Il petto fa male per 2 settimane, come con M

È IMPORTANTE SAPERE! Un rimedio incredibilmente efficace per l'aumento del seno, consigliato da Elena Strizh! Leggi di più.

Il seno femminile è un classico organo bersaglio con circa 15 ormoni. Sullo sfondo di cambiamenti naturali o patologici dello sfondo ormonale, può ferire, diventare ipersensibile, riempirsi o produrre un segreto. Un evento fisiologico come le mestruazioni è anche associato alle fluttuazioni dei livelli ormonali. Circa 11-14 giorni del ciclo mestruale, durante l'ovulazione, si verifica un forte aumento della concentrazione di ormone luteinizzante, quindi il livello di estrogeni e progesterone aumenta gradualmente. Questo è ciò che più spesso spiega perché le donne hanno dolore al petto 2 settimane prima delle mestruazioni. Meno comunemente, la causa del disagio sono le ghiandole mammarie benigne, la gravidanza, le malattie della ghiandola tiroidea e altri organi che producono ormoni.

Cause di dolore al seno

La causa principale del dolore al petto prima delle mestruazioni sono i cambiamenti ormonali. Dopo l'ovulazione, l'intero corpo di una donna si prepara a portare un bambino. L'utero si rilassa per escludere l'interruzione della gravidanza, l'appetito aumenta. Il seno di una donna diventa pieno e ipersensibile. In questo modo, le ghiandole mammarie si preparano per la loro funzione immediata: la produzione di latte. Se il concepimento non si verifica, tutti i sintomi scompaiono con l'inizio delle mestruazioni o pochi giorni prima..

Tra le cause patologiche del dolore al seno prima delle mestruazioni, si distinguono:

  • Malattie della tiroide, del pancreas, della ghiandola pituitaria, dell'ipotalamo, delle ghiandole surrenali, delle ovaie. I disturbi di questi organi hanno un effetto significativo sullo sfondo ormonale di una donna..
  • Malattia fibrocistica del seno. Secondo le statistiche, il 30-60% delle donne soffre di mastopatia. La malattia si manifesta con la formazione di nodi nelle ghiandole mammarie. Il sintomo principale è la tenerezza del seno, che peggiora prima delle mestruazioni..
  • Processi infiammatori nei genitali, infezioni a trasmissione sessuale.
  • Uso incontrollato oa lungo termine di OC (contraccettivi orali) o altri agenti ormonali.
  • Inoltre, la condizione del seno può essere influenzata da fattori sfavorevoli come il fumo, l'abuso di alcol, indossare un reggiseno che non è della taglia o della forma giusta, rifiutarsi di allattare immediatamente dopo il parto, stress e cattiva alimentazione. Lo sfondo ormonale cambia dopo l'aborto, il parto, durante la menopausa, la gravidanza. Durante questi periodi, la sensibilità al seno può essere aumentata..

Secondo le statistiche, la tenerezza del seno prima delle mestruazioni è più spesso osservata nelle donne con dimensioni del seno 3 e superiori. Inoltre, gli scienziati hanno identificato una relazione tra labilità mentale e gravità dei sintomi della sindrome premestruale. Gli individui che sono inclini a frequenti sbalzi d'umore, impressionabili, profondamente preoccupati, sentono i cambiamenti nel loro seno sempre più chiaramente prima delle mestruazioni.

Cosa fare?

Se ci sono cambiamenti nel seno che differiscono da quelli che normalmente si verificano ogni mese, la prima cosa che una donna dovrebbe fare è l'autoesame. Come esaminare e sentire correttamente il tuo seno:

  • Esamina l'interno del reggiseno per individuare macchie che indicano secrezione dai capezzoli.
  • Esaminare i capezzoli e l'areola e assicurarsi che non vi siano arrossamenti, eruzioni cutanee, desquamazione, retrazione, ulcerazione o altre anomalie.
  • Striscia sopra la vita e mettiti davanti allo specchio. Alza entrambe le mani dietro la testa, presta attenzione alla forma delle ghiandole mammarie. Il torace non dovrebbe avere rigonfiamenti anomali, retrazioni o aree che assomigliano a "buccia d'arancia". Anche il colore della pelle non uniforme è considerato anormale..
  • Sdraiati sulla schiena, metti un piccolo rullo sotto la scapola sul lato sinistro. Senti il ​​seno sinistro con la punta delle dita della sinistra e 3-4 falangi della mano destra. Le dita dovrebbero essere vicine al petto, i movimenti dovrebbero essere circolari. Esamina la ghiandola mammaria centimetro per centimetro alla ricerca di grumi. Presta attenzione alle aree che sono dolorose da toccare. Posizionare il rullo sotto la scapola destra ed esaminare la seconda ghiandola mammaria.

L'autoesame deve essere effettuato una volta al mese il 7-10 ° giorno dall'inizio delle mestruazioni. Se le mestruazioni sono irregolari o assenti a causa della menopausa, dell'allattamento o della gravidanza, la procedura può essere eseguita in qualsiasi momento quando non c'è congestione delle ghiandole mammarie.

Come ridurre la tenerezza del seno?

Il petto può ferire in modi diversi. Di solito, prima delle mestruazioni, si osserva gonfiore delle ghiandole mammarie, aumenta la sensibilità dei capezzoli. Ad alcune donne piace anche. Se i sintomi sono pronunciati e causano disagio, dovresti prestare attenzione ai seguenti suggerimenti:

  • Scegli un reggiseno che sia comodo. Un reggiseno della misura giusta può aiutare a ridurre al minimo il disagio. La preferenza dovrebbe essere data ai modelli di tipo sportivo, senza buche e cuciture. Il tessuto adiacente al petto deve essere naturale. Il reggiseno dovrebbe tenere saldamente il seno, ma non strofinare o spremere il seno.
  • Regola l'assunzione di liquidi, bevi diuretici, tè verde. Se, prima delle mestruazioni, il petto non solo fa male, ma si gonfia anche, dovresti prestare attenzione al bere. Non dovresti bere più di 1,5 litri di acqua al giorno. Inoltre, si consiglia di bere tè verde, brodo di rosa canina, seta di mais. Il consumo di caffè e alcol dovrebbe essere eliminato o ridotto al minimo.
  • Controlla la tua dieta. Per rendere il seno meno sensibile, dovresti aumentare il consumo di verdura, frutta, latticini fermentati, pesce, cereali. Non è consigliabile mangiare molti dolci, prodotti da forno, carne, bere latte, birra.
  • Dormire a sufficienza. Durante il sonno, il corpo viene ripristinato, i livelli ormonali sono regolati. Con la privazione cronica del sonno, tutto accade esattamente l'opposto, le difese si esauriscono, gli ormoni dello stress iniziano a essere rilasciati nel sangue, così come la prolattina, che può causare tenerezza al seno e secrezione dai capezzoli. È necessario dormire almeno 8 ore, mentre si consiglia di andare a letto entro e non oltre le 23:00.
  • Non esagerare. Cerca di evitare un'attività fisica intensa. Se il lavoro ti costringe a lavorare sodo, fai delle brevi pause ogni ora. Dalle attività sportive, dai la preferenza al nuoto, alla danza, al ciclismo, alle passeggiate.
  • Evitare lo stress. Cerca di evitare i conflitti, preoccupati meno del domani. Se senti di essere molto irritato, prendi un tè con camomilla e menta, pensa a qualcosa di piacevole, sii distratto.
  • Avere una vita sessuale regolare. La mancanza di sesso o il sesso irregolare influisce in modo significativo sull'equilibrio degli ormoni nel corpo di una donna.
  • Bevi magnesio e vitamina B6. Una carenza di questi nutrienti porta ad un aumento dei sintomi spiacevoli della sindrome premestruale. Prima di prendere le pillole, assicurati di consultare il tuo medico.

Se il tuo petto fa male, puoi bere qualsiasi anestetico (paracetamolo, Analgin, Ketanov), usare un unguento con componenti anestetici (Progestozel, Mastofit, Arnica, Traumeel S). Puoi anche applicare impacchi con olio di canfora, magnesia (solfato di magnesio), miele, foglia di cavolo sul petto dolorante.

Per l'aumento del seno senza intervento chirurgico, i nostri lettori utilizzano con successo il metodo Elena Strizh. Dopo aver studiato attentamente questo metodo, abbiamo deciso di proporlo alla vostra attenzione. Leggi di più.

Quando vedere un dottore?

Qualsiasi dolore acuto che ti costringe a prendere antidolorifici richiede una visita da un medico. Inoltre, una donna dovrebbe essere allertata dai seguenti sintomi:

  • dolore al petto sullo sfondo dell'assenza o del ritardo delle mestruazioni;
  • qualsiasi secrezione dal capezzolo (purulenta, trasparente, colostro, sanguinante);
  • aumento del dolore nella ghiandola mammaria;
  • foche;
  • aumento della temperatura corporea;
  • dolore e gonfiore in un solo seno;
  • cambiamento nella forma della ghiandola mammaria, capezzolo;
  • un ciclo mestruale instabile;
  • protuberanze o cavità nella pelle, scolorimento del seno o delle areole.

Se compare uno qualsiasi dei segni, dovresti essere esaminato da un ginecologo o mammologo per escludere lo sviluppo della patologia.

Diagnostica e trattamento

Per scoprire in modo affidabile perché due settimane prima delle mestruazioni, il petto fa male, una donna dovrebbe essere esaminata. Ricerche e analisi necessarie:

  • Ultrasuoni delle ghiandole mammarie nei primi giorni del ciclo mestruale;
  • mammografia (radiografia del seno);
  • analisi per ormoni estradiolo, progesterone, prolattina, nonché ormone stimolante la tiroide, tiroxina, triiodotironina, glucocorticoidi, insulina, lattogeno placentare secondo le indicazioni;
  • biopsia ed esame istologico del tessuto in presenza di un sigillo.

Solo dopo la diagnosi, alla donna verrà prescritto un trattamento. Ogni caso è individuale e non esiste un unico schema terapeutico. Quindi, per i dolori al petto dovuti alla disfunzione degli organi produttori di ormoni, a una donna vengono prescritti farmaci ormonali, vitamine, iodio, magnesio e altri integratori alimentari. Se i sintomi sono causati da un'infezione, vengono utilizzati farmaci antibatterici e antinfiammatori.

In alcuni casi, purtroppo, non puoi fare a meno dell'aiuto di un chirurgo. La chirurgia è necessaria se si riscontrano grandi cisti o tumori maligni nelle ghiandole mammarie. Nelle fasi iniziali dello sviluppo della mastopatia fibrocistica, i medici raccomandano a una donna di rimanere incinta. Un aumento naturale dei livelli di progesterone durante la gravidanza ha un effetto benefico sul decorso della malattia e porta anche a una cura completa..

Se una donna sospetta che la tenerezza del seno sia causata dalla gravidanza, è importante escludere l'attaccamento fetale ectopico. Dopo che il test di gravidanza mostra 2 strisce, dovresti visitare il medico, fare un esame del sangue per il livello di hCG e sottoporsi a un'ecografia.

Il corpo di ogni donna è diverso. Per alcuni, le fluttuazioni degli ormoni durante il ciclo mestruale passano completamente inosservate e non influenzano in alcun modo il seno. Tuttavia, la maggior parte delle donne, specialmente quelle con un seno di dimensioni impressionanti, nota il gonfiore delle ghiandole mammarie e un aumento della sensibilità dei capezzoli con l'inizio del periodo di ovulazione. Tali sintomi possono avere spiegazioni sia fisiologiche che patologiche. Per stabilire la causa esatta del dolore, dovresti consultare un mammologo. A scopo preventivo, questo specialista deve essere visitato una volta all'anno e dopo 40 anni si consiglia di eseguire anche mammografia e test ormonali ogni anno..

Di nascosto

  • Incredibile... Puoi ingrandire il seno senza pillole e interventi chirurgici!
  • Questa volta.
  • Nessuna riabilitazione dolorosa!
  • Sono due.
  • Il risultato è evidente dopo 2 settimane!
  • Sono tre.

Segui il link e scopri come ha fatto Elena Strizh!

Due settimane prima delle mestruazioni causano dolore al seno

È IMPORTANTE SAPERE! Un rimedio incredibilmente efficace per l'aumento del seno, consigliato da Elena Strizh! Leggi di più…

Il seno femminile è un classico organo bersaglio con circa 15 ormoni. Sullo sfondo di cambiamenti naturali o patologici dello sfondo ormonale, può ferire, diventare ipersensibile, riempirsi o produrre un segreto. Un evento fisiologico come le mestruazioni è anche associato alle fluttuazioni dei livelli ormonali. Circa 11-14 giorni del ciclo mestruale, durante l'ovulazione, si verifica un forte aumento della concentrazione di ormone luteinizzante, quindi il livello di estrogeni e progesterone aumenta gradualmente. Questo è ciò che più spesso spiega perché le donne hanno dolore al petto 2 settimane prima delle mestruazioni. Meno comunemente, la causa del disagio sono le ghiandole mammarie benigne, la gravidanza, le malattie della ghiandola tiroidea e altri organi che producono ormoni.

Cause di dolore al seno

La causa principale del dolore al petto prima delle mestruazioni sono i cambiamenti ormonali. Dopo l'ovulazione, l'intero corpo di una donna si prepara a portare un bambino. L'utero si rilassa per escludere l'interruzione della gravidanza, l'appetito aumenta. Il seno di una donna diventa pieno e ipersensibile. In questo modo, le ghiandole mammarie si preparano per la loro funzione immediata: la produzione di latte. Se il concepimento non si verifica, tutti i sintomi scompaiono con l'inizio delle mestruazioni o pochi giorni prima..

Tra le cause patologiche del dolore al seno prima delle mestruazioni, si distinguono:

  • Malattie della tiroide, del pancreas, della ghiandola pituitaria, dell'ipotalamo, delle ghiandole surrenali, delle ovaie. I disturbi di questi organi hanno un effetto significativo sullo sfondo ormonale di una donna..
  • Malattia fibrocistica del seno. Secondo le statistiche, il 30-60% delle donne soffre di mastopatia. La malattia si manifesta con la formazione di nodi nelle ghiandole mammarie. Il sintomo principale è la tenerezza del seno, che peggiora prima delle mestruazioni..
  • Processi infiammatori nei genitali, infezioni a trasmissione sessuale.
  • Uso incontrollato oa lungo termine di OC (contraccettivi orali) o altri agenti ormonali.
  • Inoltre, la condizione del seno può essere influenzata da fattori sfavorevoli come il fumo, l'abuso di alcol, indossare un reggiseno che non è della taglia o della forma giusta, rifiutarsi di allattare immediatamente dopo il parto, stress e cattiva alimentazione. Lo sfondo ormonale cambia dopo l'aborto, il parto, durante la menopausa, la gravidanza. Durante questi periodi, la sensibilità al seno può essere aumentata..

Secondo le statistiche, la tenerezza del seno prima delle mestruazioni è più spesso osservata nelle donne con dimensioni del seno 3 e superiori. Inoltre, gli scienziati hanno identificato una relazione tra labilità mentale e gravità dei sintomi della sindrome premestruale. Gli individui che sono inclini a frequenti sbalzi d'umore, impressionabili, profondamente preoccupati, sentono i cambiamenti nel loro seno sempre più chiaramente prima delle mestruazioni.

Durata del dolore

Quanto tempo fa male il seno prima delle mestruazioni? Se stiamo parlando di manifestazioni fisiologiche, la durata della sindrome (gonfiore, dolore, ecc.) Può iniziare dal momento dell'ovulazione. E termina con l'inizio delle mestruazioni (massimo, il primo - secondo giorno). In questo momento, si verifica un altro cambiamento nell'equilibrio degli ormoni e le cause che hanno causato i sintomi vengono eliminate da sole.

Se parliamo di processi patologici, il dolore non scompare durante e dopo la fine del sanguinamento. E può iniziare alcuni giorni prima dell'ovulazione. O non fermarti affatto (dolore permanente). Può anche cambiare: natura, intensità, localizzazione.

Cosa fare?

Se ci sono cambiamenti nel seno che differiscono da quelli che normalmente si verificano ogni mese, la prima cosa che una donna dovrebbe fare è l'autoesame. Come esaminare e sentire correttamente il tuo seno:

  • Esamina l'interno del reggiseno per individuare macchie che indicano secrezione dai capezzoli.
  • Esaminare i capezzoli e l'areola e assicurarsi che non vi siano arrossamenti, eruzioni cutanee, desquamazione, retrazione, ulcerazione o altre anomalie.
  • Striscia sopra la vita e mettiti davanti allo specchio. Alza entrambe le mani dietro la testa, presta attenzione alla forma delle ghiandole mammarie. Il torace non dovrebbe avere rigonfiamenti anomali, retrazioni o aree che assomigliano a "buccia d'arancia". Anche il colore della pelle non uniforme è considerato anormale..
  • Sdraiati sulla schiena, metti un piccolo rullo sotto la scapola sul lato sinistro. Senti il ​​seno sinistro con la punta delle dita della sinistra e 3-4 falangi della mano destra. Le dita dovrebbero essere vicine al petto, i movimenti dovrebbero essere circolari. Esamina la ghiandola mammaria centimetro per centimetro alla ricerca di grumi. Presta attenzione alle aree che sono dolorose da toccare. Posizionare il rullo sotto la scapola destra ed esaminare la seconda ghiandola mammaria.

L'autoesame deve essere effettuato una volta al mese il 7-10 ° giorno dall'inizio delle mestruazioni. Se le mestruazioni sono irregolari o assenti a causa della menopausa, dell'allattamento o della gravidanza, la procedura può essere eseguita in qualsiasi momento quando non c'è congestione delle ghiandole mammarie.

Norma, stato borderline, patologia

Per una donna sana, è considerato normale se:

  • l'area del capezzolo e dell'areola si gonfia;
  • ghiandole mammarie gonfie;
  • le sensazioni tattili sono accentuate.

Se la testa fa male, lo stomaco, le ghiandole mammarie stanno tirando, gonfie e doloranti a tal punto che il tuo reggiseno preferito fa male, la temperatura corporea sale a numeri subfebrili, gli sbalzi d'umore trasformano una ragazza calma in una cagna, e questo si ripete di mese in mese - hai la sindrome premestruale... Questo dolore di solito diminuisce con l'inizio delle mestruazioni..

La sindrome da tensione premestruale è una condizione patologica che richiede correzione. Sfortunatamente, al posto dei nutrienti (vitamine, minerali), della dieta, della corretta selezione della biancheria e degli impacchi per alleviare la zona del seno, le donne assumono antidolorifici.

La sindrome premestruale è diventata una sindrome così comune da essere vista come una condizione borderline piuttosto che come cambiamenti patologici..

Un altro motivo per cui una o due settimane prima delle mestruazioni è molto doloroso e il petto è pieno, è la mastopatia. Allo stesso tempo, sia l'intera ghiandola può gonfiarsi, diventare densa (pietra), o entrambe le cose. A volte nei tessuti ghiandolari vengono palpate formazioni mobili arrotondate, a volte se il nodo è singolo e una donna piccola non può sentirlo. Il dolore al petto può irradiarsi al braccio, simulare la patologia cardiaca.

Come ridurre la tenerezza del seno?

Il petto può ferire in modi diversi. Di solito, prima delle mestruazioni, si osserva gonfiore delle ghiandole mammarie, aumenta la sensibilità dei capezzoli. Ad alcune donne piace anche. Se i sintomi sono pronunciati e causano disagio, dovresti prestare attenzione ai seguenti suggerimenti:

  • Scegli un reggiseno che sia comodo. Un reggiseno della misura giusta può aiutare a ridurre al minimo il disagio. La preferenza dovrebbe essere data ai modelli di tipo sportivo, senza buche e cuciture. Il tessuto adiacente al petto deve essere naturale. Il reggiseno dovrebbe tenere saldamente il seno, ma non strofinare o spremere il seno.
  • Regola l'assunzione di liquidi, bevi diuretici, tè verde. Se, prima delle mestruazioni, il petto non solo fa male, ma si gonfia anche, dovresti prestare attenzione al bere. Non dovresti bere più di 1,5 litri di acqua al giorno. Inoltre, si consiglia di bere tè verde, brodo di rosa canina, seta di mais. Il consumo di caffè e alcol dovrebbe essere eliminato o ridotto al minimo.
  • Controlla la tua dieta. Per rendere il seno meno sensibile, dovresti aumentare il consumo di verdura, frutta, latticini fermentati, pesce, cereali. Non è consigliabile mangiare molti dolci, prodotti da forno, carne, bere latte, birra.
  • Dormire a sufficienza. Durante il sonno, il corpo viene ripristinato, i livelli ormonali sono regolati. Con la privazione cronica del sonno, tutto accade esattamente l'opposto, le difese si esauriscono, gli ormoni dello stress iniziano a essere rilasciati nel sangue, così come la prolattina, che può causare tenerezza al seno e secrezione dai capezzoli. È necessario dormire almeno 8 ore, mentre si consiglia di andare a letto entro e non oltre le 23:00.
  • Non esagerare. Cerca di evitare un'attività fisica intensa. Se il lavoro ti costringe a lavorare sodo, fai delle brevi pause ogni ora. Dalle attività sportive, dai la preferenza al nuoto, alla danza, al ciclismo, alle passeggiate.
  • Evitare lo stress. Cerca di evitare i conflitti, preoccupati meno del domani. Se senti di essere molto irritato, prendi un tè con camomilla e menta, pensa a qualcosa di piacevole, sii distratto.
  • Avere una vita sessuale regolare. La mancanza di sesso o il sesso irregolare influisce in modo significativo sull'equilibrio degli ormoni nel corpo di una donna.
  • Bevi magnesio e vitamina B6. Una carenza di questi nutrienti porta ad un aumento dei sintomi spiacevoli della sindrome premestruale. Prima di prendere le pillole, assicurati di consultare il tuo medico.

Se il tuo petto fa male, puoi bere qualsiasi anestetico (paracetamolo, Analgin, Ketanov), usare un unguento con componenti anestetici (Progestozel, Mastofit, Arnica, Traumeel S). Puoi anche applicare impacchi con olio di canfora, magnesia (solfato di magnesio), miele, foglia di cavolo sul petto dolorante.

Quando vedere un dottore?

Qualsiasi dolore acuto che ti costringe a prendere antidolorifici richiede una visita da un medico. Inoltre, una donna dovrebbe essere allertata dai seguenti sintomi:

  • dolore al petto sullo sfondo dell'assenza o del ritardo delle mestruazioni;
  • qualsiasi secrezione dal capezzolo (purulenta, trasparente, colostro, sanguinante);
  • aumento del dolore nella ghiandola mammaria;
  • foche;
  • aumento della temperatura corporea;
  • dolore e gonfiore in un solo seno;
  • cambiamento nella forma della ghiandola mammaria, capezzolo;
  • un ciclo mestruale instabile;
  • protuberanze o cavità nella pelle, scolorimento del seno o delle areole.

Se compare uno qualsiasi dei segni, dovresti essere esaminato da un ginecologo o mammologo per escludere lo sviluppo della patologia.

Misure di prevenzione

La migliore prevenzione delle patologie è un esame regolare da parte di un mammologo e ginecologo. Se il tuo petto fa male prima delle mestruazioni a causa della sindrome premestruale, puoi ridurre l'intensità del disagio usando semplici regole:

  1. Attenersi a una dieta durante la seconda fase del ciclo. È vietato mangiare cibi salati - è meglio rifiutare il "condimento". Cibi e verdure proteici porteranno benefici. È meglio limitare i grassi animali. Niente alcol, caffeina o fumo.
  2. Indossa un reggiseno comodo che non comprima il seno ma lo sostenga.
  3. Con il permesso del medico, condurre brevi corsi di terapia con OK o fito-integratori per normalizzare il livello di ormoni nel corpo.
  4. Prima dell'inizio delle mestruazioni, bere tè e preparare decotti a base di piante medicinali sedative e antinfiammatorie.
  5. Evita situazioni stressanti e shock nervosi. Camminare all'aperto regolarmente, fare esercizio o fare sport leggeri.
  6. Monitorare il regime di temperatura, evitare correnti d'aria e ipotermia.

Ogni ragazza ha bisogno di sapere quanti giorni prima delle mestruazioni il suo seno si gonfia e quali fattori provocano manifestazioni di dolore insolite. È normale se il dolore è un sintomo della sindrome premestruale e si manifesta 1-14 giorni prima del ciclo.

Le patologie in cui il seno è molto dolorante prima delle mestruazioni includono malattie ovariche, cambiamenti nei livelli ormonali, disturbi ginecologici.

Se gli spasmi sono acuti, non sono stati precedentemente osservati, non vanno via dopo la dimissione, sono accompagnati da febbre o compattazione dei tessuti, è necessaria una visita urgente da un medico.

Diagnostica e trattamento

Per scoprire in modo affidabile perché due settimane prima delle mestruazioni, il petto fa male, una donna dovrebbe essere esaminata. Ricerche e analisi necessarie:

  • Ultrasuoni delle ghiandole mammarie nei primi giorni del ciclo mestruale;
  • mammografia (radiografia del seno);
  • analisi per ormoni estradiolo, progesterone, prolattina, nonché ormone stimolante la tiroide, tiroxina, triiodotironina, glucocorticoidi, insulina, lattogeno placentare secondo le indicazioni;
  • biopsia ed esame istologico del tessuto in presenza di un sigillo.

Solo dopo la diagnosi, alla donna verrà prescritto un trattamento. Ogni caso è individuale e non esiste un unico schema terapeutico. Quindi, per i dolori al petto dovuti alla disfunzione degli organi produttori di ormoni, a una donna vengono prescritti farmaci ormonali, vitamine, iodio, magnesio e altri integratori alimentari. Se i sintomi sono causati da un'infezione, vengono utilizzati farmaci antibatterici e antinfiammatori.

In alcuni casi, purtroppo, non puoi fare a meno dell'aiuto di un chirurgo. La chirurgia è necessaria se si riscontrano grandi cisti o tumori maligni nelle ghiandole mammarie. Nelle fasi iniziali dello sviluppo della mastopatia fibrocistica, i medici raccomandano a una donna di rimanere incinta. Un aumento naturale dei livelli di progesterone durante la gravidanza ha un effetto benefico sul decorso della malattia e porta anche a una cura completa..

Se una donna sospetta che la tenerezza del seno sia causata dalla gravidanza, è importante escludere l'attaccamento fetale ectopico. Dopo che il test di gravidanza mostra 2 strisce, dovresti visitare il medico, fare un esame del sangue per il livello di hCG e sottoporsi a un'ecografia.

Il corpo di ogni donna è diverso. Per alcuni, le fluttuazioni degli ormoni durante il ciclo mestruale passano completamente inosservate e non influenzano in alcun modo il seno. Tuttavia, la maggior parte delle donne, specialmente quelle con un seno di dimensioni impressionanti, nota il gonfiore delle ghiandole mammarie e un aumento della sensibilità dei capezzoli con l'inizio del periodo di ovulazione. Tali sintomi possono avere spiegazioni sia fisiologiche che patologiche. Per stabilire la causa esatta del dolore, dovresti consultare un mammologo. A scopo preventivo, questo specialista deve essere visitato una volta all'anno e dopo 40 anni si consiglia di eseguire anche mammografia e test ormonali ogni anno..

Per non perdere di vista i noduli al petto come segno di una neoplasia, è necessario condurre un esame indipendente su base mensile. Se il mammologo ha confermato la presenza di mastopatia, prima di tutto è necessario riconsiderare le proprie abitudini gustative e passare a una dieta appropriata:

  1. Elimina l'alcol.
  2. Riduci al minimo l'assunzione di tè, caffè, cola, cioccolato e altri cibi contenenti caffeina, soprattutto nella seconda metà del ciclo.
  3. Bere almeno due litri di acqua al giorno.
  4. Arricchire la dieta con prodotti a base di latte fermentato, frutta e verdura fresca per migliorare la motilità intestinale, ridurre la quantità di farina, pasta, semola per evitare la stitichezza
  5. Elimina grassi e fritti, poiché influisce negativamente sul fegato, che è coinvolto nella rimozione degli ormoni dal corpo.

Le donne con mastopatia dovrebbero prestare particolare attenzione alla loro biancheria intima, si consiglia di escludere di indossare reggiseni tipo corsetto, preferendo modelli più morbidi senza ferretto. Nella seconda metà del ciclo, quando il seno si gonfia, un reggiseno morbido e confortevole aiuterà a ridurre il disagio..

Disturbi ormonali nel corpo

L'ingorgo delle ghiandole mammarie prima delle mestruazioni è un segno di cambiamenti ormonali. Ciò è particolarmente pronunciato nell'adolescenza, quando si verifica la pubertà..

Le sensazioni spiacevoli al petto possono infastidire le ragazze per molto tempo. E poiché un ciclo regolare non è stato ancora stabilito durante la pubertà, il disagio non apparirà necessariamente solo prima delle mestruazioni. Spesso questo tipo di dolore preoccupa i giovani..

Perché il mio petto fa male una o due settimane prima delle mestruazioni?

È importante sapere! Esiste un rimedio efficace per il trattamento dei problemi GINECOLOGICI! Leggi di più…

Le metamorfosi che si verificano nel seno nella seconda fase del ciclo mestruale, cioè dopo l'ovulazione, sono associate alla funzione principale della femmina: allattare il bambino. Dopo la maturazione dell'uovo, iniziano i cambiamenti ormonali nel sistema riproduttivo femminile, finalizzati alla preparazione per la gravidanza. Il fatto che il torace faccia male 2 settimane prima delle mestruazioni può essere una conseguenza della crescita del tessuto mammario, che dipende direttamente dall'influenza dell'ormone estrogeno prodotto dalle ovaie in grandi quantità prima e durante l'ovulazione e dall'ormone progesterone, che influisce sulla dimensione dei lobuli del seno.

L'ormone prolattina, fortemente secreto dalla ghiandola pituitaria durante questo periodo, stimola anche un aumento del numero di lobuli e dotti delle ghiandole e aumenta la maturazione e la secrezione del colostro. Pertanto, in alcune donne, le ghiandole mammarie fanno male pochi giorni prima delle mestruazioni e una goccia di liquido trasparente o biancastro può fuoriuscire dal seno quando si preme sul capezzolo, che è una variante normale, ma richiede la supervisione di un mammologo. Questi cambiamenti nella ghiandola mammaria non dovrebbero causare disagio significativo o dolore intenso. Ci può essere solo un aumento della sensibilità, gonfiore e tensione al petto, un leggero aumento o una sensazione di pienezza. In questo caso, è considerata la norma quando le sensazioni in entrambi i seni sono le stesse. Dopo l'inizio delle mestruazioni, il disagio e la tensione scompaiono a causa di un calo dei livelli ormonali.

Possono essere associati salti nei livelli ormonali, aumento della sensibilità neuropsicologica di una donna, stress fisico nella sindrome premestruale (PMS) e dolore toracico. Irritazione irragionevole, affaticamento può essere combinato non solo con disagio e dolore al petto, ma anche con dolore doloroso e tirante nell'addome inferiore. Tali sintomi sono particolarmente pronunciati 2-3 giorni prima dell'inizio delle mestruazioni. Se il torace fa male 10 giorni prima delle mestruazioni, due settimane dopo, le mestruazioni non si verificano e il torace fa male e continua a far male, possiamo presumere l'inizio della gravidanza. Quando, dopo una settimana dall'inizio delle presunte mestruazioni, un aumento della temperatura si unisce a nausea e vomito, non è esclusa una gravidanza extrauterina.

  • Un modo semplice per OTTENERE INCINTA! Questo è quello che hanno fatto i nostri antenati... Annotare la ricetta. Questo rimedio popolare dovrebbe essere bevuto al mattino per 1... Leggi l'articolo completo >>

Se una donna ha notato cambiamenti nel suo seno che differiscono da quelli che si verificano normalmente ogni mese, o se prova dolore quando la tocca, dovrebbe esaminare attentamente e sentire il suo seno. In caso di dubbio, è imperativo sottoporsi a un esame da un ginecologo o mammologo, poiché la sindrome del dolore associata a una certa fase del ciclo mestruale può indicare lo sviluppo di patologia:

  1. La mastopatia fibrocistica spesso deriva da disturbi ormonali nel corpo e malattie ginecologiche. Il fattore ereditario gioca anche un ruolo nello sviluppo della patologia. La mastopatia si dichiara con dolore al petto e si verifica anche nelle ragazze giovani e nelle donne di età superiore ai 30 anni questa patologia si sviluppa abbastanza spesso. La mastopatia fibrocistica è caratterizzata da piccoli sigilli di natura benigna o piccole formazioni all'interno del seno. Il dolore al seno di solito aumenta 5-7 giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e la secrezione dai capezzoli è possibile: giallastra o biancastra. Un'ecografia delle ghiandole mammarie aiuterà a identificare i cambiamenti in esse nel tempo e prevenire il rischio di complicanze (tumori maligni). La presenza di una tale patologia come la mastopatia implica in futuro un monitoraggio costante da parte di un mammologo.
  2. I disturbi ormonali associati al lavoro del sistema endocrino possono causare dolore al petto. In questo caso, il dolore è combinato con altri segni di malattie come il diabete mellito e la disfunzione surrenale. Si raccomanda la consultazione con un endocrinologo curante.
  3. I processi infiammatori nei genitali possono essere accompagnati da dolore alle ghiandole mammarie, specialmente durante il periodo premestruale. Pertanto, insieme a un'ecografia delle ghiandole mammarie, è obbligatoria un'ecografia delle ovaie e dell'utero.
  4. Il galattocele è una cisti grassa che può manifestarsi durante o dopo il periodo di allattamento. Il dolore in presenza di una tale cisti si verifica durante il sondaggio, ha un carattere di trazione e contrazione e si intensifica alcuni giorni o una settimana prima delle mestruazioni. Con uno sfondo ormonale disturbato, la patologia progredisce.

Per il trattamento e la prevenzione dei problemi del ciclo mestruale (amenorrea, dismenorrea, menorragia, opsomenorrea, ecc.) E della disbiosi vaginale, i nostri lettori utilizzano con successo il semplice consiglio del capo ginecologo Leila Adamova. Dopo aver studiato attentamente questo metodo, abbiamo deciso di proporlo alla vostra attenzione..

Aborti, forme avanzate di irregolarità mestruali, uso incontrollato e prolungato di contraccettivi orali, rifiuto dell'allattamento al seno, sesso promiscuo, abuso di alcol e fumo, nonché una dieta inadeguata o squilibrata aumentano il rischio di sviluppare alterazioni patologiche non solo nel seno femminile, ma anche in l'intero sistema riproduttivo.

L'esame tempestivo ti consente di limitarti al trattamento farmacologico dei suddetti disturbi. La terapia ormonale, i farmaci contenenti magnesio, gli impacchi terapeutici, i preparati a base di erbe, nonché gli agenti antinfiammatori e antibatterici per il trattamento delle cause che hanno provocato la patologia sono efficaci, ma sono prescritti rigorosamente su base individuale. L'automedicazione è inaccettabile in qualsiasi fase dei disturbi identificati perché può aggravare la situazione. Quindi, l'apparentemente innocuo preparato omeopatico a base di erbe Mastodinon può aiutare in una donna a promuovere il riassorbimento di piccole formazioni fibrocistiche, in un'altra per aiutare nel trattamento dell'infertilità causata da insufficienza del corpo luteo, e in un terzo per provocare la fusione di 2 piccole cisti situate nel petto, in 1 cisti. Pertanto, non dovresti sperimentare con la tua salute..

Se sospetti disturbi più gravi nelle ghiandole mammarie (mastiti, tumori) e nel torace, vengono effettuati ulteriori studi: mammografia, esami del sangue biochimici, analisi della secrezione del capezzolo, biopsia e tomografia computerizzata.

Una donna che ha un seno sufficientemente sviluppato o grande ha bisogno di prendersi cura della sua salute del seno più di altre. Nonostante oltre il 60% delle donne che hanno raggiunto i 35-40 anni si sottoponga a mastopatia, è possibile ridurre la probabilità della malattia osservando determinate regole. È necessario limitare il consumo eccessivo di caffè, cibi salati e grassi animali; utilizzare un comodo reggiseno realizzato con materiali naturali con spalline regolabili; evitare situazioni stressanti e ipotermia del corpo; correggere tempestivamente eventuali violazioni nel sistema riproduttivo femminile; condurre uno stile di vita attivo senza uno sforzo fisico eccessivo.

Perché si verifica la mastopatia?

Come già accennato, il dolore al petto prima delle mestruazioni, il gonfiore irregolare e grave delle ghiandole mammarie può essere un segno di mastopatia. Le cause di questa malattia sono di diversa natura:

  • eredità;
  • cattive abitudini (alcol, fumo);
  • lesioni fisiche o gravi lividi al petto;
  • malattia del fegato;
  • carenza di iodio e, di conseguenza, malfunzionamento della ghiandola tiroidea;
  • processi infiammatori nella piccola pelvi;
  • allattamento al seno a breve termine (meno di 5 mesi) o assenza del bambino;
  • assenza di figli;
  • uso irrazionale di contraccettivi orali (senza la raccomandazione di un medico);
  • stress e forte stress psicologico;
  • storia dell'aborto.

La presenza di diversi fattori aumenta il rischio di mastopatia..

Consultazione del ginecologo


Ad un appuntamento con un ginecologo, vengono trovate varie informazioni per una diagnosi accurata
Se le ghiandole mammarie fanno male prima delle mestruazioni e questo è allarmante, ad esempio, se una donna ha più di 35 anni o è in menopausa, questo dovrebbe essere allarmante. È durante questi periodi che si riscontrano la maggior parte dei problemi con le ghiandole mammarie. L'ispezione e la consultazione non faranno male. Soprattutto se c'è una ragione per questo:

  • Predisposizione ereditaria ai tumori del sistema riproduttivo, confermata dall'esame genetico.
  • Assenza di minori di 35 anni.
  • Storia di aborto o aborto spontaneo.
  • Disturbi della tiroide o del pancreas, tumori surrenali.
  • Prime manifestazioni della menopausa.

Metodi di trattamento

Il trattamento delle malattie del seno è molto spesso un processo complesso, che combina persone e farmaci, fisioterapia e, nei casi gravi, può essere necessario un intervento chirurgico. Per ottenere i risultati più rapidi ed efficaci, è necessario consultare un medico e soddisfare ulteriormente le sue prescrizioni..

Metodi tradizionali

Le infusioni di erbe sedative aiuteranno a ridurre il disagio al petto: motherwort, camomilla, peonia, cinquefoil, celidonia, erba di San Giovanni, spago. È possibile acquistare preparati pronti in farmacia o singole erbe miscelate in proporzioni uguali.

Farmaci

Per ridurre il disagio, vengono utilizzati preparati vitaminici contenenti magnesio, iodio. Il complesso AEVIT ha un buon effetto sulla regolazione del ciclo, che deve essere assunto nell'arco di un mese e mezzo, esclusi i giorni delle mestruazioni..

Un ginecologo o un mammologo può prescrivere Mastodinon per la mastopatia. Il medicinale viene assunto 1 compressa due volte al giorno per almeno 3 mesi. Non è necessario fare pause per i giorni del ciclo.

Tecnica di autoesame

L'autoesame del seno prima delle mestruazioni deve essere eseguito regolarmente per tutte le donne, indipendentemente dalla presenza di sensazioni dolorose. Un nodulo o un nodulo rilevato tempestivamente nella ghiandola mammaria aiuterà a riconoscere la mastopatia o la neoplasia maligna nella fase in cui è possibile sbarazzarsi della malattia.

  1. Alza la mano destra con il gomito in alto e portalo dietro la schiena. Con la mano sinistra, palpare il seno destro, muovendosi in cerchio dalla base al capezzolo. Ripeti con il seno sinistro.
  2. Sdraiato sul letto, metti la mano destra dietro la testa e con la mano sinistra esamina la ghiandola mammaria destra e l'ascella. Ripeti lo stesso sull'altro lato.
  3. Schiaccia il capezzolo tra il pollice e l'indice, cerca lo scarico.

L'autoesame viene eseguito al meglio nella seconda fase del ciclo (7-14 ° giorno), quindi di solito vengono prescritti ecografia e mammografia.

Trucchi del sistema riproduttivo femminile

Dal menarca alla menopausa, la vita di una donna dipende dall'attività ciclica degli ormoni che colpiscono i suoi organi riproduttivi e le ghiandole mammarie:

  • prolattina;
  • progesterone;
  • estrogeni.

Nelle diverse fasi del ciclo mestruale, la quantità di questi ormoni aumenta notevolmente e questo influisce sul benessere della donna. Il picco dei cambiamenti si verifica nel periodo 7-14 giorni prima dell'inizio del sanguinamento mestruale. È durante questo periodo che una donna può sentire:

  • pienezza del seno;
  • aumento della sensibilità dei capezzoli;
  • dolore al petto e fastidio addominale inferiore.

Durante questo periodo, l'estrogeno, che viene prodotto in grandi quantità, stimola il rilascio dell'uovo dal follicolo. Si chiama ovulazione. Lo stesso ormone favorisce la ritenzione di liquidi nei tessuti prima delle mestruazioni, comprese le ghiandole mammarie. Le ghiandole mammarie sono riccamente innervate e hanno una vasta rete di vasi. Compressione meccanica dei vasi sanguigni e provoca dolore.

Ma l'individuo, soprattutto del corpo femminile, è tale che alcune donne non notano affatto i cambiamenti, altre notano un leggero aumento del volume del busto e un aumento della sua sensibilità, in altre il petto risponde con un tale dolore al tatto che è ora di ululare come un lupo. Cosa dovrebbe essere attribuito alla norma, chiedi?

Sintomi di malattie pericolose

Ci sono una serie di segni di gravi malattie del seno che non possono essere ignorati e, in caso di rilevamento, è necessario consultare immediatamente un medico:

  1. Secrezione e suppurazione dal capezzolo purulento o verdastro.
  2. Linfonodi ingrossati sotto le ascelle.
  3. Dolori toracici acuti o doloranti persistenti.
  4. Sensazione di formazioni nelle ghiandole mammarie, indipendentemente dalle loro dimensioni e numero.

Questi segni sono molto probabilmente una patologia. Per non perderli, è necessario condurre un autoesame..

Per mantenere la salute delle ghiandole mammarie, sono necessarie visite regolari dal ginecologo e dal mammologo, palpazione mensile indipendente del seno e mantenimento di uno stile di vita sano.

Perché il petto fa male: 11 motivi innocui e spaventosi

Assicurati di fissare un appuntamento con un medico se il disagio ti dà fastidio per più di due settimane.

Il dolore alle ghiandole mammarie (entrambe o una, non importa) si chiama mastalgia. Ed è familiare al 70% delle donne con dolore al seno. Tuttavia, i medici insistono: il disagio parla sempre di una deviazione dalla norma, a volte innocua e talvolta pericolosa.

Ma solo il 15% delle donne con dolore al petto ha davvero bisogno di un trattamento serio..

Tuttavia, è importante assicurarsi di non cadere in quelle percentuali sfortunate. Cerca i tuoi sintomi nell'elenco delle cause principali perché mi fa male il seno? mastalgia.

1. PMS o ovulazione

Durante l'ovulazione o prima del ciclo, il seno potrebbe gonfiarsi e ferire. Questo è normale, è così che funzionano gli ormoni. È vero, come nel caso delle mestruazioni, dovresti stare attento: il dolore ciclico non dovrebbe essere grave. Se il disagio non ti consente di dimenticarti di te stesso, consulta il tuo ginecologo il prima possibile.

Esistono diversi modi per riconoscere il dolore ciclico normale:

  • entrambi i seni fanno male, principalmente nella parte superiore e centrale (a livello dei capezzoli);
  • il petto "si riversa": si gonfia, diventa più duro al tatto;
  • a volte il dolore si irradia alle ascelle;
  • le sensazioni dolorose si verificano non prima di 2 settimane prima delle mestruazioni e poi scompaiono;
  • sei in età riproduttiva.

Cosa fare al riguardo

Molto spesso, il disagio con la sindrome premestruale o l'ovulazione è abbastanza tollerabile. Gli analgesici come ibuprofene, paracetamolo o naprossene possono essere assunti per ridurre il dolore..

Se il dolore ti infastidisce ad ogni ciclo ed è già stufo, lamentati con il ginecologo. Il medico può aiutarti a scegliere quale contraccettivo orale è disponibile o, se ne stai già assumendo uno, ad aggiustare il dosaggio.

2. Squilibrio ormonale

Per la mastalgia, due ormoni sono spesso responsabili: estrogeni e progesterone. In diversi periodi della vita, il loro rapporto può cambiare e questo si riverbera con edema e disagio al petto. Molto spesso, lo squilibrio ormonale si verifica durante:

  • pubertà (pubertà);
  • gravidanza (di regola, stiamo parlando del primo trimestre);
  • l'allattamento al seno;
  • menopausa.

Cosa fare al riguardo

Se si verifica un lieve dolore durante uno dei periodi sopra indicati, è generalmente normale. Abbastanza per sopportare il disagio.

Ma sottolineiamo ancora: non devi sopportare forti dolori! Se è presente, vai dal ginecologo.

3. Allattamento

Il flusso del latte provoca spesso tensione e dolore al seno. Se stai allattando e allo stesso tempo osservi che il seno è aumentato di una o due dimensioni e fa male, anche questo è normale..

Cosa fare al riguardo

Niente. Il disagio scomparirà da solo man mano che il tuo seno si abitua alla nuova condizione..

4. Lattostasi

A volte i condotti del latte sono bloccati nelle donne che allattano. Il latte ristagna in loro. Il torace nella zona interessata si gonfia ancora di più, si indurisce (puoi sentire un nodulo elastico sotto la pelle), il dolore si verifica anche con un tocco leggero.

Cosa fare al riguardo

L'opzione migliore è nutrire attivamente il tuo bambino in modo che succhi il latte dal condotto spasmodico. Se ciò non bastasse, prova a massaggiare il liquido dopo aver mangiato. Contatta un consulente per l'allattamento al seno se hai difficoltà.

5. Mastite

Questo è il nome dell'infiammazione della ghiandola mammaria - una o entrambe. Spesso, la lattostasi si trasforma in mastite: il latte stagnante provoca un processo infiammatorio. Questo tipo di mastite è chiamato mastite durante l'allattamento. Ma sono possibili anche opzioni di non allattamento, quando l'infezione penetra nel tessuto mammario attraverso graffi o attraverso il flusso sanguigno..

A proposito, "soffiò il petto" - questo è anche un esempio di mastite. A causa dell'ipotermia, l'immunità locale diminuisce e qualsiasi infezione (ad esempio, microrganismi patogeni che sono entrati nel flusso sanguigno a causa di un raffreddore o, diciamo, di un processo infiammatorio cronico in bocca) attacca facilmente le ghiandole mammarie.

I sintomi della mastite sono evidenti:

  • la temperatura corporea sale a 38 ° C e oltre;
  • il petto si gonfia, diventa "pietra", ogni tocco provoca un dolore acuto;
  • la pelle del petto è calda al tatto;
  • si verificano debolezza, vertigini, affaticamento.

Cosa fare al riguardo

Corri dal dottore - terapista o ginecologo! La mastite non è solo estremamente dolorosa, ma anche una malattia mortale, poiché può causare avvelenamento del sangue.

Nelle fasi iniziali, la mastite può essere trattata con antibiotici Trattamento della mastite infettiva durante l'allattamento: antibiotici rispetto alla somministrazione orale di lattobacilli isolati dal latte materno. Ma se la malattia è leggermente iniziata, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico, fino alla rimozione del seno interessato.

6. Cambiamenti fibrocistici

Con questa violazione, il petto diventa gonfio e morbido allo stesso tempo. In esso, puoi brancolare per aree fibrose dure (tessuto cicatriziale, simile a cicatrici interne) e cisti (sacche elastiche piene di liquido). Si presume che lo sviluppo di cambiamenti fibrocistici possa essere associato a uno sfondo ormonale e all'età individuali..

Cosa fare al riguardo

Consulta un medico per una diagnosi. Se stiamo davvero parlando di cambiamenti fibrocistici, il trattamento di solito non viene eseguito, poiché la condizione è considerata innocua. Il dolore (se presente) può essere alleviato con antidolorifici da banco come il paracetamolo o l'ibuprofene.

7. Assunzione di alcuni farmaci

La mastalgia può essere un effetto collaterale di alcuni farmaci. Per esempio:

  • contraccettivi ormonali orali;
  • farmaci usati nelle donne in postmenopausa;
  • antidepressivi, in particolare inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina;
  • mezzi per il trattamento dell'infertilità;
  • diuretici;
  • antipsicotici.

Cosa fare al riguardo

Se stai assumendo farmaci, parla con il tuo medico se possono causare la mastalgia. Se sì, pensa a come puoi sostituire il farmaco.

8. Lesioni

Dopo aver colpito o schiacciato, il petto ti farà male. Può durare anche diversi giorni..

Cosa fare al riguardo

Se la lesione è stata lieve e non ha causato segni visibili (come lividi o gonfiore), lasciare che il seno guarisca. Prendi degli analgesici da banco per gestire il dolore.

In futuro, cerca di proteggere il torace dalle lesioni: il tessuto ghiandolare si trasforma facilmente in tessuto fibroso all'impatto, compaiono noduli e cisti.

Se la lesione ha conseguenze visibili, per ogni evenienza, contatta il tuo ginecologo.

9. Reggiseno che calza male

La biancheria intima troppo stretta stringe il petto, causando congestione del sangue e dolore. In alternativa, hai un seno grande e il tuo reggiseno è troppo largo. Questo allunga il tessuto mammario, che di nuovo provoca dolore..

Cosa fare al riguardo

Prendi la taglia di reggiseno giusta. Come fare questo, Lifehacker ha scritto in dettaglio qui.

10. Dolore riflesso

Ti sembra solo che ti faccia male il petto. In effetti, il dolore proviene da un altro organo o tessuto. Un classico esempio: eri troppo attivo in palestra - tirando su o, diciamo, esercitandoti su un vogatore - e hai allungato eccessivamente il muscolo pettorale maggiore, che si trova sotto il seno. Di conseguenza, il muscolo fa male, ma sembra che il petto sia dolorante.

I sintomi della mastalgia possono includere angina pectoris, calcoli biliari, costocondrite (infiammazione della cartilagine che collega le costole e lo sterno) e alcune altre malattie.

Cosa fare al riguardo

Se esiste la possibilità che la mastalgia sia associata a sovraccarico muscolare, attendere un paio di giorni: il dolore andrà via da solo.

Se non funziona e hai letto attentamente il nostro elenco di motivi, ma non hai ancora trovato il tuo, consulta un ginecologo per escludere altre malattie.

11. Fibroadenoma o cancro al seno

In entrambi i casi si tratta di tumori: il fibroadenoma è benigno, il cancro è maligno e mortale. Nelle fasi iniziali, è difficile riconoscere queste malattie, ma è possibile: si fanno sentire principalmente in un nodulo che si sente in un seno.

Altri sintomi graduali:

  • dolore o fastidio di origine sconosciuta che non scompare entro due settimane;
  • qualsiasi scarico dal capezzolo - trasparente, sanguinante, purulento;
  • cambiamenti nel colore e nella forma del capezzolo: può "fallire" o, al contrario, diventare troppo convesso;
  • cambiamenti nella struttura della pelle sul seno colpito: diventa come una buccia di limone.

Cosa fare al riguardo

Non aspettare che i sintomi peggiorino. Se avverti fastidio al torace per più di due settimane o senti un nodulo in una delle ghiandole mammarie, contatta immediatamente il tuo ginecologo o mammologo. Il medico ti esaminerà e forse ti invierà un rinvio per una serie di test. Sulla base dei loro risultati, verrà effettuata una diagnosi accurata e verrà prescritto un trattamento..

E vi ricordiamo: per non dare scampo all'oncologia, almeno 1-2 volte all'anno sottoporsi a visita da un mammologo.