Vulvite

La vulvite è un disturbo ginecologico che causa l'infiammazione della vulva (genitali esterni). Può svilupparsi in donne di qualsiasi età a partire dalla nascita.

La vulva si trova tra l'imene e il pube. Consiste della parte esterna dell'uretra, dell'apertura vaginale, delle piccole labbra, delle grandi labbra e del clitoride. Gli organi della vulva hanno più terminazioni nervose e vasi sanguigni che sono esposti a vari fattori, che provocano danni e infiammazioni ai genitali.

Cause di vulvite nelle donne

L'infiammazione della vulva può essere innescata da quanto segue:

  • Relazioni intime orali;
  • Infezioni sessuali;
  • Assunzione prolungata di farmaci ormonali e antibatterici, che porta ad un indebolimento del sistema immunitario. Questi farmaci influenzano negativamente la microflora vaginale, a seguito della quale aumenta il livello di microrganismi opportunistici;
  • Neoplasie maligne dei genitali, che sono in uno stato di necrosi o carie;
  • Gravi malattie sistemiche (tireotossicosi, cancro);
  • Processi infiammatori degli organi riproduttivi e delle vie urinarie;
  • Invasioni elmintiche;
  • Incontinenza urinaria;
  • Formazione di fistole nel sistema genito-urinario;
  • Temperatura (surriscaldamento, ipotermia), danni chimici ai genitali;
  • Reazione allergica a prodotti o oggetti per l'igiene personale (gel, crema, sapone, lozione, tamponi, assorbenti, ecc.);
  • Trauma meccanico ai genitali durante il parto o contatto sessuale violento;
  • Mancanza di igiene intima.

Inoltre, la vulvite può svilupparsi sullo sfondo di una mancanza di estrogeni nel sangue..

Varietà di vulvite

Data la natura dell'agente infettivo, l'infiammazione vulvare può essere specifica e non specifica. La vulvite aspecifica è causata da virus, protozoi, lieviti, stafilococchi, E. coli e streptococchi. Di solito questa forma viene diagnosticata nelle ragazze e nei pazienti anziani, il che è dovuto alle caratteristiche fisiologiche del corpo in questa fase della vita..

Lo sviluppo di vulviti specifiche avviene sotto l'influenza dell'attività patogena di Trichomonas, clamidia, micobatterio tubercolosi e gonococchi.

Per origine, la malattia è classificata come segue:

  • Vulvite primaria. L'emergere di questa forma è facilitata da disturbi endocrini, igiene insufficiente, cistite, elmintiasi, danni traumatici ai genitali durante ustioni termiche, chimiche e dovute all'influenza meccanica. Inoltre, la causa della vulvite primaria può essere un uso incontrollato o improprio di farmaci antibatterici. La vulvite primaria è più spesso osservata nelle ragazze, poiché le mucose e la pelle della vulva sono piuttosto sottili, delicate e facilmente ferite.
  • Vulvite secondaria. Questa forma si forma sullo sfondo dell'infiammazione che si verifica negli organi genitali interni (cervicite, endometrite, colpite, ecc.). Inoltre, la forma secondaria di vulvite può svilupparsi a causa di una violazione della normale microflora vaginale sullo sfondo di clamidia, tricomoniasi, funghi, papillomavirus ed herpes.

Data la causa e il meccanismo di sviluppo della vulvite, si distinguono le seguenti forme di patologia:

  • Vulvite allergica. Di solito si sviluppa nei bambini quando si usano mezzi intimi inappropriati. Esistono anche altre fonti di allergeni. La vulvite nei bambini può comparire quando si mangiano latticini e agrumi, livelli eccessivi di glucosio nella dieta o alimentazione impropria. Inoltre, può verificarsi infiammazione a causa dell'uso di pannolini inadatti. La vulvite allergica (atopica) nelle ragazze e nelle donne è causata da sostanze irritanti chimiche, alimenti e indumenti sintetici. La terapia per questa forma della malattia ha lo scopo di neutralizzare l'allergene e assumere antistaminici.
  • Vulvite atrofica. Più spesso si verifica in pazienti in età climaterica sullo sfondo di diabete mellito e peso eccessivo. La malattia si manifesta con l'assottigliamento delle mucose della vulva, che porta alla sua facile infezione e trauma. Il trattamento della vulvite atrofica prevede l'assunzione di farmaci ormonali.
  • Vulvite da candida. Di regola, viene diagnosticato nelle donne in età fertile e negli adolescenti. La malattia si sviluppa a seguito di una violazione della microflora vaginale e dell'indebolimento del sistema immunitario. Uno sforzo eccessivo, un trattamento antibiotico, un regime improprio e uno stress frequente possono provocare la comparsa di vulvite candidale. Il segno principale della patologia è lo scarico vaginale di una consistenza cagliata con un odore sgradevole. Ci sono anche gonfiore delle labbra, prurito, bruciore di luoghi intimi, rapporti sessuali dolorosi. Il trattamento della vulvite candidosi consiste nell'assunzione di agenti antifungini di vari gruppi: polieni, trazoli, imidazoli, ecc. A volte è sufficiente un trattamento locale: l'uso di supposte vaginali, unguenti, bagni e lozioni con erbe medicinali.
  • Vulvite batterica. È caratterizzato da un'infiammazione generale della vulva, provocata dalla riproduzione e dall'attività patogena dei batteri. Gli agenti causali della malattia possono essere Trichomonas, clamidia, infezione da herpes, gonococchi, Mycobacterium tuberculosis. Più spesso, una forma simile di vulvite si manifesta sullo sfondo di cambiamenti ormonali..

Sintomi di vulvite nelle donne

L'infiammazione della vulva può essere acuta o cronica. La vulvite acuta si sviluppa rapidamente, accompagnata da sintomi pronunciati:

  • Gonfiore, arrossamento della vulva;
  • Sensazioni dolorose in luoghi intimi, che si intensificano durante i rapporti sessuali, lo sforzo fisico e la minzione;
  • Bruciore, prurito ai genitali;
  • Ingrandimento delle ghiandole sebacee dalle grandi labbra;
  • La comparsa di bolle in luoghi intimi con liquido all'interno;
  • La formazione di placche, placche sui genitali;
  • Aumento dei linfonodi inguinali (non sempre);
  • Aumento della temperatura.

La vulvite cronica è accompagnata dagli stessi sintomi della forma acuta, ma è meno pronunciata. Un segno caratteristico del decorso cronico della patologia è la comparsa di perdite vaginali purulente.

Diagnostica vulvite

Per scegliere il trattamento più efficace per la vulvite, viene effettuato un esame preliminare completo, che include una conversazione con il paziente, un esame ginecologico negli specchi e un esame di laboratorio degli strisci vaginali.

Per rilevare patologie concomitanti, valutare le condizioni generali del paziente, stabilire la gravità e la forma della vulvite, sono prescritti i seguenti studi clinici:

  • Analisi di strisci per flora;
  • Esame generale di sangue, urina;
  • Analisi del sangue per la sifilide, HIV;
  • Analisi per malattie sessualmente trasmissibili (infezioni genitali);
  • Studio delle feci per rilevare i parassiti intestinali;
  • Controllo delle perdite vaginali per valutare la microflora vaginale e determinare la sensibilità dell'agente patogeno agli antibiotici.

L'opportunità di condurre studi diagnostici è determinata dal medico in base ai reclami del paziente, alla gravità e all'intensità delle manifestazioni cliniche e all'analisi delle informazioni anamnestiche.

Trattamento della vulvite nelle donne

Per il trattamento dell'infiammazione vulvare viene utilizzato un trattamento complesso degli effetti generali e locali. La terapia della vulvite ha lo scopo di eliminare il processo infiammatorio e le sue manifestazioni, oltre a neutralizzare la causa che ha provocato lo sviluppo della malattia. Il trattamento della vulvite acuta nelle ragazze richiede il riposo a letto. Le donne durante il periodo di terapia dovrebbero rifiutare i rapporti sessuali..

La terapia antibiotica per la vulvite è prescritta tenendo conto della sensibilità e del tipo di agente patogeno identificato. Con un'infiammazione specifica (gonorrea, trichomonas, clamidia, vulvite tubercolare), viene prescritta una terapia speciale corrispondente al patogeno. Nelle ragazze, l'infiammazione della vulva è più spesso causata da microrganismi condizionatamente patogeni, pertanto i farmaci antibatterici vengono prescritti localmente (creme, unguenti). Il trattamento della vulvite allergica prevede l'assunzione di antistaminici, l'adesione a una dieta ad eccezione di cibi salati, piccanti e dolci.

Oltre alla terapia farmacologica, il trattamento della vulvite include il trattamento locale dei genitali:

  • Impacchi freddi con tintura di eucalipto, soluzione di furacilina, lozioni;
  • Lavare i genitali con infuso di camomilla, una soluzione di permanganato di potassio o acido borico;
  • Uso di supposte vaginali antinfiammatorie, irrigazione con antisettici;
  • Bagni seduti con infusi di erbe (eucalipto, spago, camomilla, calendula), soluzione di permanganato di potassio.

Dopo aver eseguito le procedure dell'acqua, i luoghi intimi devono essere asciugati e cosparsi di polvere streptocida.

Con forte prurito, può essere prescritto l'uso di un unguento anestetico, che viene applicato sulla vulva prima di coricarsi, e sonniferi. In alcuni casi è indicata la fisioterapia (UFO).

Particolare attenzione nella lotta contro la vulvite è data al trattamento di patologie concomitanti (disfunzioni metaboliche, ormonali, malattie croniche - pielonefrite, tonsillite). Per rafforzare le proprietà protettive del corpo, viene mostrato l'uso di farmaci fortificanti: integratori alimentari, immunomodulatori, complessi vitaminici, ecc..

Vulvite durante la gravidanza

Anche le donne incinte non sono immuni allo sviluppo di vulvite. Oltre ai suddetti motivi, ai fattori provocatori dell'infiammazione vulvare durante la gestazione si aggiungono cambiamenti ormonali, cambiamenti nella microflora vaginale, allergie alla gravidanza, condizioni stressanti, ecc. Durante la gravidanza, l'immunità della futura donna in travaglio è indebolita, a causa della quale possono peggiorare patologie infiammatorie e infettive.

Durante la gestazione, la vulvite è pericolosa per l'infezione del feto e la minaccia di aborto spontaneo. Gli agenti causali dell'infiammazione nelle donne in gravidanza sono più spesso stafilococchi, candida e Trichomonas.

La terapia della vulvite nelle donne in gravidanza viene eseguita durante l'intero periodo gestazionale ed è caratterizzata da una natura restrittiva. Ciò è dovuto all'impossibilità di utilizzare farmaci antibatterici efficaci durante la gestazione. Per il trattamento dell'infiammazione vengono utilizzati unguenti, supposte vaginali, bagni medicinali, polveri e creme che hanno proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. Inoltre, per combattere la vulvite durante la gestazione, vengono prescritti complessi vitaminici e procedure sanitarie per rafforzare il sistema immunitario. Lo schema e la tattica dell'effetto terapeutico sono determinati dal medico individualmente, tenendo conto del periodo di gestazione, del tipo di agente patogeno, dello stato di salute del paziente, nonché della gravità e dello stadio del processo infiammatorio.

Possibili conseguenze della vulvite

Con una terapia ritardata e insufficiente, la vulvite vaginale, soprattutto per i bambini, può provocare lo sviluppo delle seguenti complicanze:

  • Atresia vaginale (prima, la vagina si attacca, dopo di che cresce completamente insieme);
  • La formazione di ulcere croniche in luoghi intimi;
  • Formazione di sinechia - fusione delle piccole labbra (il processo di adesione richiede 1-1,5 mesi);
  • Imbibizione (cianosi della vulva);
  • La diffusione di batteri patogeni, infezioni agli organi genitali interni, che provoca lo sviluppo di salpingo-ooforite, cervicite, vulvovaginite, endometrite e altre patologie degli organi riproduttivi;
  • Lo sviluppo dell'erosione del collo uterino, infertilità;
  • Formazione di cicatrici che si verifica dopo la guarigione di ulcere, erosioni;
  • Coinvolgimento nel processo infiammatorio delle vie urinarie, che porta alla formazione di cistite, uretrite e altre malattie urogenitali.

Prevenzione della vulvite

La misura principale per la prevenzione dell'infiammazione vulvare è il rispetto delle regole di igiene intima. L'igiene genitale deve essere eseguita utilizzando gel speciali. I prodotti progettati per la cura dei genitali non seccano né modificano il livello di acido della mucosa vaginale.

Inoltre, per prevenire il verificarsi di vulvite e prevenirne l'esacerbazione, è necessario seguire le seguenti raccomandazioni:

  • Usa biancheria comoda realizzata con materiali naturali.
  • Pulisci i genitali correttamente dopo le procedure idriche. I luoghi intimi asciutti dovrebbero essere salviettine o asciugamani sterili, a partire dal pube fino all'ano. Allo stesso tempo, i movimenti dovrebbero essere chiari, leggeri.
  • Migliora l'immunità. Conduci uno stile di vita sano e attivo, segui una dieta equilibrata ed equilibrata. Un forte sistema immunitario sarà in grado di combattere in modo indipendente i batteri che entrano nella superficie dei genitali.
  • Monitora la tua salute: tratta in tempo le malattie infiammatorie e infettive, prendi periodicamente farmaci antielmintici.

Ai primi segni di vulvite, dovresti consultare un ginecologo. Una visita tempestiva dal medico aiuterà a rilevare la patologia nelle prime fasi, condurre un trattamento efficace ed evitare conseguenze negative.

Attenzione! Questo articolo è pubblicato solo a scopo informativo e in nessun caso è materiale scientifico o consiglio medico e non può sostituire un consulto di persona con un medico professionista. Consultare medici qualificati per diagnosi, diagnosi e trattamento.!

Vulvite nelle donne: come si manifesta e come trattarla?

La vulvite nelle donne è giustamente considerata la malattia più comune tra la popolazione femminile, in cui è presente una lesione infiammatoria degli organi genitali esterni e del vestibolo della vagina.

I genitali esterni sono considerati le labbra, il clitoride e l'imene. Quando questi organi si infiammano, portano molto disagio e disagio alla vita di una donna..

  1. Fattori di sviluppo
  2. Cause di occorrenza
  3. Sintomi
  4. Vulvite acuta
  5. Vulvite cronica
  6. Forme e tipi di malattia
  7. Le conseguenze della vulvite nelle donne
  8. Diagnosi di vulvite nelle donne
  9. Trattamento della vulvite nelle donne
  10. Trattamento della vulvite primaria e secondaria nelle donne
  11. Trattamento della vulvite con rimedi popolari
  12. Prevenzione della vulvite nelle donne
  13. Recensioni sul trattamento della vulvite

Fattori di sviluppo

Non ci sono solo ragioni per lo sviluppo di questo processo patologico, ma anche fattori provocatori della vulvite..

Questi includono:

  • Indossare biancheria intima scomoda e aderente in tessuto sintetico.
  • Aumento del peso corporeo. Porta ad un aumento della sudorazione e delle eruzioni cutanee nelle zone intime..
  • Mancato rispetto delle regole di pulizia personale del corpo e igiene intima.
  • Essere in condizioni sfavorevoli con elevata umidità.
  • Nella vecchiaia, può svilupparsi sullo sfondo di una carenza ormonale di estrogeni.
  • Durante l'inizio della gravidanza, l'aumento dei livelli ormonali di solito provoca questa malattia.

Cause di occorrenza

Ci sono molte ragioni nell'eziologia dello sviluppo di questa malattia, la loro presenza non indica che una donna si ammalerà di questa particolare patologia. Ma con l'indebolimento del corpo e in combinazione con fattori di rischio, portano allo sviluppo di questa patologia.

È consuetudine evidenziare i seguenti motivi:

  • Inosservanza delle norme igieniche:
    • Non usare articoli per l'igiene personale, specialmente durante le mestruazioni.
    • Indossare biancheria intima stretta.
    • Assorbenti e tamponi vaginali di scarsa qualità.
  • Impatto meccanico. Violenti contatti sessuali, in cui gli organi genitali esterni ricevono microtraumi.
  • Una caratteristica individuale del corpo, una tendenza alla sudorazione eccessiva.
  • Scarico mucoso abbondante, con conseguente irritazione della vulva.
  • Prescrivere la terapia antibiotica a causa dei suoi effetti collaterali.
  • Malattie che sono accompagnate da un lungo decorso:
    • Diabete.
    • Obesità alimentare.
    • Leucemia del sangue.
    • Condizioni causate da carenza di vitamine.
  • Conseguenze delle radiazioni.
  • Risultato di allergia.
  • Le conseguenze delle fistole delle vie urinarie e del retto, che si trovano nel perineo.
  • Invasioni elmintiche.

Sintomi

Il quadro clinico di questa malattia è molto vario. Ma spesso le donne non prestano attenzione ai sintomi che indicano la presenza di vulvite e credono che questo sia lo sviluppo di una sorta di processo del freddo.

Vulvite acuta

Nella forma acuta si notano i seguenti sintomi:

  • Sensazioni dolorose che ti fanno sentire a disagio mentre svuoti la vescica o fai sesso.
  • Appare lo scarico dalla vagina. La loro natura dipende dall'agente patogeno, sono sierosi o purulenti - sierosi.
  • La sensazione di prurito non lascia la donna per tutto il giorno e si intensifica di notte.
  • Gonfiore e arrossamento dei genitali esterni, che a volte sono accompagnati dalla comparsa di ulcere e piccole vesciche.
  • A volte può esserci una forte ipertermia e un aumento dei linfonodi regionali.
  • Sintomi di disuria.
  • A causa della costante sensazione di disagio, dolore, prurito, graffi, si verificano disturbi del sonno. Il paziente può apparire eccitabile, emotivamente instabile..

Vulvite cronica

Nella forma cronica di questo processo patologico, la sintomatologia non è brillante e spesso la donna non va alla clinica prenatale. Le visite mediche annuali aiutano a riconoscere la malattia e stabilire una diagnosi accurata.

La vulvite cronica è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • Una leggera sensazione di bruciore e prurito nella zona genitale.
  • Disuria.
  • Lo scarico è scarso.
  • Leggero rossore delle grandi labbra.

Forme e tipi di malattia

Questa patologia è caratterizzata dalla presenza di tre forme di vulvite:

  1. Acuto. La caratteristica principale, la presenza di un quadro clinico vivido, dura non più di un mese. Dopo di che le manifestazioni cliniche si placano.
  2. Subacuto. Ha un processo ciclico, esacerbazione, è sostituito da un periodo di decadimento. A causa del fatto che i sintomi clinici scompaiono da soli, il paziente non cerca aiuto. Dura 3 mesi.
  3. Cronico. Forma pigra di vulvite.

Per eziologia, la vulvite può essere:

  • Infettivo È causato da un'infezione microbica. Può essere chiamato:
    • Microflora condizionatamente patogena (Escherichia coli, Staphylococcus aureus, Streptococcus aureus).
    • Infezioni specifiche (gonorrea, micoplasmosi, clamidia, tricomoniasi, ureaplasmosi).
    • Vaginite da Candida causata da funghi Candida.
  • Non infettivo. Si verifica a seguito di lesioni, sviluppo di allergie (vaginite allergica), ustioni.

Anche la vulvite può essere:

  1. Primaria, quando la malattia si manifesta con l'arrivo di un'infezione microbica dall'esterno.
  2. Secondario, trascurato, è una conseguenza di un'infezione che è già nel corpo.

Questo processo patologico è classificato in base al tipo di malattia nelle diverse età:

  1. L'esordio della vulvite nei primi anni di vita (fino a 1 anno).
  2. Età dei bambini (fino a 8 anni).
  3. Vulvite adolescenziale (prima dell'inizio della prima mestruazione).
  4. Vulvite della pubertà, dopo l'inizio delle mestruazioni.

Le conseguenze della vulvite nelle donne

La vulvite nelle donne, in qualunque forma si sviluppi, non è fatale.

Ma se non viene riconosciuto in tempo e non viene presa la terapia adeguata, possono sorgere varie complicazioni:

  • A causa del fatto che è accompagnato da un forte prurito, appaiono graffi. Si infettano nel tempo e portano allo sviluppo di erosioni e lesioni ulcerative dei genitali..
  • La malattia diventa cronica, a causa della quale è molto più difficile da curare.
  • L'infezione si diffonde in modo ascendente e colpisce la vescica e altri organi (si sviluppa cistite o cervicite).
  • Promuove lo sviluppo del processo adesivo, il cui luogo di localizzazione sono le labbra (specialmente durante l'infanzia).
  • Un'altra conseguenza pericolosa per le ragazze è l'infiammazione dell'imene. Diventa denso e la sua apertura può essere completamente invasa. Quando compare il primo periodo, questo può portare all'accumulo di sangue nella vagina..
  • Ciò può anche causare una serie di inconvenienti ai primi contatti sessuali..
  • Nelle forme croniche di un processo infettivo prolungato, può portare allo sviluppo di infertilità.
  • Lo sviluppo di questa patologia è molto pericoloso durante il corso della gravidanza. Poiché provoca una violazione dell'elasticità dei tessuti e durante l'inizio del travaglio, con la comparsa di tentativi, si possono osservare conseguenze indesiderabili, che portano alla rottura del muscolo perineale.
  • Inoltre, quando il feto passa attraverso il canale del parto, gli occhi vengono infettati nel neonato, che si sviluppa sotto forma di blefarocongiuntivite..
  • Se la malattia è causata da batteri opportunisti, il bambino può sviluppare la disbiosi.
  • Come risultato di questa malattia nel periodo postpartum, aumenta il rischio di sviluppare endometrite..

Diagnosi di vulvite nelle donne

Per identificare questa malattia, la prima cosa da fare è consultare un ginecologo.

Dopo un'accurata raccolta dell'anamnesi e l'ascolto dei reclami della paziente, il medico procede all'esame vaginale.

Di solito, la diagnosi è semplice. All'esame, c'è gonfiore delle grandi labbra e delle piccole labbra, il loro rossore.

Puoi anche vedere la scarica caratteristica e i cambiamenti nello strato epiteliale..

Alla palpazione, c'è dolore e ingrossamento dei linfonodi regionali..

Successivamente, il materiale viene prelevato per l'istologia e per l'inoculazione batterica. Quando si eseguono queste analisi, si conosce il tipo di agente patogeno e la sua sensibilità ai farmaci antibatterici.

Come possono essere applicati metodi di ricerca aggiuntivi:

  • Colposcopia.
  • Biopsia.
  • Ultrasuoni.
  • Analisi delle feci per la presenza di invasioni elmintiche.
  • Analisi con metodo PCR, per la presenza di malattie a trasmissione sessuale.
  • Consultazione di specialisti correlati (dermatologo, venereologo, terapista, pediatra).

Trattamento della vulvite nelle donne

Per sbarazzarsi completamente di questa malattia, è necessario eseguire un trattamento complesso, con una combinazione di diversi farmaci farmacologici..

Una donna dovrebbe contattare una clinica prenatale a un ginecologo o una clinica venereologica per un venereologo:

  1. Con lo sviluppo della vulvite acuta, si raccomanda di osservare il riposo a letto ed escludere completamente il contatto sessuale.
  2. Viene prescritta una terapia antibatterica, basata sulla coltura batterica condotta in precedenza. Vengono prescritti principalmente antibiotici ad ampio spettro.
  3. Per eliminare il prurito, puoi usare un unguento all'idrocortisone o altri unguenti anestetici (Levosin). Inoltre, questi sintomi sono ben eliminati quando si utilizza la fisioterapia (elettroforesi, radiazioni ultraviolette).
  4. Se c'è una causa di allergia nell'eziologia della vulvite, vengono prescritti antistaminici (Tavegil, Suprastin, Loratadin).
  5. Una buona aggiunta nel trattamento di questa patologia sarà la prescrizione di farmaci che aumentano il funzionamento del sistema immunitario.A tale scopo vengono prescritti complessi multivitaminici:
    1. Complivit.
    2. Undevit.
    3. Centrum.
  6. La dieta gioca un ruolo importante. Il cibo non deve contenere cibi salati, dolci, piccanti o piccanti.
  7. Per tutta la malattia, le lozioni sono preparate con furacilina, soluzione di miramistina o eucalipto.
  8. Piccoli bagni sedentari con una soluzione di permanganato di potassio o un decotto di erbe medicinali (calendula, spago, camomilla) possono essere utilizzati quotidianamente.
  9. Al mattino e alla sera, i genitali devono essere trattati con una soluzione debole di acido borico o permanganato di potassio.
  10. È consentito il lavaggio con l'uso di soluzioni antisettiche e l'impostazione di supposte vaginali durante la notte.
  11. Dopo qualsiasi procedura balneologica, i genitali devono essere asciugati con tovaglioli morbidi e cosparsi di streptocide.
  12. La vulvite in una donna è molto curabile con l'uso delicato dei raggi X. Questo tipo di trattamento è stato utilizzato relativamente di recente. Per eseguirlo, è necessario eliminare tutte le secrezioni patologiche lavando i genitali o usando un bagno geniale. Successivamente si verifica una singola dose di radiazioni che provoca la disgregazione dell'infiltrato ed elimina la sindrome del dolore e la presenza di prurito.Una seconda seduta viene eseguita dopo 3 settimane. Questo tipo di terapia è molto buono da usare se la vulvite è accompagnata da lesioni ulcerative ed erosioni..

È più difficile trattare la vulvite nelle donne in gravidanza, quindi tutte le misure preventive devono essere seguite durante questo periodo. È molto difficile eseguire la terapia sullo sfondo di tutti i trimestri, poiché l'uso e l'uso di antibatterici e molti farmaci antisettici e antiallergici in questo momento sono altamente indesiderabili. Un tale tandem può influire negativamente sulla salute del nascituro..

Per il trattamento di donne con una forma subacuta di vulvite, si osservano un buon effetto e dinamiche positive quando si usa l'agopuntura. Inoltre, durante questo periodo vengono utilizzate la fisioterapia e la fangoterapia..

Oltre a limitare la vita sessuale, per l'intero periodo di trattamento, si sconsiglia di visitare:

  • Bagni.
  • Saune.
  • Palestre.
  • Piscina.

Trattamento della vulvite primaria e secondaria nelle donne

Con lo sviluppo della vulvite secondaria, ci sono alcune caratteristiche nel trattamento di questa malattia.

Per ottenere una guarigione completa da questa malattia è possibile solo se il processo patologico che è alla base di questa malattia viene eliminato.

Se, ad esempio, le malattie sessualmente trasmissibili sono la causa, la vulvite è il loro sintomo. Scomparirà solo se l'infezione sottostante sarà guarita.

La vulvite primaria può comparire più spesso durante l'infanzia e l'adolescenza sullo sfondo di altre malattie o lesioni meccaniche. Per il suo trattamento vengono utilizzati metodi, come nel trattamento della vulvite acuta..

Trattamento della vulvite con rimedi popolari

Nel trattamento di questa patologia, negli ultimi anni, ricorrono spesso all'uso di ricette per la medicina popolare. Il loro uso non dà un effetto garantito sulla cura della vulvite. Ma con il giusto uso, le erbe medicinali aiutano a riprendersi rapidamente da questo disturbo..

Quando si usano erbe medicinali e frutti di piante medicinali, è necessario consultare un medico per coordinare il loro uso con farmaci antibatterici e antimicotici. Questa è una necessità, perché molte erbe medicinali, se usate in modo errato, possono avere l'effetto opposto e aggravare il decorso della malattia..

Le erbe medicinali possono essere utilizzate:

  • Sotto forma di infusi e decotti all'interno.
  • Localmente come un bagno.
  • Per lozioni e impacchi.
  • Come malte per servizi igienico-sanitari.

Ricette:

  1. Per aumentare l'immunità a casa, puoi preparare un decotto a base di una radiola rosa e un ariete medicinale. Per preparare questo brodo, devi prendere una parte di questi ingredienti, mescolarli e metterli in un thermos. Versate sopra un bicchiere di acqua bollente e lasciate fermentare. Il contenuto viene suddiviso in tre dosi e consumato dopo colazione, pranzo e cena. Viene utilizzato durante la terapia farmacologica..
  2. Come rimedio aggiuntivo per il trattamento farmacologico, puoi usare l'erba di farfara, trifoglio dolce e verde invernale, mescolarli in parti uguali, versare mezzo litro di acqua bollente, insistere. E bevono 70 ml 3 volte al giorno.
  3. Durante il periodo della vulvite, le donne sperimentano un notevole disagio a causa di un forte prurito alle labbra e al perineo. Per ridurre questa spiacevole sensazione, è necessario assumere in proporzioni uguali camomilla, ortica, erba di uccello montanaro. Gli ingredienti vengono accuratamente miscelati, riempiti con acqua bollente in un volume di 300 ml e infusi in un thermos per diverse ore. Il medicinale è pronto per l'uso, utilizzato per 2 settimane.
  4. Per ridurre l'effetto del prurito genitale, puoi usare semicupi con l'aggiunta di permanganato di potassio. Per fare questo, devi usare una piccola bacinella, gettarci dentro un paio di cristalli di permanganato di potassio (l'acqua dovrebbe avere un colore rosa pallido). Puoi fare un bagno simile per 30 minuti, tutti i giorni, la sera, per tutta la settimana.
  5. Si osserva un effetto molto buono quando si usano i fiori di calendula. Per questo, vengono presi 20 grammi di calendule, messi in un litro di acqua bollente. Freddo, filtra, usa per le pulizie. La procedura può essere ripetuta due volte al giorno, per tutta la durata del trattamento farmacologico..
  6. Nel caso in cui la vulvite si manifesti con lesioni ulcerative dei genitali, puoi usare tamponi di salvia. Prima di ciò, mescolare 20 grammi di erba con un bicchiere d'acqua e cuocere a vapore per 15 minuti a bagnomaria. Dopo aver filtrato e raffreddato, i tamponi di garza di cotone possono essere inumiditi e inseriti in profondità nella vagina. Si consiglia di eseguire la procedura di notte a giorni alterni.
  7. Inoltre, per la preparazione dei tamponi, puoi usare miele liquido (se non c'è allergia), olio di olivello spinoso.
  8. Per eliminare i sintomi dell'infiammazione, puoi usare un decotto di ortica. Per la sua preparazione, usa acqua bollente nella quantità di 200 ml, vengono gettati un paio di cucchiai di foglie di ortica ben macinate e cotte a bagnomaria per 10 o 15 minuti. Filtrare e raffreddare. Puoi prenderne un cucchiaio prima di ogni pasto..
  9. I sintomi del prurito scompaiono dopo aver usato un decotto di bucce di cipolla. Per fare questo, è necessario utilizzare 2 cipolle medie, vengono sbucciate dalla buccia, che viene lavata sotto l'acqua corrente e quindi bollite per 15 minuti in 500 millilitri di acqua. La soluzione risultante viene utilizzata per lavare i genitali esterni.

Prevenzione della vulvite nelle donne

Le misure preventive non sono di natura complessa, dovrebbero essere applicate a partire dall'infanzia. Poiché la vulvite nel primo periodo della vita può portare all'impossibilità di concepire un bambino.

Per prevenire lo sviluppo di questo processo, ogni donna ha bisogno di:

  1. Come igiene intima, utilizzare gel che mantengano un normale livello di equilibrio acido-base, è molto importante che siano ipoallergenici, abbiano effetti antinfiammatori e contengano ingredienti vegetali.
  2. I farmaci antibatterici devono essere usati solo come indicato da un medico, durante l'assunzione di prebiotici, che aiutano a normalizzare la microflora intestinale.
  3. Assicurati che la biancheria intima sia comoda, non limiti i movimenti e sia realizzata in tessuto di cotone, che non conterrebbe fibre sintetiche.
  4. In caso di sviluppo di malattie, prevenire il loro passaggio a una forma cronica.
  5. Se sei in sovrappeso, assicurati di fare sport o ginnastica medica.
  6. Se possibile, rinunciare a cattive abitudini, alcol e fumo di tabacco.
  7. Assicurati di monitorare lo stato del livello di immunità. In autunno e in primavera, prendi un multivitaminico ricco di vitamine B e C..
  8. Prevenire l'ipotermia del corpo, durante un'epidemia di influenza, osservare misure preventive per non essere infettati da questa malattia.
  9. Evita i partner sessuali occasionali, usa il preservativo come protezione contro le malattie sessualmente trasmissibili.
  10. Attenersi alle norme di base di una dieta equilibrata. Non mangiare cibi ricchi di carboidrati e grassi. Preferisci cibi ricchi di fibre grossolane, micro e macronutrienti, vitamine.
  11. In presenza di diabete mellito, è imperativo soddisfare tutte le condizioni per normalizzare la glicemia.
  12. Se compaiono sintomi che causano ansia in una donna (presenza di secrezione, prurito e bruciore ai genitali, iperemia e gonfiore), è urgente consultare un ginecologo.
  13. Senza aspettare una visita medica, visita una clinica prenatale due volte all'anno.

La vulvite in una donna non è fatale. Ma è in grado di offrire molto disagio nella vita quotidiana e sessuale. Con il suo sviluppo, è necessario consultare urgentemente un ginecologo che farà una diagnosi accurata e stabilirà la causa del suo verificarsi.

È impossibile trattare la vulvite da soli, a casa, poiché l'automedicazione porterà a un trattamento incompleto di questa patologia e allo sviluppo di effetti collaterali indesiderati. Ciò è particolarmente spaventoso quando la malattia si verifica nella prima infanzia..

Solo l'osservanza di un'adeguata cura del corpo e dell'igiene intima personale eviterà lo sviluppo di questa patologia..

Un ritardo nelle mestruazioni con una cisti ovarica è uno dei principali segni della malattia. In assenza di mestruazioni, il medico può sospettare lo sviluppo di patologie nell'area genitale femminile, compresi i tumori benigni.