Perché le donne possono sanguinare dopo il rapporto?

A volte c'è sangue dopo il rapporto, che causa preoccupazione nelle donne. Questo accade una volta o si ripete regolarmente. Le ragioni includono caratteristiche fisiologiche, condizioni patologiche, fino all'oncologia. Il sanguinamento è possibile dalla vagina, dal suo vestibolo, dal collo uterino e dalla sua cavità. Per iniziare il trattamento in tempo, dovresti familiarizzare con tutte le caratteristiche del fenomeno.

Cause

Individua le cause comuni di sangue dopo il sesso.

  1. Lesioni benigne - polipi uterini, ectropion.
  2. Lesioni infettive - cervicite, patologie infiammatorie della piccola pelvi, vaginiti, endometriti.
  3. Lesioni degli organi esterni del sistema riproduttivo: herpes, verruche genitali, sifilide, cancro, linfogranuloma venereo, papillomi sul pavimento delle labbra.
  4. Atrofia vaginale nella vecchiaia, emangiomi, endometriosi, prolasso degli organi pelvici.
  5. Formazioni di natura maligna della vagina, cervice, endometrio.
  6. Lesioni dovute a violenza sessuale, presenza di un corpo estraneo.

Quando una donna sanguina dopo il contatto sessuale, il rischio di cancro cervicale è del 3-5,5%, la possibilità di intraneoplasmia cervicale è del 17,8%..

Nella maggior parte delle donne, non è possibile diagnosticare la causa dello spotting dopo l'intimità. Il sangue è ancora possibile dopo la PA quando si prende OK, nella fase di abituarsi a loro. Il fenomeno è considerato normale se passa dopo 1-2 mesi dall'inizio dell'uso dei contraccettivi ormonali. Nelle giovani donne, il rilascio di contenuti sanguinolenti dopo il sesso appare meno spesso rispetto a quelle di età superiore ai 30 anni.

Cause fisiologiche dell'aspetto del sangue:

  • il sangue viene rilasciato dopo la PA nel mezzo del ciclo a causa dell'ovulazione;
  • prima della regolazione, l'essudato sanguinante può essere un sintomo dell'introduzione di un ovulo fecondato nell'endometrio;
  • durante le prime settimane dopo il parto, il sangue può fluire dalla vagina, il che indica il ripristino dell'utero;
  • nel periodo perinatale, la presenza di sangue dopo il sesso è normale.

Spesso c'è sangue dopo PA senza dolore, questo di solito segnala una malattia della vagina, la parte esterna della cervice. I tessuti sono danneggiati meccanicamente, questo è accompagnato da una violazione dell'integrità dei capillari. Se la metrorragia si verifica un giorno dopo il sesso, possiamo parlare dello stato patologico dell'endometrio. Il danno meccanico non gioca un ruolo; maggiore importanza è attribuita all'aumento del flusso sanguigno nelle pareti uterine. I tessuti alterati hanno una maggiore permeabilità vascolare. Gli eritrociti escono dai batteri, accumulandosi prima nell'utero, poi, attraverso il canale cervicale nella vagina.

Misure diagnostiche

Alle donne viene prescritta una serie di misure diagnostiche per identificare la causa dello spotting dopo il sesso. È necessario esaminare la ghiandola tiroidea, il torace, gli organi pelvici.

Lo schema diagnostico standard include le seguenti analisi:

  • uno striscio dalla cervice uterina per escludere patologie infettive e fungine;
  • un esame del sangue per rilevare un processo infiammatorio, mostrerà anche la presenza o l'assenza di anemia;
  • donare sangue per la coagulazione, indice di protrombina;
  • esaminare il plasma sanguigno per gli ormoni, in termini di estrogeni, il medico stabilirà la presenza o l'assenza di gestazione ectopica, accerterà il normale processo di ovulazione;
  • l'esame ecografico degli organi pelvici controllerà il funzionamento di questi organi.

Inoltre, a una donna viene prescritta una biopsia endometriale per escludere una condizione precancerosa o cancerosa..

Trattamento

Il metodo di terapia dipende dalla diagnosi.

  1. Quando i disturbi ormonali diventano la causa della comparsa del sangue, al paziente vengono prescritti farmaci per regolare il contenuto di estrogeni nel plasma sanguigno. Vengono utilizzati fondi a base di progesterone: Dyufaston, Utrozhestan. Possono anche prescrivere una combinazione di farmaci a base di estrogeni e progesterone, solitamente consumati per la contraccezione. I rimedi efficaci includono Yarina, Diana 35, Janine.
  2. Quando si trattano patologie infettive o infiammatorie, vengono prescritti agenti antibatterici, farmaci antinfiammatori e antifungini. Vengono consumati come compresse o agenti locali: unguenti, soluzioni per la pulizia, supposte, creme.
  3. Per rimuovere l'irrigazione o le cisti nell'utero, ricorrono all'isteroscopia, alla laparoscopia, al curettage. In caso di cancro, l'utero viene rimosso parzialmente o completamente, a volte insieme alle appendici. Quindi vengono somministrati chemioterapia e radioterapia. Le possibilità di guarigione dipendono dal grado di abbandono dell'oncologia.

Quando il medico prescrive un farmaco, è importante mantenere l'intero corso del ricovero. Di solito le donne osservano il riposo sessuale durante il regime di trattamento..

Quali complicazioni possono causare sanguinamento dopo il contatto sessuale??

Quando il sanguinamento dopo il sesso è regolare, è possibile l'anemia, anche una singola grande perdita di sangue può provocare questa condizione. Le metrorragie ricorrenti regolarmente possono cambiare il ciclo mestruale, l'ovulazione, dopo di che ci sono difficoltà con il concepimento e il portamento. Anche la qualità del sesso ne risente. Quando c'è una malattia oncologica, il trattamento iniziato nel momento sbagliato potrebbe non produrre un risultato, un esito letale è possibile.

Prevenzione

Per proteggere la mucosa vaginale dall'asciugarsi, si consiglia di utilizzare lubrificanti. I gel intimi lubrificanti e idratanti dovrebbero essere a base di acqua, silicone o grasso. Non dovresti sceglierli da solo, è meglio consultare un medico. Quando la scarica sanguinolenta dopo il sesso è già avvenuta, è consigliabile contattare un ginecologo, fare delle macchie e un esame del sangue. Prima di ricevere i risultati diagnostici, utilizzare i preservativi per proteggersi da infezioni, malattie infettive. Dovresti anche osservare il bilancio idrico, bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno. Non puoi praticare sesso duro, lesioni alla cervice uterina o alla vagina sono possibili, rispettivamente, sanguinamento regolare.

Perché dopo il rapporto è comparsa una scarica sanguinolenta?

Normalmente, il contatto intimo non dovrebbe causare disagio, dolore, bruciore e altri segni patologici in una donna. La dimissione durante e dopo il sesso dovrebbe essere chiara e con moderazione. Lo scarico sanguinante dopo il sesso, che appare anche occasionalmente, dovrebbe essere un motivo per visitare un ginecologo, soprattutto se sono accompagnati da segni di infiammazione.

Cause fisiologiche di spotting dopo il sesso

Nelle donne in età riproduttiva, il sanguinamento dopo il sesso può verificarsi per ragioni naturali che non hanno nulla a che fare con le malattie:

  1. Il primo atto intimo, quando c'è danno e rottura dell'imene.
  2. Ovulazione: lo spotting viene registrato a metà del ciclo mensile quando l'uovo maturo si prepara per la fecondazione.
  3. Concezione: il sanguinamento postcoitale accompagna il processo di impianto dell'embrione nello strato uterino.
  4. Il periodo di recupero dell'utero dopo il parto - dopo 30-40 giorni dal parto, lo spotting (lochia) diventa trasparente e scarso, ma si può osservare un leggero sanguinamento dopo la PA.
  5. L'inizio delle mestruazioni: la comparsa della leucorrea rosata dopo il contatto intimo può coincidere con il primo giorno delle mestruazioni, presto si svilupperanno in un sanguinamento completo.

Se ci sono lievi spasmi nel perineo, nella vagina, nella parte inferiore dell'addome, le possibili cause risiedono nel danno alle mucose durante il sesso duro. L'icore si distingue per la rottura dei capillari, del tessuto del fornice vaginale, delle sue pareti.

Fattori patologici

La scarica sanguinante dopo un rapporto doloroso non deve essere ignorata se sono presenti i seguenti sintomi di accompagnamento:

  • aumento del dolore addominale;
  • sudore freddo, pelle pallida, calo della pressione sanguigna;
  • diminuzione della frequenza cardiaca;
  • un forte deterioramento della salute;
  • lo scarico rosso dai genitali include macchie di muco, pus, coaguli, ha un odore sgradevole;
  • Aumento della temperatura.

Quando l'utero è coinvolto nel processo infiammatorio, i coaguli che si sono formati all'interno escono da esso. Il danno alla cervice è accompagnato da muco. La rottura delle pareti vaginali si manifesta con la presenza di sangue scarlatto brillante.

Se una scarica sanguinolenta osservata dopo il rapporto sessuale appare regolarmente, si consiglia di consultare urgentemente un medico.

Cervicite

L'infiammazione che si verifica all'interno dei tessuti della cervice è acuta o protratta. La cervicite si manifesta con la formazione di contenuti mucopurulenti o acquosi dalla vagina immediatamente dopo la PA. I fattori che causano il processo infiammatorio:

  • micoplasma;
  • clamidia;
  • gonococco;
  • trichomonas;
  • gardnerella.

La cervicite cronica è raramente infettiva. Il processo acuto richiede un trattamento obbligatorio. Se i sintomi vengono ignorati, provoca dolore cronico nella piccola pelvi, infertilità, aumenta il rischio di gravidanza ectopica.

Endometrite

L'infiammazione dello strato endometrioide che riveste l'utero inizia quando la flora patogena si moltiplica all'interno dell'organo.

L'infezione inizia durante il parto, dopo un aborto senza successo o un curettage diagnostico, l'isteroscopia. Con l'endometrite, la scarica rossa appare dopo il sesso contemporaneamente al dolore acuto, una sensazione di bruciore nel canale cervicale.

Altri sintomi di endometrite sono:

  • aumento della temperatura a livelli febbrili (38-39 ° C);
  • uscire insieme al sangue di muco e pus;
  • fenomeni simil-influenzali: debolezza, dolori muscolari.

L'endometrite viene trattata con antibiotici ad ampio spettro, per tutta la durata della terapia è necessario abbandonare la vita intima.

Vaginite atrofica

Sullo sfondo di un cambiamento nello stato ormonale (una diminuzione della quantità di estrogeni) nelle donne di età compresa tra 45-50 anni, viene prodotta una minore lubrificazione vaginale e la nutrizione della mucosa vaginale peggiora. Questo fenomeno è chiamato atrofia. Le donne lamentano secchezza, prurito e bruciore alla vagina, problemi con la vita intima dovuti a disagio e dolore durante il sesso, sangue.

Neoplasie benigne di origine vascolare

I tumori vascolari del sistema riproduttivo nelle donne non si formano più spesso dei polipi e delle cisti, quindi vengono rilevati durante gli esami di routine. Neoplasie benigne di eziologia vascolare:

  • emangioma;
  • angiomatosi;
  • linfangioma;
  • malformazione artero-venosa.

Il sangue immediatamente dopo la PA nel mezzo del ciclo è qui a causa del gonfiore dell'endometrio e del danno ai capillari traboccanti del tumore. Questo sintomo, in assenza di altri problemi, spesso passa inosservato..

Tumore maligno

Il rilascio di sangue durante il coito si osserva nell'11% delle donne che soffrono di cancro cervicale. Il rischio di sviluppare patologie aumenta per le donne che hanno raggiunto i 50 anni di età, i fumatori, i rapporti sessuali promiscui. L'adenocarcinoma, a differenza del carcinoma a cellule squamose, ha meno probabilità di provocare una secrezione postcoitale sanguinolenta, poiché si trova più in alto nel canale cervicale, con PA non si verificano traumi.

Con il cancro vaginale, il tumore è localizzato lungo la parete posteriore nella sua parte superiore, che può anche manifestarsi come sanguinamento dopo una relazione intima. Più spesso, la scarica viene disturbata durante la fase avanzata della malattia, poiché il tumore inizia a disintegrarsi e sanguinare.

Ectropion

Questo è il nome dell'eversione del canale cervicale, quando i tessuti del suo epitelio si estendono oltre la superficie esterna del collo. La sindrome spesso preoccupa le donne in gravidanza e quelle che assumono farmaci ormonali da molto tempo. Oltre a spalmare le secrezioni durante il sesso, ci sono dolori tiranti, bruciore, disagio nella vagina.

Malattie veneree

Il sanguinamento con l'intimità potrebbe non essere forte, ma le infezioni trasmesse da un partner sessuale causano il sistema riproduttivo di una donna, un colpo significativo e complicazioni pericolose. Questo è un articolo separato, comprese le aderenze nelle tube di Falloppio e la conseguente infertilità, infiammazione delle ovaie e della vescica, il passaggio a una forma cronica.

Lo scarico rosa dopo il coito provoca:

  • clamidia;
  • tricomoniasi;
  • gonorrea;
  • gardnerellosi;
  • micoplasmosi;
  • ureaplasmosi;
  • sifilide.

Le cause infettive della scarica dopo la vicinanza si distinguono per un odore sgradevole, sensazione di bruciore nell'uretra, crampi nell'addome inferiore durante la minzione, defecazione. Le infezioni a trasmissione sessuale non trattano un solo partner.

Endometriosi

Con la patologia, il tessuto che riveste lo strato interno dell'utero inizia a crescere in luoghi inadatti a questo: nell'intestino, nella cavità peritoneale, nel collo, nella vagina. A metà del ciclo mensile, più vicino all'inizio del primo giorno delle mestruazioni, il tessuto si gonfia e può sanguinare, il che spiega l'emorragia dopo l'atto senza causare dolore e disagio.

Una donna dovrebbe sospettare l'endometriosi in se stessa se ci sono segni concomitanti:

  • periodi abbondanti con dolori di disegno;
  • interruzioni del ciclo mestruale;
  • impossibilità di concepimento;
  • individuazione nel mezzo del ciclo.

I contraccettivi orali a lungo termine sono usati per trattare l'endometriosi.

Squilibrio ormonale

Le donne che prendono OK per un lungo periodo possono soffrire di rigetto prematuro dello strato endometrioide a causa di un aumento della quantità di estrogeni nel corpo. Il sangue dal tratto genitale dopo PA provoca gonfiore dell'endometrio, che viene penetrato da molti capillari, specialmente durante il sesso ruvido.

La debolezza dei capillari e la vulnerabilità delle tube di Falloppio si osservano anche con la carenza di progesterone. La patologia è caratterizzata da brevi intervalli tra l'ovulazione e l'inizio delle mestruazioni..

Erosione

La formazione dell'erosione sulla superficie della cervice è facilitata da:

  • frequenti processi infiammatori della piccola pelvi;
  • scarico abbondante, corrodendo la mucosa del collo;
  • trasferito malattie sessualmente trasmissibili;
  • rottura della cervice durante il parto.

Con un rapporto sessuale violento, l'erosione, aggravata dall'infiammazione, viene danneggiata e inizia a sanguinare. Il principale metodo di trattamento è la cauterizzazione con un metodo laser o onde radio..

Cisti e polipi

Diversi motivi portano alla formazione di cisti e polipi nella piccola pelvi:

  • endometriosi;
  • aborto e raschiamento frequenti;
  • malattie sessualmente trasmissibili (papilloma virus);
  • malattie del sistema endocrino - ipotiroidismo, ipertiroidismo, diabete mellito;
  • disturbi ormonali.

Un polipo è una crescita sulla superficie della mucosa degli organi pelvici, simile per forma a un fungo e sanguinante durante il suo danno meccanico. Una cisti è un piccolo tumore benigno con essudato fluido all'interno.

Cosa fare

Per prevenire problemi di salute più gravi, è necessario visitare un medico dal primo giorno di fissazione della scarica sanguinolenta dopo il contatto intimo, soprattutto se si verificano contemporaneamente dolore e spasmi. La diagnostica è la seguente:

  • raccolta di anamnesi: la prescrizione dell'aspetto della dimissione, l'età del paziente, le malattie passate, il numero di nascite, aborti e aborti;
  • esami di laboratorio - sangue per biochimica, ormoni, malattie veneree;
  • prendere uno striscio ginecologico per il grado di purezza;
  • Ultrasuoni degli organi pelvici;
  • esame visivo dei genitali, condizioni della cervice, vagina, canale cervicale.

Il trattamento viene selezionato in base alla causa che provoca la scarica rossa dopo l'intimità. Quindi la crescita di un tumore benigno può essere rimossa chirurgicamente, seguita da un trattamento farmacologico..

Le malattie infettive possono essere pericolose e richiedono una terapia antibatterica; con patologia venerea, vengono trattati entrambi i partner. Gli antibiotici sono necessari anche per l'endometrite, spesso con patologia, il raschiamento viene eseguito se si verifica un'infiammazione a causa dei resti dell'ovulo nell'utero (dopo il parto, l'aborto).

Il cancro viene trattato chirurgicamente, seguito da chemioterapia o radioterapia. È necessario iniziare la terapia in una fase precoce, motivo per cui si consiglia ad ogni donna di sottoporsi a una visita annuale da un ginecologo, anche in assenza di problemi radicali.

Per la prevenzione delle dimissioni patologiche dopo PA, si raccomanda:

  • usare il preservativo in caso di contatto con partner sconosciuti;
  • osservare l'igiene degli organi intimi;
  • utilizzare lubrificanti e gel per l'eccessiva secchezza vaginale;
  • non assumere farmaci ormonali per molto tempo senza consultare un medico;
  • trattare le principali patologie che provocano sanguinamento dopo il coito.

Il rispetto delle regole elencate ridurrà la manifestazione delle secrezioni sanguigne immediatamente dopo il rapporto e le prevenirà in futuro..

L'aspetto del sangue in una femmina dopo il sesso può essere una variante della norma, se a volte viene registrato, o parlare della presenza di una grave malattia. Al fine di evitare complicazioni e lo sviluppo di una forma cronica di patologie, è necessario consultare un medico in tempo, anche se il rilascio dell'icore dopo la PA era di natura una tantum.

Il rapporto sessuale finisce con il rilascio di sangue? Qual è il motivo?

Il sanguinamento postcoitale è un tipo di perdite vaginali sanguinolente patologiche. In molti casi, questo sintomo è una manifestazione di malattie non pericolose per la vita, è anche uno dei principali segni di un tumore maligno della cervice. Quando dopo il rapporto o durante il rapporto c'è una scarica di sangue, dovresti consultare un ginecologo.

Definizione e prevalenza

Lo scarico patologico non ha alcun legame con il ciclo mestruale. Possono verificarsi in qualsiasi giorno, essere quasi invisibili o piuttosto intensi, accompagnati da dolore durante i rapporti sessuali.

Questo sintomo si osserva nell'1-9% delle donne del periodo fertile..

Nel 30% dei pazienti con questo sintomo, è contemporaneamente presente sanguinamento uterino anormale, nel 15% - dolore durante il rapporto sessuale.

A seconda del livello di lesione genitale, la natura del sanguinamento può essere diversa:

  • con il coinvolgimento dell'utero, i coaguli di sangue formati nella sua cavità possono essere rilasciati;
  • se un processo patologico, ad esempio l'infiammazione, colpisce il collo, appare il muco con sangue;
  • se la parte esterna del collo o le pareti vaginali è danneggiata, viene rilasciato sangue scarlatto.

Con sanguinamento intenso, la probabilità di sanguinamento interno non è esclusa, ad esempio, con lesioni della vagina. Pertanto, è necessario chiamare un medico senza indugio se, contemporaneamente alle perdite vaginali, ci sono tali segni:

  • dolore crescente nell'addome;
  • gonfiore;
  • pallore della pelle e delle mucose;
  • dolce freddo;
  • polso debole;
  • battito cardiaco frequente;
  • mancanza di respiro, grave debolezza;
  • caduta di pressione, vertigini, svenimento.

Cause

Le ragioni principali per la comparsa di sangue dopo il rapporto sessuale:

  1. Formazioni benigne: polipi dell'utero, sua cervice e ectropion.
  2. Infezioni: cervicite, malattia infiammatoria pelvica, endometrite, vaginite.
  3. Lesioni degli organi esterni del sistema riproduttivo: herpes, sifilide, condilomi genitali, linfogranuloma venereo, chancre.
  4. Atrofia vaginale nella vecchiaia, prolasso degli organi pelvici, neoplasie vascolari benigne (emangiomi), endometriosi.
  5. Formazioni maligne della cervice, della vagina, dell'endometrio.
  6. Lesioni dovute a violenza sessuale o corpo estraneo.

Se una donna secerne sangue durante il rapporto, la probabilità di cancro cervicale va dal 3 al 5,5% e il rischio di intraneoplasia cervicale arriva fino al 17,8%.

In una parte significativa dei pazienti, in più della metà dei casi, i medici non riescono ancora a scoprire perché il coito provoca sanguinamento. Tuttavia, la condizione patologica dovrebbe essere considerata come un potenziale indicatore di neoplasia cervicale (precancro) e cancro cervicale..

Lo scarico di sangue dopo il rapporto sessuale è tipico delle donne in età riproduttiva e nei pazienti giovani è meno comune..

Ci sono anche ragioni fisiologiche per questa condizione:

  1. Una ragazza dopo il primo contatto sessuale con danni all'imene.
  2. A metà del ciclo, un po 'di sangue può essere rilasciato durante l'ovulazione..
  3. Lo scarico sanguinante prima delle mestruazioni può essere un segno dell'introduzione di un ovulo fecondato nell'endometrio..
  4. Lo scarico vaginale può verificarsi durante le prime settimane dopo la nascita, fino a quando l'utero non si è completamente ripreso.
  5. Il sangue dopo il rapporto sessuale durante la gravidanza è normale e non richiede trattamento. Dovrebbe essere segnalato al ginecologo osservatore alla visita successiva..

Lo scarico sanguinante può essere osservato durante i rapporti sessuali, immediatamente dopo e dopo un po '. Se il sangue appare immediatamente dopo il rapporto, sono molto probabili malattie della vagina e della parte esterna del collo. Con queste patologie, il tessuto danneggiato viene danneggiato meccanicamente, il che è accompagnato da una violazione dell'integrità dei vasi..

Se lo scarico di sangue il giorno successivo al rapporto sessuale è più caratteristico, è necessario escludere la patologia dell'endometrio, cioè lo strato uterino interno. In questo caso, l'azione meccanica non è così significativa; maggiore importanza è attribuita all'aumento del flusso sanguigno nelle pareti dell'utero. In questo caso, i tessuti patologicamente alterati hanno una maggiore permeabilità vascolare. Gli eritrociti emergono dalle arterie, si accumulano prima nell'utero e dopo qualche tempo uscendo attraverso il canale cervicale nella cavità vaginale.

Principali malattie accompagnate da sanguinamento

Tumore maligno

Il sanguinamento postcoitale si verifica nell'11% delle donne con cancro cervicale. Questa malattia è il secondo tumore più comune tra le donne in tutto il mondo. L'età media di manifestazione della patologia è di 51 anni. Il principale fattore di rischio è l'infezione da HPV, la diminuzione dell'immunità e il fumo.

Negli ultimi anni, l'incidenza del sanguinamento postcoitale nel cancro cervicale è diminuita in modo significativo. Ciò è dovuto alla diagnosi precoce del tumore, quando i tessuti non si disintegrano ancora ei vasi non sono danneggiati. Lo screening citologico della cervice e l'esame per l'HPV consentono di rilevare malattie precancerose e cancerose, che è particolarmente importante dato il loro lungo decorso asintomatico.

I principali tipi di cancro cervicale sono il carcinoma a cellule squamose e l'adenocarcinoma. Quest'ultimo ha meno probabilità di causare spotting, poiché si trova più in alto nel canale cervicale ed è protetto dai danni durante il rapporto.

Il sanguinamento si verifica più spesso con il cancro avanzato rispetto allo stadio iniziale.

Un altro tipo di cancro ginecologico, accompagnato dal rilascio di sangue dopo il rapporto sessuale, è il cancro vaginale. Rappresenta il 3% dei tumori maligni del sistema riproduttivo femminile. Molto spesso, il tumore si trova sulla parete posteriore del terzo superiore della vagina.

Il sanguinamento nelle donne in postmenopausa di solito si verifica sullo sfondo dell'atrofia endometriale, ma anche il 90% dei pazienti con cancro uterino presenta questo sintomo.

Infine, ci sono tumori maligni primari delle parti inferiori del sistema riproduttivo, in cui il sangue viene rilasciato dopo il rapporto sessuale. Questi includono, in particolare, il linfoma non Hodgkin.

Cervicite

Questa è un'infiammazione acuta o cronica dei tessuti interni della cervice. La malattia è caratterizzata da secrezione acquosa o mucopurulenta e sanguinamento immediatamente dopo il rapporto. La cervicite acuta è causata da clamidia, gonococco, Trichomonas, gardnerella, micoplasma. La cervicite cronica è solitamente di origine non infettiva.

Questa malattia deve essere trattata prontamente, poiché l'infezione può raggiungere il tratto genitale superiore e portare a gravi complicazioni:

  • malattie infiammatorie degli organi pelvici;
  • infertilità;
  • dolore pelvico cronico;
  • rischio di gravidanza ectopica.

Endometrite

Infiammazione del rivestimento interno dell'utero, che può essere acuta e cronica. Il decorso acuto è accompagnato dalla presenza di microascessi nelle ghiandole endometriali. L'endometrite cronica è causata da agenti infettivi, corpi estranei, polipi, fibromi. Un terzo dei pazienti non ha cause visibili della malattia.

La maggior parte delle donne con endometrite cronica ha mestruazioni abbondanti, sanguinamento intermestruale, ma spesso sono precedute da sanguinamento postcoitale..

Polipi cervicali

I polipi cervicali non sono reperti insoliti durante l'esame della cervice. Possono diventare una fonte di sanguinamento postcoitale durante il trauma secondario. I polipi sono osservati nel 4% dei pazienti ginecologici. Questi sono i tumori benigni più comuni del tratto genitale..

I polipi cervicali di solito si verificano nelle donne pluripare di età pari o superiore a 40 anni. Molto spesso sono single, ma ce ne sono anche multipli, mentre aumenta la probabilità di sanguinamento dopo il rapporto sessuale. I polipi sono formazioni lisce con una struttura lobulare che sanguina facilmente quando vengono toccati.

Ectropion

Questa è l'uscita dell'epitelio endocervicale sulla superficie esterna della cervice, una sorta di "eversione" del canale cervicale. La maggior parte delle donne con questa condizione si lamenta di perdite da contatto vaginale. L'ectropion si osserva nelle ragazze, nelle donne incinte e nelle donne che assumono contraccettivi ormonali.

L'epitelio cilindrico che emerge dal canale alla superficie del collo è meno resistente dell'epitelio piatto, quindi è più facile da danneggiare.

Prolasso degli organi pelvici

Il prolasso degli organi pelvici può portare a sanguinamento da contatto quando il pene viene inserito nella vagina. Fattori di rischio per questa patologia: obesità, vecchiaia, utero rimosso, costipazione persistente e tosse.

Malattie della vagina e della vulva

Come risultato di una diminuzione del livello di estrogeni, che si verifica inevitabilmente nelle donne con l'età, la produzione di muco vaginale diminuisce e la nutrizione dei suoi tessuti peggiora. Una delle principali cause di sanguinamento postcoitale negli anziani è l'atrofia vaginale o vaginite atrofica..

La patologia è caratterizzata da disturbi di secchezza e bruciore nella vagina, indolenzimento durante i rapporti sessuali, diminuzione della lubrificazione, disagio nella regione pelvica.

Inoltre, la malattia della pelle lichen planus può portare al rilascio di sangue..

Neoplasie vascolari benigne

I tumori vascolari degli organi riproduttivi femminili sono rari e comprendono emangiomi, linfangiomi, angiomatosi e malformazioni artero-venose. La maggior parte di queste formazioni non compaiono in alcun modo e vengono rilevate accidentalmente durante una visita ginecologica. Tuttavia, con la loro posizione superficiale o di grandi dimensioni, i danni meccanici ai vasi sanguigni durante i rapporti sessuali possono causare sanguinamento..

Diagnostica

Per chiarire i motivi per cui il sangue appare dalla vagina dopo il rapporto, il medico utilizza i seguenti metodi diagnostici:

  1. Scoprire l'anamnesi: età del paziente, durata del sanguinamento, presenza di malattie della vagina e della cervice, risultati anomali dello striscio, infezioni genitali.
  2. Esame della cervice per escludere ectropion, erosione, ulcere cervicali o polipi.
  3. Striscio ginecologico seguito da diagnosi di infezioni a trasmissione sessuale, in particolare clamidia.
  4. Ecografia transvaginale per valutare l'endometrio.
  5. Colposcopia per sospette condizioni precancerose o tumore maligno della cervice.
  6. Biopsia con pipel per sospetta endometriosi o tumore uterino.
  7. Con sanguinamento ricorrente, colposcopia normale e un buon risultato dello striscio, è indicata l'isteroscopia con biopsia dello strato interno dell'utero.

La colposcopia è il metodo di ricerca più informativo, ma non obbligatorio. È prescritto per le donne con sospette lesioni neoplastiche della cervice, pseudo-erosione o ectropion solo con risultati anomali del Pap test e / o lesioni visibili della cervice.

Nelle donne in postmenopausa, viene eseguito immediatamente un esame ecografico dell'utero o una biopsia endometriale.

Trattamento e prevenzione

Il sanguinamento dopo il rapporto sessuale non è una malattia, ma solo un sintomo della malattia. Pertanto, per eliminarlo, è necessario conoscere la causa della patologia. A volte non è possibile identificarlo e non vengono diagnosticate nemmeno malattie pericolose. In questo caso, si consiglia solo l'osservazione regolare da parte di un ginecologo..

Se, dopo l'esame, vengono rilevati problemi con la ghiandola tiroidea, il fegato, i reni, il sistema di coagulazione del sangue, gli sforzi dei medici saranno diretti al trattamento di queste malattie.

Trattamenti conservativi e altri per il sanguinamento postcoitale:

  • Se la causa di questo fenomeno è il precancro endometriale, vengono prescritti preparati a base di progesterone. Rallentano lo sviluppo delle cellule maligne.
  • Se il paziente ha polipi, emangiomi o altre escrescenze benigne, vengono rimossi chirurgicamente. Vengono utilizzate procedure mininvasive, ad esempio, criochirurgia, coltello radio, esposizione laser.
  • Nel caso in cui la causa del sanguinamento sia un'infezione (cervicite, vaginite aspecifica o clamidia, gonococco), devono essere prescritti antibiotici. Sono prescritti all'interno del corso, dopo di che la donna prende di nuovo le macchie per la microflora e la pulizia della vagina.
  • Il rilascio di sangue durante i rapporti sessuali durante la gravidanza non è pericoloso se dura per un breve periodo. Si consiglia di ridurre l'intensità dell'attività sessuale e segnalare la dimissione all'ostetrica. Se avverti dolore all'addome, devi consultare un medico il prima possibile, poiché questa condizione spesso accompagna la minaccia di interruzione della gravidanza.
  • L'endometriosi può essere trattata con ormoni o interventi chirurgici.
  • Con un sanguinamento eccessivo, provocato dal rapporto sessuale, può essere necessario raschiare la cavità uterina, ma questa condizione si verifica estremamente raramente.
  • Quando si diagnostica il cancro cervicale, è necessario un trattamento complesso da parte di un oncologo ginecologico. Vengono eseguite l'amputazione degli organi, la rimozione dei linfonodi vicini, la chemioterapia, le radiazioni.

Le misure preventive includono quanto segue:

  1. Praticare una buona igiene sessuale, usare il preservativo o avere contatti con un solo partner.
  2. Per la secchezza vaginale, utilizzando lubrificanti.
  3. Regolari visite ginecologiche con prelievo di strisci ed esame citologico.

Il rapporto sessuale finisce con il rilascio di sangue? Qual è il motivo?

Il sanguinamento postcoitale è un tipo di perdite vaginali sanguinolente patologiche. In molti casi, questo sintomo è una manifestazione di malattie non pericolose per la vita, è anche uno dei principali segni di un tumore maligno della cervice. Quando dopo il rapporto o durante il rapporto c'è una scarica di sangue, dovresti consultare un ginecologo.

Definizione e prevalenza

Lo scarico patologico non ha alcun legame con il ciclo mestruale. Possono verificarsi in qualsiasi giorno, essere quasi invisibili o piuttosto intensi, accompagnati da dolore durante i rapporti sessuali.

Questo sintomo si osserva nell'1-9% delle donne del periodo fertile..

Nel 30% dei pazienti con questo sintomo, è contemporaneamente presente sanguinamento uterino anormale, nel 15% - dolore durante il rapporto sessuale.

A seconda del livello di lesione genitale, la natura del sanguinamento può essere diversa:

  • con il coinvolgimento dell'utero, i coaguli di sangue formati nella sua cavità possono essere rilasciati;
  • se un processo patologico, ad esempio l'infiammazione, colpisce il collo, appare il muco con sangue;
  • se la parte esterna del collo o le pareti vaginali è danneggiata, viene rilasciato sangue scarlatto.

Con sanguinamento intenso, la probabilità di sanguinamento interno non è esclusa, ad esempio, con lesioni della vagina. Pertanto, è necessario chiamare un medico senza indugio se, contemporaneamente alle perdite vaginali, ci sono tali segni:

  • dolore crescente nell'addome;
  • gonfiore;
  • pallore della pelle e delle mucose;
  • dolce freddo;
  • polso debole;
  • battito cardiaco frequente;
  • mancanza di respiro, grave debolezza;
  • caduta di pressione, vertigini, svenimento.

Caratteristiche di scarico

Con l'eccitazione sessuale, la funzione del canale cervicale è migliorata. Ecco perché durante il sesso il lubrificante inizia a risaltare abbondantemente. Questo viene fatto per proteggere la mucosa vaginale da lesioni e esposizione a infezioni e batteri. Il grasso convenzionale ha un aspetto trasparente con una tinta biancastra. Ha una consistenza viscosa e ricorda il moccio. L'odore di scarico dovrebbe essere aspro.

Ma succede che il grasso può essere sanguinante o di colore rosa o contenere strisce di sangue. Questa condizione provoca danni meccanici alle pareti della vagina, caratteristiche fisiologiche e sviluppo di processi patologici nel sistema riproduttivo..

È importante capire perché un segreto sanguinante appare dopo il sesso, perché può apparire a causa di anomalie patologiche. I processi e le malattie infiammatorie devono essere trattati il ​​più rapidamente possibile, altrimenti possono riversarsi in complicazioni, il benessere della donna inizierà a deteriorarsi, il sanguinamento si aprirà.

Normalmente, il grasso sanguinante dopo il sesso può raramente apparire e andare male per non più di 2 ore. Questo di solito è dovuto a ragioni fisiologiche. I sintomi allarmanti sono la scarica che si verifica regolarmente e dura a lungo, così come se sono accompagnati da disturbi e dolore nell'addome inferiore. In questi casi è necessaria una visita medica immediata..

Cause

Le ragioni principali per la comparsa di sangue dopo il rapporto sessuale:

  1. Formazioni benigne: polipi dell'utero, sua cervice e ectropion.
  2. Infezioni: cervicite, malattia infiammatoria pelvica, endometrite, vaginite.
  3. Lesioni degli organi esterni del sistema riproduttivo: herpes, sifilide, condilomi genitali, linfogranuloma venereo, chancre.
  4. Atrofia vaginale nella vecchiaia, prolasso degli organi pelvici, neoplasie vascolari benigne (emangiomi), endometriosi.
  5. Formazioni maligne della cervice, della vagina, dell'endometrio.
  6. Lesioni dovute a violenza sessuale o corpo estraneo.

Se una donna secerne sangue durante il rapporto, la probabilità di cancro cervicale va dal 3 al 5,5% e il rischio di intraneoplasia cervicale arriva fino al 17,8%.

In una parte significativa dei pazienti, in più della metà dei casi, i medici non riescono ancora a scoprire perché il coito provoca sanguinamento. Tuttavia, la condizione patologica dovrebbe essere considerata come un potenziale indicatore di neoplasia cervicale (precancro) e cancro cervicale..

Lo scarico di sangue dopo il rapporto sessuale è tipico delle donne in età riproduttiva e nei pazienti giovani è meno comune..

Ci sono anche ragioni fisiologiche per questa condizione:

  1. Una ragazza dopo il primo contatto sessuale con danni all'imene.
  2. A metà del ciclo, un po 'di sangue può essere rilasciato durante l'ovulazione..
  3. Lo scarico sanguinante prima delle mestruazioni può essere un segno dell'introduzione di un ovulo fecondato nell'endometrio..
  4. Lo scarico vaginale può verificarsi durante le prime settimane dopo la nascita, fino a quando l'utero non si è completamente ripreso.
  5. Il sangue dopo il rapporto sessuale durante la gravidanza è normale e non richiede trattamento. Dovrebbe essere segnalato al ginecologo osservatore alla visita successiva..

Lo scarico sanguinante può essere osservato durante i rapporti sessuali, immediatamente dopo e dopo un po '. Se il sangue appare immediatamente dopo il rapporto, sono molto probabili malattie della vagina e della parte esterna del collo. Con queste patologie, il tessuto danneggiato viene danneggiato meccanicamente, il che è accompagnato da una violazione dell'integrità dei vasi..

Se lo scarico di sangue il giorno successivo al rapporto sessuale è più caratteristico, è necessario escludere la patologia dell'endometrio, cioè lo strato uterino interno. In questo caso, l'azione meccanica non è così significativa; maggiore importanza è attribuita all'aumento del flusso sanguigno nelle pareti dell'utero. In questo caso, i tessuti patologicamente alterati hanno una maggiore permeabilità vascolare. Gli eritrociti emergono dalle arterie, si accumulano prima nell'utero e dopo qualche tempo uscendo attraverso il canale cervicale nella cavità vaginale.

Principali malattie accompagnate da sanguinamento

Tumore maligno

Il sanguinamento postcoitale si verifica nell'11% delle donne con cancro cervicale. Questa malattia è il secondo tumore più comune tra le donne in tutto il mondo. L'età media di manifestazione della patologia è di 51 anni. Il principale fattore di rischio è l'infezione da HPV, la diminuzione dell'immunità e il fumo.

Negli ultimi anni, l'incidenza del sanguinamento postcoitale nel cancro cervicale è diminuita in modo significativo. Ciò è dovuto alla diagnosi precoce del tumore, quando i tessuti non si disintegrano ancora ei vasi non sono danneggiati. Lo screening citologico della cervice e l'esame per l'HPV consentono di rilevare malattie precancerose e cancerose, che è particolarmente importante dato il loro lungo decorso asintomatico.

I principali tipi di cancro cervicale sono il carcinoma a cellule squamose e l'adenocarcinoma. Quest'ultimo ha meno probabilità di causare spotting, poiché si trova più in alto nel canale cervicale ed è protetto dai danni durante il rapporto.

Il sanguinamento si verifica più spesso con il cancro avanzato rispetto allo stadio iniziale.

Un altro tipo di cancro ginecologico, accompagnato dal rilascio di sangue dopo il rapporto sessuale, è il cancro vaginale. Rappresenta il 3% dei tumori maligni del sistema riproduttivo femminile. Molto spesso, il tumore si trova sulla parete posteriore del terzo superiore della vagina.

Il sanguinamento nelle donne in postmenopausa di solito si verifica sullo sfondo dell'atrofia endometriale, ma anche il 90% dei pazienti con cancro uterino presenta questo sintomo.

Infine, ci sono tumori maligni primari delle parti inferiori del sistema riproduttivo, in cui il sangue viene rilasciato dopo il rapporto sessuale. Questi includono, in particolare, il linfoma non Hodgkin.

Cervicite

Questa è un'infiammazione acuta o cronica dei tessuti interni della cervice. La malattia è caratterizzata da secrezione acquosa o mucopurulenta e sanguinamento immediatamente dopo il rapporto. La cervicite acuta è causata da clamidia, gonococco, Trichomonas, gardnerella, micoplasma. La cervicite cronica è solitamente di origine non infettiva.

Questa malattia deve essere trattata prontamente, poiché l'infezione può raggiungere il tratto genitale superiore e portare a gravi complicazioni:

  • malattie infiammatorie degli organi pelvici;
  • infertilità;
  • dolore pelvico cronico;
  • rischio di gravidanza ectopica.

Endometrite

Infiammazione del rivestimento interno dell'utero, che può essere acuta e cronica. Il decorso acuto è accompagnato dalla presenza di microascessi nelle ghiandole endometriali. L'endometrite cronica è causata da agenti infettivi, corpi estranei, polipi, fibromi. Un terzo dei pazienti non ha cause visibili della malattia.

La maggior parte delle donne con endometrite cronica ha mestruazioni abbondanti, sanguinamento intermestruale, ma spesso sono precedute da sanguinamento postcoitale..

Polipi cervicali

I polipi cervicali non sono reperti insoliti durante l'esame della cervice. Possono diventare una fonte di sanguinamento postcoitale durante il trauma secondario. I polipi sono osservati nel 4% dei pazienti ginecologici. Questi sono i tumori benigni più comuni del tratto genitale..

I polipi cervicali di solito si verificano nelle donne pluripare di età pari o superiore a 40 anni. Molto spesso sono single, ma ce ne sono anche multipli, mentre aumenta la probabilità di sanguinamento dopo il rapporto sessuale. I polipi sono formazioni lisce con una struttura lobulare che sanguina facilmente quando vengono toccati.

Ectropion

Questa è l'uscita dell'epitelio endocervicale sulla superficie esterna della cervice, una sorta di "eversione" del canale cervicale. La maggior parte delle donne con questa condizione si lamenta di perdite da contatto vaginale. L'ectropion si osserva nelle ragazze, nelle donne incinte e nelle donne che assumono contraccettivi ormonali.

L'epitelio cilindrico che emerge dal canale alla superficie del collo è meno resistente dell'epitelio piatto, quindi è più facile da danneggiare.

Prolasso degli organi pelvici

Il prolasso degli organi pelvici può portare a sanguinamento da contatto quando il pene viene inserito nella vagina. Fattori di rischio per questa patologia: obesità, vecchiaia, utero rimosso, costipazione persistente e tosse.

Malattie della vagina e della vulva

Come risultato di una diminuzione del livello di estrogeni, che si verifica inevitabilmente nelle donne con l'età, la produzione di muco vaginale diminuisce e la nutrizione dei suoi tessuti peggiora. Una delle principali cause di sanguinamento postcoitale negli anziani è l'atrofia vaginale o vaginite atrofica..

La patologia è caratterizzata da disturbi di secchezza e bruciore nella vagina, indolenzimento durante i rapporti sessuali, diminuzione della lubrificazione, disagio nella regione pelvica.

Inoltre, la malattia della pelle lichen planus può portare al rilascio di sangue..

Neoplasie vascolari benigne

I tumori vascolari degli organi riproduttivi femminili sono rari e comprendono emangiomi, linfangiomi, angiomatosi e malformazioni artero-venose. La maggior parte di queste formazioni non compaiono in alcun modo e vengono rilevate accidentalmente durante una visita ginecologica. Tuttavia, con la loro posizione superficiale o di grandi dimensioni, i danni meccanici ai vasi sanguigni durante i rapporti sessuali possono causare sanguinamento..

Il sangue dopo il rapporto sessuale è un segno precoce di gravidanza

Se una donna inizia a notare macchie sanguinolente sulla biancheria intima, accompagnate da formicolio sull'osso pubico e dolore tirato nella regione lombare e nell'addome inferiore, la causa potrebbe essere la gravidanza. Questa situazione è particolarmente comune per le donne con periodi irregolari che non possono notare il ritardo nel tempo. Gocce di sangue, se una donna è incinta, possono apparire durante l'attaccamento di un ovulo fecondato al corpo dell'utero o alla minaccia di interruzione. In rari casi, l'aborto spontaneo può verificarsi nelle prime fasi della gravidanza (fino a 2-4 settimane), esternamente può manifestarsi come forte sanguinamento con lo scarico di coaguli di sangue.

I primi segni di gravidanza

Importante! Si consiglia alle donne con mestruazioni irregolari di sottoporsi periodicamente a un test di gravidanza per non perdere un possibile concepimento. Se il risultato del test è positivo, è necessario contattare immediatamente il proprio ginecologo per escludere una gravidanza extrauterina.

Diagnostica

Per chiarire i motivi per cui il sangue appare dalla vagina dopo il rapporto, il medico utilizza i seguenti metodi diagnostici:

  1. Scoprire l'anamnesi: età del paziente, durata del sanguinamento, presenza di malattie della vagina e della cervice, risultati anomali dello striscio, infezioni genitali.
  2. Esame della cervice per escludere ectropion, erosione, ulcere cervicali o polipi.
  3. Striscio ginecologico seguito da diagnosi di infezioni a trasmissione sessuale, in particolare clamidia.
  4. Ecografia transvaginale per valutare l'endometrio.
  5. Colposcopia per sospette condizioni precancerose o tumore maligno della cervice.
  6. Biopsia con pipel per sospetta endometriosi o tumore uterino.
  7. Con sanguinamento ricorrente, colposcopia normale e un buon risultato dello striscio, è indicata l'isteroscopia con biopsia dello strato interno dell'utero.

La colposcopia è il metodo di ricerca più informativo, ma non obbligatorio. È prescritto per le donne con sospette lesioni neoplastiche della cervice, pseudo-erosione o ectropion solo con risultati anomali del Pap test e / o lesioni visibili della cervice.

Nelle donne in postmenopausa, viene eseguito immediatamente un esame ecografico dell'utero o una biopsia endometriale.

Quando le malattie a trasmissione sessuale portano al sangue

L'insidiosità delle malattie sessualmente trasmissibili sta nel fatto che vengono trasmesse principalmente da un partner sessuale a un altro. Inoltre, nel corpo femminile, queste malattie sono spesso asintomatiche, ma allo stesso tempo batteri o virus svolgono il loro lavoro distruttivo. Il sanguinamento durante il rapporto in una donna con una malattia a trasmissione sessuale è estremamente raro.


Anche un'infezione genitale può essere la causa.

Ciò accade quando la cervice e l'utero sono infetti. Una malattia che causa sanguinamento durante il rapporto è la clamidia. Con complicazioni dell'infezione da Trichomonas, è possibile anche sanguinamento. La clamidia e la tricomoniasi appartengono alle cosiddette "nuove" malattie veneree, in quanto tali sono state riconosciute nella seconda metà del secolo scorso. Non sono così pronunciate come, ad esempio, la sifilide o la gonorrea, ma sono anche trasmesse sessualmente e possono diventare croniche.

Fattori naturali

Ci sono molte ragioni fisiologiche per la presenza di sangue durante il sesso. Molto spesso causano scarso scarico. Naturalmente, dopo la vicinanza, l'utero può secernere sangue sotto l'influenza di vari fattori.

. Ma allo stesso tempo, la secrezione dovrebbe essere di breve durata, 1-2 ore.

Se, dopo il sesso, una donna inizia a provare disagio e debolezza e lo scarico assume un odore sgradevole, questo è un segnale serio. Una tale circostanza richiede un esame urgente.

. inoltre
dovresti anche consultare un medico con sanguinamento irregolare e scarso, perché molte anomalie patologiche del sistema riproduttivo femminile si sviluppano in modo asintomatico.

Sangue dopo il rapporto: cause, sintomi e trattamento

Il sanguinamento dopo il rapporto, o il sanguinamento postcoitale, può essere un segno di patologia del sistema riproduttivo di una donna. Lo scarico sanguinante al di fuori del ciclo mestruale è considerato patologico. Il sintomo si verifica nell'1-10% delle donne in età riproduttiva. Anche una dimissione minore non dovrebbe essere ignorata da una donna; una diagnosi tempestiva è importante. La causa della patologia può essere gravi malattie che minacciano non solo la perdita di fertilità, ma anche la morte. Le tattiche terapeutiche dipendono sempre dalla causa del sanguinamento e sono determinate dopo aver diagnosticato la condizione.

  • 1 Sintomi di patologia
  • 2 motivi
    • 2.1 Patologico
  • 3 Trattamento

L'intensità del sanguinamento in diversi casi è diversa: da poche gocce a una scarica pesante. Con il forte, è necessario fornire assistenza di emergenza a una donna in un ospedale 24 ore su 24, poiché la condizione è urgente. Puoi sospettare un sanguinamento patologico dai seguenti segni:

  • dolore addominale inferiore;
  • scarico sanguinante dal tratto genitale, immediatamente dopo il rapporto sessuale;
  • disagio nella zona genitale.

Lo sviluppo di emorragie interne non ha sempre segni visibili, il sangue può accumularsi nella cavità pelvica, nell'utero o in altre formazioni di cavità. In questo caso, la donna noterà:

  • pallore della pelle;
  • dolce freddo;
  • polso debole e filiforme;
  • palpitazioni cardiache (più di 80 al minuto);
  • fiato corto;
  • debolezza, vertigini;
  • dolore addominale con tendenza ad aumentare.

Con una massiccia perdita di sangue, si verifica un disturbo della coscienza, fino a condizioni di svenimento. Quando compaiono i primi sospetti di patologia, è importante cercare assistenza medica in modo tempestivo.

In alcune malattie, il sanguinamento è accompagnato da ulteriori sintomi. Sono particolarmente pronunciati con lesioni infettive, con infezione dei genitali con batteri patogeni. I sintomi possono essere patogeni e opportunistici. Questi ultimi sono in grado di essere sulle mucose in piccole quantità, senza causare sintomi, ma quando compaiono condizioni favorevoli, si moltiplicano e danneggiano la salute.

I sintomi comuni sono secrezione dai genitali, dolore addominale inferiore, irregolarità mestruali. Ogni agente infettivo ha le sue caratteristiche. Con la gonorrea, lo scarico è abbondante, purulento, con un odore sgradevole, con clamidia - mucosa o mucopurulenta, con tricomoniasi - secrezione mucosa schiumosa con un odore sgradevole. In tutti i casi, un'infiammazione specifica provoca sintomi come prurito, bruciore, minzione dolorosa frequente.

Il sangue dopo il rapporto sessuale è spesso di origine patologica. I principali meccanismi di sviluppo della patologia:

  • Danno meccanico - a seguito di lesioni ai tessuti molli.
  • Organico - associato alla patologia degli organi genitali interni.
  • Infettivo - infiammazione locale degli strati mucosi e sottomucosi.
  • Gravidanza ectopica, distacco della placenta, ecc..

Le ragioni meccaniche includono:

  • deflorazione - violazione dell'integrità dell'imene, principalmente durante il primo rapporto sessuale;
  • rapporti sessuali violenti - c'è un trauma alle mucose con danni all'integrità dei vasi;
  • pareti vascolari deboli dovute ad altri processi patologici non associati al sistema riproduttivo;
  • lubrificazione insufficiente.

Il sanguinamento può comparire dopo il 2 °, 3 °, 4 ° rapporto. Questa non è una patologia, è un fenomeno fisiologico.

Le cause del sanguinamento associate alla patologia organica del sistema riproduttivo includono le seguenti malattie:

PatologiaDescrizione
Erosione cervicaleL'erosione è un difetto nell'epitelio che copre la porzione vaginale
Polipi cervicali benigniQuesta è una neoplasia benigna che cresce nella cavità del canale cervicale. Spesso c'è una violazione del ciclo mestruale, compaiono dolori tiranti, scarico di natura sierosa o sierosa-purulenta
EndometriosiUna malattia caratterizzata dalla proliferazione dell'endometrio (focolai endometrioidi) oltre i confini dello strato endometriale. Manifestato da secrezione sanguinolenta, dolori tiranti, dispareunia (dolore durante il rapporto)
EmangiomaTumore benigno dei vasi sanguigni, caratterizzato dalla proliferazione del sistema vascolare, soggetto a sanguinamento. Durante il rapporto, si verifica una lesione vascolare, che è accompagnata da una scarica sanguinolenta
Vene varicose della vaginaÈ accompagnato dalla formazione di vene varicose, assottigliamento della parete vascolare. Sintomi: dolore tirante nell'addome inferiore, che si intensifica con il rapporto sessuale e lo sforzo fisico, gonfiore, secchezza nella zona interessata
EctropionPatologia della cervice, caratterizzata dall'eversione della mucosa del canale cervicale nella cavità vaginale. Combina pseudoerosione e deformità cicatriziale. Il processo cronico può portare a vera erosione, leucoplachia, cancro cervicale. È accompagnato da sanguinamento da contatto dopo il sesso, irregolarità mestruali. Una donna noterà una secrezione mucosa, trasparente o lattiginosa, che tira i dolori nell'addome inferiore
Mioma dell'uteroTumore benigno dipendente dall'ormone. Sintomi: mestruazioni abbondanti e prolungate, ciclo irregolare, dolori tiranti nell'addome inferiore, con grandi dimensioni, compressione degli organi vicini - la vescica, il retto, accompagnati da minzione frequente e stitichezza, sviluppa infertilità
Cancro cervicaleNeoplasia maligna che colpisce la porzione vaginale della cervice o del canale cervicale. Al momento, è stato dimostrato che esiste una connessione con le IST. Sintomi: spotting dopo il coito, periodi irregolari, dolore all'osso sacro, parte bassa della schiena

Spesso, non specifici (enterococchi, stafilococchi, streptococchi, ecc.) E specifici (gonococchi, clamidia, Trichomonas) agiscono come batteri patogeni. Inoltre, il sanguinamento può verificarsi durante la gravidanza, il più delle volte nella seconda metà. La mucosa si allenta, l'afflusso di sangue all'utero aumenta. Se il sangue è andato in una piccola quantità e si è fermato rapidamente da solo, allora questa potrebbe essere una variante della norma.

La terapia viene eseguita a seconda della causa dell'emorragia. Con la patologia organica, è necessario eseguire un trattamento eziologico e patogenetico della malattia sottostante. Il sanguinamento durante la gravidanza indica la necessità di consultare un ginecologo, poiché ciò potrebbe indicare una malattia sviluppata e portare a conseguenze negative. Se il sangue si verifica per molto tempo, ciò potrebbe indicare un processo maligno..

Vengono utilizzati trattamenti farmacologici conservativi e interventi chirurgici:

  • La terapia farmacologica prevede la nomina di antibiotici, contraccettivi orali combinati e farmaci emostatici. Se vengono rilevate neoplasie tumorali, è indicata la chemioterapia. Indipendentemente dalla causa che porta alla comparsa del sangue, viene sempre prescritta una terapia sintomatica. Una donna deve seguire tutte le raccomandazioni del medico e monitorare tempestivamente il trattamento. Successivamente, è importante partecipare a esami preventivi.
  • Gli interventi chirurgici includono l'esposizione al laser, la criodistruzione, il coltello radiofonico, l'amputazione di organi.

La pubertà è una fase significativa nella vita di ogni persona. Per le ragazze, questo periodo è associato a grandi cambiamenti sia a livello fisiologico che psicologico.