Le principali cause di sanguinamento durante la menopausa

La menopausa (perimenopausa) è il periodo di estinzione della funzione ovarica, potenziale riproduttivo. Uno dei sintomi più gravi è il sanguinamento della menopausa, le cui cause sono molteplici. In alcuni casi, è il risultato di un cambiamento nell'equilibrio degli ormoni caratteristico di questo periodo della vita di una donna, e in altri, è una conseguenza della patologia organica..

Sanguinamento uterino nelle donne in premenopausa, sanguinamento nelle donne in postmenopausa - la causa di condizioni sia benigne che maligne. Con l'aumentare dell'età, aumenta il rischio di cancro. Pertanto, ogni donna ha bisogno di conoscere l'algoritmo delle azioni se l'emorragia si è aperta durante la menopausa: cosa fare e dove andare.

  • 1 Classificazione delle cause di sanguinamento in menopausa
    • 1.1 Organico
      • 1.1.1 Processi iperplastici e polipi endometriali
      • 1.1.2 Fibromi uterini e adenomiosi
      • 1.1.3 Cancro uterino
      • 1.1.4 Tumori ovarici
      • 1.1.5 Sanguinamento uterino disfunzionale
    • 1.2 Altri motivi
  • 2 Cosa fare con il sanguinamento
  • 3 Conclusione

Il sanguinamento uterino con la menopausa è una scarica sanguinolenta dal tratto genitale di natura ciclica o aciclica che si verifica durante il periodo perimenopausale.

Un'eccessiva perdita di sangue porta allo sviluppo di anemia acuta o cronica in una donna. Di conseguenza, la condizione generale soffre: compaiono debolezza, sonnolenza, mancanza di respiro, tachicardia, diminuisce l'efficienza, si deteriora la qualità dei capelli e delle unghie. La conseguenza è un deterioramento della qualità della vita, una funzione sessuale ridotta.

Tutte le cause di sanguinamento, a seconda del meccanismo con cui si verificano, sono convenzionalmente suddivise in quattro gruppi:

  1. 1. Organico - associato allo sviluppo di malattie degli organi genitali: cervice, ovaie, miometrio ed endometrio.
  2. 2. Inorganico - causato da disturbi ormonali caratteristici della premenopausa e della postmenopausa, anovulazione e processi iperplastici della mucosa uterina, manifestati da sanguinamento uterino disfunzionale (UBH).
  3. 3. Iatrogeno - associato alla nomina di terapia ormonale (sostitutiva) della menopausa o altri farmaci non ormonali.
  4. 4. Le malattie degli organi non correlate al sistema riproduttivo sono malattie del sangue con una violazione della sua coagulazione, patologia epatica (cirrosi).

Il sanguinamento può manifestarsi in diverse varianti:

  • Menometrorragia: spotting irregolare e prolungato che spesso si verifica dopo prolungati ritardi nelle mestruazioni.
  • Menorragia (ipermenorrea) - mestruazioni abbondanti regolari (perdita totale di sangue superiore a 60-70 ml) che durano più di 7 giorni.
  • Metrorragia - sanguinamento uterino aciclico (intermestruale).
  • Polimenorrea: sanguinamento regolare dal tratto genitale, l'intervallo tra i quali è inferiore a 21 giorni.

Il più delle volte si verifica nel periodo di premenopausa (climaterio) e menometrorragia postmenopausale.

Perché c'è sanguinamento con la menopausa e come aiutare te stesso a casa

La cessazione del sanguinamento mestruale con l'avanzare della menopausa è considerata la norma, a causa dell'estinzione del sistema riproduttivo. Tuttavia, durante questo periodo, le donne sono spesso infastidite da sanguinamento improvviso e persino sanguinamento durante la menopausa. Tali manifestazioni durante la menopausa non possono essere ignorate, poiché raramente compaiono per ragioni naturali. Molto più spesso, malattie pericolose e processi patologici nel corpo femminile si manifestano in questo modo.

Il meccanismo dei cambiamenti climaterici

La menopausa o menopausa è un periodo speciale di cambiamenti ormonali nella vita di una donna. Questa è la fine del periodo fertile e la capacità del corpo femminile di avere figli..

Normalmente, i cambiamenti della menopausa iniziano a verificarsi dopo 45-47 anni e la menopausa stessa arriva dopo i 50. Non esiste uno standard definito in questa materia: la menopausa è individuale per ogni donna. Spesso l'inizio della menopausa è dovuto alla riserva fisiologica del sistema riproduttivo..

Alla nascita, ogni donna ha già una serie di follicoli nelle ovaie adatti alla maturazione dell'uovo. All'inizio del menarca, ci sono circa 300-350 mila follicoli nelle ovaie. In una mestruazione, circa 10 follicoli iniziano a maturare, ma solo uno di loro diventa dominante ed è in grado di produrre un uovo. Per 1 anno, una donna sana ha 12-13 cicli, di cui 1 o 2 possono rivelarsi anovulatori (senza maturazione dell'uovo). In un anno fertile vengono consumati almeno 100 follicoli e ogni mese circa lo stesso numero di cellule follicolari muore a causa di cattive abitudini, clima sfavorevole e stress.

La menopausa inizierà a calpestare quando il numero di follicoli raggiunge il minimo e la produzione di ormoni follicolo-stimolanti e luteinizzanti inizia a svanire e, come risultato di questo fenomeno, il livello di estrogeni e progesterone diminuisce. Questo è un processo individuale e il suo aspetto può essere accelerato o ritardato:

  1. Stile di vita della donna: l'assenza di cattive abitudini, stress e altri fattori dannosi può ridurre il consumo di preziosi follicoli.
  2. Gravidanza e parto - per 9 mesi e il periodo di recupero dopo il parto, non c'è ciclo ovulatorio e, quindi, non si verifica la maturazione dell'uovo e la morte dei follicoli. In teoria, in una donna nullipare, la riserva riproduttiva dovrebbe essere esaurita prima. Tuttavia, qui dovresti prendere in considerazione la genetica e la salute.
  3. Malattie croniche e autoimmuni. Molte patologie colpiscono non solo i singoli organi e il sistema ormonale umano. Lo squilibrio ormonale influisce negativamente sulla salute delle ovaie e sul ciclo mestruale, portando alla morte prematura dell'uovo e alla riduzione del numero di follicoli utilizzabili.
  4. Genetica. La menopausa precoce e tardiva si verifica spesso per ragioni completamente incomprensibili. Di solito si tratta di genetica umana. Ci sono anomalie che interessano il set cromosomico della ragazza, a causa delle quali si verificano amenorrea precoce e morte del follicolo. Al contrario, molte generazioni di donne si distinguono per un'invidiabile attività riproduttiva anche in età molto matura..

Poiché il meccanismo riproduttivo è piuttosto complesso e si sviluppa negli anni, il suo arresto non può avvenire istantaneamente. Pertanto, l'intero periodo della menopausa è suddiviso in tre fasi:

  1. La premenopausa è l'inizio dei cambiamenti climaterici. Le ovaie iniziano a rallentare e la produzione di estrogeni, che porta a disturbi mestruali. Di solito la premenopausa è caratterizzata da ritardi delle mestruazioni, ma accade anche che il ciclo diventi molto più breve (meno di 21 giorni) e le mestruazioni compaiano due volte al mese, per poi regredire per 2-3 mesi consecutivi. Il periodo di ritardi ogni anno della premenopausa sta diventando sempre di più. I periodi irregolari nelle donne in premenopausa possono durare da 2 a 10 anni.
  2. La menopausa è la completa cessazione delle mestruazioni causata dalla diminuzione finale degli estrogeni. Un prerequisito per la diagnosi della menopausa è l'assenza di sanguinamento mestruale con menopausa per più di 1 anno.
  3. Postmenopausa - il periodo di tempo dopo l'inizio definitivo della menopausa, il periodo non fertile nella vita di una donna adulta.

Comprendere il meccanismo dei cambiamenti della menopausa è importante per capire quanto sia appropriato lo spotting in un particolare periodo della tua vita. Quindi, in premenopausa, può ancora comparire il sanguinamento mestruale naturale, che non si può dire degli altri periodi della menopausa..

Sanguinamento come sintomo della menopausa

L'inizio del periodo climaterico può essere determinato dalla presenza di sintomi caratteristici. Nei commenti e nelle recensioni, molte donne condividono le proprie esperienze e i segni dei cambiamenti ormonali durante la menopausa. Sulla base della loro esperienza e delle informazioni fornite, è possibile individuare i sintomi generali:

  1. La regolarità delle mestruazioni è compromessa. Spesso si osservano ritardi, inizialmente in 1-2 mesi, quindi le mestruazioni arrivano una volta in 3-4 mesi e poi si interrompono del tutto per sei mesi. È meno comune notare l'effetto opposto: mestruazioni frequenti con cicli mestruali più brevi. Di solito questa manifestazione della menopausa è di breve durata e termina con un lungo ritardo..
  2. La natura della scarica sanguinolenta cambia durante le mestruazioni. Molte donne notano uno schema interessante: le caratteristiche delle mestruazioni cambiano esattamente all'opposto di quelle che erano durante il periodo fertile. Ciò significa che le emorragie prolungate e abbondanti durante le mestruazioni vengono sostituite da quelle più moderate e brevi e il sangue mestruale abbondante durante la menopausa sostituisce le mestruazioni precedentemente scarse.
  3. Con l'avvicinarsi della menopausa, i sintomi della sindrome premestruale si intensificano: emicranie, sbalzi d'umore, dolore nella parte inferiore dell'addome e nella parte bassa della schiena, nausea e altri.
  4. Il sanguinamento premenopausale può essere osservato a metà del ciclo, prima e dopo le mestruazioni. Per ragioni fisiologiche, ciò si verifica a causa di vasi sanguigni sottili sulla superficie dell'endometrio e dei follicoli, nonché in caso di lesioni alla mucosa vaginale. Con unguenti sanguinanti persistenti, è necessario consultare un ginecologo per determinare la causa.
  5. La menopausa influisce sulla qualità della vita sessuale. Gli squilibri ormonali riducono il desiderio sessuale.
  6. Il declino della funzione riproduttiva è fortemente associato all'invecchiamento nelle donne. Questo fatto, insieme ai cambiamenti nel background ormonale, influisce notevolmente sullo stato emotivo di una donna. Gli sbalzi d'umore, l'apatia e persino la depressione la accompagnano non solo con la sindrome premestruale o le mestruazioni, ma durante l'intero periodo.
  7. Le cosiddette vampate di calore sono particolarmente fastidiose, quando lo getta nel caldo, poi nel freddo e c'è una maggiore sudorazione..
  8. Possono verificarsi carenze vitaminiche nel sangue, che portano al deterioramento della pelle, dei capelli, dei denti e delle ossa. Inoltre, la pelle invecchia più velocemente a causa della mancanza di estrogeni..
  9. Ci sono salti di pressione sanguigna, mancanza di respiro e dolore al cuore.

Scarica con la menopausa

Anche lo scarico dal tratto genitale durante la menopausa subisce alcuni cambiamenti. La loro abbondanza e le loro caratteristiche sono fortemente influenzate dagli ormoni. Quindi, la maggior parte della scarica può essere osservata al picco degli estrogeni a metà del ciclo, così come nella seconda metà con la produzione attiva di progesterone. Tale leucorrea è solitamente viscida o cremosa e varia di colore dal bianco chiaro al bianco crema..

Lo scarico all'inizio della menopausa diminuisce la sua abbondanza, che è associata a una diminuzione dei livelli di estrogeni.

Se ovuli questo mese, è probabile che la produzione di progesterone aumenti la secrezione e ci sarà una scarica più abbondante e densa prima del ciclo..

Con la menopausa, la scarica praticamente si ferma. Bassi livelli di ormoni sessuali li mantengono al minimo.

La carenza di estrogeni porta ad una diminuzione della lubrificazione naturale, a causa della quale c'è costante secchezza e irritazione della mucosa vaginale e degli organi genitali esterni.

Un argomento separato è lo scarico durante l'assunzione di farmaci ormonali o contraccettivi, poiché tali farmaci hanno l'effetto opposto sullo sfondo ormonale e quindi cambiano la natura del segreto.

Lo scarico di sangue all'inizio della menopausa è normale. Piccoli unguenti sanguinanti possono comparire durante l'ovulazione e poco prima e dopo le mestruazioni. Le ragioni sono le stesse dell'età riproduttiva. Normalmente, questo daub è di breve durata e non abbondante. Con un flusso intermestruale regolare, è necessario chiedere il parere di uno specialista.

A causa del ciclo irregolare e dei cambiamenti nella natura delle mestruazioni durante la premenopausa, può essere difficile capire se l'emorragia è mestruale o ha cause patologiche..

Come distinguere i periodi dal sanguinamento con la menopausa

Prima di essere convinto dell'anomalia della scarica sanguinolenta durante la menopausa, si dovrebbe considerare quali parametri distinguono queste secrezioni dalle mestruazioni. Come accennato in precedenza, con la menopausa, le mestruazioni precedentemente scarse possono diventare più abbondanti, il che spesso preoccupa il gentil sesso e ti fa dubitare che tale mestruazione sia sanguinante.

Le seguenti differenze aiuteranno a determinare la natura del sanguinamento:

  1. Anche con periodi pesanti, la scarica tende a diminuire. Il volume del sangue aumenterà o rimarrà invariato con il sanguinamento.
  2. Il volume medio del flusso mestruale è di 40–80 ml. Un tampone normale assorbirà circa 5 ml di secrezioni. Se devi cambiare il tampone ogni 1-2 ore, allora c'è più sangue di quanto dovrebbe essere.
  3. Il colore del sanguinamento durante il sanguinamento è più saturo e scarlatto e la struttura è eterogenea, con coaguli.
  4. Una perdita di sangue anormale si manifesterà necessariamente nel benessere di una donna. Prestare attenzione ai segni di malessere quali: debolezza, vertigini, nausea, sudorazione, pulsazioni, pallore della pelle. Questi sintomi non possono essere confusi con la sindrome premestruale. Ti dicono che hai bisogno di cure mediche..

Emorragia e suoi tipi

Il sanguinamento della menopausa può essere suddiviso in diversi tipi:

  1. La perdita di sangue organica si verifica se ci sono problemi con la coagulazione, nonché malattie dei reni, del fegato, del sistema riproduttivo.
  2. Il sanguinamento da farmaci può essere innescato assumendo farmaci ormonali e farmaci che influenzano la coagulazione del sangue.
  3. Il sanguinamento uterino disfunzionale durante la menopausa si verifica a causa di un grave squilibrio ormonale, malattie delle ovaie o della cavità uterina.

Il sanguinamento da menopausa può essere acuto o cronico. Il sanguinamento acuto è caratterizzato da sanguinamento intenso e crescente; per fermarlo è necessaria l'assistenza medica di emergenza. Il tipo cronico si verifica sporadicamente, si verifica a metà del ciclo o coincide con le mestruazioni. Una caratteristica del sanguinamento cronico è un eccesso della durata e del volume del sangue secreto.

Perché si verifica il sanguinamento

Durante il periodo premenopausale, il numero di periodi è notevolmente ridotto, tuttavia sono ancora possibili periodi pesanti. Succede anche che sia passato un anno dall'ultima mestruazione e sembra che sia giunta l'ora della menopausa, ma arrivano le mestruazioni, che segnano la continuazione della premenopausa.

Cause di sanguinamento in menopausa:

  1. Lo squilibrio ormonale provocato dalla menopausa e una diminuzione critica degli ormoni sessuali influisce sullo stato della mucosa vaginale e sullo stato degli organi riproduttivi. Possono sanguinare a causa di traumi, infiammazioni o presenza di un processo patologico secondario.
  2. Il sanguinamento può essere un sintomo della malattia dell'endometrio (polipi endometriali, iperplasia dell'endometrio, cancro dell'endometrio). Per tali malattie, sono caratteristici sia il sanguinamento cronico che il verificarsi di perdita di sangue acuta..
  3. L'erosione della cervice è un po 'scomoda per le donne in età riproduttiva. Tuttavia, con l'inizio della menopausa, i sintomi come dolore e sanguinamento sono più acuti..
  4. Mioma dell'utero. Neoplasia benigna, la cui formazione in età adulta provoca gravi disturbi ormonali. Il tumore provoca vari gradi di disagio a seconda delle sue dimensioni. I fibromi non sono così innocui come sembrano e sono perfettamente in grado di provocare gravi emorragie, che portano all'anemia. Inoltre, lo sviluppo del sanguinamento può essere influenzato da malattie che spesso accompagnano questo tumore: endometriosi, polipi e infiammazione delle tube di Falloppio.
  5. Tumore maligno. Il cancro può colpire vari organi riproduttivi. Il sanguinamento grave è solitamente accompagnato da neoplasie nell'utero, nelle tube di Falloppio e nelle ovaie.

Poiché la scarica sanguinolenta nelle donne in postmenopausa può essere un sintomo di una qualsiasi delle suddette malattie, è impossibile auto-medicare a casa in questa condizione. Per ottenere assistenza e diagnostica qualificate, è necessario consultare un medico.

Aiuta con il sanguinamento climaterico

Cosa fare a casa se il sanguinamento si verifica durante la menopausa? In caso di sanguinamento acuto, con grande perdita di sangue e malessere, è necessario chiamare un'ambulanza. Cosa si può fare in attesa dell'arrivo dei medici:

  1. Assicurati di essere orizzontale.
  2. Metti un cuscino o un rullo sotto i piedi.
  3. Puoi mettere una bottiglia di acqua fredda o ghiaccio avvolta in un panno sullo stomaco. Mantieni la compressa fredda per 10-15 minuti, quindi fai una pausa di 5 minuti.

Non utilizzare impacchi caldi, cuscinetti riscaldanti, fare un bagno caldo o andare in sauna. Non cercare di dare il primo soccorso con medicinali dal tuo kit di pronto soccorso o rimedi popolari.

Se l'emorragia è cronica, visita tu stesso il tuo ginecologo. Dopo la visita ginecologica, il medico condurrà tutti gli esami necessari, tra cui:

  • ecografia transvaginale;
  • analisi del sangue;
  • prendere uno striscio dalla cervice;
  • isteroscopia;
  • ricerca ormonale;
  • se si sospetta l'oncologia, vengono utilizzati il ​​curettage diagnostico e la biopsia dei tessuti estratti.

All'inizio della terapia, il sanguinamento viene interrotto e viene effettuata una diagnosi accurata.

Come fermare la comparsa di sanguinamento uterino con la menopausa? I medici te lo diranno. A seconda della causa e della gravità dell'emorragia, può essere trattata con farmaci emostatici, curettage o rimozione chirurgica del problema. Non cercare di usare medicinali da solo o assumere medicine tradizionali. Il fatto è che è improbabile che tu possa fermare il sanguinamento patologico con tali metodi, ma sei abbastanza in grado di peggiorare le tue condizioni e complicare il lavoro dei medici. La regola principale per aiutare con l'emorragia è non auto-medicare e consultare un medico in tempo.

Se durante la menopausa hai un'emorragia atipica, non ritardare la visita dal ginecologo. Ci sono ragioni abbastanza spiegabili per questo fenomeno, ma è molto importante assicurarsi della propria salute. E, soprattutto, ricorda che in caso di grave disagio, non dovresti ritardare la chiamata di un'ambulanza.

Cause di sanguinamento in perimenopausa, menopausa, postmenopausa

Lo scarico di sangue dal tratto genitale nelle donne della fascia di età più avanzata (45-55 anni) è chiamato sanguinamento climaterico. Il periodo della menopausa può essere paragonato al periodo della pubertà di una ragazza, quando il suo periodo è già iniziato, ma non è stato ancora stabilito un ciclo regolare. Così è con la menopausa - la menopausa non è ancora arrivata, ma la regolarità del ciclo è già stata violata.

Il sanguinamento della menopausa ha diverse cause. Per capire perché hai ricominciato a sanguinare durante la menopausa e cosa fare, devi consultare il tuo medico per ulteriori esami. Questo articolo spiega le cause del sanguinamento della menopausa, quando può essere normale e quando è allarmante..

Cambiamenti del ciclo mestruale durante la menopausa

I cambiamenti ormonali legati all'età si riflettono principalmente nel corso del ciclo mestruale e sono i primi sintomi di un'imminente menopausa.

Con la menopausa, è consuetudine evidenziare i periodi successivi.

Premenopausa

Inizia dopo 45 anni e dura da diversi mesi a 5 anni. Le mestruazioni in questo momento persistono, ma diventano irregolari, gli intervalli tra loro aumentano. Ciò è dovuto a un cambiamento nel lavoro del sistema endocrino sullo sfondo dell'invecchiamento biologico del corpo femminile, vale a dire con una diminuzione del numero di ovulazioni. Ma alcune donne sono ancora in grado di rimanere incinte durante questo periodo, quindi non dovresti trascurare la contraccezione..

Menopausa

In questo momento, la quantità di ormoni sessuali femminili-estrogeni è così piccola che non si verificano quei cambiamenti proliferativi nell'endometrio, che portano al suo rigetto e non causano le normali mestruazioni. Pertanto, durante questo periodo, le mestruazioni si interrompono completamente. Può accadere all'improvviso, in modo permanente e irrevocabile. Oppure può procedere gradualmente, quando di ciclo in ciclo le mestruazioni diventano sempre meno frequenti.

Quando una donna sopra i 45 anni non ha mestruazioni per 12 mesi, significa che la menopausa passa al ciclo successivo: la postmenopausa.

La postmenopausa dura fino alla morte di una donna.

Qualsiasi sanguinamento dopo la menopausa è considerato patologico e pericoloso! Perché il suo aspetto non è più associato a cambiamenti legati all'età e cambiamenti ormonali. Molto spesso, il sangue dal tratto genitale nelle donne in postmenopausa è un sintomo di un processo iperplastico nell'endometrio (l'endometrio diventa "rigoglioso" sotto l'influenza degli ormoni), e questo è il rischio di sviluppare un cancro uterino in una donna durante questo periodo di vita.

Come si verifica il sanguinamento durante la menopausa

Il sanguinamento della menopausa può verificarsi nei seguenti modi:

  • si verifica in modo irregolare, dopo un ritardo delle mestruazioni e dura a lungo, chiamato menometrorragia;
  • menorragia: anche il sanguinamento è prolungato, ma a differenza della prima opzione - regolare e abbondante;
  • la comparsa di sanguinamento tra i cicli, la cosiddetta metrorragia;
  • Periodi pesanti si verificano regolarmente, ma l'intervallo tra loro è inferiore a 21 giorni - polimenorrea.

La menorragia è un sanguinamento mestruale abbondante ed è classicamente definita come una perdita> 80 ml / ciclo. La menorragia colpisce ≥ 9% di tutte le donne, aumentando al 20% durante la perimenopausa.

In premenopausa, i professionisti hanno maggiori probabilità di osservare il primo scenario e nelle donne in postmenopausa, la metrorragia è più comune..

Qual è la causa del sanguinamento con la menopausa?

Il sanguinamento uterino durante la menopausa è forse la patologia più comune che "mette" una donna dell'età di Balzac in un letto d'ospedale. Inoltre, è il sanguinamento abbondante in menopausa che determina le indicazioni per la rimozione dell'utero in più della metà delle donne..

Nonostante la varietà di cause di sanguinamento uterino nelle donne in peri- e postmenopausa, sono suddivise nei seguenti gruppi:

  • sanguinamento organico, che sono associati alla patologia degli organi femminili;
  • inorganico, che all'inizio della menopausa è spiegato dalla mancanza di ovulazione, e dopo la fine della menopausa - dall'atrofia endometriale;
  • che si verificano sullo sfondo dell'assunzione di farmaci ormonali (TOS) con la menopausa nei giorni delle mestruazioni previste o quando si usano altri farmaci;
  • sanguinamento climaterico causato da malattie del fegato, del sistema cardiovascolare o patologia delle ghiandole endocrine.
  • Separatamente, si distingue il sanguinamento uterino disfunzionale della menopausa, che si verifica quando non c'è patologia degli organi femminili, ma ci sono cambiamenti nell'endometrio sullo sfondo della funzione ormonale compromessa delle ovaie.

Nelle donne con un ciclo mestruale più o meno conservato nelle donne in premenopausa, la gravidanza può causare sanguinamento, il che indica il suo decorso sfavorevole.

Emorragia in premenopausa e menopausa

In questo periodo di transizione per una donna, è difficile distinguere la natura aciclica del sanguinamento causato dall'anovulazione legata all'età da periodi irregolari. Qual è la differenza tra sanguinamento durante la menopausa e le mestruazioni??

Quindi, segni di sanguinamento uterino anormale:

  • il sangue viene rilasciato abbondantemente, a volte con coaguli;
  • la durata del sanguinamento è superiore a 8 giorni;
  • il volume della perdita di sangue supera 80-100 ml di sangue;
  • frequentemente ricorrenti (intervallo inferiore a 24 giorni);
  • il sangue che scorre dall'utero è sempre rosso vivo, liquido;
  • sullo sfondo della perdita di sangue, il benessere della donna soffre (debolezza, vertigini, tendenza allo svenimento, comparsa di pelle pallida, diminuzione della pressione sanguigna e dell'indice di emoglobina).

La perdita di sangue in premenopausa può essere causata da:

  • nodi sottomucosi nell'utero;
  • educazione nelle ovaie;
  • polipo endometriale;
  • ispessimento dell'endometrio;
  • adenomiosi;
  • dispositivo intrauterino;
  • contraccettivi ormonali o farmaci utilizzati ai fini della terapia ormonale sostitutiva.

Sanguinamento postmenopausale

I professionisti raccomandano prima di tutto di escludere il cancro uterino (endometriale) se si verifica un sanguinamento uterino dopo la menopausa. Una donna che trova sangue in lei dopo una lunga assenza di mestruazioni dovrebbe informarne immediatamente il medico.

Le cause più comuni che possono causare sanguinamento dopo la menopausa:

  • cancro del corpo dell'utero;
  • cancro cervicale;
  • iperplasia endometriale atipica;
  • polipi endometriali ricorrenti;
  • condizioni atrofiche della vagina;
  • tumori vaginali.

Come diagnosticare il sanguinamento della menopausa?

Lo scarico vaginale non associato alle mestruazioni è sempre un'anomalia che può verificarsi in assenza di una patologia pelvica riconoscibile o di una malattia generale e riflette un disturbo nel quadro normale nello strato uterino endometriale. In molti casi, la perdita di sangue è imprevedibile. Può essere eccessivo o lieve, può essere prolungato, frequente o occasionale.

L'1-2% delle donne alla fine sviluppa il cancro dell'endometrio.

L'isolamento del sangue dal tratto genitale è un sintomo di molte malattie femminili, quindi la diagnosi dovrebbe essere completa:

Oltre alle lamentele della donna sul sangue dalla vagina, il medico valuta il volume della perdita di sangue, la durata e la frequenza del sanguinamento.

  • È obbligatorio studiare l'analisi clinica e biochimica del sangue, nonché il suo sistema di coagulazione..
  • Determinazione del sangue hCG (ormone della gravidanza), che è particolarmente importante all'inizio della menopausa, quando una donna ha ancora l'opportunità di rimanere incinta.
  • Determinazione dei marker tumorali CA-125 nelle formazioni ovariche.
  • Oncocitologia di uno striscio dalla cervice.
  • La diagnostica ecografica della piccola pelvi consente di identificare i nodi nell'utero, le aree di adenomiosi, le formazioni nelle ovaie, consente di valutare lo stato dell'endometrio, di confermare o escludere i polipi endometrioidi.
  • Se necessario, viene eseguita una risonanza magnetica del bacino.

Per rilevare la patologia intrauterina, viene utilizzato il curettage diagnostico della cavità uterina, seguito da un esame istologico del raschiamento.

Quando l'emorragia viene interrotta, l'isteroscopia può essere utilizzata per valutare visivamente le pareti dell'utero con la rimozione del tessuto endometriale per la biopsia.

Come trattare il sanguinamento della menopausa?

Dopo un esame completo, scoprendo la causa e facendo una diagnosi, inizia il trattamento del sanguinamento uterino con la menopausa. La tattica di trattare le donne che soffrono di sanguinamento uterino dipende dalla sua causa, dalla quantità di sangue perso e dalle comorbidità..

  • una grave perdita di sangue è un'importante causa di anemia nelle donne in perimenopausa;
  • di solito un sintomo di un disturbo dell'endometrio primario, fibromi, adenomiosi, endometriosi o neoplasia maligna.

La terapia dovrebbe mirare a fermare la perdita di sangue e prevenire le ricadute. Un ottimo effetto si ottiene dal curettage della cavità uterina utilizzando la terapia ormonale.

Poiché forti emorragie portano all'anemia da carenza di ferro, è necessario eseguire la terapia antianemica con preparati a base di ferro..

Con la perdita di sangue ricorrente dall'utero, viene decisa la questione della rimozione dell'utero.

Qualunque sia la causa del sangue dal tratto genitale durante la menopausa, possono rappresentare un grave pericolo per la salute delle donne. A volte il sanguinamento della menopausa è così abbondante da causare una grave anemia da carenza di ferro e ha un impatto significativo sulla qualità della vita fisica, sociale, emotiva e materiale. Quindi non cercare di affrontarli da solo, è quasi impossibile. Consultare un medico!

Cause e 3 modi per trattare il sanguinamento uterino con la menopausa

Molte donne dopo i 40 anni considerano il sanguinamento durante la menopausa la norma e non hanno fretta di vedere un medico. Sullo sfondo dell'estinzione delle funzioni riproduttive, le secrezioni sono organiche o disfunzionali.

Va bene se questo è un processo fisiologico associato all'invecchiamento. È necessario suonare l'allarme quando si verifica una perdita di sangue abbondante, nonché in caso di sanguinamento con pus, muco e un odore sgradevole. I segni possono indicare lo sviluppo di malattie gravi e persino l'oncologia, pertanto, richiedono un intervento medico urgente.

Sanguinamento con la menopausa: è normale

Durante questo periodo, il background ormonale di una donna sta subendo cambiamenti globali con il coinvolgimento dell'intero sistema riproduttivo. Il ciclo mestruale si allunga o si accorcia, la secrezione è abbondante o scarsa.

È considerato normale se il sanguinamento uterino in premenopausa è causato da un normale evento fisiologico. Questo è un processo naturale dopo la fine della fertilità. Se parliamo di un disturbo, la scarica diventa ciclica, patologica e la condizione non tollera alcun ritardo per vedere un medico.

Le donne devono prestare attenzione alla natura, alla durata, al colore della dimissione. Non può essere ignorato:

  • la comparsa di abbondante sanguinamento da menopausa con coaguli tra i periodi;
  • un cambiamento nella durata abituale del ciclo mestruale (meno di 21 o più di 27 giorni);
  • avere una scarica prima della fine del periodo di premenopausa.

Segni di sanguinamento uterino con la menopausa

In genere, il periodo di premenopausa inizia con lieve malessere, debolezza, aumento della frequenza cardiaca, nausea, aumento della sudorazione, brividi e febbre di basso grado. Questi segni indicano una diminuzione della produzione della quantità di ormoni, il livello di emoglobina nel sangue..

Lo scarico abbondante è considerato il sintomo principale del sanguinamento uterino con la menopausa. Inoltre osservato:

  • vertigini;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • abbassamento della pressione sanguigna;
  • pallore, cianosi della pelle;
  • mal di testa.

Premenopausa

La particolarità del periodo premenopausale è una diminuzione del livello di prestazione ovarica, sebbene l'organo riproduttivo continui a funzionare. Ma lo sfondo ormonale inizia a cambiare, il che porta alla comparsa di sanguinamento minore, dolore nell'addome inferiore. Le donne dovrebbero consultare un ginecologo nei seguenti casi:

  • si osserva una scarica abbondante quando è necessario cambiare le guarnizioni ogni 2,5-3 ore;
  • dopo il rapporto sessuale sanguinamento con noduli, coaguli di sangue, costituiti da fibre di tessuto, aperti;
  • scarso scarico è apparso dopo una lunga assenza, che può indicare la localizzazione di polipi nella cavità uterina, lo sviluppo di un tumore.

Postmenopausa

Durante questo periodo, la funzionalità dell'ovaio cessa, non c'è scarico. Ma se compaiono, questo è considerato un motivo per visitare un ginecologo. Il sanguinamento è accettabile durante il periodo di utilizzo di farmaci contenenti ormoni. In altri casi, questo potrebbe essere un segno:

  • disfunzione delle ovaie;
  • disturbi ormonali;
  • lo sviluppo di malattie gravi (poliposi, vaginiti, endometriosi, fibromi uterini, tumori della ghiandola sessuale accoppiata).

Dopo l'inizio della menopausa, il sanguinamento può essere causato da atrofia delle fibre muscolari, assottigliamento della mucosa.

Nelle donne in postmenopausa, la metrorragia è un pericolo - un fenomeno che si verifica con lo sviluppo di un tumore maligno della cervice, dell'ovaio, dello strato endometriale.

Cause di metrorragia

I seguenti fattori influenzano il verificarsi di sanguinamento durante la menopausa:

  • naturale, associato a cambiamenti ormonali sullo sfondo dell'invecchiamento del corpo;
  • anormale, che appare a causa dello sviluppo di un processo infiammatorio (infettivo) negli organi del sistema riproduttivo.

Accade così che inizino a comparire malattie che erano in uno stato latente prima dell'inizio della premenopausa. Lo squilibrio ormonale può provocare sanguinamento, mentre il rischio di sviluppare il cancro dell'endometrio aumenta in modo significativo.

Mioma dell'utero

Un tumore benigno è una conseguenza di un fallimento nel rapporto quantitativo degli ormoni (prolattina, estrogeni). Tra i segni principali vi sono il sanguinamento che si è aperto a metà del ciclo mestruale, la diminuzione del tono vascolare e la ridotta contrattilità uterina. Spesso il tumore è asintomatico e solo man mano che cresce con l'avvento della menopausa inizia ad affermarsi, ad essere attivo e ad aumentare rapidamente di dimensioni. Una tale patologia richiede un trattamento con farmaci, un intervento chirurgico..

Polipi endometriali

Questa è una neoplasia benigna, proliferazione focale della mucosa uterina sotto forma di escrescenze sulla gamba delle cellule endometriali con aderenza alle pareti della mucosa. I polipi sono singoli e di gruppo.

Il pericolo della patologia sta nella possibile degenerazione delle neoplasie in un tumore maligno, perché è il periodo della menopausa che può attivare il processo di sviluppo delle cellule tumorali. Si distinguono i seguenti segni di poliposi: perdita di sangue irregolare fino a 250-300 ml al giorno, scarico di sangue con coaguli. In questo caso, prescrivere terapia farmacologica e radiazioni laser..

Iperplasia endometriale

Il sanguinamento si osserva con l'avvento dei giorni critici. L'iperplasia è una crescita anormale e ispessita del rivestimento interno del corpo dell'utero a causa dell'aumento dei livelli di estrogeni. Il processo interferisce con il normale funzionamento dei genitali. I periodi nelle donne in premenopausa sono abbondanti, di lunga durata, in natura sono diversi. Nel periodo postmenopausale può essere completamente assente.

Endometriosi

L'endometrio inizia a crescere nello spessore delle pareti dell'utero, diffondendosi a organi come la vagina, l'intestino, le tube di Falloppio, le ovaie. La mancanza di trattamento porta a una trasformazione maligna del processo. La particolarità della patologia è la comparsa di sanguinamento mestruale, accompagnato da dolore nell'addome inferiore.

Disfunzione ovarica

Le ovaie sono suscettibili a un processo disfunzionale sullo sfondo di squilibri ormonali e disturbi endocrini. Durante la premenopausa si osserva sanguinamento irregolare di varia intensità.

Cancro uterino

Nel periodo postmenopausale, alle donne viene spesso diagnosticata una patologia simile. I segni pericolosi sono perdite di sangue, odore sgradevole, dolore lombare, basso addome.

Sondaggio

È importante identificare i fattori provocatori che hanno portato al sanguinamento uterino, valutare la quantità di sangue secreto, la presenza di impurità.

Tra i metodi diagnostici ci sono:

  • analisi degli ormoni per hCG per rilevare la gravidanza;
  • marker tumorali con analisi del sangue;
  • striscio per citologia dal canale uterino cervicale;
  • tomografia per sospetta oncologia;
  • test di coagulazione del sangue;
  • ecografia transvaginale dell'utero, tube di Falloppio, organi pelvici;
  • isterografia con introduzione di soluzione salina;
  • biopsia tissutale se si sospetta endometriosi;
  • mappatura color Doppler;
  • isteroscopia per esaminare i livelli ormonali;
  • chimica del sangue.

Inoltre, una donna può essere indirizzata per la consultazione a specialisti di profilo ristretto: ematologo, oncologo, endocrinologo.

Metodi di trattamento

Le terapie comuni includono:

  • medicinali;
  • intervento chirurgico (in casi avanzati);
  • ablazione ecografica per la diagnosi dei fibromi uterini;
  • resezione dei tessuti uterini con adenomiosi;
  • terapia sostitutiva con farmaci contenenti ormoni;
  • embolizzazione con l'introduzione di farmaci per bloccare l'accesso del sangue alla cavità uterina;
  • intervento laser allo scopo di bruciare, distruzione del tessuto endometriale con iperplasia endometriale;
  • resezione di neoplasie.

Farmaco

Per fermare il sanguinamento uterino, avere un effetto benefico sul rivestimento uterino, i seguenti farmaci aiuteranno ad eliminare le sensazioni dolorose:

  1. Vikasol, Etamsilat, Oxytocin, Ditsynon sono usati per normalizzare la coagulazione del sangue, creare un ostacolo nella formazione di coaguli di sangue e attivare lo sviluppo di tromboplastina.
  2. I coagulanti proteici (Vikasol, acido aminocaproico) sono usati per compensare una grave perdita di sangue.

Ablazione con ultrasuoni

La procedura è prescritta per la diagnosi di adenomiosi, iperplasia endometriale, poliposi della cavità uterina (canale cervicale). Ablazione - curettage della mucosa, seguito da esame dei tessuti per identificare la natura della patologia (benigna, maligna).

Intervento chirurgico

L'amputazione sopravaginale, la rimozione completa dell'utero insieme alle appendici, alle ovaie, alle tube di Falloppio diventano l'unica via d'uscita nella diagnosi di fibroma - un tumore maligno con carie.

Come fermare la metrorragia a casa

I rimedi popolari forniscono un supporto ausiliario per il corpo al fine di prevenire lo sviluppo di infiammazioni con gravi emorragie dalla vagina, aumentare l'immunità locale.

Si consiglia alle donne di prendere infusi di erbe: viburno, erba di San Giovanni, ortica. I decotti sono usati per eliminare la metrorragia, normalizzare la circolazione sanguigna e la pressione sanguigna.

Prima dell'arrivo di un'ambulanza, devi sdraiarti su un lato, assumere una posizione orizzontale e piegare le gambe sotto di te. Devi mettere un tovagliolo con un cubetto di ghiaccio o una piastra elettrica fredda sullo stomaco, prendere un anestetico. Se non ci sono ragioni apparenti per la dimissione, i medici prescriveranno prima di tutto l'assunzione di un farmaco emostatico.

Si raccomanda di non trascurare le semplici regole di prevenzione:

  • osservare il riposo a letto;
  • limitare l'attività fisica che può provocare ricadute di metrorragia.

Non auto-medicare. Ad esempio, l'uso prolungato di coagulanti a dosi aumentate porta a una rapida coagulazione del sangue, formazione di trombi e conseguenze gravi come infarto e ictus. Indipendentemente dalla malattia identificata e dal grado di intensità del sanguinamento, la terapia incontrollata con rimedi popolari è inaccettabile.

Conclusione

Le donne non dovrebbero ignorare anche i piccoli cambiamenti nel corpo. Il sanguinamento uterino durante la menopausa può essere un problema serio. La comparsa di spiacevoli emorragie dolorose non dovrebbe essere considerata la norma, in attesa che passino da sole senza lasciare traccia. È necessario chiamare immediatamente un'ambulanza se grandi volumi di sangue iniziano a partire drammaticamente, o visitare un ginecologo.

Emorragia uterina durante la menopausa

Sanguinamento uterino con menopausa - spotting dal tratto genitale di varia intensità, che si verifica sullo sfondo dell'estinzione della funzione mestruale o dopo la sua cessazione. Il sanguinamento della menopausa varia in termini di durata, frequenza, volume della perdita di sangue, natura della dimissione (con o senza coaguli). Può essere disfunzionale e organico. Al fine di determinare le cause del sanguinamento uterino in menopausa, insieme ad una visita ginecologica ed ecografica, viene necessariamente eseguita una RFE sotto controllo isteroscopico con un'analisi istologica dei raschiati. La tattica del trattamento del sanguinamento della menopausa (conservativa o chirurgica) è determinata dalla sua causa.

  • Classificazione del sanguinamento con la menopausa
  • Cause di sanguinamento con la menopausa
  • Sintomi di sanguinamento con la menopausa
  • Diagnosi di sanguinamento con la menopausa
  • Trattamento del sanguinamento con la menopausa
  • Prezzi del trattamento

Informazione Generale

Il sanguinamento uterino con la menopausa è lo scarico spontaneo di sangue dai genitali nelle donne durante la premenopausa, la menopausa o la postmenopausa. Questa condizione patologica è il motivo più comune per il ricovero di pazienti di età compresa tra 45 e 55 anni nei reparti di ginecologia. Le cause del sanguinamento e le tattiche di trattamento dipendono in gran parte dal periodo della menopausa. Secondo i ricercatori, il sanguinamento uterino con menopausa nel 25% dei casi è combinato con fibromi uterini, nel 20% dei casi - con endometriosi, nel 10% dei casi - con polipi endometriali. Indipendentemente dall'intensità della scarica sanguinolenta, dalla durata e dal volume della perdita di sangue, il sanguinamento del climaterio richiede una supervisione medica obbligatoria, poiché può verificarsi non solo sullo sfondo di disturbi disormonali e cambiamenti uterini benigni, ma anche a causa di tumori maligni.

Classificazione del sanguinamento con la menopausa

A seconda del periodo della menopausa, in cui si è sviluppato il sanguinamento uterino, si verificano sanguinamenti in premenopausa, menopausa e postmenopausa. Sulla base di segni come il volume della scarica sanguinolenta, la durata, la regolarità, ecc., Il sanguinamento climaterico può avere caratteristiche:

  • Menorragie: abbondante sanguinamento ciclico durante il periodo premenopausale
  • Metrorragia: sanguinamento aciclico
  • Menometrorragia: mestruazioni abbondanti combinate con sanguinamento uterino aciclico
  • Polimenorrea: sanguinamento uterino che si verifica a brevi intervalli regolari (meno di 21 giorni).

Nel periodo di premenopausa (4-8 anni prima della menopausa), il sanguinamento di solito procede come menometrorragia, e in menopausa e postmenopausa, quando le mestruazioni si interrompono, sono nella natura della metrorragia. Tenendo conto delle cause che li hanno provocati, il sanguinamento uterino durante la menopausa si suddivide in disfunzionale, iatrogeno, associato a patologia degli organi riproduttivi o patologia extragenitale..

Cause di sanguinamento con la menopausa

Nel periodo premenopausale, il sanguinamento uterino è più spesso disfunzionale ed è conseguenza di disturbi involutivi della regolazione ipotalamo-ipofisi-ovarica. La violazione della ciclicità della secrezione di gonadotropine comporta una violazione della maturazione dei follicoli, inferiorità del corpo luteo e insufficienza luteale. In condizioni di iperestrogenismo relativo e carenza assoluta di progesterone, la fase di proliferazione si allunga e si riduce la fase di secrezione. Il sanguinamento uterino in questo periodo della menopausa, di regola, si verifica sullo sfondo dell'iperplasia endometriale (polipi ghiandolare-cistici, adenomatosi, atipici o endometriali). Ciò è facilitato non solo dalla diminuzione della funzione ovarica correlata all'età, ma anche da disturbi metabolici ed endocrini (obesità) e immunosoppressione..

Oltre alla disfunzione ovarica, la patologia genitale organica può diventare la causa del sanguinamento uterino durante la menopausa: vaginiti atrofiche, adenomiosi, fibromi uterini, cancro dell'endometrio, cancro cervicale, tumori ovarici attivi sugli ormoni. Spesso, le malattie elencate sono combinate con la trasformazione iperplastica dell'endometrio e la patogenesi del sanguinamento uterino in menopausa è di natura mista. La storia delle donne che soffrono di emorragie ricorrenti in menopausa contiene spesso indicazioni di precedenti aborti, malattie ginecologiche, operazioni sull'utero e appendici.

In alcuni casi, il sanguinamento uterino durante la menopausa può essere causato dall'assunzione di farmaci ormonali come parte della terapia sostitutiva. Inoltre, il sanguinamento dal tratto genitale può essere associato a malattie extragenitali: ipotiroidismo, cirrosi epatica, coagulopatie, ecc. Poiché, nonostante una diminuzione della fertilità, la probabilità di gravidanza in premenopausa rimane, con condizioni di sanguinamento come la minaccia di aborto spontaneo e gravidanza ectopica dovrebbe essere esclusa.

Sintomi di sanguinamento con la menopausa

Le fluttuazioni della durata del ciclo mestruale e un cambiamento nella natura delle mestruazioni si notano già all'inizio della menopausa - in premenopausa. In questo momento, le mestruazioni possono diventare irregolari, assenti per 2-3 mesi, quindi riprendere di nuovo. Anche l'intensità del flusso mestruale cambia: le mestruazioni diventano scarse o, al contrario, abbondanti. Questi fenomeni, se non hanno una base organica, sono considerati normali "compagni" della premenopausa.

Periodi eccessivamente pesanti con segni di sanguinamento (se l'assorbente deve essere cambiato ogni ora o più spesso), così come il flusso mestruale con coaguli di sangue, dovrebbero essere un motivo per un appello precoce a un ginecologo. Non può essere la norma del sanguinamento, rinnovato nel periodo intermestruale o che si manifesta dopo il rapporto. Le donne dovrebbero essere preoccupate per periodi troppo lunghi, nessuna mestruazione per 3 mesi o più o la ripresa delle mestruazioni più spesso di 21 giorni dopo..

La condizione generale di una donna che soffre di sanguinamento uterino durante la menopausa è determinata dal grado di anemia, dalla presenza di malattie concomitanti (ipertensione, patologia del fegato e della tiroide, malattie oncologiche).

Diagnosi di sanguinamento con la menopausa

Poiché il sanguinamento uterino durante la menopausa può segnalare un'ampia gamma di condizioni patologiche, la ricerca diagnostica comprende tutta una serie di studi. La prima fase della diagnosi avviene presso l'ufficio di un ginecologo (ginecologo-endocrinologo), preferibilmente specializzato in problemi di menopausa. Durante la conversazione vengono chiariti i reclami, vengono analizzati i menogrammi. Durante un esame pelvico, il medico può apprezzare l'intensità e la natura dell'emorragia e talvolta la fonte dell'emorragia. In assenza di sanguinamento al momento dell'esame, viene prelevato uno striscio per l'oncocitologia.

Nella fase diagnostica successiva, è necessario condurre un'ecografia transvaginale degli organi pelvici, che consente di concludere sulla presenza o assenza di gravidanza, patologia dell'utero e delle ovaie. Un complesso di test di laboratorio può includere esami del sangue clinici e biochimici, coagulogramma, determinazione del livello di β-hCG, ormoni sessuali e gonadotropine, esame del pannello tiroideo, spettro lipidico nel sangue, esami del fegato.

Il metodo più prezioso per stabilire l'origine e la causa del sanguinamento è un curettage diagnostico separato, eseguito sotto il controllo dell'isteroscopia. L'analisi istologica del raschiamento endometriale consente la diagnosi differenziale del sanguinamento uterino disfunzionale in menopausa e del sanguinamento causato da patologie organiche, compresi i processi blastomatosi. I metodi ausiliari della diagnostica strumentale dovrebbero includere l'isterosalpingografia, la risonanza magnetica della piccola pelvi, che può rilevare fibromi sottomucosi e intramurali, polipi uterini.

Trattamento del sanguinamento con la menopausa

La WFD della mucosa del canale cervicale e del corpo dell'utero è sia una misura diagnostica che terapeutica, poiché svolge le funzioni di emostasi chirurgica. Dopo la rimozione dell'endometrio iperplastico o di un polipo sanguinante, l'emorragia si interrompe. Ulteriori tattiche dipendono dall'esame patomorfologico. Il trattamento chirurgico nella quantità di panisterectomia è indicato quando viene rilevato adenocarcinoma dell'utero, iperplasia endometriale atipica. Con miomi uterini grandi o multipli, forma nodulare di adenomiosi, combinazione di fibromi e adenomiosi, si raccomanda la rimozione chirurgica dell'utero: isterectomia o amputazione sopraravaginale dell'utero.

In altri casi, con processi disormonali benigni che hanno causato sanguinamento uterino durante la menopausa, si sta sviluppando un complesso di misure conservative. Per la prevenzione della recidiva del sanguinamento climaterico, vengono prescritti gestageni, che contribuiscono ai cambiamenti atrofici nell'epitelio ghiandolare e nello stroma dell'endometrio. Inoltre, la terapia progestinica allevia altre manifestazioni della menopausa. Negli ultimi decenni, i farmaci antiestrogeni (danazolo, gestrinone) sono stati utilizzati per trattare il sanguinamento uterino in menopausa. Oltre all'effetto sull'endometrio, gli antiestrogeni aiutano a ridurre le dimensioni dei fibromi uterini, riducono le manifestazioni di mastopatia. L'uso di androgeni per sopprimere la funzione mestruale è possibile nelle donne sopra i 50 anni. Le controindicazioni generali per i farmaci di tutti i gruppi sono una storia di tromboembolia, vene varicose, colecistite cronica ed epatite con frequenti esacerbazioni, ipertensione arteriosa.

L'uso di farmaci emostatici e antianemici durante il sanguinamento uterino con la menopausa è ausiliario. Quando vengono rilevati disturbi endocrino-metabolici (obesità, ipotiroidismo, iperglicemia, ipertensione), la loro correzione farmacologica e dietetica viene eseguita sotto la supervisione di un endocrinologo, diabetologo, cardiologo.

La ricorrenza del sanguinamento uterino con menopausa sullo sfondo o dopo il trattamento di solito indica malattie organiche non diagnosticate (nodi miomatosi sottomucosi, polipi, endometriosi, tumori ovarici). Il sanguinamento da menopausa dovrebbe sempre causare vigilanza oncologica, poiché nel 5-10% dei pazienti a questa età, il cancro dell'endometrio è la causa del sanguinamento. Le donne che hanno superato la soglia della menopausa devono monitorare la propria salute non meno attentamente rispetto all'età riproduttiva e, in caso di sanguinamento anormale, consultare immediatamente uno specialista.