Dolore ovarico: cause, sintomi, diagnosi, trattamento

Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Il dolore ovarico è una delle lamentele più comuni che le donne sentono da un ginecologo. Questo sintomo può essere un segno di molte malattie dell'area genitale..

Spesso, il dolore all'ovaio può essere percepito da una donna come dolore nella regione sovrapubica, dolore nell'addome inferiore, nel lato, nella parte bassa della schiena.

Cause

Dolore ovarico associato al ciclo mestruale

Dolore alle ovaie prima delle mestruazioni (dopo l'ovulazione)

Questa è una sindrome abbastanza comune. Dopo la successiva mestruazione, al posto dell'uovo nell'ovaio dovrebbe formarsi un cosiddetto corpo luteo, un piccolo gruppo di cellule che producono l'ormone progesterone. Se il corpo luteo non è formato a sufficienza e il progesterone viene rilasciato in quantità insufficiente, si verifica un parziale distacco della mucosa uterina. Di conseguenza, c'è dolore alle ovaie prima delle mestruazioni..

Per una tale manifestazione di sindrome ovulatoria, i seguenti sintomi sono caratteristici:
1. Ci sono dolori alternati che insorgono nell'ovaia destra o sinistra, cioè nel luogo in cui si è verificata l'ovulazione.
2. Allo stesso tempo, le perdite vaginali si verificano più spesso..

Nonostante si tratti di una condizione innocua, che non è accompagnata da nient'altro che dolore, è necessario visitare un medico per escludere patologie più gravi.

La sindrome del dolore prima delle mestruazioni può essere considerata come dolore alle ovaie dopo l'ovulazione. Allo stesso tempo, le sensazioni di dolore disturbano nella seconda metà del ciclo, dopo 14-15 giorni.

. durante l'ovulazione (a metà del ciclo mensile)

Anche il dolore alle ovaie durante l'ovulazione rientra nel quadro della sindrome ovulatoria. L'inizio del dolore è associato al fatto che quando l'uovo lascia l'ovaio, si verifica la sua lacrima microscopica e si verifica una leggera emorragia nella cavità addominale. Il sangue irrita il peritoneo ricco di terminazioni nervose, provocando dolore. Di solito, il dolore ovarico durante l'ovulazione è accompagnato dai seguenti sintomi:

  • Il dolore si verifica a metà del ciclo mensile. È facile da calcolare. Ad esempio, se l'intero ciclo dura 30 giorni, la sindrome del dolore viene rilevata a circa 14 giorni.
  • Nella maggior parte delle donne, allo stesso tempo, c'è una secrezione di macchie dalla vagina..
  • Molto spesso, il dolore è sordo, doloroso, ma può anche essere acuto.
  • Durata della sindrome del dolore - da alcuni minuti a diverse ore.
  • Si notano sensazioni dolorose sul lato in cui l'ovulo matura e lascia l'ovaio. Disturbano alternativamente la donna da destra, poi da sinistra..

Se il dolore all'ovaio è molto grave, dà fastidio per più di 12 ore ed è accompagnato da un aumento della temperatura corporea, quindi è urgente consultare un medico.

Un forte dolore acuto all'ovaio durante l'ovulazione può indicare la sua rottura. Questa condizione minaccia lo sviluppo di sanguinamento nella cavità addominale e nella peritonite, un grave processo infiammatorio del peritoneo. È necessaria una procedura chirurgica urgente per ripristinare l'integrità dell'ovaio.

. con le mestruazioni

Durante le mestruazioni, le ovaie stesse non fanno male. Ciò che le donne descrivono all'appuntamento di un ginecologo come dolore alle ovaie durante le mestruazioni è molto spesso in realtà dolore nell'utero. Il fatto è che in questo momento la mucosa dell'utero viene rifiutata, a meno che, ovviamente, non si verifichi una gravidanza. L'utero deve sbarazzarsi di questo contenuto indesiderato, quindi inizia a contrarsi. Se le contrazioni sono abbastanza forti, appare il dolore. Possono essere così forti da interrompere le prestazioni e la qualità della vita di una donna..

Il dolore alle ovaie stesse durante le mestruazioni può essere causato dalla presenza di cisti in esse, stress e sovraccarico psico-emotivo.

. dopo le mestruazioni

Dolore ovarico durante e dopo il sesso

Dolore ovarico dopo l'intervento chirurgico

Puntura ovarica

Il dolore è normale dopo la puntura ovarica. Di solito, una donna ha il seguente complesso di sintomi:

  • dolore alle ovaie di un carattere tirante e dolorante;
  • piccole perdite vaginali;
  • gonfiore.

Questi segni sono associati al fatto che, in primo luogo, un'iniezione nell'ovaio è, sebbene piccola, ma comunque una lesione. In secondo luogo, si forma una ferita sanguinante puntata, a causa della quale il peritoneo è irritato nell'area di intervento. Di norma, la sindrome del dolore dà fastidio per 5-7 giorni, dopodiché scompare completamente. Se è molto forte, non va via per molto tempo, c'è un aumento della temperatura corporea - dovresti consultare un medico.

Il trattamento del dolore all'ovaio dopo una puntura consiste nell'uso di antidolorifici, antispastici.

Rimozione di cisti ovariche e altri interventi chirurgici agli organi

Dolore ovarico durante la gravidanza

È opinione diffusa tra le donne che il dolore ovarico sia uno dei segni della gravidanza. Tuttavia, le statistiche mostrano che il dolore nell'area ovarica durante la gravidanza è raramente associato alle ovaie stesse. In primo luogo, l'utero gravido aumenta notevolmente di dimensioni, quindi le ovaie, insieme alle tube di Falloppio, salgono molto più in alto rispetto alla loro posizione abituale..

Di solito il dolore ovarico durante la gravidanza è causato da uno stiramento eccessivo dei legamenti che supportano l'utero, le ovaie e le tube di Falloppio. Cominciano a sperimentare un aumento dello stress, la tensione appare in loro. Questo sintomo può essere affrontato con successo con una dieta equilibrata, regime di lavoro e riposo, ginnastica e yoga per donne incinte, esercizi di respirazione.

In secondo luogo, qualsiasi ginecologo sa che con l'inizio della gravidanza, la funzione delle ovaie è quasi completamente disattivata. Pertanto, il dolore in loro non può sorgere.

Tutto quanto sopra si applica a tali condizioni quando il dolore nell'area ovarica è apparso durante la gravidanza per la prima volta.

È una questione completamente diversa se le sensazioni dolorose si sono verificate prima della gravidanza e durante essa si sono ripresentate o si sono intensificate. Una donna incinta può sviluppare malattie infiammatorie, cisti, tumori ovarici.

È meglio prevenire il dolore ovarico durante la gravidanza in anticipo, cioè sottoporsi a un esame e un ciclo di trattamento se viene rilevata una malattia. Se il dolore alle ovaie è apparso già durante la gravidanza, è necessario visitare un ginecologo il prima possibile.
In caso contrario, sono possibili complicazioni come interruzione della gravidanza, ipossia fetale, distacco della placenta, ecc..

Annessite (salpingo-ooforite)

L'infiammazione ovarica è chiamata ooforite. Se la tuba di Falloppio si infiamma allo stesso tempo, questa condizione è chiamata salpingo-ooforite. In ogni caso, si manifesta con un forte dolore acuto alle ovaie e altri sintomi caratteristici:

  • Il dolore alle ovaie con infiammazione è abbastanza forte, si manifesta sotto forma di convulsioni o infastidisce costantemente il paziente.
  • Il dolore alle ovaie e alla parte bassa della schiena è comune; può anche irradiarsi all'osso sacro.
  • Alcune donne hanno dolore alle ovaie durante la minzione.
  • Con la transizione della malattia in una forma cronica, il dolore diventa sordo, doloroso.
  • La temperatura corporea sale a 37-38 o С.La donna avverte brividi, malessere generale, appare un aumento della stanchezza.
  • Varie violazioni del ciclo mestruale sono molto caratteristiche. Le mestruazioni iniziano a venire irregolarmente a causa del fatto che il processo infiammatorio contribuisce a una diminuzione della produzione di ormoni sessuali femminili.
  • Il dolore con l'infiammazione delle ovaie è quasi sempre accompagnato da una violazione del background emotivo in una donna: diventa più irascibile, irritabile, facilmente depressa.
  • Diminuzione del desiderio sessuale a causa della diminuzione della produzione di ormoni sessuali femminili.

La sindrome del dolore è provocata da raffreddori e altre infezioni, ipotermia, stress, diminuzione dell'immunità.

La causa del dolore acuto alle ovaie causato dal processo infiammatorio viene stabilita durante l'esame da un ginecologo, un'ecografia. In un processo acuto, il trattamento conservativo di solito dura 5-7 giorni. Con l'infiammazione cronica, dura più a lungo.
Maggiori informazioni sull'annessite

Dolore alla cisti ovarica

Torsione delle gambe della cisti

Policistico

A volte la malattia dell'ovaio policistico viene confusa con le cisti regolari. In realtà, si tratta di due diverse malattie, ognuna delle quali è accompagnata da propri sintomi..

La malattia dell'ovaio policistico è una patologia endocrina che colpisce molte ghiandole endocrine. Come risultato di disturbi endocrini nel tessuto ovarico, si formano molte piccole cisti e compaiono sintomi caratteristici:
1. Trazioni croniche, dolore doloroso alle ovaie, all'addome inferiore e alla regione lombare. L'origine esatta della sindrome del dolore non è attualmente chiaramente stabilita. Si ritiene che le ovaie ingrandite schiaccino gli organi adiacenti.
2. Violazioni delle mestruazioni. Il dolore alle ovaie con la loro malattia policistica è combinato con rare mestruazioni irregolari. A volte i periodi possono essere eccessivamente pesanti e prolungati o del tutto assenti..
3. Alcune donne sviluppano segni tipici della sindrome premestruale. Ci sono forti sbalzi d'umore, comparsa di edema alle gambe, ingorgo delle ghiandole mammarie, dolore nella parte inferiore dell'addome.
4. I disturbi endocrini portano allo sviluppo dell'infertilità. Con rapporti sessuali regolari non protetti, il concepimento non è possibile.
5. Segni generali di disfunzione delle ghiandole endocrine: perdita di capelli, obesità, acne sul viso.
6. Durante l'esame, il medico può rivelare ovaie ingrossate.

Il principale metodo diagnostico utilizzato per identificare le cause del dolore nell'ovaio policistico è l'ecografia. Quando la diagnosi è confermata, viene prescritto un trattamento farmacologico conservativo e, se è inefficace, un intervento chirurgico.
Maggiori informazioni sulla malattia dell'ovaio policistico

Dolori doloranti alle ovaie e al perineo: endometriosi ovarica

L'endometriosi (eterotopia endometrioide) è l'introduzione di frammenti del rivestimento uterino attraverso la tuba di Falloppio nella cavità addominale con il flusso di sangue mestruale, dove crescono e iniziano a sanguinare durante ogni periodo mestruale.

All'inizio, mentre le escrescenze endometrioidi non sono molto grandi, la donna non nota alcun sintomo patologico. Quindi dolori sordi alle ovaie e all'addome inferiore iniziano a darle fastidio, che vengono dati al perineo e al retto. Si intensificano durante le mestruazioni, ma si verificano anche tra di loro..

La maggior parte dei pazienti con endometriosi presenta disturbi mestruali e urinari. Nel tempo, le eterotopie endometrioidi crescono e iniziano a sanguinare ancora di più, si forma un processo adesivo nella cavità pelvica.

Tumori benigni

La medicina moderna conosce un gran numero di tipi di tumori ovarici benigni. Hanno tutti sintomi simili. Il segno principale che inizialmente rende possibile sospettare una patologia è il dolore sordo e doloroso all'ovaio a destra oa sinistra (meno spesso in entrambi).

Tuttavia, il dolore più spesso indica che la neoplasia è abbastanza grande. Nelle fasi iniziali, la patologia non si manifesta in alcun modo.

Quando il tumore diventa così grande da portare a dolore cronico nell'addome inferiore, può comprimere gli organi interni: la vescica, l'utero, il retto. Pertanto, si verificano sintomi come disturbi urinari, aumento delle dimensioni dell'addome. Il dolore ovarico spesso si irradia alla gamba o alla parte bassa della schiena. Non ha nulla a che fare con le mestruazioni, ma piuttosto è causato dallo stiramento della capsula tumorale, dalla compressione e dagli spasmi degli organi interni, dalla ridotta circolazione sanguigna nella piccola pelvi e nella cavità addominale.

L'emergenza di dolore acuto è possibile anche nel caso in cui vi sia una torsione delle gambe del tumore o un danno alla sua capsula.

Altri sintomi che accompagnano i tumori ovarici benigni:

  • violazione delle mestruazioni, a volte fino alla loro completa assenza;
  • ogni quinto paziente con tumori ovarici benigni sviluppa infertilità;
  • la stitichezza è associata alla compressione del retto;
  • con alcuni tipi di neoplasie ovariche benigne, si sviluppa l'ascite - un aumento dell'addome dovuto all'accumulo di una grande quantità di liquido in esso.

La diagnosi del dolore alle ovaie causato da tumori viene effettuata durante la visita medica, l'ecografia, la risonanza magnetica. Il principale metodo di trattamento è la chirurgia.

Tumore maligno

Esistono diversi tipi di tumori ovarici maligni, che sono molto simili nella sintomatologia tra loro e all'adnexite, un processo infiammatorio nelle ovaie.

All'inizio, mentre il tumore maligno è piccolo, non si manifesta in alcun modo. Dopo un po 'di tempo, una donna può iniziare a sentire pesantezza all'addome, aumenta di dimensioni. Ma questi segni, di regola, non attribuiscono importanza, considerandoli manifestazioni di annessite.

Poi c'è un dolore lancinante alle ovaie, che ti infastidisce costantemente o solo in un determinato momento. Anche questo sintomo è molto spesso trascurato..

Nelle fasi successive, c'è un aumento significativo delle dimensioni dell'addome. Il dolore ovarico diventa abbastanza grave. La donna nota debolezza, rapida affaticabilità e cattiva salute. Comincia a perdere peso.

Con il cancro ovarico, c'è sempre una violazione del ciclo mensile..

Se il tumore è abbastanza grande, le funzioni della vescica e del retto sono compromesse.

La diagnosi del dolore doloroso alle ovaie nei tumori maligni viene effettuata mediante ultrasuoni, puntura ovarica e rilevamento di specifici marcatori tumorali nel sangue. Il trattamento prevede chirurgia, chemioterapia, radioterapia e altre tecniche.

Sindrome da iperstimolazione

Tra i metodi di trattamento dell'infertilità femminile, oggi sono ampiamente utilizzati vari farmaci ormonali. Se i loro dosaggi non sono del tutto corretti, la stimolazione eccessiva porta a cambiamenti patologici nelle ovaie e al verificarsi di dolore in esse.

La sindrome da iperstimolazione può essere lieve o grave.

Con una forma lieve, ci sono dolori tiranti alle ovaie, una sensazione di pesantezza e disagio nell'addome inferiore. Una donna si lamenta di gonfiore costante, inizia ad aumentare di peso più velocemente.

Con una forma grave di patologia, il dolore alle ovaie è più pronunciato. La pressione sanguigna diminuisce, la donna nota che ha iniziato a urinare sempre meno. Un aumento significativo dell'addome è dovuto all'accumulo di una grande quantità di liquido in esso. Sono presenti disturbi metabolici marcati.

La diagnosi del dolore alle ovaie di origine simile nella maggior parte dei casi non è difficile. Esiste una connessione tra i sintomi che si sono manifestati con l'assunzione di farmaci ormonali. Durante un'ecografia, il medico scopre molte piccole cisti nelle ovaie. Il trattamento consiste nella sospensione del farmaco.

Torsione delle gambe della cisti e tumori ovarici: dolore grave parossistico

Alcune cisti e tumori si trovano non nel tessuto ovarico, ma sulla sua superficie, attaccandosi ad esso con l'aiuto di una gamba. Se la neoplasia gira attorno al suo asse, la gamba ovarica si attorciglia, il flusso sanguigno viene disturbato. Si verificano i seguenti sintomi:

  • Forte dolore acuto alle ovaie, nell'addome inferiore. Si presentano sotto forma di convulsioni e causano gravi sofferenze alla donna..
  • Il dolore all'ovaio si irradia alla parte bassa della schiena, alla gamba (con danni all'ovaio destro - a destra, con danni a sinistra - a sinistra).
  • Le condizioni generali della donna si stanno deteriorando. Si notano nausea e vomito.
  • Si verifica la stitichezza. Grandi quantità di gas si accumulano nell'intestino, causando gonfiore.
  • Il dolore può essere così forte da provocare shock: la donna diventa pallida, perde conoscenza, la sua pressione sanguigna scende bruscamente.

La torsione delle gambe di una cisti o di un tumore ovarico non si manifesta sempre in modo così chiaro. Può svilupparsi gradualmente. In questo caso, anche l'aumento del dolore e di altri sintomi si prolunga nel tempo..

La diagnosi di dolore acuto all'ovaio a causa della torsione non è difficile. Inoltre, una donna, di regola, è consapevole della presenza di una neoplasia. Questa condizione richiede un intervento chirurgico immediato..

Rottura della cisti ovarica

Nella maggior parte dei casi, una cisti ovarica rotta è una condizione pericolosa per la vita che richiede un intervento chirurgico immediato. Al momento della rottura, appare un forte dolore acuto. Ma il pericolo principale risiede nei sintomi associati allo sviluppo di sanguinamento. La donna diventa pallida, perde conoscenza, la sua pressione sanguigna scende bruscamente.

Per prevenire ulteriori emorragie e salvare la paziente, è necessario portarla in sala operatoria il prima possibile..

Apoplessia ovarica

L'apoplessia ovarica è una condizione in cui un'ovaia sanguina e si rompe. In questo caso, si sviluppa un sanguinamento massiccio nella cavità addominale. Se una donna di età inferiore ai 40 anni ha improvvisamente un forte dolore lancinante alle ovaie e un calo della pressione sanguigna, allora con un alto grado di probabilità si può presumere che abbia un'apoplessia ovarica.

A seconda di quali sintomi dominano, si distinguono due forme di patologia:
1. La forma dolorosa, come suggerisce il nome, è accompagnata da un forte dolore alle ovaie. Allo stesso tempo, c'è pallore, calo della pressione sanguigna, debolezza, ma questi sintomi non sono così pronunciati come il dolore. Questa condizione può essere complicata dallo shock da dolore, in cui una donna perde conoscenza, la sua pressione sanguigna scende notevolmente (principalmente a causa del fatto che il paziente sta vivendo uno shock da dolore e non a causa di sanguinamento).
2. La forma emorragica si manifesta non tanto con il dolore alle ovaie quanto con i sintomi di una massiccia perdita di sangue. Il calo della pressione sanguigna è piuttosto significativo. Si notano pallore, debolezza, pelle secca. Una donna può cadere in uno stato di shock e non è causato dal dolore, ma solo da una forte diminuzione del volume del sangue a causa della perdita di sangue.

Molto spesso, con l'apoplessia, il dolore si verifica nell'ovaia destra, poiché è soggetta a emorragie e rotture in misura maggiore rispetto alla sinistra.
Maggiori informazioni sull'apoplessia ovarica

Interruzione della gravidanza tubarica

Una gravidanza tubarica si verifica quando un uovo fecondato viene introdotto nella mucosa non all'interno dell'utero, ma all'interno della tuba di Falloppio. Di per sé, questa condizione si manifesta poco ed è simile a una normale gravidanza. A volte ci possono essere disturbi delle mestruazioni e dolori di trazione non intensi alle ovaie.

Le principali manifestazioni cliniche si verificano quando inizia l'interruzione di una gravidanza tubarica. Ci sono periodici dolori dolorosi e crampi alle ovaie e secrezione sotto forma di anestesia del sangue. All'inizio, la donna potrebbe non essere disturbata da questi sintomi. Ma nel tempo si intensificano e portano a conseguenze disastrose. Pertanto, se sospetti una gravidanza tubarica, dovresti consultare immediatamente un medico..

Una gravidanza tubarica interrotta

C'è un forte dolore improvviso alle ovaie e alle tube di Falloppio, segni di sanguinamento:

  • pallore;
  • vertigini;
  • perdita di conoscenza;
  • calo della pressione sanguigna;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • sviluppo di uno stato di shock.

Il sangue che scorre dalla tuba di Falloppio entra nella cavità addominale e si accumula nella cavità tra l'utero e il retto. Pertanto, la donna avverte un forte dolore all'ano..

Il dolore all'ovaio causato dall'interruzione di una gravidanza tubarica viene rilevato durante l'esame e l'esame ecografico. È necessario un intervento chirurgico urgente, poiché questa condizione minaccia la vita della donna.

Dolore ovarico causato da patologie di altri organi e sistemi

Quali studi possono prescrivere i medici per il dolore ovarico?

Il dolore alle ovaie può essere provocato da vari fattori e malattie, quindi, in presenza di questo sintomo, il medico può prescrivere vari test ed esami per scoprire il fattore causale che ha causato la sindrome del dolore in una donna. Tuttavia, in ogni caso specifico, il medico non prescrive tutti i test e gli esami possibili, ma seleziona solo quelli necessari per identificare la causa del dolore ovarico al momento. La scelta degli esami necessari in ogni caso viene effettuata a seconda dei sintomi concomitanti, della natura dei dolori e degli eventi che precedono l'insorgenza del dolore alle ovaie, poiché sono questi fattori che consentono al medico di suggerire una diagnosi, per la conferma di quali studi strumentali e di laboratorio vengono eseguiti.

In caso di dolore all'ovaio, il medico esegue senza fallo un esame ginecologico bimanuale e un esame negli specchietti. L'esame bimanuale con le mani consente di sondare i genitali, rivelando neoplasie, infiammazioni, il loro spostamento dalla loro posizione normale, ecc. E l'esame negli specchi consente di valutare le condizioni dei tessuti della vagina e della cervice, identificare l'erosione, sospettare la cervicite, ecc. I dati ottenuti dal medico durante la visita ginecologica e la visita negli specchietti consentono di orientarsi e di suggerire provvisoriamente una diagnosi, e nei casi difficili, almeno di determinare la direzione della ricerca diagnostica. Dopo l'esame, il medico prescrive altri esami che consentono di effettuare una diagnosi accurata, il cui elenco dipende dai sintomi concomitanti, dalla natura del dolore e dagli eventi che precedono l'insorgenza del dolore.

Innanzitutto, va detto che il dolore alle ovaie, combinato con un aumento della temperatura corporea, un forte deterioramento del benessere, un calo della pressione, il pallore della pelle, il sanguinamento, oltre a durare più di 3 o 4 ore e aumentare nel tempo, sono un segno di condizioni potenzialmente letali. pertanto, quando compaiono, è necessario chiamare urgentemente un'ambulanza ed essere ricoverato in ospedale.

Se una donna avverte dolore alle ovaie durante le mestruazioni, durante l'ovulazione o prima delle mestruazioni, questa potrebbe essere una variante della norma e un segno di patologia. In una situazione del genere, per scoprire se il dolore alle ovaie è la norma per una donna in particolare, o se indicano patologia, il medico può prescrivere i seguenti test ed esami:

  • Analisi del sangue generale;
  • Analisi generale delle urine;
  • Coagulogramma;
  • Ecografia degli organi pelvici (iscrizione);
  • Striscio vaginale per flora (iscriviti);
  • Analisi del sangue per l'ormone luteinizzante (LH);
  • Un esame del sangue per l'ormone follicolo-stimolante (FSH);
  • Analisi del sangue per il testosterone;
  • Analisi del sangue, perdite vaginali e raschiamento dall'uretra, infezioni genitali (iscrizione) (per clamidia (iscrizione), micoplasma (iscrizione), gardnerella, ureaplasma (iscrizione), Trichomonas, gonococco, funghi Candida).
In pratica, per il dolore durante l'ovulazione, durante le mestruazioni e prima delle mestruazioni, il medico di solito prescrive un'ecografia degli organi pelvici, uno striscio vaginale sulla flora, un esame generale del sangue e delle urine, che nella maggior parte dei casi consente di capire se il dolore è associato a una malattia o è una caratteristica normale donna specifica. Ma i test per le infezioni e gli ormoni vengono solitamente prescritti solo se il medico sospetta che il dolore alle ovaie durante le mestruazioni, prima delle mestruazioni e durante l'ovulazione sia dovuto a disturbi infiammatori o endocrini.

Se una donna avverte dolore alle ovaie in diversi periodi del ciclo, che sono combinati con varie irregolarità nel ciclo mestruale (ad esempio, mestruazioni irregolari, accorciamento o allungamento del ciclo, mestruazioni troppo abbondanti o scarse, ecc.), Allora il medico prescrive i seguenti esami e test:

  • Analisi del sangue generale;
  • Analisi generale delle urine;
  • Coagulogramma;
  • Striscio vaginale per la flora;
  • Ultrasuoni degli organi pelvici;
  • Isteroscopia (iscrizione);
  • Un esame del sangue per i livelli di cortisolo (idrocortisone);
  • Analisi del sangue per il livello dell'ormone stimolante la tiroide (TSH, tireotropina);
  • Un esame del sangue per il livello di ormone follicolo-stimolante (FSH);
  • Un esame del sangue per il livello di ormone luteinizzante (LH);
  • Analisi del sangue per i livelli di prolattina;
  • Analisi del sangue per i livelli di estradiolo;
  • Analisi del sangue per deidroepiandrosterone solfato (DEA-S04);
  • Analisi del sangue per i livelli di testosterone;
  • Un esame del sangue per il livello di globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG);
  • Analisi del sangue per il livello di 17-OH progesterone (17-OP).
Inoltre, se vi è il sospetto di una malattia della tiroide, il medico può prescrivere anche esami del sangue per tiroxina (T4), triiodotironina (T3), anticorpi contro la perossidasi tiroidea (AT-TPO), anticorpi contro la tirooglobulina (AT-TG).

Se una donna avverte dolore alle ovaie dopo il rapporto o durante il sesso, il medico prescrive i seguenti esami e test:

  • Una macchia sulla flora della vagina;
  • Analisi del sangue, perdite vaginali e raschiamento dall'uretra per infezioni genitali (per clamidia, micoplasma, gardnerella, ureaplasma, Trichomonas, gonococco, funghi Candida);
  • Analisi del sangue generale;
  • Analisi generale delle urine;
  • Colposcopia (iscrizione);
  • Striscio dalla cervice per citologia;
  • Analisi della presenza di virus: herpes virus di tipo 1 e 2, papillomavirus umano, citomegalovirus, virus di Epstein-Barr;
  • Analisi del sangue per la sifilide (registrazione);
  • Ultrasuoni degli organi pelvici;
  • Isteroscopia;
  • Tomografia computerizzata o risonanza magnetica per immagini (iscriviti).
In caso di dolore alle ovaie durante o dopo il sesso, il medico prescrive prima di tutto un'ecografia, uno striscio per flora e colposcopia, nonché un esame del sangue per la sifilide, poiché questi metodi, nella maggior parte dei casi, consentono di identificare la causa della sindrome del dolore e prescrivere un trattamento. Se questi studi non hanno aiutato a identificare la causa del dolore alle ovaie, e ci sono chiaramente cambiamenti infiammatori nello striscio e secondo l'ecografia, il medico può prescrivere test per tutte le infezioni genitali (per clamidia, micoplasma, gardnerella, ureaplasma, Trichomonas, gonococco, funghi Candida), coltura batteriologica delle perdite vaginali per capire quale microrganismo ha innescato l'infiammazione.

Il dolore con infiammazione delle ovaie può essere improvviso, ma grave e parossistico. Inoltre, il dolore con infiammazione delle ovaie può essere sordo e doloroso, manifestarsi dopo ipotermia, stress, carico pesante, ecc. Indipendentemente dalla natura del dolore, può essere combinato con dolore nella parte bassa della schiena, nell'osso sacro e talvolta con dolore durante la minzione, ciclo mestruale irregolare, irascibilità, irritabilità, affaticamento e febbre. In questi casi, i medici prescrivono i seguenti test per scoprire la causa dell'infiammazione:

  • Analisi del sangue generale;
  • Analisi generale delle urine;
  • Una macchia sulla flora della vagina;
  • Analisi del sangue, perdite vaginali e raschiamento dall'uretra per infezioni genitali (per clamidia, micoplasma, gardnerella, ureaplasma, Trichomonas, gonococco, funghi Candida);
  • Analisi della presenza di virus: herpes virus di tipo 1 e 2, papillomavirus umano, citomegalovirus, virus di Epstein-Barr;
  • Analisi del sangue per la sifilide;
  • Cultura batteriologica delle perdite vaginali;
  • Ultrasuoni degli organi pelvici.
Se una donna avverte dolore di natura dolorosa in una sola ovaia e questi dolori non sono combinati con il processo infiammatorio, possono essere provocati da rapporti sessuali ed essere combinati con un breve sanguinamento intermestruale o allungamento del ciclo mestruale, allora questo porta il medico a sospettare che lei abbia cisti ovarica. In questo caso, viene prescritta un'ecografia e uno striscio sulla flora per escludere il processo infiammatorio. Altri studi, di regola, non sono prescritti, poiché un'ecografia convenzionale e un esame ginecologico sono sufficienti per diagnosticare una cisti.

Se una donna ha costantemente un dolore lancinante alle ovaie, che non si attenua nel tempo, combinato con dolore nella parte inferiore dell'addome e nella parte bassa della schiena, rare mestruazioni irregolari, edema alle gambe, ingorgo delle ghiandole mammarie, acne sul viso, perdita di capelli, allora il medico deve prescrivere un'ecografia degli organi piccola pelvi, e inoltre può prescrivere un esame del sangue per il livello di ormoni e non solo genitali, ma anche prodotti da altri organi endocrini.

In presenza di dolori sordi e doloranti nelle ovaie e nell'addome inferiore, che vengono somministrati al perineo e al retto, si intensificano durante le mestruazioni, sono combinati con irregolarità mestruali, il medico prescrive un'ecografia degli organi pelvici, un esame del sangue generale, uno striscio per la flora e esami del sangue per testosterone, ormoni luteinizzanti e ormoni follicolo-stimolanti. In futuro potrà essere prescritta anche la laparoscopia diagnostica (iscrizione), trattandosi di sospetta endometriosi.

Con dolori sordi e doloranti alle ovaie, che non dipendono dal ciclo mestruale, che sono costantemente presenti, non associati al processo infiammatorio, che si irradiano alla gamba e alla parte bassa della schiena, combinati con costipazione, allungamento del ciclo mestruale o amenorrea (assenza di mestruazioni), sanguinamento o sanguinamento, prescrive il medico ecografia obbligatoria degli organi pelvici e tomografia computerizzata, poiché sono questi metodi che possono identificare sospetti tumori benigni o maligni.

Se una donna inizia a provare dolore alle ovaie dopo la stimolazione ormonale, il medico, di regola, non prescrive test ed esami, poiché la causa della sindrome del dolore è ovvia. Tuttavia, per monitorare le condizioni di una donna, è possibile prescrivere un'ecografia, un esame generale del sangue e delle urine, un test biochimico delle urine, ecc..

Se il dolore alle ovaie spesso infastidisce una donna, possibilmente combinato con irregolarità mestruali, ma non combinato con processi infiammatori, allora il medico prescrive un'ecografia (iscrizione), isteroscopia e risonanza magnetica, poiché in questo caso il problema della sindrome del dolore è molto probabilmente dovuto ad anomalie strutturali genitali o il loro spostamento dalla loro posizione normale.

Il dolore alle ovaie dopo le operazioni è normale, ma se non vanno via per molto tempo o addirittura si intensificano, il medico prescriverà sicuramente un'ecografia degli organi pelvici, un esame generale del sangue e delle urine e eseguirà anche un esame ginecologico ed un esame allo specchio.

Trattamento

Quale medico devo contattare per il dolore ovarico?

In caso di dolore alle ovaie di qualsiasi natura, una donna dovrebbe consultare un ginecologo (iscrizione), che è impegnato nella diagnosi e nel trattamento di varie malattie degli organi genitali femminili. Se il dolore alle ovaie si verifica in una ragazza adolescente o giovane, è necessario contattare un ginecologo pediatrico.

Poiché il dolore alle ovaie può essere una manifestazione sia di malattie potenzialmente letali che non pericolose, in alcuni casi è necessario consultare un ginecologo in modo pianificato, in una clinica e in altri - in caso di emergenza, chiamando un'ambulanza o arrivando autonomamente al reparto maternità in servizio casa o reparto ginecologico. Di conseguenza, in modo pianificato, è necessario contattare un ginecologo per malattie non pericolose per la vita e, in caso di emergenza, per pericolose.

Distinguere le malattie ginecologiche pericolose per la vita da quelle non pericolose è abbastanza semplice: le malattie pericolose si manifestano sempre con un forte dolore persistente nell'ovaio, nell'addome inferiore e, possibilmente, nella parte bassa della schiena, combinato con un netto deterioramento del benessere generale, pallore e grave debolezza, e può anche essere combinato con sanguinamento e aumento temperatura corporea. Se una donna ha segni di una pericolosa malattia ginecologica, un'ambulanza dovrebbe essere chiamata urgentemente. In altri casi, devi andare dal ginecologo in modo pianificato in clinica.

In alcuni casi, il dolore alle ovaie non è provocato da malattie ginecologiche, ma in tutti i casi è comunque necessario contattare prima il ginecologo, poiché è il medico di questa specialità che determinerà che il sintomo è provocato da una malattia di un altro organo e indirizzerà la donna allo specialista appropriato. Se il dolore all'ovaio non è causato da una malattia ginecologica, il ginecologo può indirizzare la donna a un chirurgo (iscrizione) (con sospetta appendicite), un nefrologo (iscrizione) o un urologo (iscrizione) (con sospetto di una malattia della vescica) o un proctologo (iscrizione) (con sospetta malattia rettale).

Dolore ovarico: cause e trattamento

Per le donne, tutto ciò che è in qualche modo connesso al sistema riproduttivo e riproduttivo è oggetto di particolare attenzione. Di solito, in caso di forte dolore all'addome inferiore, i medici di emergenza consigliano di consultare un chirurgo o un ginecologo e, se il dolore è acuto, il ricovero per intervento chirurgico non può essere evitato. Se i test e l'esame ecografico non confermano la necessità di un intervento chirurgico, la donna deve assolutamente consultare un ginecologo. La causa più comune di dolore all'addome nelle donne è la malattia ovarica e questo può essere uno dei sintomi dell'infiammazione cronica di un altro organo..

Che cosa causa comunemente il dolore ovarico?

Come determinare esattamente dove fa male e cosa fare se sembra che nell'area dell'ombelico ci sia un "grumo di dolore" di natura indeterminata? Non auto-medicare, anche se il "vicino esperto" sa "tutto" delle malattie ginecologiche. Prendi un antidolorifico leggero e un appuntamento urgente con il ginecologo che ti osserva! Le cause del dolore possono essere completamente innocenti, ma solo un ginecologo può scoprirlo dopo test ed esami appropriati..

Le cause più comuni di dolore pelvico dolorante sono l'ovulazione e i cambiamenti mestruali nelle ovaie e nell'utero. I dolori sono fisiologici, comprensibili e il più delle volte non richiedono cure. La rottura del follicolo quando viene rilasciato un uovo finito può essere molto dolorosa per le donne con una soglia di sensibilità elevata..

Ci sono molte terminazioni nervose nel peritoneo di una persona, che danno un "eco" quando anche una piccola quantità di sangue è irritata. Poiché il rilascio dell'uovo è ciclico, il dolore può essere sentito a destra oa sinistra, possono apparire delle sbavature, il che è anche normale. Devi parlarne con il tuo ginecologo, ma non puoi prendere antidolorifici in modo incontrollabile.

Le donne incinte si lamentano spesso di malessere, indolenzimento nell'addome inferiore, ma ciò non è dovuto alle condizioni delle ovaie, ma alla tensione dei legamenti che supportano l'utero in crescita. Inoltre, durante la gravidanza, le uova non vengono prodotte, quindi non può esserci dolore a causa di ciò. Se una donna incinta mangia bene, riposa molto, cammina e fa ginnastica, non sorgeranno problemi di salute. Tuttavia, se il dolore alle ovaie è preoccupato prima della gravidanza, è meglio che la donna sia sotto la stretta supervisione di un medico per l'intero periodo di gestazione..

Una sensazione dolorosa alle ovaie, che può verificarsi durante e dopo il rapporto, non è un segno di disturbi fisiologici. Ciò è solitamente dovuto a malattie esistenti degli organi genitali, alla presenza di una cisti o di un tumore, aderenze dopo l'intervento chirurgico, sforzo eccessivo dei muscoli vaginali o attività eccessiva del partner. Con dolori frequenti, dovresti contattare il tuo ginecologo, che scoprirà la causa di questa condizione..

Quali sensazioni parlano di pericolo?

Un forte dolore lancinante di natura parossistica nella regione sovrapubica indica una possibile rottura dell'ovaio, che può provocare gravi emorragie nella regione peritoneale, sviluppo istantaneo di peritonite. Per ripristinare l'integrità dell'ovaio, sarà necessario l'intervento di chirurghi.

Solo un ginecologo può determinare quale trattamento è richiesto. Anche nel caso in cui una donna sia a conoscenza della patologia esistente dell'ovaio, la sindrome del dolore attivo può essere il risultato di nuovi cambiamenti. Un aumento della temperatura, una natura costante del dolore per lungo tempo sono segni di cambiamenti negativi nel corso della malattia..

Il dolore ovarico può verificarsi a causa di alcune malattie:

1. Con un processo infiammatorio nelle ovaie (annessite), può esserci dolore che si irradia alla parte bassa della schiena. Con una malattia, gli organi vicini sono colpiti, quindi, anche in assenza di un quadro clinico dello sviluppo della malattia, è necessario un esame approfondito per identificare la fonte dell'infezione. Il trattamento medico è obbligatorio, una malattia non trattata può causare infertilità.

La sintomatologia è simile alla condizione che si verifica con una gravidanza extrauterina:

  • il dolore che pulsa nell'ombelico durante il movimento, diventa tirante a riposo, ma non si attenua completamente;
  • all'esame, viene rivelato il rinculo all'osso sacro, è difficile isolare un fuoco doloroso;
  • la minzione è difficile, l'impulso è doloroso, si avverte il ritorno alle ovaie stesse;
  • la temperatura aumenta bruscamente, dura a lungo, non viene rimossa dai farmaci;
  • forti brividi intervallati da febbre.

La conseguenza di una malattia non trattata può essere una violazione della ciclicità delle mestruazioni, il rilascio di ormoni responsabili del desiderio sessuale diminuisce. La depressione peggiora il benessere di una donna, la stanchezza rapida provoca irritazione e persino aggressività.

2. Ipotermia, grave affaticamento fisico o psico-emotivo, malattie croniche, debole immunità: tutti questi disturbi possono provocare infiammazione nelle appendici ovariche, che è anche accompagnata da sensazioni dolorose con doppia localizzazione. Insieme all'ooforite, compaiono violazioni della capacità lavorativa, insonnia, irritabilità. La malattia richiede farmaci.

3. La presenza di una cisti ovarica, la torsione delle gambe, la rottura della cisti è accompagnata da infiammazione del peritoneo, necrosi dei suoi tessuti, e quindi nella maggior parte dei casi porta a un intervento chirurgico per rimuovere la neoplasia. Anche un tumore benigno può causare peritonite e altre conseguenze pericolose per la vita. A volte c'è una condizione più complessa: torsione delle ovaie durante l'esercizio e muscoli pelvici deboli. Il dolore è solitamente acuto e si intensifica alla palpazione. Consigliato trattamento chirurgico.

4. Una malattia complessa, che a volte viene confusa con una semplice cisti - malattia policistica, i cui sintomi sono associati alla patologia endocrina. Costanti sensazioni dolorose si verificano a causa della comparsa e della proliferazione di formazioni cistiche nel tessuto ovarico, a causa delle quali gli organi vicini sono sotto pressione. A causa del malfunzionamento delle ovaie, il ciclo mestruale viene interrotto, sebbene siano presenti segni di sindrome premestruale. Nel processo della malattia si sviluppa l'infertilità, una donna non può concepire nemmeno con un'intimità regolare. Il trattamento conservativo non sempre aiuta, quindi spesso ricorrono al trattamento chirurgico..

5. Nel trattamento dell'infertilità con gli ormoni, può verificarsi la sindrome da iperstimolazione, quando più follicoli maturano nelle ovaie contemporaneamente. Questa condizione diventa rapidamente cistica, le ovaie diventano massicce. La pancia è gonfia, il peso della donna aumenta. Normalizzando la quantità di ormoni, puoi uscire da questo stato, mentre i dolori scompaiono. La forma grave si esprime nella comparsa di mancanza di respiro, cambiamenti nell'equilibrio elettrolitico, insufficienza renale e diminuzione dell'afflusso di sangue alle ovaie. Questa condizione può essere normalizzata solo in ospedale..

6. Un forte dolore è provocato da una gravidanza extrauterina, sia in uno stato di interruzione che in un aborto tubarico completato. Sanguinamento abbondante, il sangue si accumula nella cavità addominale, la sua pressione si fa sentire nel retto. Se non vengono prese misure operative urgenti, la prognosi è sfavorevole.

7. I tumori maligni delle ovaie nelle prime fasi non sono sempre accompagnati da dolore, quindi esami regolari da parte di un ginecologo aiuteranno a mantenere la salute.

Questo elenco è lungi dall'essere completo: il numero di malattie che possono essere accompagnate da sensazioni dolorose nell'area ovarica è enorme. Per non aggravare le tue condizioni, quando compaiono i primi sintomi, è meglio consultare un medico: questo ti consentirà di preservare la tua salute e, in alcuni casi, la vita.!

Perché le ovaie fanno molto male e cosa fare

Molto spesso, le donne si lamentano di avere dolore alle ovaie. La preoccupazione per il disagio addominale inferiore è giustificata. Dopotutto, indica possibili violazioni negli organi pelvici, infiammazioni, cancro o cisti. Ci possono essere molte ragioni. È possibile scoprire perché le ovaie fanno male e quale minaccia per la salute esiste solo dopo un esame completo.

Come determinare cosa fa male esattamente l'ovaia

Sentendo dolore nell'addome inferiore, una donna spesso dubita che le ovaie o qualche altro organo (ad esempio l'appendicite) faccia male. Come capire che l'ovaia fa male? Sfortunatamente, è piuttosto difficile determinare in modo indipendente la causa del disagio. Molte malattie degli organi pelvici sono localizzate nella parte inferiore dell'addome e possono irradiarsi alla parte bassa della schiena, alla gamba o all'anca. Pertanto, è severamente vietato assumere farmaci senza consultare un medico..
Dove fanno male le ovaie? Se il ginecologo ha confermato che le appendici causano davvero disagio, molto spesso il dolore appare nell'addome inferiore, ha un carattere doloroso, tirante o lancinante. A volte cede alla gamba, alla parte bassa della schiena o all'intera schiena. Accade spesso che solo l'ovaia destra faccia male. Ciò è dovuto al fatto che era nell'appendice destra che si è verificata l'ovulazione, è comparsa una ciste o si è verificata qualche altra malattia.

Cause del dolore ovarico associate alle fasi del ciclo mestruale

Durante l'intero ciclo mestruale, gli organi riproduttivi ei livelli ormonali di una donna cambiano. Allo stesso modo, le ovaie subiscono costantemente cambiamenti..

Durante l'ovulazione

Alcune donne non avvertono i segni dell'ovulazione. Altri, al contrario, affermano che il dolore nella regione ovarica durante questo periodo acquisisce un carattere lancinante e tirante. Il disagio a breve termine non minaccia il corpo e non richiede alcun trattamento. Ciò è dovuto alla rottura del follicolo, che rilascia un uovo maturo per il concepimento. Inoltre, durante l'ovulazione, l'ovaio può pungersi in connessione con un'esacerbazione dei processi infiammatori negli organi pelvici (annessite, ooforite). Allo stesso tempo, dopo l'allenamento, lo stress, il sollevamento di pesi, si osserva una scarica insolita.
Per ridurre il dolore e alleviare il disagio nell'addome inferiore, si consiglia a una donna di assumere analgesici (Spazmalgon, No-Shpa). Se, dopo aver preso l'anestetico, le ovaie fanno ancora male, il motivo non è l'ovulazione. Il paziente deve consultare un medico, essere esaminato e iniziare un trattamento appropriato.

Durante il tuo periodo

È normale che il dolore ovarico compaia pochi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e peggiori durante questo periodo. Il primo giorno, le donne avvertono una leggera nausea, vertigini. La natura del dolore è contorta, lancinante, dolorante. Ci sono momenti in cui una donna vomita alla fine del ciclo. Questo è un sintomo piuttosto raro delle mestruazioni, pertanto, se un tale "effetto collaterale" non è stato osservato prima, è necessario sottoporsi a visita ginecologica e diagnostica ecografica..

Sollevamento pesi, superlavoro, violazione dello stato psico-emotivo, situazioni stressanti costanti portano ad un aumento del dolore e all'aggravamento del benessere generale di una donna. Cosa si può fare in questa situazione e come si può ridurre il dolore? Non è richiesto alcun trattamento per periodi dolorosi. È sufficiente che una donna prenda un anestetico (ad esempio Tamipul) o applichi una piastra riscaldante calda sull'addome inferiore. Ben allevia il dolore alle ovaie durante le mestruazioni, infusi e decotti alle erbe. Se è estate in questo periodo, puoi raccogliere foglie fresche dell'utero montano, pennello rosso, fiori di camomilla o semplicemente acquistare preparati a base di erbe già pronti in farmacia.

Durante la menopausa

La menopausa è accompagnata da una serie di cambiamenti ormonali nel corpo dovuti alla mancanza di sanguinamento. Appare individualmente. La menopausa si verifica tra i 45 ei 50 anni. L'inizio della menopausa può provocare dolore ovarico, ma questo dolore non dura a lungo..
Durante questo periodo, una donna è più suscettibile a infezioni e virus. Se il disagio nell'addome inferiore non scompare per molto tempo, gli antidolorifici non aiutano e il dolore cresce e si intensifica, è urgente contattare un ginecologo.

Ci sono le seguenti cause di dolore ovarico dopo la menopausa:

  • infiammazione;
  • cisti;
  • tumore maligno.

Il dolore alle ovaie è accompagnato da cambiamenti nel tessuto vaginale, minzione frequente, sudorazione, movimenti intestinali alterati e aumento della temperatura corporea. La terapia dipende dalla natura dei reclami e dalla causa identificata del disagio.

Cause di dolore che richiedono un trattamento

Come accennato in precedenza, se il dolore alle ovaie dura più di due o tre giorni, mentre appare una scarica di un colore e un odore insoliti, ciò indica una malattia degli organi pelvici. Molto spesso si tratta di infiammazione, neoplasia cistica, cancro, aborto spontaneo o gravidanza extrauterina. Consideriamo più in dettaglio ogni motivo.

Infiammazione ovarica

L'infiammazione può essere accompagnata da forti dolori al basso ventre e febbre. Avviene unilaterale (colpisce un'appendice) e bilaterale (succede su due ovaie contemporaneamente). Nell'infiammazione acuta compaiono i seguenti sintomi:

  • forte dolore improvviso nella zona ovarica;
  • febbre;
  • brividi;
  • perdite vaginali purulente;
  • crampi addominali;
  • stipsi;
  • nausea.

A causa della mancanza di trattamento e come conseguenza delle cicatrici, i sintomi possono persistere per anni, anche dopo la guarigione. Se punge bruscamente nell'addome inferiore, l'ovaia è infiammata. Il verificarsi dell'infezione dell'epididimo è influenzato da:

  • cambio frequente di partner sessuali;
  • contraccettivi vaginali (spirale);
  • fumare;
  • irrigazione vaginale regolare;
  • raschiamento, aborto.

Il trattamento della malattia infiammatoria pelvica si verifica con antibiotici orali e supposte vaginali. La terapia dipende dalla natura e dalla gravità della patologia. Se le ovaie fanno male gravemente, i sintomi sono pronunciati, fino a perdita di coscienza, ricovero in ospedale e antibiotici per via endovenosa sono necessari.

Formazione cistica sull'ovaio

Cisti

Formato in una donna che ha raggiunto la pubertà. I sintomi di una cisti dipendono dalle sue dimensioni. Piccole formazioni di pochi centimetri di solito non causano disagio. Fondamentalmente, vengono scoperti accidentalmente e quindi vengono monitorati per la crescita senza l'uso di farmaci. Le cisti più grandi di 2 cm si manifestano con la minzione ridotta. A volte una ragazza può sentire un dolore lancinante (spasmo) nell'addome inferiore. Formazioni più grandi di 5 cm iniziano a premere sugli organi adiacenti, provocando formicolio alle ovaie o dolore tagliente. Un improvviso peggioramento dei sintomi che accompagna il sanguinamento indica complicazioni come la torsione delle tube di Falloppio, la rottura della massa.

Cosa fare se le ovaie fanno male con una cisti? I metodi di trattamento dipendono dalle dimensioni e dal tipo di cisti (ritenzione, policistica, follicolare), dai segni clinici, dall'età del paziente. Se vengono rilevate cisti ovariche estremamente grandi, vengono prescritti agenti ormonali o interventi chirurgici. Nel caso in cui, dopo il trattamento con ormoni, le appendici continuino a ferire e la formazione aumenti di dimensioni, i medici decidono un'operazione urgente (laparoscopia, laparotomia). Tale misura è obbligatoria per prevenire la degenerazione maligna della cisti. Analgesici o rimedi popolari aiuteranno ad alleviare temporaneamente il dolore. Puoi scoprire i metodi alternativi TOP-10 di trattamento per le cisti ovariche QUI.

Una neoplasia maligna comune che colpisce il corpo femminile, indipendentemente dall'età. Può essere unilaterale o bilaterale. Quali sono le cause del cancro e del forte dolore nella zona ovarica, quali sono i fattori di rischio? Le donne sopra i 30 anni sono più inclini all'insorgenza della patologia. La predisposizione genetica e l'infertilità giocano un ruolo importante.

  • cambiamento nella durata delle mestruazioni;
  • abbondante sanguinamento uterino con coaguli;
  • l'addome inferiore fa male;
  • dal lato dell'infezione, l'ovaia inizia a tirare o contrarsi;
  • aumento della circonferenza della vita, asimmetria addominale;
  • fatica;
  • gonfiore;
  • dispepsia.

Le metastasi si verificano più spesso su entrambi i lati. Di questi, circa il 30% raggiunge l'utero e il 20% alle ghiandole mammarie. Inoltre, se l'ovaio formicola e il cancro è già nella sua ultima fase, le metastasi possono avanzare agli organi vicini: stomaco, fegato, polmoni. Se l'ovaio si attorciglia, c'è un dolore acuto che ha un carattere lancinante, una sensazione di pienezza significa che la formazione maligna ha raggiunto l'intestino e la vescica.

L'attaccamento improprio dell'embrione provoca dolore ovarico

Aborto spontaneo o gravidanza ectopica

Le ovaie possono ferire dopo un aborto spontaneo? Un aborto spontaneo è l'interruzione prematura di una gravidanza durante le prime 20 settimane, quando il feto non è ancora in grado di sopravvivere al di fuori dell'utero. Circa il 10-15% delle donne avverte dolore dopo un aborto spontaneo. Più del 40% di tutte le gravidanze termina con un aborto spontaneo e la maggior parte non è a conoscenza della presenza di un feto. Dopo un aborto spontaneo, il dolore nella parte inferiore dell'addome dura per un po 'mentre l'utero si contrae, tornando alla normalità. Sulla tua biancheria intima potrebbe apparire uno scarico marrone o rosso. Se dopo un aborto durano più di due settimane, dovresti andare in ospedale. Perché è necessario visitare un medico con dimissioni così prolungate? Per rilevare la fonte del sanguinamento e prescrivere un trattamento, il ginecologo esegue un esame ecografico transvaginale, in cui il dispositivo viene inserito nella vagina.

Dopo un aborto, le donne spesso lottano contro il senso di colpa, incolpandosi della situazione. L'umore depresso, l'isteria, i traumi psicologici hanno un impatto diretto sul sistema nervoso. Compaiono emicranie, dolori muscolari e malessere. I sintomi dolorosi peggiorano.

La gravidanza ectopica si manifesta con l'attaccamento improprio dell'ovulo. Quindi, l'embrione può essere posizionato sulla tuba di Falloppio o sull'ovaio. Man mano che cresce, la donna ha prima una trazione, poi un dolore acuto.

Se una donna ha dolore alle ovaie durante la gravidanza, molto probabilmente ha infiammazione, squilibrio ormonale o cisti del corpo luteo.

Pertanto, il dolore all'ovaio ha una causa diversa. A volte il "colpevole" per il disagio addominale inferiore è l'ovulazione o le mestruazioni. Ma, sfortunatamente, molto spesso il dolore parla dello sviluppo di una particolare patologia. Ecco perché, quando compaiono sensazioni insolite, dovresti assolutamente consultare un medico..

Non ci sono periodi durante la gravidanza. Ogni donna lo sa. Nel corpo si verificano cambiamenti ormonali che contribuiscono allo sviluppo e alla crescita del nascituro. Il progesterone, un ormone della gravidanza, viene prodotto attivamente.