12 fatti sulle mestruazioni nel Medioevo, che ora fanno paura

Hmm, la vita di una ragazza nel Medioevo non può essere definita dolce. Se non altro perché hanno trattato un processo fisiologico così naturale come le mestruazioni, per usare un eufemismo, stranamente.

Come? Scoprilo ora!

1. Le donne medievali inserivano pezzi di materiale che assorbivano il sangue mestruale

Molto comodo, non è vero? Ha lavato un panno e può essere riutilizzato!

2. A volte lo "straccio" si rifiutava di rimanere al suo posto e cadeva a terra con orrore della padrona di casa e di chiunque la vedesse

Per i cristiani, le mestruazioni erano profondamente sospettose. Hanno chiamato gli "stracci" stracci mostruosi o cattivi.

3. Molti uomini consideravano il sangue mestruale velenoso e pensavano che potesse rovinare il vino, uccidere i raccolti e persino causare la rabbia nei cani!

In generale, l'intero processo delle mestruazioni era considerato qualcosa di disgustoso e vergognoso..

4. Molti "esperti" ritengono che le mestruazioni siano una malattia che necessita di cure

La gente credeva nelle idee di Ippocrate, che diceva che lo stile di vita sedentario delle donne non permetteva loro di "spendere" tutto il loro sangue, quindi il corpo stesso si sbarazzava dell'eccesso.

5. Se la ragazza non ha iniziato il ciclo in tempo, i medici si sono offerti di prelevarle il sangue dalla vena

6. Alcuni non usavano affatto i cosiddetti "stracci", permettendo al sangue di essere assorbito direttamente nei vestiti

Poi le donne indossavano sottovesti per nascondere in qualche modo lo spargimento di sangue.

7. Il rosso era il colore più comune nelle gonne delle donne. Probabilmente puoi indovinare il motivo

8. Era consuetudine portare con sé noce moscata o piccoli sacchetti di fiori secchi per nascondere l'odore del tessuto intriso di sangue.

9. Alcune donne usavano persino il muschio come assorbente igienico

10. Uno dei modi per sbarazzarsi di periodi pesanti era bruciare il rospo e portare le sue ceneri in un sacchetto intorno alla vita.

11. Se una donna non iniziava in tempo, le veniva detto di inserire nella vagina della lana imbevuta di cetrioli bolliti e latte

12. La gente pensava che se avessi fatto sesso durante il ciclo, i bambini sarebbero nati rossi.

E alcuni uomini pensavano che il sangue mestruale fosse così tossico e velenoso da poter bruciare la pelle del pene di un uomo.!

Cosa veniva usato per le mestruazioni prima dell'avvento dei moderni tamponi e assorbenti?

Le mestruazioni accompagnavano le donne in ogni momento. Ma è successo che gli storici abbiano sempre taciuto su questo argomento. Pertanto, ai nostri giorni sono arrivate pochissime informazioni su come i nostri antenati hanno affrontato "affari sanguinosi".

Questo può essere giudicato da fonti scarse negli ultimi 4mila anni. Ecco da quanto tempo esistono documenti storici registrati.

Prima di tutto, devi capire che il concetto di mestruazione in momenti diversi era diverso. Ora ogni donna sa che esiste un certo ciclo. Può essere individuale per ogni donna, ma regolare. E se viene violato, diventa un segno di disturbi patologici nel corpo..

Ma nei tempi antichi la gente non sapeva niente del genere. Mangiavano quello che dovevano, spesso morivano di fame e soffrivano di carenze vitaminiche. Ciò ha portato a uno squilibrio nei livelli ormonali, che ha influenzato il ciclo delle mestruazioni. E se una donna era molto emaciata, le sue funzioni riproduttive diminuivano e le mestruazioni non potevano più apparire.

I moderni produttori di tamponi affermano che questo dispositivo, che protegge dallo scarico sanguinante, è stato inventato dalle donne egiziane nei tempi antichi. In tal modo, fanno riferimento alle dichiarazioni di Ippocrate. Ha presumibilmente descritto alcuni bastoncini di legno, che il gentil sesso avvolgeva con un panno morbido e inseriva in se stessi durante le mestruazioni.

Ma la famosa dottoressa Helen King è sicura che gli inserzionisti abbiano inventato questo mito per promuovere i loro prodotti. Non ci sono documenti originali con dichiarazioni simili di Ippocrate. Così come nessuna prova che i tamponi fossero usati dalle donne nell'antica Grecia.

Ma ci sono prove documentali che i romani attaccassero certi assorbenti di cotone assorbente alla loro biancheria intima. Tuttavia, durante il Medioevo, anche questi dispositivi erano assenti. Il fatto è che per molto tempo le donne non hanno indossato biancheria intima sotto le gonne, quindi non c'era nulla per riparare le guarnizioni..

Solo le donne ricche potevano permettersi cinture speciali che potevano tenere uno straccio tra le gambe. I fatti storici suggeriscono che la regina Elisabetta inglese fu la prima ad avere tre cinture di questo tipo, fatte di seta nera naturale.

Alcune donne del Medioevo inserivano pezzi di tessuto molle nella vagina in modo che il sangue non scorresse così tanto. Ma pochi potevano permetterselo. Il tessuto morbido era costoso e costoso da usare per questo scopo. Nelle famiglie povere anche i vestiti erano fatti di tessuti grezzi, venivano indossati più a lungo. Pertanto, la maggior parte del sesso femminile non si vergognava di una scarica sanguinolenta, era considerato naturale e non dava fastidio a nessuno.

L'esperta, Laura Klosterman, lavora su questo argomento da molto tempo. Ha studiato i diari delle donne di quel tempo e le lettere, che descrivevano le raccomandazioni per i viaggiatori. E da nessuna parte ho trovato una menzione che fosse necessario prendere qualcosa per strada in caso di un periodo critico.

All'inizio del XIX secolo, quasi nulla è cambiato in questo senso. Una dichiarazione di un medico tedesco è stata conservata dal 1899, dove è indignato per il modo in cui le donne non si prendono cura di se stesse. Ha affermato che macchiano i loro vestiti di sangue e possono indossarli per una settimana senza essere imbarazzati dalle macchie di sangue su di loro. Anche allora, ha detto che genera infezioni.

Non molti potevano permettersi tessuti naturali

Non molte persone potrebbero permettersi di utilizzare imbottiture in tessuto. Pertanto, la maggior parte dei poveri camminava così. Avevano il permesso di fare vari lavori, ma in quei giorni era proibito lavorare nelle fabbriche alimentari. Si credeva che il cibo potesse diventare velenoso da loro. E in effetti, un tale pericolo esisteva se si aggiungeva un'infezione.

Alla fine del XIX e all'inizio del XX secolo apparvero le prime cinture igieniche. Nel 1888, negli Stati Uniti apparve una pubblicità per i fazzoletti usa e getta. Ma a causa del fatto che il tema delle mestruazioni è sempre stato un tabù, a quel tempo questi prodotti non hanno trovato riconoscimento tra le donne e hanno cessato di essere prodotti..

E solo nel 1920, le cinture igieniche erano ampiamente utilizzate. Durante la prima guerra mondiale, il personale medico usò carta speciale che assorbiva bene il sangue dalle ferite. Successivamente, questa carta è stata utilizzata durante le mestruazioni per assorbenti monouso su una cintura igienica. Fu in quel periodo che uscirono i primi assorbenti Kotech, conosciuti fino ad oggi..

E dagli anni '30 del secolo scorso sono stati rilasciati i primi tamponi Tampax con applicatore di cartone. Entrarono nel mercato nel 1934 e furono consigliate solo alle donne che erano già state private della verginità. Si credeva che le ragazze non fossero adatte.

Con l'inizio della seconda guerra mondiale, le donne avevano poco tempo per prendersi cura di se stesse durante le mestruazioni. Ma il problema doveva essere risolto in qualche modo e i normali tamponi senza applicatore vennero in loro aiuto. Sono diventati molto popolari tra le donne che sono costrette a trovarsi in una zona di guerra..

Negli anni '50, la storia delle mestruazioni tace di nuovo. Ancora una volta diventa scomodo parlare di questo problema. Le donne tornano di nuovo alle cinture igieniche e rinunciano agli assorbenti interni. Non possono parlare di questo argomento ad alta voce e in quei giorni nessuno li libera dal loro lavoro abituale..

Ma dieci anni dopo, sul mercato compaiono assorbenti riutilizzabili e lavabili. Avevano ali protettive e dispositivi di fissaggio speciali in modo che rimangano sul bucato..

E dieci anni dopo, le prime guarnizioni autoadesive sono apparse negli Stati Uniti. Sono stati incollati alla biancheria intima più o meno allo stesso modo di oggi. Ma erano spessi e scomodi. Dovevano essere cambiati frequentemente perché erano rapidamente saturi e potevano perdere. A quel tempo, la pubblicità di tali prodotti fu consentita per la prima volta..

Negli anni '80 del secolo scorso apparvero i primi tamponi con un materiale super assorbente e un applicatore di plastica. Ma si sono rivelati tossici e hanno provocato la morte di 84 donne. A metà degli anni '80, per la prima volta dagli schermi, fu pronunciata la parola "mensile".

All'inizio degli anni '90 apparvero assorbenti con ali realizzati con materiali super assorbenti, che tutte le donne usano oggi..

Dal 2010 le coppette mestruali sono state ampiamente utilizzate. Sono riutilizzabili e rispettosi dell'ambiente.

Si scopre che ai nostri giorni le donne sono meglio protette in questo giorno. E i balli medievali non erano così brillanti come li descrivevano gli storici..

Salute Avventure delle mestruazioni
in URSS: cosa hanno detto
su di loro nella stampa

Da processo naturale a impresa "familiare"

  • 31 ottobre 2017
  • 51359
  • 6

Testo: Elena Dogadina

L'argomento delle mestruazioni nei media è ancora un tabù - e la sua discussione è velata di fluido blu ed eufemismi come "questi" o "giorni critici". Sembra che sia sempre stato così, ma in realtà non lo è stato: in URSS, per molti anni hanno scritto apertamente sulle mestruazioni e gli articoli erano accompagnati da disegni dell'utero. Comprendiamo la storia degli atteggiamenti nei confronti delle mestruazioni in URSS - con l'aiuto della stampa, dei libri e dello storico Pavel Vasiliev.

A questo punto, quando l'uovo matura, la donna ha sangue o, come vengono altrimenti chiamati, regolazione o mestruazione. In Russia, questo di solito accade nel 13 ° o 14 ° anno. Dall'età in cui inizia la maturazione delle uova e la regolazione, la ragazza inizia a trasformarsi in una ragazza. Comincia a diventare più forte, la sua voce cambia, a volte il suo carattere cambia. Durante questo periodo, le ragazze a volte diventano molto irritabili..

"RABORATNITSA", n. 6, 1923

← NEI VENTI E TRENT'ANNI la stampa di partito ha pubblicato testi sulle mestruazioni almeno in ogni altro numero. La dottoressa in scienze storiche Alisa Klotz ritiene che ciò possa essere spiegato dalla prima campagna di igiene sovietica - è stata attivamente perseguita fino agli anni del dopoguerra, quando ebbe luogo la principale migrazione dai villaggi alle città e la popolazione acquisì competenze igieniche di base. Durante questo periodo, le mestruazioni venivano scritte clinicamente asciutte e al punto. Pavel Vasiliev, candidato di scienze storiche e borsista postdottorato all'Istituto Van Leer di Gerusalemme, dice che nei primi anni dopo la rivoluzione "c'erano forti sentimenti di emancipazione nel Paese"..

Durante il sangue, l'interno dell'utero si gonfia, l'utero diventa friabile, gonfio di sangue. L'apertura nella cervice si apre leggermente e il sangue fuoriesce. Le mestruazioni durano in modo diverso: 3-5-7 giorni e compaiono ogni 3-4 settimane. Se le mestruazioni durano più a lungo o appaiono più spesso, allora questa è già una malattia e devi consultare un medico.

"Operaio", n. 6, 1923

→ IL RICERCATORE ERIK NAYMAN SCRIVE che Alexandra Kollontai ha trattato le mestruazioni come qualcosa di spiacevole e obbligatorio per le donne, di cui sarebbe bello sbarazzarsi. Si credeva che le mestruazioni ostacolassero una donna per completare l'uguaglianza con un uomo, ma allo stesso tempo non era considerata un'importante esperienza femminile. Questo è solo un fenomeno a cui le donne sono suscettibili, e quindi hanno scritto su di loro, come qualsiasi altra informazione "medica", altamente specializzata - il minimo necessario. Per ulteriori dati o in caso di deviazioni del ciclo, si consiglia di rivolgersi al medico.

Le mestruazioni, quindi, non sono una malattia; secondo la lettera della legge, una donna durante le mestruazioni non è soggetta a liberazione dal lavoro. Ma ci sono un certo numero di donne in cui, a causa di determinate condizioni del corpo, le mestruazioni procedono, soprattutto nei primi giorni, estremamente difficili. I medici prescrivono a una donna che non lavora nell'azienda, riposo completo (sdraiato a letto) per uno o due giorni.

"RABORATNITSA", n. 7, 1924

← Discussioni su mestruazioni e uguaglianza sono state condotte anche a livello di tempo libero nei giorni delle mestruazioni. La professoressa di storia sovietica Melanie Ilic nello studio "Donne lavoratrici sovietiche e mestruazioni: una nota di ricerca sulla protezione del lavoro negli anni '20 e '30" scrive che nelle fabbriche e nelle industrie dove c'erano più donne che uomini, c'era il congedo mestruale. Le donne potevano prendersi diversi giorni di ferie al mese, anche se alcune deliberatamente non lo usavano. Pavel Vasiliev ritiene che questo sia tipico della situazione moderna: da un lato, il periodo mestruale può essere considerato un'iniziativa legislativa progressista; d'altra parte, sembrano implicare automaticamente che il corpo femminile funzioni peggio del maschio per diversi giorni al mese, e il corpo maschile è considerato uno standard.

Ma non tutte le pubblicazioni di partito di questo periodo hanno forti sentimenti femministi. Ad esempio, nel "Women's Journal" del 1926, fu pubblicato il materiale "Chemistry of Women's Moods" - descrive che una donna diventa incontrollabile per diversi giorni al mese e in psichiatria è preparata per una diagnosi di "psicosi mestruale": "Di conseguenza, la sanità mentale della personalità di una donna in il periodo delle mestruazioni è decisamente limitato. Le statistiche illustrano questa idea indicando un aumento della propensione alla criminalità. Si scopre che circa il 50% di tutti i suicidi tra le donne si verificano durante il periodo di regolazione ".

Se l'incontro della cellula uovo femminile con lo sperma non si verifica, la cellula uovo non fecondata si sposta ancora nell'utero e muore. Lo strato superficiale della mucosa gonfia dell'utero si restringe; è accompagnato da sanguinamento; ciò che chiamiamo mestruazioni accade.

"Operaio", n. 7, 1947

→ DOPO LA GUERRA, nella seconda metà degli anni Quaranta - primi anni Cinquanta, nelle riviste, i dettagli medici, l'attenzione alla salute e all'igiene sono sostituiti dalla preoccupazione esclusivamente per lo stato riproduttivo delle donne. La stampa ha ricordato che se le mestruazioni sono state perse o è comparsa la dimissione, una donna ha immediatamente bisogno di consultare un medico, fino a quando non sorgeranno complicazioni - dovrà anche diventare madre.

Pavel Vasiliev aggiunge che il Paese nel periodo stalinista, nel contesto della militarizzazione, era interessato ai nuovi cittadini, e soprattutto ai soldati. Ciò è particolarmente evidente negli anni del dopoguerra, quando una donna era vista come un "incubatore" per la produzione di persone, e non solo in URSS - anche altri paesi colpiti dalla guerra cercarono di compensare le perdite. Durante questo periodo, la negligenza medica, i casi in cui un medico con le sue azioni ha causato danni alla salute riproduttiva di una donna, sono stati puniti in modo particolarmente severo, aggiunge Vasiliev. Di conseguenza, le mestruazioni stesse non sono state poi parlate: sono state semplicemente menzionate in articoli sulla gravidanza, le cause di infertilità o l'aborto..

La principale preoccupazione dei genitori a questo proposito è preparare meglio il corpo della ragazza per un normale ciclo mestruale. Le ragazze fisicamente sviluppate, indurite e sane di solito hanno il ciclo regolarmente, senza disturbi; al contrario, le ragazze malate spesso hanno difficoltà a tollerare l'inizio delle mestruazioni, perdere peso, perdere le loro già modeste forze.

"Worker", n. 3, 1963

← DALLA SUCCESSIVA DEI QUINDICI - L'INIZIO DEGLI ANNI Sessanta, le menzioni sulle mestruazioni sulla stampa compaiono solo nell'ambito dei consigli per la madre di una ragazza adolescente. La nonna, il dottore e gli insegnanti della scuola dovrebbero essere preparati per le mestruazioni delle ragazze e la madre dovrebbe fornire alla figlia informazioni in anticipo in modo che non abbia paura del sangue. E l'intero ambiente della studentessa dovrebbe essere preparato al fatto che il suo comportamento cambierà, inizierà a studiare peggio e sarà scortese - si ritiene che questa sia una fase normale della sua vita associata al "diventare madre". Pavel Vasiliev suggerisce che la conoscenza mestruale dalla fine degli anni Cinquanta agli anni Ottanta rientra nella sfera della famiglia, e la responsabilità di memorizzare e trasmettere queste informazioni spetta solo alla madre.

C'è un'altra teoria che spiega questo stato di cose: negli anni Sessanta e Ottanta diventa più difficile parlare di mestruazioni, forse a causa di una nuova visione ancora più conservatrice della famiglia. In L'alto titolo di un comunista: la disciplina del partito del dopoguerra ei valori del regime sovietico, Edward Cohn giunge alla conclusione che il periodo di Krusciov in URSS divenne quasi più "moralista" di quello stalinista. Ad esempio, se sotto Stalin si venisse a sapere dell'amante di qualche funzionario, questo potrebbe essere seguito da semplici conversazioni e rimproveri: sotto Krusciov, le sanzioni per tali azioni erano molto più severe. Il carattere morale del costruttore del comunismo viene costruito più chiaramente e in dettaglio che mai.

Almeno due volte al giorno, le mani pulite con le unghie corte dovrebbero lavare i genitali esterni con acqua bollita leggermente calda; il sangue essiccato sui genitali esterni porta alla contaminazione e all'irritazione della pelle, quindi l'infiammazione può passare nella vagina e negli organi genitali interni. Non dovresti fare il bagno durante le mestruazioni, nuotare nel mare, nel fiume (non puoi lavare la vagina). Dovresti lavarti sotto la doccia. Non puoi avere rapporti sessuali. È necessario utilizzare garze igieniche, che vanno legate alla cintura e cambiate man mano che si sporcano; indossare collant larghi e cambiarli più spesso.

"Brief Encyclopedia of Household",
1966 anno

→ In epoca sovietica, la stampa prestava pochissima attenzione al lato "tecnico" della questione: prodotti per l'igiene che dovrebbero rendere la vita più facile alle donne durante le mestruazioni. Ad esempio, una cintura speciale era molto popolare, sulla quale era necessario allacciare un batuffolo di cotone avvolto con una garza. Sebbene alla fine degli anni Ottanta i primi salvaslip con nomi di donne ("Angelina", "Veronica") e gli assorbenti interni fossero apparsi nel paese, questi prodotti scarseggiavano e le donne sovietiche li compravano raramente. Ma le istruzioni su come realizzare le guarnizioni da soli - con la stessa garza e cotone idrofilo - erano molto popolari. Pavel Vasiliev ritiene che a causa del fatto che le donne spesso producevano da sole gli assorbenti, non capivano perché dovessero dare soldi per loro.

Negli anni Ottanta, gli articoli sulle mestruazioni diminuirono e all'inizio degli anni Novanta ne rimasero accenni solo nella pubblicità. Pavel Vasiliev ritiene che la "scomparsa" delle mestruazioni possa essere associata al discorso tradizionalista, che diventerà solo più forte nel tempo. Le mestruazioni vengono definite definitivamente "affari di donne" che non trovano posto in una rivista; parte delle informazioni viene trasferita all'enciclopedia "per ragazze", dove vengono salvati anche consigli su come realizzare gli assorbenti. In futuro, la pubblicità sulla stampa e in televisione era impegnata nella promozione di assorbenti e tamponi. La prima pubblicità di Tampax apparve sulla rivista Burda nel 1989: prometteva che con Tampax le donne nel paese avrebbero ottenuto un comfort e una libertà senza precedenti - e allo stesso tempo spiegava in dettaglio come usarla e come smaltirla in seguito.

Quasi trent'anni dopo il crollo dell'Unione Sovietica, le mestruazioni sono ancora un argomento tabù. Nonostante il fatto che assorbenti, assorbenti interni e coppette mestruali compaiano regolarmente nelle pubblicità, parlarne è ancora considerato una questione "personale" e per questo molte donne non comprendono appieno come funzionano i loro corpi e i miti continuano a regnare nella società che durante le mestruazioni è impossibile rimanere incinta e non puoi fare sport. La buona notizia è che l'inizio del cambiamento è stato fatto: ad esempio, negli annunci per gli assorbenti, non è apparso liquido blu, ma sangue. Lasciato a superare l'imbarazzo.

Una storia sanguinosa: come le donne erano solite affrontare le mestruazioni

Le persone dell'antichità, dalla Mesopotamia a Roma, aderirono allo stesso approccio alla descrizione delle mestruazioni. Per essere precisi: silenzio completo. In 4.000 anni di storia documentata, tra una dozzina di culture diverse, le persone hanno lasciato poche o nessuna informazione su come le donne hanno affrontato il disagio..

Cominciamo con il fatto che le mestruazioni nei tempi antichi e ora sono fenomeni leggermente diversi. Principalmente perché i cicli prolungati erano rari piuttosto che la norma. La cattiva alimentazione e la mancanza di vitamine hanno portato a uno squilibrio ormonale e questo, a sua volta, ha portato a irregolarità mestruali. Le mestruazioni avrebbero potuto interrompersi del tutto se la donna fosse stata gravemente emaciata..

Tamponi e antico Egitto

Molto spesso su Internet è possibile trovare l'affermazione che i tamponi erano noti agli antichi egizi. Menzione in questo contesto e Ippocrate, il "padre della medicina", che avrebbe menzionato piccoli bastoncini di legno avvolti in morbido lino, che le donne inserivano nella vagina.

La dottoressa Helen King, che ha dedicato molti anni allo studio delle mestruazioni in un contesto storico, afferma che la citazione originale di Ippocrate non è mai stata trovata e il mito è stato ampiamente utilizzato nelle campagne pubblicitarie di marchi famosi - produttori di prodotti per la cura personale per le donne.

Lo stesso vale per le affermazioni sui tamponi nell'antico Egitto e in Grecia. Ma ci sono prove che i romani attaccassero il subligaculum alla loro biancheria - tamponi di cotone assorbenti - c'è.

Medioevo

Se rispondi molto brevemente alla domanda su cosa hanno fatto le donne fino al XIX secolo durante le mestruazioni, la risposta sarebbe: niente. La maggior parte delle donne europee non indossava biancheria intima, quindi non c'era nessun posto dove attaccare il tessuto.

Tuttavia, c'erano anche delle eccezioni. Un metodo alternativo "per i ricchi" erano i "tamponi" di stracci, che venivano fissati tra le gambe con una cintura speciale che veniva fissata intorno alla vita. Ad esempio, sappiamo che Elisabetta I, regina d'Inghilterra, aveva tre cinture di seta nera.

L'approccio "civilizzato" all'igiene prevedeva anche l'inserimento di pezzi di tessuto nella vagina per fermare l'emorragia. Ma la maggior parte delle donne lascia semplicemente scorrere il sangue in modo naturale. Questo, a quanto pare, secondo i registri, non ha sorpreso nessuno..

Laura Klosterman Kidd, un'esperta in materia, ha esaminato 17 diari e lettere di donne che consigliavano cosa mettere in valigia durante un viaggio. Non ha incontrato una sola menzione di oggetti che potrebbero in qualche modo rendere più facile la vita di una donna durante questo periodo..

Niente è cambiato. Un medico tedesco scrisse nel 1899: "È assolutamente disgustoso sanguinare sulla maglietta e poi indossarla per quattro-otto giorni, può facilmente portare a infezioni"..

Sì, alcune donne usavano il "tessuto mestruale", ma la maggior parte delle donne non poteva permettersi un piacere così costoso..

Allo stesso tempo, alle donne "di questi tempi", ad esempio, era vietato lavorare nelle fabbriche, in particolare nelle fabbriche alimentari - si credeva che potessero "avvelenare" il cibo.

Come affrontare periodi precedenti in cui non esistevano prodotti per l'igiene?

Durante la guerra, per molti, le mestruazioni si sono semplicemente fermate dallo stress, dall'enorme sforzo fisico e dalla perdita di peso. Il corpo femminile è programmato per una certa percentuale di grasso corporeo (a cui una donna è in grado di avere un figlio). Se perdi peso al di sotto di questo peso, il ciclo si interrompe. Ho controllato me stesso: una volta che ero molto portato via dalla perdita di peso e le mie mestruazioni si fermavano, tornavano solo quando tornavo al peso normale. Le persone anoressiche hanno familiarità con questo argomento (una volta ho letto la comunità di donne anoressiche su LJ, si vantavano di chi aveva il ciclo a che peso). A proposito, sopra c'era un commento su una dieta di cibi crudi - che quando le donne passano a una dieta di cibi crudi, i loro periodi scompaiono, il che è considerato una guarigione diretta del corpo - quindi nessuna `` guarigione '' ha nulla a che fare con questo, è solo una banale perdita di peso e, di conseguenza, la perdita delle mestruazioni. Il corpo non si preoccupa di come è stato perso il peso - anche su frutta e verdura meravigliose, anche su caffè e sigarette, quando la% di grasso corporeo scende al di sotto del normale, interrompe semplicemente le mestruazioni.

E ai vecchi tempi, sì, la donna era costantemente incinta o allattava, se finiva di allattare, rimaneva di nuovo incinta (la contraccezione naturale dall'allattamento al seno era persa), quindi nessuno aveva questa felicità ogni mese. Ma quando era... sì, gonne lunghe, stracci e altro sulla lista. Anche la mia bisnonna mi ha parlato di questa bellezza. Cosa siamo, ragazze, felici!

Mestruazioni negli animali

Le mestruazioni, oltre all'uomo, si osservano anche nelle femmine di alcuni mammiferi placentari. Questi includono, prima di tutto, molti primati. Le mestruazioni sono comuni nelle specie che sono rappresentanti della scimmia infraordine, a cui appartengono gli esseri umani, le grandi scimmie, le scimmie del Vecchio Mondo (o scimmie) e le scimmie del Nuovo Mondo (o scimmie dal naso largo) [1]. Le mestruazioni sono raramente espresse in rappresentanti del sottordine più primitivo delle semi-scimmie: non sono state trovate nel sottordine delle scimmie dal naso bagnato (che includono lemuri e lori), ma a volte sono osservate in alcune specie di tarsi [1].

Oltre ai primati, altri animali che hanno le mestruazioni includono pipistrelli (pipistrelli) e toporagni saltatori (noti anche come toporagni elefante). È interessante notare che in questi ultimi i plasmodi della malaria si trovano nel sangue, il che è anche la prova della loro vicinanza evolutiva con i primati inferiori (solo i primati, inclusi gli esseri umani e i tupai) sono malati di malaria..

Nelle femmine di altre specie di mammiferi placentari, invece del ciclo mestruale, si verifica il ciclo estrale (estro), durante il quale l'endometrio non viene rifiutato, ma viene completamente riassorbito nel corpo. Va notato che nelle persone con sangue mestruale, viene rilasciato solo un terzo del volume dell'endometrio, mentre i restanti due terzi vengono assorbiti dal corpo..

La durata del ciclo mestruale nelle femmine di orango, come nell'uomo, è in media di 28 giorni, prossima alla durata del mese lunare, 29,53 giorni, mentre, ad esempio, nelle femmine di scimpanzé, la durata del ciclo è di circa 35 giorni.

* affermazioni su "questo non è successo prima" testimoniano solo il fatto che una persona, a parte il proprio cibo crudo o qualsiasi altro forum, non legge nulla. Almeno, tra i popoli e le tribù più diverse, un intero gruppo di tradizioni, rituali e zabobon sono collegati al tema delle mestruazioni, provenienti da un tempo molto lontano. Quindi, tutto era prima! È solo che, come accennato in precedenza, quando l'umanità non sapeva come controllare la fertilità, le donne erano semplicemente costantemente incinte o in allattamento e non avevano le mestruazioni tutto il tempo..

Le mestruazioni sono un incubo di tutti i tempi e di tutti i popoli (11 foto)

Il naturale processo fisiologico che avviene ogni mese per ogni donna, a partire dal momento della pubertà, è ancora considerato un argomento inappropriato e persino vergognoso, nonostante la pubblicità aperta di assorbenti e prodotti per l'igiene.

E questo argomento è sempre stato sollevato nella società in un modo o nell'altro in ogni momento, accompagnato da vari rituali, speculazioni e divieti.
Nei tempi antichi, le persone percepivano le mestruazioni in modi diversi. Ad esempio, alcuni credevano che questa fosse una punizione per il peccato di piaceri voluttuosi, altri credevano che fosse sangue extra, ed erano anche percepiti come una malattia.

Diversi atteggiamenti nei confronti delle mestruazioni sono notati tra i diversi popoli, ad esempio, nei paesi asiatici, l'inizio delle mestruazioni è riferito a tutti e nelle famiglie slave - solo agli anziani. L'inizio delle mestruazioni ha dato alla ragazza il diritto di indossare abiti non da neonato, partecipare alle vacanze, usare gioielli e cosmetici..

Le usanze di tutti i paesi estendono una cosa: a una donna durante il suo periodo era vietato toccare il cibo, cucinare il cibo, toccare il raccolto (anche gli alberi su cui crescono i frutti) e visitare i templi.

Gli slavi credevano che le donne durante i loro periodi siano "impure", quindi è loro proibito apparire nel tempio, andare al cimitero e apparire nella stanza superiore. Una donna "impura" non doveva lavorare con il terreno - le era proibito piantare, diserbare, raccogliere qualsiasi cosa, ed era anche vietato calpestare animali domestici e uccelli, altrimenti non sarebbero cresciuti e non si sarebbero avvicinati all'apiario, altrimenti non ci sarebbe stato miele negli alveari. Secondo la religione cristiana, il sangue non può essere versato nel tempio di Dio: alle donne non era permesso entrare durante le mestruazioni..

A proposito, secondo un'antica tradizione, una donna il cui periodo, in caso di morte di un parente, dovrebbe salutarlo per ultimo..

Le donne non potevano partecipare alla caccia e alla pesca. Si credeva che in questo momento una donna avesse un odore speciale che gli animali e i pesci possono annusare e che la caccia e la pesca non avranno luogo.

A proposito, tra alcuni gruppi etnici, agli uomini le cui mogli avevano il ciclo era proibito mangiare carne e cacciare.

Alcune persone hanno stabilito requisiti più rigorosi per questo periodo. Le donne non dovrebbero essere viste dagli uomini, ed è ancora meglio trovare un luogo appartato in generale e non uscire fino alla fine di "questi giorni".

Quindi in Nepal costruiscono capanne separate - piccole cabine, dove le donne vengono espulse durante le mestruazioni. Nelle "cabine" non ci sono condizioni normali, quindi le donne spesso soffrono di morsi di serpente, attacchi di animali selvatici, congelamento e subiscono violenze da parte di truffatori che approfittano della loro indifesa. Non molto tempo fa, questa tradizione, sebbene vietata dalla legge, portò alla morte di una giovane ragazza. ha acceso un fuoco nella gabbia ed è soffocata. Ma questo non fermerà questa tradizione barbara..

In India, una donna si trasferisce in un letto separato dal marito, non cucina e non va nei templi. Devono anche prendere il cibo separatamente in modo che nessuno possa toccarli..

In alcune tribù viene eseguito un certo rito di purificazione: con l'inizio della prima mestruazione, la madre frusta sua figlia con delle verghe e quest'ultima non osa pronunciare una parola. Un altro rituale: la ragazza è stata appesa su un'amaca, il giorno non è stato permesso di mangiare o bere e tutte le formiche la mordono. E in alcune tribù del Brasile praticano torture più severe: per 3 settimane la ragazza viene isolata, riceve solo pane e acqua, quindi tutti i parenti la picchiano con bastoni, quelli che si sottopongono alla procedura con onore sono considerati adatti al matrimonio..

Alcune persone credono che toccando oggetti che una ragazza con le mestruazioni ha toccato morirà, e se una donna entra nel fiume in quel momento, tutti i pesci moriranno.

Molti credevano che i sogni durante le prime mestruazioni potessero predire il futuro, le ragazze di questi tempi non dovrebbero ridere - diventeranno ventose, parleranno - diventeranno chiacchiere e gireranno la testa - diventeranno volubili.

I Boscimani credono che se una donna beve latte, l'intera mandria di mucche morirà; se una donna guarda un uomo, si pietrifica, e se è tra due uomini, uno di loro morirà.

In Europa, credevano che una donna con le mestruazioni potesse rovinare il raccolto, i giardini, il vino e la birra, e la marmellata che produceva sarebbe sicuramente ammuffita. Non puoi salire sulla barca - inizierà una tempesta e andrai al pozzo - l'acqua scomparirà. In Francia le donne mestruate dovrebbero stare lontane dallo zucchero, in Austria dalle cipolle, a Sumatra dal riso e in Vietnam dal tabacco..

Tuttavia, ci sono molte credenze che attribuivano proprietà magiche al sangue mestruale..

Con il suo aiuto, furono fatti incantesimi d'amore, cospirazioni e furono preparate pozioni. Alcuni selvaggi credevano che il tocco di una donna con un ciclo avrebbe alleviato foruncoli, piaghe, acne e ulcere, oltre a tenere lontani i parassiti dai giardini e salvare dalla siccità..

In che modo le donne hanno affrontato il ciclo in passato? P.S. Per i deboli di cuore, non leggere né guardare

In che modo le donne hanno affrontato il ciclo in passato? P.S. Per i deboli di cuore, non leggere né guardare

"Ciò che è naturale non è brutto!" Le mestruazioni al momento non sono una sorta di tabù di massa, come lo era in passato, ma nonostante questo, vale la pena notare che la maggior parte delle persone è sgradevole a sentirlo.

Alcuni uomini non capiscono affatto cosa sta succedendo nel corpo di una donna in questo momento, e siamo onesti fino alla fine, non vogliono davvero saperlo. Tutto quello che capiscono è che una donna diventa capricciosa, piagnucolona e tutto ciò di cui ha bisogno è un'enorme lattina di gelato e una sorta di melodramma. Ma anche se in certi casi lo è, oggi, in linea di principio, non ci sono problemi per poter in qualche modo nascondere i propri "giorni rossi di calendario". Qualsiasi farmacia vende prodotti per l'igiene personale e antidolorifici, quindi non devi farti prendere dal panico troppo. Ma diamo un'occhiata a come venivano trattati i giorni mestruali nelle donne diversi secoli fa. In realtà è stato un periodo terribile. Le donne dovevano fingere con forza che niente del genere stesse accadendo ai loro corpi, a cui questa o quella giovane donna non andavano per nascondere i suoi periodi. Questo è ciò di cui parleremo oggi. Quindi, vi presentiamo diverse opzioni per il "combattimento" con le mestruazioni, praticate diversi secoli fa. Attenzione: per i deboli di cuore, non leggete né guardate, ci sarà SANGUE.

Cintura speciale per le mestruazioni, XIX secolo

Sì, è davvero terribile come sembra. Qualsiasi tipo di cintura che deve essere indossata, praticamente senza rimuoverla dal corpo, non porterà mai a niente di buono, e questo dispositivo davvero infernale non fa eccezione. Molto prima che le donne avessero assorbenti e tamponi, gli inglesi vittoriani pensavano che sarebbe stato bello indossare una cintura di cuoio con una specie di "tazza" per il sangue imbottita di stoffa o lino sulle donne. Questo tipo di invenzione ha riscosso un grande successo tra alcune donne americane ed europee negli anni '70. Ci sono diverse cosiddette recensioni su questo "aiutante miracoloso" durante le mestruazioni. Alcune donne hanno descritto questo dispositivo come una "forma di tortura" e questa tortura è continuata di mese in mese. Le donne hanno detto che sognavano che non avrebbero mai avuto il ciclo semplicemente perché era incredibilmente scomodo indossare questa unità su se stesse..

Soffri di dolori mestruali? Rimozione completa delle ovaie!

Durante l'era vittoriana, alcuni medici sembrano aver creduto che sarebbe stato meglio per il benessere di una donna se non avessero affatto le ovaie! Fortunatamente, questa procedura dolorosa non è stata eseguita molto spesso. Questa presunta "cura miracolosa" per i crampi mestruali è l'equivalente del trattamento delle emicranie persistenti che hanno causato a molti di avere un intervento chirurgico al cervello. Il dolore mestruale è molto spesso associato a svenimenti, vomito e forti dolori nell'addome inferiore. Ma, nonostante ciò, è del tutto possibile sopravvivere a un tale stato. La perdita di ovaie a causa delle mestruazioni è un traguardo completo, amici.

"Stiamo perdendo materiale!" Antichi egizi che immagazzinavano il sangue mestruale per vari incantesimi

Le persone dell'antico Egitto erano estremamente intraprendenti e intelligenti, indipendentemente da chi parlasse. Non volevano nemmeno che il loro sangue mestruale andasse sprecato. Invece, molte persone lo tenevano in speciali brocche e scatole da usare per la stregoneria e la guarigione. Si credeva che il sangue mestruale non fosse solo angoscia del corpo, ma oltre a questo portasse una sorta di significato magico e spirituale. Gli antichi egizi lo usavano come ingrediente per vari incantesimi e lo bevevano persino (sì, sì, l'hanno fatto) perché credevano che avesse proprietà medicinali. Sì, alcuni ora si sono sentiti male, ma all'inizio dell'articolo vi avevamo comunque avvertito! Quindi continuiamo. Gli egiziani credevano che il sangue mestruale desse forza a chi lo beve, ed erano convinti al cento per cento che tutto ciò che il sangue mestruale toccava potesse letteralmente rinascere. A una persona oa un animale viene data una seconda possibilità: una nuova vita. Molti anziani egiziani si strofinano con il sangue mestruale che hanno comprato e credono che sia stata lei ad aiutarli a ritrovare la loro antica bellezza..

Cenere di rospo... in un luogo intimo

Le donne che soffrivano di crampi mestruali, così come altri sintomi, dovevano catturare un grosso rospo, ridurlo in cenere e versarlo tutto in una specie di piccola borsa. Dopo tutte queste esecuzioni sul povero anfibio, dovresti mettere una borsa con le sue ceneri in mutande e tenerla lì per tutto il ciclo. Per che cosa? Perché gli europei medievali erano convinti che il potere del rospo, morto, passasse alla donna e non solo allevia il disagio durante le mestruazioni, ma riduce anche il sanguinamento. Non siamo troppo sicuri se le ceneri del rospo possano dare forza. Molto probabilmente, poteva solo sviluppare qualche tipo di infezione nel corpo della donna. E oltre a questo - l'odore! Dato che le signore hanno cercato in ogni modo di nascondere tutti gli "aromi" durante questo periodo, è improbabile che la polvere di un rospo tra le loro gambe le avrebbe aiutate in questo..

Quello che le donne usavano ai vecchi tempi per le mestruazioni, ad esempio in Russia?

Una volta, mentre ero ancora studente, tornai a casa per le vacanze e mia nonna, una Kerzhachka (Vecchia Credente) di quasi 70 anni, mi chiese di cucirle dei pantaloni. Il fatto è che non si sentiva più molto bene e ha deciso di salutare i suoi luoghi nativi, ed era possibile arrivarci solo con i camion di passaggio. E per salire sul sedile posteriore della macchina, ha dovuto mettere qualcosa sotto la gonna. E non portava mai i pantaloni. "Come mai?" - Sono rimasto sorpreso. "E se le mestruazioni?" "È successo qualsiasi cosa", rispose, "e gli stracci erano infilati dentro, e gli orli delle sottogonne, ed è successo durante la fienagione, ed è finito negli stivali." Era diverso nella generazione successiva. Papà faceva il radiotelegrafista, veniva gettato da una miniera d'oro all'altra (Siberia, Altai). Per l'oro, bellissime cose giapponesi (?) Apparvero nelle miniere. Tuttavia, ricordo a malapena. Ero in seconda elementare. Ci siamo riuniti con le nostre amiche per giocare con le bambole e ho scosso tutti gli stracci da qualche parte. Tra questi abbiamo trovato meravigliosi cuscini in raso, rifiniti con piping setoso, che era meravigliosamente intrecciato alle estremità dei cuscini, trasformandosi in anelli, apparentemente per bottoni. E improvvisamente ho cominciato a comporre che mia madre è la mia insegnante, non può lasciare la lezione quando vuole. Qui, dicono, questi pad erano destinati a questo caso. Oh, ed è volato dentro di me la sera da mia madre! Bene, allora sono cresciuto.

"La cosa principale è non morire in pantaloncini da uomo": come le donne sono sopravvissute e hanno affrontato la vita di tutti i giorni durante la guerra

Le donne hanno dovuto avvelenare i pidocchi. Erano ovunque: nei capelli, nei vestiti e nella biancheria da letto. La donna fortunata era quella i cui capelli non erano stati tagliati, ma trattati con una miscela ardente. I capelli erano diventati due volte più piccoli, ma erano immobili.
Invece di assorbenti, puoi prendere i giornali. La cosa principale è non usare la prima pagina con il ritratto del leader.

A causa dello stress e della fame costanti, molte donne hanno interrotto il ciclo mestruale. Le mestruazioni potrebbero essere assenti non solo per mesi, ma anche per anni. Questo era percepito solo come un vantaggio, perché la sopravvivenza richiedeva di concentrarsi su cose completamente diverse..

A quel tempo, non solo non c'erano assorbenti, ma anche i normali stracci delle vecchie lenzuola scarseggiavano. Le donne ricordarono quel tempo con bruciante vergogna. Soprattutto quelli che hanno combattuto hanno sperimentato un terribile disagio:

Usato nei giorni critici e sui giornali. Era importante solo non prendere le prime pagine con i ritratti del leader o nascondere accuratamente i rifiuti a tutti. Se non c'erano giornali, venivano usate le foglie di bardana.

Rendendosi conto che non c'era nulla da perdere, spruzzò il latte materno in faccia all'ufficiale

Nonostante i tempi difficili, le donne rimasero incinte e partorirono. Il numero di stupri è andato fuori scala e sia gli estranei che i loro sono stati violentati. La questione della contraccezione era più che rilevante.

Come contraccettivo, venivano usati piccoli pezzi di tessuto imbevuti di strutto, che venivano inseriti in profondità nella vagina. Era un prototipo improvvisato del diaframma vaginale. Ovviamente il livello di protezione non era alto...

Durante la guerra, le donne spesso non potevano avere un figlio, gli aborti si sono verificati nelle prime fasi. I tassi di mortalità materna e infantile erano enormi. La gravidanza e il parto dei prigionieri dei campi di concentramento è un argomento particolarmente difficile. In alcuni campi di concentramento sono stati condotti esperimenti di sterilizzazione disumana su donne giovani e incinte utilizzando una varietà di metodi..

Ma allo stesso tempo, nelle memorie del tempo di guerra, puoi trovare molte storie incredibili sul parto con un lieto fine: dopotutto, hanno partorito in un campo o in una slitta sulla strada per un'ostetrica, e dallo strumento c'era solo una bacinella di acqua calda.

Crescere e lasciare un bambino in condizioni di guerra è stato difficile, ma le donne hanno fatto del loro meglio. Dalle memorie di un residente di Mogilev:

Le donne lavoravano dalla mattina alla sera, a volte non c'era nessuno con cui lasciare i bambini. Pertanto, i bambini sono cresciuti rapidamente:

E le ragazze stesse sono maturate oltre i loro anni, hanno perso la loro adolescenza e il tempo dei sogni. Eppure, a volte si vede come una combattente, pronta con un mitra, entra nel negozio e chiede di vendere i suoi dolci. Oppure, tintinnando con le medaglie, salta sul tavolo quando vede un topolino.

Nell'anima di ciascuna di queste donne viveva una ragazza piccola e vulnerabile che semplicemente non poteva piangere fino alla fine della guerra..

È piaciuto? Vuoi tenerti aggiornato sugli aggiornamenti? Iscriviti al nostro Twitter, pagina Facebook o canale Telegram.

Le mestruazioni nel XIX secolo

Le mestruazioni sono parte integrante della vita di ogni donna sana in età fertile. Ora, per facilitare il corso delle mestruazioni, sono stati creati un numero enorme di medicinali e dispositivi per l'igiene. ma questo non era sempre il caso. Sorgono molte domande naturali: come facevano le donne del XIX secolo a cavarsela senza tutte le comodità che ha la generazione moderna? In tempi di guerre frequenti e di un sistema non sviluppato di servizi personali, probabilmente c'erano molti più problemi..

Ragazza, ragazza...

In epoche diverse, l'inizio dell'ovulazione e delle mestruazioni era percepito in modo diverso. A causa del fatto che fino a un certo periodo della storia era problematico nascondere un evento così importante, divenne proprietà di tutta la famiglia. Se nel Medioevo questo era considerato un momento difficile, dal momento che una ragazza agli occhi della società fu rovesciata da angelo a peccatore, allora già nel XIX secolo la situazione migliorò.

È importante riservare che ora una rapida accelerazione sia chiaramente visibile in questo numero: le prime ovulazioni si verificano sempre prima. Per le studentesse di oggi, nel 70% dei casi, questo evento si verifica all'età di 10-12 anni. Fortunatamente, nel Medioevo e nel XIX secolo, l'inizio è avvenuto spesso dopo 15-16 anni.

Se a quel tempo le bambine sarebbero state così presto per essere pronte al parto come lo sono adesso, allora è possibile che nella maggior parte dei casi avrebbero dato alla luce il loro primo figlio tra i 10 ei 15 anni, soprattutto in alcuni paesi, la cui cultura è molto favorevole ai primi matrimoni.

I nostri antenati

In Russia, nel XIX secolo, alcune tradizioni e rituali venivano programmati all'inizio delle mestruazioni, come indossare solennemente un prendisole gratuito o un ponev (una gonna ampia speciale) su una ragazza adolescente. Questo rituale era simbolico: significava che la ragazza aveva giorni critici e, in teoria, era pronta per la maternità..

Si vergognavano dei segni evidenti delle mestruazioni allora molto meno di adesso, perché i segni di un tale fenomeno si trovavano ovunque. Spesso, accanto alla ragazza che si alzava, si sentiva un gorgoglio, ma nessuno lo prendeva in giro o rideva. Al contrario, i buoni amici potrebbero aiutare e pulire con cura il segno rosso con paglia o muschio..

Le ragazze ordinate hanno cercato di proteggersi da tali incidenti, quindi hanno nascosto l'orlo di una lunga sottogonna tra le gambe dalla parte posteriore davanti (fortunatamente, i vestiti classici delle donne russe del 19 ° secolo assumevano diversi strati di orlo). A proposito, era per questo motivo che il colore più comune delle gonne superiori era il rosso: era una sorta di assicurazione contro possibili "guai".

Relazione con le mestruazioni

Può sembrare strano alle donne moderne, ma fino al 20 ° secolo, le mestruazioni nella vita di una donna non erano così frequenti. Diverse ragioni hanno contribuito a questo. In primo luogo, le ragazze spesso si sposavano anche prima dell'inizio delle mestruazioni e la pubertà cadeva prima della prima dimissione, quindi la gravidanza si verificava nella maggior parte dei casi dopo la prima ovulazione..

In secondo luogo, lo scopo principale di una donna era considerato la gravidanza e la maternità, quindi, per la maggior parte della sua vita era incinta o in allattamento, e spesso sia incinta che in allattamento allo stesso tempo. Se a questo aggiungiamo la vita media piuttosto breve, diventa chiaro che i giorni critici erano un fenomeno piuttosto raro..

La mancanza di informazioni su questo argomento è diventata la ragione di molte speculazioni e diverse interpretazioni di ciò che stava accadendo al corpo. In alcuni paesi era percepito più come una malattia, e in alcune regioni era considerato un fenomeno del tutto normale della fisiologia femminile..

Alta società

Era decisamente più facile per i rappresentanti dell'élite durante i giorni critici che per i loro concittadini meno ricchi. L'inizio delle prime mestruazioni della ragazza era considerato un evento significativo, ma da parte dei suoi genitori ha sempre causato una forte preoccupazione per la salute del bambino. E c'erano molti prerequisiti per questo: durante questo periodo, gli adolescenti diventavano eccitabili, piangevano, spesso si osservavano mal di testa, ecc., Quindi l'attenzione del medico di famiglia era concentrata sull'adolescente.

Con l'inizio delle mestruazioni, tutto divenne più facile: le nobili signore potevano benissimo permettersi di rimanere a casa durante tali periodi, non visitando e non ricevendo ospiti. Pertanto, situazioni in cui la padrona di casa "non salutava" si sono verificate molto spesso, il che ha portato le donne a essere trattate come creature più fragili e vulnerabili. Si credeva che leggere libri e una maggiore attività mentale potesse portare a una violazione del sanguinamento mestruale, pertanto, non era raccomandato impegnarsi nel lavoro mentale durante questo periodo..

La maggior parte dei medici europei del XIX secolo credeva giustamente che camminare tutto il giorno in una veste intrisa di sangue fosse estremamente antigienico e pericoloso per la salute, poiché provoca lo sviluppo di infezioni e altre pericolose malattie ginecologiche. Il benessere consentiva l'uso di pezzi di stoffa che assorbivano le secrezioni. Tali pezzi venivano costantemente sostituiti con altri e quelli usati venivano lavati, asciugati e riutilizzati..

L'uso del tessuto nella veste in cui furono successivamente utilizzati i normali assorbenti fu ostacolato dalla banale assenza di mutandine femminili. I pantaloni larghi e lunghi, che apparivano nel guardaroba delle ricche signore del 19 ° secolo, non potevano aggiustare nulla, poiché avevano un taglio piuttosto ampio.

Affari reali

Le donne più illustri avevano ancora più opportunità di risolvere i problemi con le mestruazioni. È noto da documenti storici che già per Elisabetta I, che governò l'Inghilterra alla fine del XVI secolo, i sarti personali svilupparono e cucirono tre cinture igieniche che sostenevano imbottiture in tessuto. Nell'era vittoriana, questa invenzione fu adottata da molte persone ricche..

Naturalmente, tali cinture non sono state prodotte su scala industriale. Sono stati realizzati secondo parametri individuali che solo i sarti personali potevano misurare. Questo è comprensibile: la parte del corpo che richiede misurazioni dettagliate in questo caso è piuttosto intima..

Realizzare una cintura mestruale non era facile e richiedeva abilità speciali, che influivano direttamente sul suo prezzo. L'alto costo non ha permesso a tutti di acquisire tali dispositivi igienici.

Persone normali

La maggior parte delle donne della classe media, per non parlare delle povere, non poteva nemmeno permettersi di imbottire con pezzi di stoffa, poiché allora non c'erano tessuti artificiali e quelli naturali erano venduti a caro prezzo. La mancanza di fondi e vestiti ha portato al fatto che le donne mestruate potevano camminare nello stesso per diversi giorni, specialmente con tempo fresco, quando il lavaggio impiegava molto tempo per asciugarsi..

Un altro motivo per cui i pezzi di tessuto non si sono diffusi molto rapidamente come rimedio igienico per i giorni critici era che l'idea era diffusa tra la gente comune sui pericoli di trattenere le secrezioni sanguinolente vicino ai genitali. Terribili malattie erano associate a questo, fino al prolasso dell'utero incluso..

Le donne povere non avevano l'opportunità di perdere il lavoro per diversi giorni al mese, quindi nelle officine e nelle fabbriche i pavimenti erano spesso rivestiti di paglia secca, che assorbe perfettamente le secrezioni in qualsiasi quantità, e anche gli odori perfettamente assorbiti. Era poco costoso, quindi poteva essere pulito abbastanza spesso insieme a tutto ciò che gocciolava su di esso in una o due settimane. Poiché le mestruazioni non infastidivano nessuno, allora le trattavano molto più facilmente di adesso..

Nella seconda metà del 19 ° secolo, la biancheria intima nella forma a cui siamo abituati divenne più comune, quindi anche la classe media poteva permettersela. A causa del fatto che era macchiato di una scarica sanguinolenta, il colore più popolare era il nero: su uno sfondo scuro, eventuali macchie scomparivano e diventavano meno evidenti. Nelle fabbriche alimentari in Europa, alle donne era vietato lavorare durante il ciclo perché si credeva che il loro sangue fosse pieno di tossine che potevano penetrare nel cibo e avvelenare una persona.

Professioni speciali

In ogni momento, c'erano professioni in cui è estremamente necessario nascondere la presenza di giorni critici ed è impossibile sedersi a casa. Le attrici teatrali sono una di queste professioni. Ovviamente, se una donna gioca il ruolo principale o solo un ruolo importante nella produzione, allora è sciocco per l'intera troupe cambiare il programma del tour e nessuno andrebbe a una tale misura. Anche mantenere un doppio staff di attrici è troppo costoso e inutile. Pertanto, i rappresentanti di questa professione dovevano in qualche modo uscire..

Allo stesso modo, le prostitute dovevano trovare una via d'uscita, che non potevano permettersi una settimana di pausa dal lavoro a causa delle mestruazioni. Loro, come le attrici, si sono adattate a tagli di tessuto assorbenti arrotolati in tubi stretti. Un modo meno radicale era usare gli assorbenti, ma era adatto solo a chi ha meno scarica..

Per questo sono state le attrici a figurare nelle pubblicità dei primi assorbenti (le prostitute non fanno simboli dei loro prodotti?).

Sviluppo di guarnizioni

Nella seconda metà del 19 ° secolo, gli assorbenti in tessuto divennero più convenienti per le donne con redditi diversi. Molto spesso, hanno cercato di avere molti di questi prodotti per l'igiene. Di notte venivano immersi in acqua fredda, lavati la mattina e asciugati durante il giorno. Per l'asciugatura, hanno scelto luoghi nel cortile sul retro, nascosti da occhi indiscreti..

Le cose erano più complicate con le mestruazioni durante il viaggio. Lo stock di guarnizioni doveva essere abbastanza grande. Un altro problema era l'odore, che è estremamente sgradevole. Le donne più ricche potevano permettersi di buttare via i loro assorbenti usati. Bruciarli era considerato chic speciale e alla fine del XIX secolo furono inventati bracieri speciali per questo scopo, che scomparvero rapidamente nell'oblio..

Progresso

Un numero enorme di scoperte e invenzioni ha avuto luogo durante il periodo di massimo splendore del progresso tecnologico nel 19 ° secolo. La sfera dei prodotti per l'igiene del flusso mestruale non ha fatto eccezione. Sono stati apportati i primi miglioramenti alle guarnizioni.

Un miglioramento nel design è avvenuto alle infermiere, che hanno utilizzato bende con strati di trucioli di legno, che assorbono perfettamente il sangue. Nello stesso periodo iniziarono a produrre assorbenti usa e getta, che all'inizio erano però molto costosi, come la maggior parte dei nuovi prodotti..

Il problema principale era la mancanza di pubblicità. I primi produttori non hanno potuto annunciare pubblicamente lo scopo dei loro prodotti a causa della delicatezza dell'argomento. Una soluzione innovativa è stata proposta dall'azienda Kotex: sul bancone c'era una scatola per i soldi, dopo aver buttato dentro la cifra richiesta, la signora poteva silenziosamente prendere il pacco dal bancone. Questo le ha sollevato la necessità di esprimere il prodotto di cui aveva bisogno. Questa semplice soluzione ha aumentato rapidamente le vendite.

I primi tamponi erano riempiti con cotone idrofilo, muschio o segatura. Per proteggere dalle perdite, era presente uno strato di gomma nella parte inferiore. Naturalmente, tali prodotti erano tutt'altro che moderni in termini di livello di comfort, ma rendevano la vita molto più facile alle donne durante le mestruazioni. Le prime istruzioni per l'uso conservano istruzioni dettagliate secondo cui un prodotto per l'igiene dovrebbe essere sostituito con uno nuovo due o tre volte al giorno..

Tamponi

Nello stesso periodo, un'altra innovazione arrivò dai paesi caldi all'Europa, che alla fine si trasformò in tamponi. Inizialmente, questi erano tipi speciali di alghe che venivano immessi nella vagina durante le mestruazioni e assorbivano lo scarico sanguinante. Questo adattamento ha permesso alle donne di diventare più mobili, andare tranquillamente al lavoro, fare affari o faccende domestiche..

Ovviamente gli assorbenti interni sono stati subito utilizzati come articoli usa e getta. Il loro prezzo era piuttosto alto e non tutti potevano utilizzare tali benefici durante le mestruazioni. Già dopo 50 anni, il prodotto è stato modificato e fornito con un filo, con il quale il tampone è stato facilmente rimosso dopo l'uso..

Coppette mestruali

I dispositivi che ora sono considerati uno dei più convenienti e sicuri da usare durante le mestruazioni - le coppette mestruali, furono inventati anche nel 19 ° secolo. Quindi non hanno messo radici per l'unico motivo: il materiale per la fabbricazione era il metallo, che non può adattarsi ai parametri individuali del corpo..

Per più di cento anni, questo approccio è stato scosso, ma in seguito ci sono tornati e hanno portato a termine con successo un'idea eccellente. Le coppette mestruali in morbido silicone sono ora utilizzate in un numero enorme di paesi, poiché questo prodotto per l'igiene è davvero affidabile e sicuro..

Il colore marrone della secrezione femminile si ottiene a causa delle impurità del sangue nei fluidi fisiologici. Questo muco appare in momenti diversi del ciclo mestruale.