meno spesso le donne si lamentavano del dolore durante il rapporto. La frequenza di altri sintomi: dolore intermestruale nell'addome inferiore, sanguinamento, mestruazioni dolorose e abbondanti con spotting dopo o prima della loro insorgenza è la stessa per tutti i gruppi.
  • Le formazioni endometroidi si trovano in tutto il tessuto muscolare dell'utero, sembrano depressioni nel miometrio.
  • Potrebbe esserci una combinazione di noduli endometriali con depressioni diffuse - questo è chiamato adenomiosi nodulare diffusa. Allo stesso tempo, di regola, la forma focale diffusa di adenomiosi non è isolata.

Cosa succede nell'utero con la patologia

La maggior parte dei medici ritiene che focolai patologici con adenomiosi si formino dallo strato basale dell'endometrio. Lo strato basale è lo strato inferiore dell'endometrio, che è adiacente al miometrio. Oltre allo strato basale, l'endometrio ha anche uno strato funzionale superiore, esce insieme al flusso mestruale, molto probabilmente, lo strato funzionale è la causa dell'endometriosi esterna.

Allo stato attuale, si ritiene che l'utero sia diviso in due organi: l'archimetro e il neometro. Archimetra è un organo interno dell'utero che contiene l'endometrio. Questo organo è responsabile della consegna dello sperma e lo protegge anche dalle malattie infiammatorie..

Il neometro è un organo esterno che contiene gli strati superiori del miometrio. Svolge il compito di contrarre i muscoli dell'utero durante il travaglio.

È probabile che lo stato patologico di archimetra, causato da un riarrangiamento cellulare, immunologico e funzionale dell'endometrio e del miometrio, provochi l'insorgenza di adenomiosi. Lo strato basale ha cellule staminali, che, in determinate condizioni, favoriscono la proliferazione delle cellule dell'epitelio endometriale e la formazione di focolai nei tessuti muscolari dell'utero.

Le ghiandole endometriali crescono non solo nelle pareti, ma influenzano anche l'istmo dell'utero, mentre le cellule muscolari lisce si ispessiscono attivamente.

Cause della malattia

Lo squilibrio ormonale è essenziale per lo sviluppo dell'adenomiosi. L'eccesso di estrogeni contribuisce al fatto che l'endometrio cresce vigorosamente e questo porta all'iperplasia endometriale. Si nota che una combinazione di adenomiosi con iperplasia può essere presente in almeno il 20% dei pazienti.

Le presunte cause che causano lo sviluppo di adenomiosi includono:

  • Uso incontrollato di farmaci ormonali, compresi i contraccettivi.
  • Motivo genetico. In un gran numero di pazienti, madri o nonne soffrivano di malattie maligne: circa il 30% aveva un cancro dell'endometrio o della cervice uterina, in circa il 70% sono state riscontrate formazioni benigne (fibromi). Inoltre, molte delle eredità erano gravate dal diabete mellito..
  • Circa il 35% dei pazienti ha avuto un aborto.
  • Nella forma diffusa è stata riscontrata una percentuale maggiore di pazienti sottoposti a curettage diagnostico.

Dalla malattia

Il grado di danno all'utero con adenomiosi diffusa è classificato come segue:

  • I grado di gravità: la germinazione delle particelle endometriali (mucosa uterina) nello strato adiacente dello strato sottomucoso del miometrio.
  • II grado - approfondimento dei focolai di adenomiosi quasi al secondo strato del miometrio e oltre.
  • Grado III: le particelle endometriali penetrano nell'intera parte muscolare dell'utero fino alla perimetria.
  • Alcuni studi considerano il quarto grado, se la germinazione delle particelle endometriali avviene oltre la cavità pelvica e gli organi confinanti con l'utero.

Inoltre, la malattia è classificata in modo diverso:

  • Adenomiosi superficiale, se la depressione nel miometrio della mucosa non è superiore a 5 mm.
  • Profondo: la profondità dei fuochi endometriosici è superiore a 5 mm.

Nella letteratura occidentale, ci sono 3 fasi di adenomiosi:

Lo spessore del miometrio è diviso in 3 parti, mentre il primo grado è caratterizzato da lesioni fino a 1/3 dello spessore, il secondo grado - fino a 2/3, con il terzo grado, l'intero spessore è interessato.

Nella classificazione internazionale, i termini "endometriosi interna" e "adenomiosi" sono considerati concetti identici, ma alcuni ricercatori affermano che solo 2,3 gradi di forma diffusa possono essere chiamati adenomiosi, perché in questo caso c'è un aumento delle pareti dell'utero e un ispessimento dell'endometrio.

L'endometriosi interna è il primo grado della forma diffusa, così come il secondo grado, se non c'è ispessimento dell'endometrio.

Diagnostica

Il problema principale per la diagnosi di adenomiosi diffusa sono le sue fasi iniziali, il loro rilevamento è considerato un'ottima scoperta.

Per diagnosticare l'adenomiosi diffusa, utilizzare:

  1. Esame ginecologico bimanuale, è necessario per valutare i segni primari della malattia: se l'utero è ingrandito, qual è la sua forma e vengono esaminati anche la cervice e la vagina. L'esame corretto consente di scegliere il dispositivo corretto per la diagnostica successiva.
  2. La diagnosi ecografica (ultrasuoni) è lo strumento principale utilizzato per rilevare questa malattia. L'ecografia determina le caratteristiche distintive di tutti i gradi della forma diffusa, nonché il tipo di adenomiosi: nodulare, focale o diffusa. I segni principali sugli ultrasuoni di una forma diffusa sono difetti nello strato basale, un cambiamento nel suo spessore, quindi al secondo e terzo grado, l'ispessimento delle pareti dell'utero, la comparsa di zone patologiche nel miometrio sono già notate. È necessaria un'ecografia pochi giorni prima delle mestruazioni. L'accuratezza dell'ecografia transvaginale è controversa, con una cifra che va dal 63 al 90%. L'ecografia errata è dovuta o ad una errata interpretazione dei dati, oppure ad una combinazione di fibromi e adenomiosi, in questo caso è molto facile confondere i nodi miomatosi con focolai di adenomiosi.
  3. La tomografia computerizzata a spirale (TC) non è il principale metodo diagnostico, è prescritto meno spesso degli ultrasuoni.
  4. La risonanza magnetica (MRI) è il dispositivo diagnostico più accurato (oltre il 95%), ma a causa del suo costo elevato, viene utilizzato solo con diagnosi contrastanti, prima dell'intervento chirurgico, in quanto consente di stabilire un quadro completo delle lesioni diffuse.

Visita ginecologica manuale

È necessario per valutare i segni primari della malattia: se l'utero è ingrandito, qual è la sua forma e viene eseguito anche un esame della cervice e della vagina. L'esame corretto consente di scegliere il dispositivo corretto per la diagnostica successiva.

Diagnostica ecografica (ultrasuoni)

È lo strumento principale utilizzato per rilevare questa malattia. L'ecografia determina le caratteristiche distintive di tutti i gradi della forma diffusa, nonché il tipo di adenomiosi: nodulare, focale o diffusa. I principali segni sugli ultrasuoni di una forma diffusa sono difetti nello strato basale, un cambiamento nel suo spessore, quindi al secondo e terzo grado ispessimento delle pareti dell'utero, la comparsa di zone patologiche nel miometrio.

È necessaria un'ecografia pochi giorni prima delle mestruazioni. L'accuratezza dell'ecografia transvaginale è controversa, con una cifra che va dal 63 al 90%. L'ecografia errata è dovuta o ad una errata interpretazione dei dati, oppure ad una combinazione di fibromi e adenomiosi, in questo caso è molto facile confondere i nodi miomatosi con focolai di adenomiosi.

Tomografia computerizzata pirale (TC)

Non è il principale metodo diagnostico, è prescritto meno spesso degli ultrasuoni.

Risonanza magnetica per immagini (MRI)

È il dispositivo più accurato per la diagnostica (oltre il 95%), ma a causa del suo costo elevato viene utilizzato solo per diagnosi contrastanti, prima dell'intervento chirurgico, in quanto consente di stabilire un quadro completo delle lesioni diffuse.

Metodi di trattamento

Le modalità per il trattamento dell'endometriosi interna sono ancora in discussione, le principali richieste dei pazienti sono di ridurre i sintomi del dolore o di curare l'infertilità nell'adenomiosi. Quest'ultimo ci fa cercare metodi chirurgici parsimoniosi, perché la terapia farmacologica è riconosciuta come non riuscita se non porta miglioramenti nella forma diffusa entro tre-sei mesi.

Terapia conservativa

La terapia conservativa consiste nell'uso di farmaci ormonali e antinfiammatori.

I principali rappresentanti degli agenti ormonali sono:

  • Contraccettivi orali, che devono essere monofasici. Inibiscono l'ovulazione e questo porta al fatto che la crescita dell'endometrio è inibita..
  • I gestageni - analoghi sintetici dell'ormone della gravidanza - progesterone, vengono prescritti se c'è una carenza o un eccesso di estrogeni.
  • Antigonadotropine (danazol, nemestran): interrompono il ciclo mestruale, mettono una donna in uno stato di pseudo-climax, vengono utilizzate per sei mesi e hanno molti effetti collaterali. Le mestruazioni riprendono dopo l'interruzione del farmaco.
  • Agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH-a) - zoladex, lucrin e altri. Sono prescritti per fasi gravi della forma diffusa, il loro uso porta a una significativa mancanza di estrogeni, pertanto potrebbe essere necessaria una terapia ricorrente. La mancanza di estrogeni ha un effetto diretto sulla densità minerale ossea, quindi c'è il rischio di osteoporosi durante l'assunzione di farmaci.
  • Inibitori dell'aromatasi - a dosi elevate, questi farmaci sono usati per trattare i tumori al seno, è necessario fermare le ovaie prima di usarli, quindi è consigliabile prescriverli durante la menopausa.

I farmaci antinfiammatori (ibuprofene, diclofenac) sono usati per le mestruazioni molto dolorose, ma non dovrebbero essere abusati, perché hanno una serie di controindicazioni.

Procedure di fisioterapia

Nella medicina popolare, l'irudoterapia (trattamento con le sanguisughe) è una procedura diffusa. La medicina tradizionale offre i seguenti trattamenti:

  • Ricevendo radon e bagni di iodio-bromo, inoltre, si utilizzano microclittori e irrigazione della vagina con acqua con radon. Si ritiene che i bagni di radon normalizzino i livelli ormonali, abbiano un effetto calmante e analgesico..
  • La terapia magnetica ed elettromagnetica ha effetti antinfiammatori e analgesici.
  • La radiazione ultravioletta a onde corte ha un effetto curativo, quindi è consigliata dopo l'intervento chirurgico.
  • La terapia con correnti pulsate di bassa frequenza, l'elettroforesi dello iodio con l'aiuto della corrente promuove un ingresso piccolo e graduale nel sangue, accumulandosi, lo iodio ha un effetto benefico sui focolai cronici della malattia, ma le correnti non possono essere utilizzate se una donna soffre di urolitiasi.

Intervento chirurgico

Il trattamento chirurgico è raccomandato per malattie gravi e se il trattamento farmacologico non porta all'effetto desiderato. La chirurgia radicale per rimuovere l'utero è consigliabile se una donna non vuole preservare la sua funzione riproduttiva.

La rimozione dell'utero viene eseguita mediante laparotomia (chirurgia addominale) o laparoscopia (utilizzando forature), con ogni paziente è necessario discutere individualmente la rimozione delle ovaie.

Gli interventi chirurgici di conservazione degli organi includono: ablazione laser (taglio) dell'endometrio. Nella forma diffusa, la difficoltà è che le lesioni sono sparse in tutto l'utero, non possono essere rimosse in modo puntuale, come nella forma nodulare usando la laparoscopia o usando l'embolizzazione (blocco) delle arterie uterine.

Profilassi

A rischio sono le donne che abusano del solarium o dell'abbronzatura. Per la prevenzione della malattia, è necessario visitare regolarmente un ginecologo, evitare malattie infiammatorie degli organi genitali, non assumere farmaci ormonali senza prescrizione.

Prognosi

L'adenomiosi diffusa in uno stato trascurato può peggiorare significativamente la vita di una donna: periodi pesanti e sanguinamento contribuiranno allo sviluppo di anemia, a causa dell'anemia, una donna inizierà a sentire debolezza e vertigini costanti, la via d'uscita in questo caso sarà la rimozione dell'utero.

In alcuni casi, la regressione della malattia si verifica con la menopausa. Dopo la fine della terapia ormonale, nel 50% dei casi, si verifica una ricaduta della malattia in un anno, a causa del fatto che l'adenomiosi è una malattia cronica, è difficile prevederne il decorso.

Qual è il pericolo di adenomiosi uterina diffusa

L'adenomiosi è il nome generico di una condizione in cui l'endometrio inizia a crescere negli strati muscolari dell'utero. Tuttavia, va notato che non tutte le forme di endometriosi sono uguali e rispondono bene al trattamento. Ma prima di passare alla classificazione dell'adenomiosi, consideriamo prima brevemente di cosa si tratta..

L'utero femminile è composto da tessuto muscolare liscio e un endometrio a doppio strato. L'endometrio, a sua volta, ha uno strato basale, cioè uno strato di base e uno funzionale. L'endometrio è lo strato a cui è attaccato l'uovo fecondato e attraverso il quale riceve nutrimento. Se la gravidanza non si verifica, l'utero si libera urgentemente dello strato funzionale per preparare quello successivo per l'ovulazione successiva: un nuovo strato dell'endometrio. Durante le mestruazioni, insieme al sangue, esce un endometrio funzionale inutilizzato. Tuttavia, per qualche motivo, durante lo sviluppo dello strato funzionale, inizia a crescere nei muscoli dell'utero, formando focolai o nodi lì. Questa condizione è chiamata adenomiosi o endometriosi interna..

Classificazione dell'adenomiosi

Dal modo in cui l'endometrio entra nel corpo dell'utero, la sua forma è condivisa. Quindi, se, nel processo di introduzione dell'endometrio, si è formato un punto focale in cui si accumula l'endometrio, questa è una forma focale di adenomiosi interna. Se non ci sono contorni chiari dell'introduzione dell'endometrio, allora questa è una forma diffusa di adenomiosi uterina. Esiste anche una forma diffusamente nodulare di adenomiosi dell'utero quando sono presenti entrambi i segni. La forma nodale dell'endometriosi interna è chiamata patologia quando l'endometrio penetrato forma nodi peculiari, che in seguito sono talvolta difficili da distinguere dai nodi miomatosi.

Oltre alla forma di adenomiosi, è consuetudine determinare il grado del suo sviluppo, cioè quanto profondamente l'endometrio è riuscito a penetrare nelle pareti dell'utero. Quindi il primo grado corrisponde alla penetrazione superficiale, il secondo a una più profonda, terzo e quarto - parla della completa penetrazione dell'endometrio su tutto lo spessore del tessuto muscolare. Di solito il primo e il secondo stadio dell'adenomiosi non provocano sensazioni spiacevoli e possono essere asintomatici. Inoltre, le prime due fasi sono relativamente facili da stabilizzare e trattare con la terapia ormonale. A partire dal terzo stadio, l'adenomiosi richiede un intervento chirurgico e, in casi particolarmente difficili, la rimozione dell'organo. Tuttavia, solo l'adenomiosi uterina diffusa nell'ultimo stadio richiede una tale soluzione cardinale..

Sintomi di adenomiosi uterina diffusa

Nella fase iniziale dell'adenomiosi diffusa, di primo e talvolta di secondo grado, i sintomi possono essere completamente assenti. Anche determinare tale adenomiosi durante un esame ginecologico non è facile. le pareti dell'utero possono essere leggermente aumentate. Se la malattia non progredisce, puoi vivere tutta la vita senza sospettare la presenza di una tale patologia. Allo stesso tempo, non influisce assolutamente né sulla capacità di rimanere incinta né sulla salute del nascituro..

Tuttavia, dovrebbe essere chiaro che un tale sviluppo di scenario è possibile solo in circostanze favorevoli. Ci sono fattori che possono influenzare l'ulteriore sviluppo dell'adenomiosi e spingerla verso il progresso. Qualsiasi intervento chirurgico è il più traumatico per l'utero. Può trattarsi di aborto, curettage, taglio cesareo, rimozione di polipi o raschiatura diagnostica. Violando l'integrità dell'endometrio e dell'utero, possono provocare lo sviluppo attivo dell'adenomiosi e il suo passaggio a stadi più gravi.

Si ritiene che vari processi infiammatori negli organi pelvici possano anche servire come fattore che può provocare l'ulteriore sviluppo dell'adenomiosi uterina diffusa. Gli stessi fattori includono frequenti malattie generali che portano a intossicazione del corpo nel suo complesso, abuso di alcol e fumo, immunità indebolita e uno stile di vita sedentario. Sebbene l'influenza di questi fattori non sia stata sufficientemente studiata, tuttavia, la loro influenza non può essere completamente esclusa..

Se parliamo dei sintomi dell'adenomiosi, iniziano ad apparire dal terzo stadio, molto raramente e in una forma velata dal secondo. Quindi, l'adenomiosi diffusa e nodulare dell'utero si manifesta principalmente con dolore nell'addome inferiore, nel sacro, nel perineo. Le sensazioni dolorose possono intensificarsi sia durante le mestruazioni che alcuni giorni prima o dopo. Un altro sintomo pronunciato è il sanguinamento uterino e, sebbene non siano intense, le secrezioni sanguinolente e marroni sono caratteristiche di questa malattia. Durante il periodo di sanguinamento mestruale, c'è un aumento del ciclo e dell'intensità. Quindi le mestruazioni possono durare dieci giorni, mentre l'emorragia sarà piuttosto grave. Questo, a sua volta, può essere espresso in anemia e diminuzione dell'emoglobina..

Il dolore nell'adenomiosi diffusa può essere sia costante che ciclico, solo la loro intensità può cambiare. Molte donne a cui è stata diagnosticata l'adenomiosi diffusa hanno lamentato dolore non solo durante le mestruazioni, ma anche durante il rapporto sessuale, l'esame ginecologico, ecc..

Come viene diagnosticata l'adenomiosi diffusa?

Se i sintomi sono presenti, la diagnosi viene effettuata sulla base dell'anamnesi e dell'esame da parte di un ginecologo. Quindi, con un consueto esame a due mani - la palpazione, il medico scopre un aumento delle dimensioni dell'utero e della sua forma sferica. Inoltre, la sua mobilità può essere parzialmente limitata. Tuttavia, poiché i suddetti sintomi sono inerenti ad altre patologie, è necessaria una descrizione più accurata dei processi che si verificano nell'utero.

Un esame ecografico può mostrare non solo un cambiamento nella forma dell'utero e un ispessimento delle sue pareti, ma anche cambiamenti nelle pareti dell'utero. Potrebbe anche essere necessario donare il sangue per i livelli ormonali. Risultati buoni e affidabili si ottengono mediante isteroscopia, risonanza magnetica e TC. Ma di solito tali esami non sono spesso richiesti, poiché una diagnosi accurata può essere fatta sulla base di un esame ecografico..

Cause di adenomiosi

Nonostante il fatto che il meccanismo di formazione dell'adenomiosi diffusa non sia ancora noto in modo affidabile, la dipendenza ormonale di questa patologia porta gli scienziati alla conclusione che provoca un aumento del livello di estrogeni. È sotto la loro influenza che la crescita attiva del miometrio avviene nella seconda fase del ciclo. In questo caso, il miometrio contiene recettori che rispondono ai livelli ormonali, che possono contribuire alla crescita anormale del miometrio. C'è anche una teoria secondo cui l'adenomiosi è un "recupero" per periodi frequenti. Il corpo di una donna è funzionalmente pronto ogni mese per ricevere un ovulo fecondato, e un così frequente ripristino e riavvio del "programma" di prolungamento del genere può portare a un guasto del "sistema".

Trattamento di adenomiosi uterina diffusa

Poiché la forma diffusa di adenomiosi è la forma più complessa e grave, la sua diagnosi tempestiva, un trattamento adeguato e un esame costante da parte di un medico sono un prerequisito. Anche se la diagnosi è stata fatta in una fase iniziale della malattia e il corso appropriato di terapia ormonale è stato completato, è impossibile sbarazzarsi dell'adenomiosi - l'unico modo è rimuovere l'utero.

La complessità del trattamento dell'adenomiosi diffusa è che non può essere operata come nodulare o focale. Poiché la maggior parte dell'utero è interessata, è impossibile rimuovere l'intero strato dell'endometrio. Ecco perché, con un decorso aggressivo di questa malattia, se la terapia ormonale non aiuta, si consiglia la rimozione dell'utero. Tuttavia, questi casi sono estremamente rari. Tuttavia, tutte le donne che sono sospettate di adenomiosi nelle fasi iniziali dovrebbero tenere conto del fatto che se viene determinata una forma diffusa, il trattamento non deve essere posticipato in ogni caso..

Il trattamento di questa forma di adenomiosi viene effettuato con farmaci ormonali volti a sopprimere la produzione di estrogeni. A tal fine, vengono utilizzati entrambi i contraccettivi orali, principalmente per stabilizzare l'adenomiosi in una fase iniziale, e gli agonisti del GnRH, che introducono il corpo di una donna in una menopausa artificiale temporanea. L'introduzione allo stato di menopausa è reversibile e non interferisce con il successivo concepimento di un bambino. Questo metodo è usato per trattare l'adenomiosi. Tuttavia, dopo aver completato il corso, si raccomanda comunque alle donne di assumere contraccettivi orali..

Nonostante il fatto che i farmaci ormonali abbiano una serie di effetti collaterali, il più spiacevole dei quali è l'aumento di peso, non esiste alternativa a tale trattamento. Per contrastare gli effetti collaterali, vale la pena organizzare adeguatamente la dieta e l'esercizio fisico, ridurre lo stress e prestare attenzione alla promozione della salute generale. Quindi, dopo la fine della terapia, la donna sarà in grado di concepire e dare alla luce un bambino sano..

Adenomiosi diffusa e oncologia

L'adenomiosi diffusa è un tumore benigno. Tuttavia, la stessa parola "tumore" allarma molte donne e si chiedono se l'adenomiosi possa degenerare in un tumore canceroso. Sebbene ciò sia possibile, questi casi sono rari. La degenerazione può verificarsi con lo stesso errore della comparsa di un tumore in altri organi. Molto probabilmente, in quei casi in cui l'adenomiosi degenerò in un tumore maligno, divenne solo uno stadio intermedio e, anche senza la sua presenza, una donna fu minacciata di sarcoma o cancro uterino.

Complicazioni di adenomiosi diffusa

Oltre ad assottigliare lo strato muscolare dell'utero, l'adenomiosi diffusa può minacciare la diffusione del processo ad altri organi. Cioè, oltre all'endometriosi interna, può comparire anche endometriosi esterna, quando le particelle dell'endometrio lasciano l'utero con flusso sanguigno e si attaccano a vari organi, causando aderenze e altri disturbi. Questo, a sua volta, può portare a infertilità a causa di aderenze nelle tube di Falloppio e nelle ovaie..

Adenomiosi diffusa e gravidanza

La questione dell'influenza dell'adenomiosi sulla capacità di concepire e trasportare un bambino preoccupa molte donne, poiché questa malattia è diventata molto più giovane e colpisce solo le donne in età fertile. L'endometriosi interna non può causare infertilità, a meno che il processo non sia completamente avviato. Solo la presenza del terzo e del quarto stadio può diventare un ostacolo alla nascita di un bambino. Tuttavia, l'adenomiosi è spesso accompagnata da altre malattie: mioma, endometriosi peritoneale, ecc., Che a loro volta possono portare alla sterilità.

Vale la pena ricordare che questa patologia può essere tenuta sotto controllo solo con un trattamento adeguato e frequenti visite dal medico..

  1. Sidorova I.S., Guriev T.D., Unanyan A.L. "Combinazione di fibromi uterini e adenomiosi"
  2. Endometriosi genitale. La prospettiva di un professionista | Damirov Mikhail Mikhailovich, Oleinikova O. N.M. M. Damirov, O. N. Oleinikova, O. M. Mayorova
  3. Endometriosi e infertilità peritoneale (studi clinici e morfologici) | Savitsky Gennady Alexandrovich, Gorbushin S. M.
  4. Endometriosi | Adamyan Leila Vladimirovna, Kulakov Vladimir Ivanovich

Adenomiosi dell'utero

L'adenomiosi è una malattia dell'utero, in cui l'endometrio inizia a penetrare nel tessuto muscolare di questo organo, crescendo attraverso lo strato divisorio. Questa condizione è patologica e benigna, ma ad alto rischio di cancro..

È l'adenomiosi, secondo i medici, che il più delle volte diventa un ostacolo alla gravidanza, poiché è considerata una delle cause più comuni di infertilità. Almeno un terzo delle ragazze e delle donne che si rivolgono ai ginecologi per questioni relative al concepimento di un bambino riceve proprio una diagnosi del genere.

Nella maggior parte dei casi, questa è una malattia acquisita. I casi congeniti sono rari. Uno dei motivi principali per lo sviluppo dell'adenomiosi uterina è l'endometriosi non trattata o non trattata nel tempo. In effetti, è la stessa malattia, ma di gravità variabile. L'endometriosi è una forma lieve che colpisce solo la mucosa, mentre con l'adenominosi la lesione copre completamente il miometrio.

I principali sintomi

1 Il primo e più evidente sintomo di adenomiosi è il problema delle mestruazioni: troppo lunghe e dolorose, con molte secrezioni sotto forma di sangue coagulato. A volte questi periodi possono durare più di una settimana. Prima e dopo l'inizio, le perdite vaginali diventano leggermente marroni. Quando la malattia diventa cronica, in qualsiasi momento può comparire una scarica sanguinolenta..

I dolori diventano molto intensi e compaiono pochi giorni prima dell'inizio del ciclo mestruale, terminando anche molto più tardi rispetto alla fine. Con una forma avanzata della malattia, la lesione copre l'istmo dell'utero, rendendo il dolore ancora più acuto. Il luogo del loro aspetto mostra dove si trova il centro della malattia. L'inguine inizia a ferire se viene colpita la parte superiore dell'utero vicino alle ovaie. Inoltre, il dolore inizia ad apparire durante il sesso nei giorni prima dell'inizio delle mestruazioni..

Circa 2/3 delle donne con diagnosi di adenomiosi sono sterili, poiché la mancanza di un trattamento tempestivo porta alla comparsa di aderenze nelle tube di Falloppio. Dopo la fecondazione, l'uovo non può raggiungere il posto di cui ha bisogno. Ciò è dovuto alla crescita eccessiva dell'endometrio che interrompe l'anatomia dell'utero. Anche se non ci sono aderenze nelle tube di Falloppio, c'è il rischio che la gravidanza finisca da sola, poiché con l'adenomiosi, l'utero è costantemente in tensione, causando processi infiammatori.

La maggior parte dei pazienti con adenomiosi che sono sessualmente attivi non può rimanere incinta. Se ciò accade, il più delle volte si verifica un aborto spontaneo..

2 Un altro segno di adenomiosi è l'anemia con un alto tasso di carenza di ferro. Poiché questa malattia è accompagnata da un flusso sanguigno più abbondante durante le mestruazioni, un calo dei livelli di emoglobina diventa la sua ovvia conseguenza. L'anemia è associata a sintomi come stanchezza e debolezza. Il paziente è costantemente attratto dal sonno, vuole riposare, anche se non c'erano carichi speciali. Sono comuni anche pallore, emicrania e persino svenimento. Spesso c'è una nevrosi dovuta al pesante decorso del ciclo mestruale e ai pensieri di infertilità.

La manifestazione dei sintomi dipende dallo stadio in cui la malattia progredisce. Ci sono 4 fasi in totale:

1 per primo: i focolai della malattia sono limitati allo strato sottomucoso, il dolore è assente;

2 secondi: l'endometrio inizia a crescere nel tessuto muscolare, compaiono i primi dolori;

3 terzi: l'intero tessuto dell'utero è interessato, la germinazione dell'endometrio raggiunge il guscio esterno, il dolore diventa piuttosto grave;

4 quarto - danno irreversibile in cui la germinazione dell'endometrio si estende oltre l'utero e inizia a penetrare nella cavità addominale.

Tra i sintomi che possono essere determinati durante un esame di routine da un ginecologo, vale la pena evidenziare un aumento delle dimensioni dell'utero e un cambiamento nella sua forma. L'adenomiosi diffusa si manifesta in quanto l'utero si allarga prima dell'inizio delle mestruazioni e diventa sferico. In presenza di infiammazione, lo stato dell'utero ricorda le prime fasi della gravidanza.

Un'altra forma della malattia, l'adenomiosi nodosa, si manifesta con un gran numero di piccoli gonfiori, simili ai noduli nel tessuto muscolare dell'utero. La forma complessa della malattia, in cui l'adenomiosi è accompagnata da fibromi, porta ad un aumento costante delle dimensioni dell'utero, che non cambia a seconda del ciclo mestruale.

Primi segni

I sintomi più comuni sono dolore nella regione pelvica, sensazione di pesantezza e pressione sugli organi interni. Questi segni sono particolarmente pronunciati prima dell'inizio delle mestruazioni e persistono per diversi giorni dopo la sua fine..

Pertanto, i seguenti sintomi di adenomiosi possono essere distinti come i principali:

  • Scarico marrone prima e dopo le mestruazioni;
  • Aumento della durata delle mestruazioni;
  • Aumento del volume del sangue;
  • Cambiamenti nelle dimensioni dell'utero e la conseguente sensazione di pesantezza, pressione nella regione pelvica;
  • Dolore durante i rapporti sessuali.

Poiché l'adenomiosi ha sintomi molto vaghi, manifestazioni simili possono essere un segno di altre malattie. Pertanto, il loro aspetto è un campanello d'allarme, il che significa che devi andare dal medico per un esame..

Le ragioni per lo sviluppo della malattia

Tra i motivi che portano allo sviluppo di patologie di questo tipo, spiccano i seguenti problemi:

  • Malattie del sistema genito-urinario;
  • Danno endometriale durante l'intervento chirurgico;
  • Lesione all'utero durante il parto;
  • Squilibrio ormonale;
  • Eredità.

Il gruppo a rischio sono le donne dai 25 ai 40 anni. Costanti mestruazioni dolorose, infertilità e altri problemi del sistema riproduttivo possono servire come motivo per sospettare di adenomiosi a questa età..

La presenza di uno o più fattori negativi porta al fatto che l'endometrio cresce nel tessuto dell'utero, mentre vengono preservate le proprietà fisiologiche dei muscoli. Intorno alla metà del ciclo mestruale, l'endometrio si espande e le sue cellule crescono in modo che l'ovulo fecondato possa ancorarsi. Quando una donna soffre di adenomiosi, l'endometrio, che è penetrato nel tessuto muscolare, continua a svolgere la sua funzione, come se il gonfiore all'interno dei muscoli dell'utero, che porta al dolore.

Il sanguinamento mestruale svolge la funzione di purificare l'utero dall'endometrio nei casi in cui l'uovo non è stato fecondato e la gravidanza non è avvenuta. Ma, poiché a causa della malattia, cresce nel tessuto muscolare, non viene completamente eliminato. Ciò provoca emorragie nel miometrio e lo sviluppo dell'infiammazione..

I medici non hanno una risposta inequivocabile che determinati motivi portano allo sviluppo di questa particolare malattia. Pertanto, l'elenco dei fattori provocatori può essere considerato approssimativo, poiché la loro presenza non garantisce la malattia. Secondo le statistiche, la maggior parte delle donne con questa diagnosi ha subito in passato un intervento chirurgico all'utero: aborti e altre operazioni. Anche se lo sviluppo della malattia non viene notato, le ragazze che hanno subito un intervento chirurgico all'utero sono a rischio. Può includere anche donne sane, la cui età si avvicina ai 40 anni..

A seguito di studi ginecologici su molti casi di insorgenza e sviluppo di questa malattia, si ritiene che uno dei motivi possa essere l'ereditarietà. Ma finora questa rimane solo una versione e non ha una risposta definitiva alla domanda sull'influenza della genetica sulla malattia dell'adenomiosi. Pertanto, non si può sostenere che se una madre è malata, sua figlia rientra automaticamente in un gruppo a rischio. Questo problema è ancora controverso e alcuni ginecologi ritengono che l'ereditarietà non sia la causa dello sviluppo dell'adenomiosi..

Tra tutti i motivi, i seguenti sono considerati i più accurati oggi:

  • Stress prolungato;
  • Stress e stress fisici costanti;
  • Stile di vita troppo attivo.

In generale, possiamo dire che i carichi, l'attività e le sollecitazioni che il corpo deve sopportare in grandi volumi influenzano anche il tessuto muscolare dell'utero, che a sua volta porta allo sviluppo di adenomiosi. Ma anche uno stile di vita sedentario e calmo può essere dannoso, poiché porta al ristagno di sangue nella regione pelvica e nel sistema riproduttivo, che influisce negativamente sulla salute in generale e aumenta il rischio di sviluppare malattie ginecologiche, inclusa l'adenomiosi.

La seconda ragione ovvia sono i problemi endocrini. Pertanto, le donne che hanno disturbi nel funzionamento del sistema endocrino devono tenere conto dei rischi e più spesso essere esaminate da un ginecologo. Inoltre, deviazioni nelle funzioni della ghiandola pituitaria, ghiandole surrenali, disturbi ormonali: tutto ciò crea anche i prerequisiti per l'adenomiosi..

Inoltre, il gruppo a rischio include quelle donne sopra i 30 anni che dedicano molto tempo all'abbronzatura. La luce ultravioletta in grandi volumi, sia naturale che nei lettini abbronzanti, influisce negativamente sul sistema riproduttivo e, in combinazione con altri fattori, può causare malattie. Le ragazze più giovani sono meno minacciate, poiché fino a 30 anni di età, il corpo umano non è così vulnerabile alla luce ultravioletta come nell'età adulta.

Varietà di adenomiosi

1 nodale. In questo caso, l'endometrio forma piccoli noduli nel tessuto muscolare. Si riempiono di sangue e appaiono in abbondanza. Nella sua forma, questo tipo di malattia assomiglia a un fibroma, motivo per cui si verificano errori quando si effettua una diagnosi. Differiscono in quanto con l'adenomiosi, i nodi non sono formati dal muscolo, ma dal tessuto ghiandolare. Molto spesso, questa forma si verifica nelle ragazze e nelle giovani donne..

2 Focal. In questo caso, la germinazione dell'endometrio è limitata a diversi fuochi. Si manifesta in età adulta, nel periodo prima dell'inizio della menopausa e della menopausa (45-50 anni). Questa forma della malattia è difficile da trattare con i farmaci e richiede molto tempo. Allo stesso tempo, il recupero completo non è garantito, poiché rimane la possibilità di ricadute e la formazione di fistole.

3 Diffusa. Questa forma di adenomiosi è caratterizzata dalla germinazione dell'endometrio su tutta l'area del tessuto muscolare delle pareti uterine. Questa varietà è più difficile di altre da trattare a causa dell'assenza di focolai locali e di una sconfitta generale dell'intera area dell'utero. In altre forme, le aree interessate possono essere rimosse con un intervento chirurgico, ma in caso di adenomiosi diffusa, ciò non è possibile a causa degli alti rischi. Nei casi avanzati, l'unico modo è la rimozione radicale dell'utero. Il problema principale è che questa forma di solito colpisce le ragazze in età fertile e possono diventare infertili..

4 Diffuso-nodale. Una combinazione di due forme diverse, in cui le formazioni nodulari compaiono contemporaneamente nelle pareti dell'utero e la germinazione avviene in tutta l'area. Questa è la forma più comune di questa malattia..

Come viene trattata l'adenomiosi??

In assenza di un trattamento adeguato, l'adenomiosi passa in uno stadio grave, in cui tali manifestazioni sono possibili quando il ciclo mestruale diventa molto lungo o addirittura smette di finire. Ciò porta inequivocabilmente alla sterilità, che colpisce la maggior parte delle donne con questa diagnosi. Quando si cura l'infertilità, prima di tutto vengono eseguiti test per l'adenomiosi e solo dopo viene prescritto un ciclo di trattamento.

Con l'adenomiosi, è imperativo trattare l'anemia e ripristinare il livello di ferro nel sangue. È anche possibile un corso di terapia con un neurologo e psicoterapeuta se il paziente è stressato e depresso a causa della malattia. In questo caso, possono essere prescritti antidepressivi e altri farmaci simili..

Farmaci prescritti:

  • Contraccettivi orali, che bloccano l'inizio del ciclo mestruale, che contribuisce alla scomparsa dei focolai di crescita dell'endometrio.
  • Farmaci ormonali (gestageni) che contribuiscono alla morte dei focolai di malattia.
  • Iniezioni intramuscolari di gonadolberine, che riducono i livelli di estrogeni nel corpo.
  • In alcuni casi, è possibile prescrivere androgeni, che bloccano anche il ciclo mestruale.

L'intervento chirurgico diventa necessario solo se il trattamento con farmaci e procedure non ha portato al recupero. Questo di solito accade dopo tre mesi di assunzione di farmaci ormonali, dopodiché la condizione non è migliorata e anche se tali farmaci sono controindicati per il paziente.

Se viene presa la decisione di eseguire un'operazione che non comporta la rimozione dell'utero, viene eseguito un altro esame completo. Il suo scopo è studiare in dettaglio il quadro della malattia: la presenza o l'assenza di ascessi, il numero e il grado di aderenze, la natura e la localizzazione della penetrazione dell'endometrio nel tessuto muscolare dell'utero.

In caso di progressione dell'adenomiosi nelle donne di età superiore ai 40 anni e mancanza di risultati del trattamento farmacologico, è possibile un'opzione con un intervento chirurgico radicale. Ciò significa la rimozione completa dell'organo interessato, cioè l'utero. Inoltre, la decisione su tale operazione viene spesso presa quando viene diagnosticata una forma diffusa della malattia, che progredisce costantemente e non risponde ad altri trattamenti, o una forma nodulare in combinazione con il mioma. Il pericolo sta nel fatto che in questi casi aumentano le possibilità di sviluppare un tumore maligno..

Le donne che non hanno partorito, così come quelle che hanno figli e stanno pianificando di più, si consiglia di provare a concepire immediatamente dopo la fine del ciclo di trattamento farmacologico. In caso di successo, i primi tre mesi di gravidanza devono essere presi con gestageni. La necessità di continuare il corso è determinata alla fine di questo periodo sulla base di esami del sangue.

L'adenomiosi ha una tale proprietà che, in caso di gravidanza e parto riusciti, può essere completamente curata a causa di processi biologici naturali. Pertanto, a coloro che stanno pianificando figli e hanno una lieve adenomiosi si consiglia di non ritardare la gravidanza. Questo dà la possibilità di un pieno recupero e risolve anche il problema di avere figli, se la malattia tuttavia progredisce in futuro e alla fine porta alla sterilità..

Adenomiosi diffusa

L'adenomiosi è una forma di endometriosi. Nella pratica ginecologica, nella maggior parte dei casi si osserva adenomiosi diffusa. L'adenomiosi uterina diffusa è accompagnata da una crescita anormale dell'endometrio, ma le cellule funzionano normalmente. Nella seconda metà del ciclo mestruale, le cellule dello strato mucoso si ingrandiscono per accogliere il feto durante la gravidanza. Se la gravidanza non si verifica, i componenti non necessari dell'endometrio sotto l'influenza degli ormoni vengono escreti dal corpo insieme al flusso mestruale.

Nel tessuto muscolare dell'utero, non c'è modo di sbarazzarsi del tessuto non necessario. Per questo motivo si verifica un'emorragia che causa infiammazione. Come risultato di cambiamenti diffusi, compaiono irregolarità mestruali, periodi dolorosi e abbondanti, sanguinamento tra i periodi e altre patologie. Senza un trattamento appropriato, l'adenomiosi può diventare un fattore per l'inizio dello sviluppo del tumore o dell'infertilità in una donna.

  1. Cambiamenti diffusi
  2. Varietà
  3. Cause
  4. Sintomi
  5. Diagnostica
  6. Trattamento
  7. Video collegati
  8. Complicazioni

Cambiamenti diffusi

Cambiamenti diffusi nel miometrio che cos'è? Il miometrio è la parete muscolare dell'utero, rivestita dall'interno con uno strato di endometrio (membrana mucosa). Con cambiamenti diffusi nel miometrio, le cellule dello strato mucoso crescono nello strato muscolare dell'utero. La struttura del miometrio diventa eterogenea, granulare, cellulare. I tessuti dello strato muscolare acquisiscono un colore rosa chiaro, le pareti dell'utero si ispessiscono fino a cinque centimetri.

L'adenomiosi diffusa di solito si verifica nelle donne intorno ai 40 anni di età, ma si verifica anche nei pazienti più giovani. Nelle donne in età climaterica, accade molto meno spesso a causa della fine delle mestruazioni cicliche.

Cliniche leader in Israele

Varietà

Secondo il tipo di sviluppo, l'adenomiosi uterina è di tre tipi:

  • diffondere;
  • focale;
  • nodale.

Il nodulare è caratterizzato dalla comparsa di neoplasie nodulari da tessuti ghiandolari circondati da tessuto connettivo. Ci sono cavità all'interno dei nodi che sono piene di liquido o sangue. Di solito, i nodi sono formati in gruppi, hanno una struttura densa. Sembrano fibromi uterini, che sono spesso accompagnati da.

Focal si distingue per la natura locale della distribuzione. Si sviluppa in aree del miometrio, simili per funzionalità e struttura all'endometrio. Queste aree sono chiamate focolai di adenomiosi..

La diffusione è caratterizzata dal fatto che la struttura del tessuto endometriale viene modificata a causa della germinazione uniforme nello spessore dei tessuti dell'utero. In questo caso, non si formano aree chiaramente definite.

La forma più comune di adenomiosi è diffusa. In questa malattia, non si formano focolai patologici dell'endometrio e il processo patologico di diffusione colpisce gli strati dell'utero. I sintomi clinici della forma diffusa sono simili alle manifestazioni di altre forme della malattia. A volte l'adenomiosi diffusa è combinata con focale o c'è una forma nodulare diffusa di adenomiosi. Queste sono varianti combinate della malattia.

L'adenomiosi è classificata in quattro fasi in base alla progressione del processo patologico:

  • I - il processo è limitato alla mucosa dell'utero e non influisce su altri tessuti;
  • II - l'attenzione patologica si estende al centro dello strato muscolare dell'utero;
  • III - lo strato muscolare delle pareti dell'utero viene modificato (fino allo strato sieroso);
  • IV: il processo si estende alla membrana sierosa della parete uterina e passa agli organi vicini.

Al 4 ° stadio, c'è un aumento dell'utero e del gonfiore, una sensazione di pesantezza e pressione nella cavità addominale.

Cause

Attualmente, i principali fattori nella comparsa dell'adenomiosi uterina sono:

  • predisposizione ereditaria;
  • attività sessuale precoce;
  • lavoro complicato;
  • malattie infiammatorie e infettive degli organi pelvici;
  • malattia cardiovascolare;
  • interventi chirurgici, in particolare l'aborto;
  • lesioni meccaniche;
  • grande stress psicologico;
  • sovraccarico fisico;
  • passione per solarium, bagni di sole, fanghi;
  • l'uso di contraccettivi intrauterini sotto forma di spirali;
  • uso a lungo termine di contraccettivi ormonali;
  • violazione del metabolismo ormonale;
  • ipodynamia, obesità;
  • brusco cambiamento climatico.

A causa dell'effetto sul corpo della donna di uno qualsiasi di questi motivi, il sangue mestruale con elementi endometriali viene gettato nella cavità addominale e nelle tube di Falloppio. Inoltre, l'adenomiosi può svilupparsi dallo strato basale delle mucose dell'utero e rigenerarsi ad ogni mestruazione..

Sintomi

L'adenomiosi di una forma diffusa nelle fasi iniziali passa senza sintomi visibili. Il paziente nota solo mestruazioni dolorose e pesanti..

Quando la malattia si è diffusa a sufficienza, le donne lamentano le seguenti manifestazioni:

  • scarico marrone tra i periodi;
  • dolore da moderato a grave nella parte bassa della schiena e nell'addome prima delle mestruazioni;
  • mestruazioni troppo abbondanti;
  • irregolarità mestruali (l'intervallo tra i periodi si accorcia);
  • dolore durante il rapporto sessuale;
  • debolezza generale, diminuzione del livello di emoglobina nel sangue;
  • nausea e vomito, gonfiore, disturbi delle feci;
  • mal di testa e vertigini, perdita di coscienza a breve termine;
  • sensazione di intorpidimento agli arti inferiori;
  • utero allargato, palpabile alla palpazione esterna.

Vuoi ottenere un preventivo per il trattamento?

* Solo a condizione che vengano ricevuti i dati sulla malattia del paziente, un rappresentante della clinica sarà in grado di calcolare un preventivo accurato per il trattamento.

Le manifestazioni più gravi della malattia sono infertilità, minaccioso o aborto spontaneo. La ragione di ciò è che il tessuto endometriale anormale impedisce all'ovulo di attaccarsi alla parete uterina..

Di solito, si riscontrano segni di cambiamenti diffusi nelle donne che hanno consultato un ginecologo durante la pianificazione di una gravidanza o per l'infertilità. Le patologie causate dall'adenomiosi diffusa causano difficoltà nel concepimento in quasi la metà di tutti i pazienti con questa malattia..

Attenzione! Il grado di manifestazione dei sintomi dell'adenomiosi diffusa dipende dallo stadio della malattia e dal livello di diffusione della patologia. Le sensazioni spiacevoli compaiono gradualmente, sono particolarmente pronunciate nei primi giorni delle mestruazioni.

Diagnostica

La diagnosi di questa malattia consiste in diverse fasi:

  • lo studio dell'anamnesi: consente di identificare le ragioni che hanno provocato lo sviluppo della malattia;
  • esame vaginale bimanuale: vengono specificate le dimensioni dell'utero e delle appendici, la loro sensibilità e densità. Vengono determinati i cambiamenti caratteristici causati dalla malattia;
  • analisi del sangue generale: rileverà la presenza di un processo infiammatorio, intossicazione e bassa immunità;
  • analisi del sangue per i livelli ormonali;
  • colposcopia: vengono rilevate patologie nella cervice;
  • biopsia: esame istologico di campioni di tessuto uterino;
  • l'isterosalpingografia è uno studio medico complesso in cui una speciale composizione idrosolubile viene iniettata nella vagina;
  • isteroscopia: esame della cavità uterina. La procedura viene eseguita in anestesia utilizzando un dispositivo speciale inserito nella vagina;
  • laparoscopia: vengono determinati il ​​livello di crescita dell'endometrio e i cambiamenti diffusi nelle pareti dell'utero;
  • esame ecografico: vengono rivelati segni ecografici di alterazioni tissutali. L'ecografia determina la dimensione degli organi pelvici e delle membrane uterine;
  • raccolta di strisci per determinare la microflora nella vagina;
  • Risonanza magnetica: utilizzata se ci sono problemi con la diagnosi.

Inoltre, vengono effettuati studi per identificare malattie concomitanti e consultazioni di medici: cardiologo, ematologo, endocrinologo, gastroenterologo.

Devi sapere! L'adenomiosi diffusa risponde bene alla terapia nelle fasi iniziali dello sviluppo. Ecco perché è molto importante sottoporsi a visita medica ed esami da un ginecologo 1-2 volte all'anno..

Trattamento

Il trattamento dell'adenomiosi diffusa viene attualmente effettuato con due metodi principali: terapia ormonale e chirurgia. Se la malattia è in una fase iniziale, il trattamento viene effettuato utilizzando farmaci ormonali. I contraccettivi orali sono i più comunemente usati. Questo metodo di terapia aiuta a normalizzare il ciclo mestruale, ridurre l'abbondanza delle mestruazioni, migliorare le condizioni dello strato muscolare delle pareti dell'utero ed eliminare il dolore durante i rapporti sessuali.

Se la malattia è progredita in una fase successiva, di solito è necessario un intervento chirurgico.

I metodi chirurgici più comunemente usati sono:

  • coagulazione elettrica - eseguita in anestesia generale. Le neoplasie endometriali vengono rimosse dalla corrente elettrica;
  • embolizzazione: questo trattamento riduce il flusso sanguigno nei vasi sanguigni che forniscono il sito di adenomiosi. La manipolazione viene eseguita utilizzando un tubo sottile che viene inserito nella vagina, quindi le particelle vengono inserite attraverso questo tubo che ostruiscono i vasi sanguigni. A causa di una diminuzione della saturazione dell'afflusso di sangue, i cambiamenti diffusi diminuiscono gradualmente;
  • ablazione: questo metodo è consigliato quando la malattia non si è ancora diffusa in profondità nello strato muscolare. Durante l'operazione, utilizzando un laser, il rivestimento interno dell'utero, affetto da adenomiosi, viene distrutto;
  • la rimozione dell'utero è il metodo di trattamento chirurgico più radicale e raramente utilizzato. Solo questo metodo ti consente di eliminare completamente il focus dell'endometriosi. Viene utilizzato nell'ultimo stadio della malattia o se l'adenomiosi degenera in una neoplasia maligna.

Anche se il trattamento dell'adenomiosi diffusa è iniziato nelle fasi iniziali e ha successo, la malattia può ripresentarsi nel tempo. Pertanto, i pazienti con una malattia simile devono essere sotto la supervisione di un medico per diversi anni dopo il trattamento..

Video collegati

Complicazioni

L'adenomiosi diffusa è una forma grave della malattia. Se non viene trattata in tempo, l'endometriosi può penetrare in altri tessuti e organi. Quando il processo si diffonde alle tube di Falloppio e alle ovaie, c'è un alto rischio di infertilità. Nei casi in cui l'endometriosi penetra nella vescica o nel retto, le funzioni del tratto urinario e del tratto gastrointestinale sono compromesse. Questa forma della malattia è accompagnata da una sindrome del dolore molto forte. Il dolore insopportabile si osserva quando la malattia si diffonde ai plessi nervosi nel sacro e nella parte bassa della schiena.

In oncologia, l'adenomiosi diffusa è molto rara. Se il processo di malignità si verifica ancora, si sviluppano nell'utero neoplasie maligne come il sarcoma stromale endometriale, il carcinosarcoma, l'adenocarcinoma..

Uno stile di vita sano, una corretta alimentazione, un'attività fisica moderata, l'uso di agenti fortificanti e vitamine aiuteranno una donna a diventare sana e forte. Una terapia competente e un forte sistema immunitario faranno fronte alla malattia e creeranno condizioni favorevoli per concepire, sopportare con successo e dare alla luce un bambino desiderato e sano.

Temperatura basale (BT) prima e durante le mestruazioniLa temperatura basale durante le mestruazioni e in altre fasi del ciclo è un criterio che rende chiara la natura del decorso delle mestruazioni, la presenza di processi infiammatori o la gravidanza.