Come apparivano le guarnizioni

Ora le donne moderne hanno imparato a far fronte ai problemi mensili messi in moto, ma prima non tutto era così liscio. Sulla questione di cosa fare del sangue, le donne hanno fatto del loro meglio. Hanno usato di tutto, dagli scarti di stracci ai materiali naturali come le spugne di mare..

Oggigiorno sono stati inventati molti prodotti per l'igiene femminile tra cui le ragazze possono scegliere: assorbenti, tamponi e coppette mestruali. Le donne erano solite rimanere a casa o in qualche modo isolarsi durante le mestruazioni a causa delle peculiarità della religione o della cultura, ma l'invenzione degli assorbenti le ha sostanzialmente liberate da questo e ora possono viaggiare in sicurezza in tutto il mondo. Al giorno d'oggi, poche donne ricorderanno quando sono apparsi gli assorbenti e chi ha inventato gli assorbenti femminili..

Diamo un'occhiata a una serie di eventi e cambiamenti in relazione alle mestruazioni e alle relative invenzioni. Alcune di queste invenzioni sono piuttosto creative e altre estremamente efficaci, quindi è piuttosto interessante vedere come si è sviluppato il tutto. Bene, scopriamo come sono stati inventati gli assorbenti femminili..

Mondo antico

Le guarnizioni apparvero per la prima volta in Babilonia e nell'antico Egitto. Le donne egiziane hanno preso il papiro ammorbidito e lo hanno usato come un tampone duro. In Grecia, i tamponi erano fatti di lanugine avvolto attorno a piccoli pezzi di legno. A Roma, assorbenti e tamponi erano fatti di morbida lana. In altre parti del mondo, come materiali sono stati utilizzati carta, muschio, lana, pelli di animali ed erba. Tutto questo è stato utilizzato per assorbire le mestruazioni. Allo stesso tempo, ci è pervenuto un caso interessante dall'antica Grecia. Una donna che vuole sbarazzarsi di un ammiratore molto persistente gli ha lanciato il suo panno mestruale.

1839 anno

Charles Goodyear crea una tecnologia per la vulcanizzazione della gomma, che viene anche utilizzata nella produzione di preservativi, dispositivi intrauterini, siringhe per lavande vaginali e diaframma vaginale..

Anni 1850

Gli impavidi inventori hanno brevettato una vasta gamma di prodotti: borse e bende mestruali, nonché vasi fatti di molle, fili, bottoni, risvolti, spallacci, risvolti e cinture. Non molti hanno provato a metterlo in vendita.

1873 anno

Negli Stati Uniti è stato approvato il Comstock Act, da cui è seguito che la distribuzione e il tentativo di vendere materiale pornografico o qualsiasi materiale concettualmente simile era considerato un crimine federale. In risposta al controllo delle nascite, l'industria introduce il termine "igiene femminile" e inizia a pubblicizzare i propri prodotti come prodotti da banco.

1896 anno

Lister Asciugamani, i primi assorbenti commerciali, sono in vendita. Prodotto da Johnson & Johnson (e prende il nome da Joseph Lister, un pioniere della chirurgia sterile), potrebbero essere diventati troppo all'avanguardia per i tempi primitivi..

Inizio XX secolo

Molte donne americane hanno usato assorbenti fatti in casa, spesso montati usando la tecnica dell'intreccio a volo d'uccello. Hanno usato lo stesso materiale di cotone che è stato utilizzato per i pannolini per bambini. Hanno allacciato questi stracci o stracci in modo tale che non fossero visibili da sotto la biancheria intima o le cinture fatte in casa..

1911 anno

Il prodotto Midol appare sul mercato, destinato ad alleviare il mal di testa e il mal di denti con la carie. È vero, di conseguenza, questo farmaco ha iniziato ad essere usato dalle ragazze durante le mestruazioni per sbarazzarsi del dolore.

prima guerra mondiale

Le infermiere francesi si resero conto che le bende di cellulosa che usavano per fasciare il sangue ferito assorbivano molto meglio del cotone normale, iniziarono ad usarlo per i propri scopi..

1920s

Kotex (una combinazione di "cotone" e "tessuto") appare nei negozi. Questi assorbenti usa e getta sono stati un grande passo avanti, poiché erano molto comodi, perché ora non era necessario attaccarli al corpo con cinghie speciali. I produttori di Kotex hanno incoraggiato i venditori di negozi a organizzare i prodotti in modo che le donne potessero avvicinarsi e prendere gli assorbenti, e anche posizionare un discreto salvadanaio accanto a loro in modo che non dovessero pronunciare le parole "pad" o "mestruazione" ad alta voce di fronte a un venditore maschio. È in atto anche una rivoluzione della moda, ora l'intimo femminile si sta chiudendo, il che ha permesso un migliore fissaggio della cintura e del cuscinetto in posizione..

È vero che gli assorbenti costano ancora troppo e non tutte le donne possono permetterseli. Pertanto, le donne continuano a utilizzare metodi più tradizionali..

1927 anno

Johnson & Johnson ha introdotto le loro guarnizioni Modess, che sono diventate il principale concorrente di Kotex. Ci sono letteralmente centinaia di fabbriche di articoli per donne.

1930-1960

Per molti anni Lysol è stato il principale disinfettante utilizzato come contraccettivo femminile e in cucina e nel bagno come detergente. Anche se questo rimedio in realtà non ha aiutato a prevenire la gravidanza, i produttori hanno cercato di convincere le donne con l'aiuto della pubblicità. Un marchio simile, Zonite, ha giocato sulle paure delle donne del profumo femminile durante le mestruazioni.

1930 anni

Leona Chalmers ha brevettato e rilasciato la prima coppetta mestruale riutilizzabile al mondo. Tuttavia, dopo l'avvento delle ciotole usa e getta, molte donne disdegnarono di asciugarsi il sangue dalla ciotola, perché era più facile buttare via.

Di seguito è riportato un disegno di una ciotola dai brevetti di Leona Chalmers (estrema sinistra). Il brevetto mostra che è molto simile alle tazze Tassette, Tassaway e The Keeper che furono successivamente prodotte. Chalmers ha suggerito di realizzare una tazza di gomma vulcanizzata.

Brevetto della coppetta mestruale riutilizzabile

1931 anno

Il dottor Earl Haas deposita un brevetto per l'invenzione del tampone. Nell'invenzione fu il primo a includere un applicatore, il design del tampone fu realizzato sotto forma di un tubo, che è ancora usato oggi. Gertrude Tendrich acquistò il brevetto per $ 32.000 e fondò Tampax nel 1933. All'inizio, ha realizzato tamponi direttamente a casa utilizzando una macchina da cucire e una speciale macchina da stampa inventata dal dottor Haas..

Puoi guardare la storia dell'assorbente interno in questo breve video in inglese

Anni '40

Johnson & Johnson lancia una campagna di pubbliche relazioni per i suoi assorbenti Modess chiamata "Modess... because", trasformando le convenzionali pubblicità per l'igiene femminile in fotografie d'arte e di moda esclusive.

Campagna pubblicitaria "Modess... because"

Campagna pubblicitaria "Modess... because"

Anni '50

Un tampone senza applicatore Pursettes con punta lubrificata è disponibile in commercio. Ci sono anche assorbenti interni per ragazze adolescenti che possono essere efficacemente nascosti nei loro portafogli.

1959 anno

Le coppette mestruali vengono provate per una seconda possibilità quando Tassete presenta le coppette, ma questa volta cerca di fare una grossa scommessa sulla pubblicità. È vero, le donne si sono rivelate avere un'opinione diversa e non erano ancora interessate a loro, quindi le tazze sono scomparse di nuovo dalle vendite..

1963 anno

I minipad Stayfree sono i primi ad arrivare sul mercato femminile. Hanno prefigurato la fine di cinture, fermagli e spille per tutte le donne in Occidente.

1971 anno

Appare il ritiro mestruale, che ha permesso di pompare tutto il flusso mestruale. In America, ci sono anche gruppi di auto-aiuto per le donne per rimuovere il flusso mestruale. Anche le uova fecondate potrebbero essere rimosse. La procedura era molto popolare. Sono state eseguite circa 20.000 procedure. Dopo che l'aborto divenne legale in America nel 1973, la popolarità dell'astinenza mestruale diminuì..

1987 anno

The Keeper lancia una nuova generazione di coppette mestruali riutilizzabili. Si è rivelato più efficace e può ancora essere trovato sul mercato oggi..

2003 anno

In America stanno emergendo pillole speciali che possono sopprimere i periodi e garantire il controllo delle nascite. Le donne che prendono queste pillole sperimentano le mestruazioni solo quattro volte l'anno. Tuttavia, gli studi per determinare la sicurezza a lungo termine per gli adolescenti non sono ancora stati pubblicati..

Guarnizioni nell'URSS

Vale la pena parlare dell'URSS separatamente, poiché siamo stati uno degli ultimi a iniziare a fornire assorbenti e tamponi moderni al paese. Fino agli anni '80 gli assorbenti interni non si trovavano affatto e gli assorbenti venivano prodotti in quantità insufficienti ed era difficile trovarli in farmacia. Gli assorbenti furono poi chiamati "prodotti per l'igiene", copiando completamente la situazione negli Stati Uniti negli anni '30. C'erano libri speciali per studentesse sovietiche che spiegavano come usare il blocco. C'erano anche istruzioni dettagliate su come realizzare un assorbente usa e getta di garza e cotone idrofilo, quindi le nostre donne hanno realizzato da sole tutti gli articoli per l'igiene necessari..

Pubblicità sovietica Tampax

I tamponi sono apparsi in URSS all'inizio degli anni '90, provocando uno scalpore senza precedenti tra le donne. La rivista "Burda" scriveva allora che grazie agli assorbenti interni si sarebbero guadagnati un comfort e una libertà senza precedenti, tutto questo apposta per minare la già instabile situazione politica..

I nostri giorni

Negli ultimi vent'anni l'assorbente igienico si è evoluto in modo rivoluzionario. Sono finiti i tempi delle cinture e dei pannolini ingombranti. Con l'invenzione di materiali più assorbenti e design migliori, gli assorbenti sono più comodi e più pratici che mai. L'invenzione delle "ali" fissa l'assorbente nella biancheria intima e l'invenzione degli "assorbenti profumati" riduce l'odore.

Struttura moderna della guarnizione

Sfortunatamente, le donne usano ancora tamponi e assorbenti più delle tazze. Anche se le ciotole stanno già iniziando a ricevere una seconda vita, perché la nostra generazione comprende che la Terra non può trasformarsi all'infinito in un mucchio di spazzatura per i nostri rifiuti igienici.

  • ← È facile inventare qualcosa?
  • Invenzioni predette in I Simpson →

4 idee su "Come sono nate le guarnizioni"

Correggere gli errori nell'articolo Le prime guarnizioni con una striscia adesiva apparvero alla fine del 1979 a Mosca. Puoi anche dire grazie ad A.A. Gromyko. (Ministro dell'industria leggera dell'URSS) e mi ha eretto un monumento con un enorme blocco come inventore e per lui come incarnazione di idee. E nel 1963, l'interfodera non tessuta non era ancora stata inventata e gli assorbenti interni Tampax (che a quel tempo erano già all'estero) non potevano essere usati dalle vergini.

  1. Esattamente io 03.03.2019 alle 02:01

Andrei Andreevich Gromyko era il ministro non dell'industria leggera, ma degli affari esteri. Dal 1986 fino al suo pensionamento - Presidente del Presidium del Soviet Supremo dell'URSS.

Grazie) I Tomomons sono inaffidabili, perdono. Una volta un amico ha attraversato l'intera città di Adler dal cinema alla casa dove stavamo riposando, con una macchia di sangue su un vestito blu. Che problema. Bene, abbiamo realizzato queste guarnizioni da soli e non è successo niente di terribile. Che questi liberali ora stanno creando storie dell'orrore sui sovietici con tutto - non avevano abbastanza assorbenti femminili, quindi carta igienica! )

Piuttosto, il ministro dell'Industria leggera era come NN Tarasov, ma è stato Andrei Andreyevich Gromyko a occuparsi di questo problema, poiché le signore del Ministero degli Affari Esteri non dovrebbero trovarsi in situazioni imbarazzanti.

La storia dell'emergere di assorbenti femminili

È fantastico che il mercato moderno offra all'acquirente una vasta selezione di beni e servizi! Questo vale anche per i prodotti per la cura personale delle donne. Ognuno di noi conosce marchi come Bella, Kotex, Discreet, Carefree, Libresse, Naturella, Always, Ola, Tena, Love Moon e alcuni altri. Gli assorbenti da donna sono diventati parte della vita di ogni donna moderna, poiché sono un mezzo indispensabile per l'igiene personale. Tuttavia, un assortimento di prodotti così delicati è apparso non molto tempo fa. Le prime guarnizioni sul mercato russo sono apparse solo negli anni '90 del XX secolo. Ma la fisiologia di una donna dei secoli è tale che ogni mese vengono giorni speciali e c'è un urgente bisogno di comfort e affidabilità speciali. Prima dell'avvento delle guarnizioni, le ragazze e le donne mostravano un'abilità di ingegnosità. Quello che non hanno usato per essere protetti in qualche modo. Nell'antico Egitto, il papiro veniva usato, nell'antica Roma - lana, nell'antica Grecia - feltro, seta e tela. Nel Medioevo in Russia, le ragazze indossavano pantaloni densi, che assorbivano direttamente tutte le secrezioni. Nell'Europa medievale, le donne si limitavano a infilare le sottovesti tra le gambe. Ma in Giappone, Cina e India, i tovaglioli di carta erano già usati a quel tempo, e solo all'inizio del XX secolo apparvero i primi assorbenti usa e getta, che diedero origine all'industria dei prodotti per l'igiene femminile. Il fatto è che durante la prima guerra mondiale, la compagnia americana "Kimberly-Clark" ha inventato una benda per i feriti, che ha assorbito cinque volte di più del normale cotone idrofilo. Era il cellucotone, ad es. lana di cellulosa. Le sorelle della misericordia francesi lo notarono immediatamente e iniziarono a usarlo per le mestruazioni. Questo assorbimento unico del cellucotone è stato l'impulso per i primi salvaslip monouso da donna di Kimberly-Clark, Cellunup, in seguito ribattezzato Kotex. È vero, le donne non hanno reagito con entusiasmo alla comparsa di guarnizioni, poiché erano imbarazzate all'acquisto. Hanno iniziato ad acquisire attivamente solo dopo che i pacchi con guarnizioni hanno iniziato a essere venduti senza iscrizioni e disegni. Negli anni '50 del secolo scorso, la prima pubblicità per assorbenti da donna apparve in America. Le immagini mostrano solo belle ragazze in abiti chic. Dopotutto, lo scopo della campagna pubblicitaria era dimostrare che una donna rimane ben curata, amorosa ed elegante in ogni circostanza. Nel tempo, sugli assorbenti iniziarono a comparire ulteriori mezzi di protezione e affidabilità: lo strato appiccicoso inferiore, le ali... Apparvero anche salvaslip quotidiani per le donne. I produttori di guarnizioni moderne migliorano costantemente la qualità dei loro prodotti, ampliando la gamma. Il mercato mondiale ora dispone di guarnizioni realizzate interamente con materie prime naturali! Man mano che le richieste delle donne in tutto il mondo crescono, vogliono non solo una protezione al 100%, ma anche rimanere giovani e in salute per tutta la vita. Pertanto, nella storia dello sviluppo dei prodotti per l'igiene femminile, si possono distinguere 3 fasi: fino agli anni '20 del XX secolo - assorbenti realizzati con materie prime naturali, ma inaffidabili e scomodi da usare. Dagli anni '20 del XX secolo alla fine del XX-XXI secolo - le guarnizioni erano protette dalle perdite, ma la loro composizione è in gran parte riciclabile e materiali sentimentali. XXI secolo: l'era dei nuovi assorbenti realizzati con materie prime naturali, utilizzando tecnologie avanzate che fungono da protezione in qualsiasi giorno e aiutano a mantenere la salute non solo per le donne, ma anche per uomini e bambini. Chissà quali scoperte sta preparando per noi l'industria dei prodotti per l'igiene. La cosa principale è che la scelta è sempre nostra, adorabili donne. La nostra salute è nelle nostre mani!

Prodotto delicato: la storia degli assorbenti e degli assorbenti interni

Prima pubblicità per i prodotti Kotex, 1921, USA

Nel 1868, il vicepresidente dell'American Medical Association dichiarò dal dipartimento della sua organizzazione che non ci si doveva fidare delle donne mediche durante la loro regolare "malattia". Nel 1872, lo scienziato e medico americano Edward Clarke espresse il suo punto di vista che le studentesse e gli studenti non dovrebbero frequentare le lezioni nei "giorni speciali", poiché, a causa dell'elevato carico sul corpo, non sono in grado di pensare.

A questo, la famosa scrittrice e femminista Eliza Duffy ha risposto a Clark con una domanda, perché, in questo caso, nessuno allontana le donne dal duro lavoro e dalle faccende domestiche se il loro corpo è sottoposto a uno stress così grave? Oppure il signor Clark sta trattenendo qualcosa e il suo obiettivo è privare le donne americane del diritto all'istruzione?

Questi sono solo due fatti, ma in realtà c'erano molte di queste affermazioni e provenivano da uomini rispettabili in tutto il mondo. C'è da meravigliarsi ora che le donne stanno facendo del loro meglio per nascondere la loro condizione agli altri?.

L'emergere di prodotti per l'igiene

I tamponi igienici hanno una storia antichissima. In Africa erano fatti con le erbe, in Giappone con la carta di riso, in Egitto con il papiro e nell'antica Roma con la lana. Per molto tempo è stato diffuso un modo molto pericoloso per la salute e persino di vita di utilizzare questi prodotti per l'igiene, che dopo l'uso venivano lavati e rimessi in uso..

Pubblicità degli assorbenti Hartmann, fine del XIX secolo

Ora sappiamo che questo approccio all'igiene è irto di infezioni pericolose e persino di cancro. Nonostante ciò, anche i paesi più avanzati non hanno avuto fretta di avviare la produzione industriale di prodotti usa e getta..

A metà del XIX secolo, lo sviluppo dell'industria portò al fatto che la produzione di molti prodotti igienici fu avviata. Ma questo non ha influenzato i prodotti specifici per le donne. Il motivo era che nessuno sapeva come venderli, perché parlare nella società di fisiologia femminile non era accettato, il che significa che era impossibile lanciare pubblicità.

Il primo tentativo ufficiale di vendere assorbenti igienici risale al 1895. In uno dei grandi magazzini londinesi sono apparsi "assorbenti igienici" dell'azienda tedesca Hartmann. Nel 1896, Johnson & Johnson commercializzò il mercato statunitense con un prodotto chiamato Lister Gaskets. Il nome è stato dato agli elettrodi dal chirurgo britannico Joseph Lister, che ha insegnato ai medici di tutto il mondo a sterilizzare gli strumenti.

Ma questi prodotti necessari non hanno prodotto l'effetto atteso e sono stati ricevuti dal pubblico di destinazione piuttosto freddamente. È possibile che la tradizione secolare di uscire dalla situazione usando mezzi improvvisati abbia influenzato, o forse la timidezza femminile abbia giocato di nuovo un ruolo.

Pubblicità per prodotti Kotex, anni '20, USA

La vera svolta in questo settore è stata fatta durante la prima guerra mondiale, quando Kimberly-Clark iniziò a produrre medicazioni in carta crespa. Questo nuovo materiale era realizzato con pasta di legno, che era più economica del cotone e aveva proprietà igroscopiche superiori..

Verso la fine della guerra, la richiesta di medicazioni diminuì drasticamente e Kimberly-Clark iniziò a cercare nuovi mercati. Proprio in questo momento è arrivata nell'ufficio dell'azienda una lettera di infermieri con gratitudine per la qualità dei prodotti. Le donne hanno scritto che usano medicazioni in carta crespa per scopi igienici e sono molto soddisfatte del risultato..

Questo nome era composto dalle parole "cotone" e "tessuto" ed è diventato un codice nelle conversazioni delle donne. Sentendo la parola "kotex", l'uomo non ha capito cosa fosse in gioco e questo gli ha permesso di evitare situazioni imbarazzanti. "Se solo qualcuno potesse spiegarmi cos'è Kotex!" Uno dei giovani scattò irritato a una cena nel 1920. Inutile dire che le signore presenti si limitarono a sorridere delicatamente in risposta..

A metà del 20 ° secolo sono state utilizzate tali cinture igieniche.

Il nuovo prodotto ha iniziato rapidamente a guadagnare popolarità. Ciò era in gran parte dovuto al fatto che le donne divennero più attive dopo la prima guerra mondiale. Erano impegnati in attività sociali e scientifiche, lavoravano nelle imprese e viaggiavano molto. Kotex ha risolto perfettamente i loro problemi e il marchio è fiorito.

La psicologa americana ed esperta di management Lillian Gilbreth condusse una ricerca sul mercato dei prodotti per l'igiene per le donne nel 1927 e lodò lo sviluppo dell'azienda Kimberly-Clark. Ha notato che i prodotti usa e getta in confezioni compatte sono una vera scoperta per le donne moderne che conducono uno stile di vita attivo..

Non è questa la migliore conferma che il prodotto un tempo segreto è entrato saldamente nella vita delle persone??

Pubblicità con "sangue blu"

Nel 1933, oltre ai tamponi di carta crespa, apparvero sul mercato tamponi brevettati con il marchio Tampax. Nel 1937, l'elenco dei prodotti per l'igiene per le donne fu nuovamente riempito: iniziò la produzione di berretti mestruali, inventata da Leona Watson Chalmers..

Poi scoppiò la seconda guerra mondiale e un nuovo motivo apparve nella pubblicità per le donne. Ora venivano serviti ai consumatori come uno dei modi in cui una donna può mobilitare la sua forza il più possibile a beneficio della sua patria. Una delle pubblicità di Kotex dell'epoca raffigura una ragazza che getta una scopa e una scopa sul pavimento. Il poster recita:

Le pubblicità in seguito divennero più ovvie, sebbene molti le trovassero divertenti. Molte battute hanno dato origine a un video in cui "sangue blu" si sta diffondendo su un assorbente, e questo processo è seguito da vicino da scienziati in camice bianco. Un attributo importante di questi video erano anche donne in pantaloncini bianchi, pantaloni o costumi da bagno che andavano in bicicletta, correvano e andavano in bicicletta..

Uomo con le mestruazioni

Ora i prodotti per l'igiene delle donne solo negli Stati Uniti vengono venduti per 3 miliardi di dollari all'anno. È interessante che gli uomini abbiano sempre svolto un ruolo importante in questo settore. Oltre ai manager Kimberly-Clark, la maggior parte dei quali erano uomini, Arunachalam Muruganantham è un esempio..

Questo ragazzo indiano, senza nemmeno avere un'istruzione secondaria completata, ha deciso di risolvere in qualche modo il problema globale delle donne nel suo paese, ovvero di fornire loro assorbenti di alta qualità. Nel 1998 disse a sua moglie che non voleva che usasse stracci sporchi. "Non pulirei nemmeno il mio ciclomotore con quello", ha detto Arunachalama e ha iniziato a progettare una macchina per il rilascio di guarnizioni.

Le donne della famiglia dell'innovatore non apprezzavano il suo fervore inventivo. Per prima cosa, la moglie di Shanti lasciò l'indiano, e poi anche sua madre smise di comunicare con lui. Secondo loro, l'occupazione di Arunachalam era una vergogna per un uomo, e lui stesso era uno psicopatico e un pervertito.

Ma l'India non è l'unico paese al mondo in cui tutto ciò che riguarda i giorni critici è stigmatizzato. Secondo le statistiche dell'UNESCO nell'Africa subequatoriale, una ragazza su dieci perde la scuola a causa del ciclo. Tutto accade lì come voleva il dottor Edward Clarke e non c'è niente di buono in questo.

L'assenteismo porta le ragazze a rimanere indietro nel materiale educativo e questo spesso diventa il motivo di un rifiuto totale di frequentare la scuola. E qui il punto non è solo nell'atteggiamento riprovevole nei confronti dello stato fisiologico del tutto normale del corpo femminile, ma anche in assenza di condizioni speciali. Nelle scuole africane è difficile trovare docce chiudibili a chiave e in alcuni luoghi non c'è nemmeno un impianto idraulico.

Svolge anche un ruolo che molte donne non possono permettersi di acquistare prodotti per l'igiene. Arunachaama Murugananthama, che aiuta a risolvere il problema in India, dice tristemente che qualcosa che è considerato un bene comune in Occidente, acquistato quasi senza esitazione, nel suo paese milioni di donne lo considerano un lusso.

Nella maggior parte dei paesi del mondo, sebbene l'igiene femminile non sia considerata un argomento popolare per le discussioni di massa, almeno ha già lasciato la categoria dei tabù. Stanno cercando di garantire pari diritti e opportunità per le donne sotto tutti gli aspetti, ad esempio, introducendo orinatoi da donna.

È piaciuto? Vuoi tenerti aggiornato sugli aggiornamenti? Iscriviti al nostro Twitter, pagina Facebook o canale Telegram.

Chissà quando sono comparsi i primi assorbenti? E quello che le donne nell'antichità usavano nei "giorni rossi"?

È improbabile che l'americano John Kimberly, aprendo la sua cartiera nel 1872, si aspettasse che dopo 48 anni avrebbe prodotto assorbenti da donna. All'inizio, la sua fabbrica produceva carta da giornale di alta qualità. All'inizio del XX secolo, Kimberly-Clark ha lanciato un nuovo materiale: il cellucotone. Questo materiale era un buon assorbente ed è stato usato come medicazione durante la prima guerra mondiale. In termini di assorbimento, era cinque volte superiore al normale cotone idrofilo ed era la metà del prezzo. Kimberly-Clark ha fornito cellucotone a parti mediche dei paesi europei, inclusa la Francia. Secondo la leggenda, furono le infermiere francesi ad aver notato che il cellucotone assorbe perfettamente il flusso mestruale. Prima di allora, le donne usavano abiti vecchi, stracci, ovatta e feltrini riutilizzabili come mezzi di igiene intima..

La scoperta delle sorelle della misericordia francesi tornò utile dopo la fine della guerra, quando i capi di Kimberly-Clark si domandarono cosa fare delle tonnellate di cellucotone prodotte. Nel 1920, i primi assorbenti usa e getta furono rilasciati con il nome di Cellunap. Un anno dopo, per eufonia, furono ribattezzati Kotex (dall'inglese KOtton - "cotone" e TEXture - "texture"). Presto Kimberly-Clark vendette tutte le sue cartiere e le sue cartiere e si concentrò sulla realizzazione di prodotti di consumo a base di carta. Le prime guarnizioni assomigliavano solo lontanamente a quelle moderne. Erano tovaglioli rettangolari, lunghi e spessi. Per indossarli, è stata utilizzata una speciale cintura elastica, che è stata indossata in vita. Due cinturini con clip in metallo scendono dalla cintura davanti e dietro. Questi morsetti tenevano il cuscinetto tra le gambe. L'assorbenza era bassa, molto spesso due tamponi erano attaccati alla cintura. I cuscinetti adesivi, che eliminavano la necessità di cinture, non furono inventati fino alla fine degli anni '60..

Negli anni '30, oltre ai salvaslip, Kimberly-Clark lanciò fazzoletti usa e getta Kleenex, tamponi Fibs e cinture mestruali Kotex, e negli anni '70, vestiti di carta, che erano molto popolari tra la generazione hippie..

Nel 2005, Kotex ha lanciato la propria linea di lingerie, disegnata dal designer britannico Julien MacDonald. Kotex attualmente occupa il 30% del mercato statunitense delle guarnizioni, secondo solo al marchio Always (Procter & Gamble). Secondo il New York Times, nella categoria degli assorbenti interni, il primo posto spetta anche al Proters 'Tampax, il secondo al Playtex Gentle Glide. Tamponi di sicurezza Kotex - solo al terzo posto.

"Grande" URSS senza assorbenti femminili

Quindi, amici, oggi ci sarà un altro post sulle "delizie della vita" in Unione Sovietica. Come probabilmente già saprai, i fan dell'URSS di solito amano lodare questo paese, sporgendo sotto forma di risultati tutti i tipi di razzi spaziali, che (come ho detto nel post di ieri) non erano legati alla vita del 99% della popolazione del paese - per l'intera esistenza dell'URSS nel distaccamento i cosmonauti sono stati visitati da solo 120 persone.

È chiaro perché questo accade, se inizi a parlare di altri aspetti della vita sovietica - della vita di tutti i giorni, della medicina, degli appartamenti, dei negozi - in una parola, di tutto ciò che riguarda la vita di tutte le persone - si scopre che l'URSS era povera, impoverita e arretrata un paese il cui tenore di vita era da qualche parte al livello dei paesi africani, e nel post di oggi te lo dimostrerò ancora una volta usando l'esempio dei prodotti per l'igiene femminile.


E cosa c'è nel "Decadente West"?

Confrontiamo prima come andavano le cose nel Decaying West rispetto allo scoop. Guardando la foto della miserabile e grigia vita sovietica, i fan dell'URSS di tanto in tanto gridano: "e così era ovunque in quel momento!", "Era proprio un momento simile!", "Tutti vivevano così" - a volte completando queste grida con una fotografia di John Lennon nella cucina di McCartney.

In effetti, nei paesi sviluppati, tutti gli articoli per la casa comodi apparivano molto prima che nell'URSS - ad esempio, già nell'America prebellica, un aspirapolvere e un frigorifero erano cose abbastanza comuni nelle città e la televisione appariva negli anni '20 - mentre i cittadini sovietici erano già in Negli anni Cinquanta, dalle pagine del "Libro sul cibo sano e gustoso", si parlava del frigorifero come di una sorta di miracolo - "un frigorifero è una macchina che funziona con l'elettricità!" Lo stesso vale per gli articoli per l'igiene femminile (così come i pannolini per bambini): nei paesi sviluppati esistono da molto tempo, mentre in URSS non hanno mai sentito parlare di queste cose.

I primi prototipi di assorbenti da donna apparvero negli Stati Uniti negli anni '70 dell'Ottocento e nel 1886 apparvero per la prima volta sul mercato con il nome di "Lister Asciugamani". Le guarnizioni, simili a quelle moderne, apparvero negli anni '20 e furono vendute con il nome Kotex (una combinazione di cotone e tessuto), e nel 1927 la famosa azienda Johnson & Johnson introdusse le sue guarnizioni Modess, che divennero il principale concorrente di Kotex. Inizia una lotta per il consumatore e una sana concorrenza capitalista: di conseguenza, dozzine di fabbriche per la produzione di beni femminili inondano il mercato.

Intorno agli anni '50, un'intera linea di prodotti femminili viene venduta negli Stati Uniti, così come in altri paesi sviluppati, assorbenti, tamponi e simili. Ebbene, in URSS, era tutto molto triste.

Pastiglie da donna in URSS.

In risposta alle urla dei fan dello scoop nello stile di "Ma abbiamo fatto razzi e tagliato l'ossigeno, e nell'area del pianeta siamo tutti un grande popolo", chiedetevi con calma: perché una così grande Unione Sovietica non potrebbe fornire una vita decente ai suoi cittadini? Il "grande paese" non ha mai dato alla luce pannolini per bambini, proprio come gli assorbenti delle donne - le donne erano costrette a sopportare, soffrire e invecchiare prematuramente.

Gli assorbenti da donna, come altri prodotti per l'igiene femminile, non esistevano affatto in URSS. Le donne dovevano fare in modo indipendente qualcosa del genere con garza e cotone idrofilo - e questo è se queste cose potevano essere acquistate in farmacia, con l'inizio della guerra in Afghanistan, anche cose così semplici divennero rare. Se non c'erano bende, come assorbenti venivano usate mutande o magliette vecchie e strappate, che venivano tagliate e cucite. A volte, qualunque cosa "coli", veniva messo all'interno un pezzo di tela cerata o polietilene. Dopo l'uso, tutto questo veniva lavato e bollito, quindi conservato fuori dalla portata di uomini e bambini..

L'uso di tali prodotti per l'igiene fatti in casa era irto di problemi costanti e di un sentimento di vergogna costantemente presente: tutto ciò che era connesso alle questioni dell'igiene femminile, non importa come esistesse nel discorso pubblico, non esisteva e la donna doveva risolvere tutti questi problemi da sola. domande, sperimentando un costante imbarazzo. Nei "giorni critici" era consuetudine camminare con gli amici, ai quali veniva detto qualcosa del tipo "Andrò avanti e vedrai se per me va tutto bene".

Assorbenti igienici e tamponi iniziarono ad apparire in URSS solo in Perestrojka e iniziarono a essere venduti in grandi quantità solo all'inizio degli anni novanta, dopo la fine dello scoop. La cosa divertente è che alcuni pazzi fan dell'URSS credono seriamente che "far scivolare le guarnizioni" fosse qualcosa come un "sabotaggio ideologico dei dannati capitalisti":

Epilogo.

Ovviamente puoi continuare ad essere orgoglioso dei razzi e dei balletti, ma personalmente credo che il tenore di vita in un paese sia determinato principalmente dal tenore di vita dei suoi cittadini, e in particolare delle donne. Quindi, in URSS, tutto andava molto male con questo - a causa di una vita difficile, una donna sovietica si trasformò in una zia all'età di 30 anni e all'età di 50 anni - in una vera nonna con denti finti e schiena curva. Questo da solo è costato la distruzione dell'URSS e dell'intero sistema sovietico.

Scrivi nei commenti cosa ne pensi di questo, interessante.

In che anno sono comparse le guarnizioni?

Per una serie di ragioni, mi sono immerso in diverse fonti storiche. Mi ha introdotto nello studio dei prodotti per l'igiene.
In particolare - pastiglie femminili.

Se una donna ha un deflusso di sangue che scorre dal suo corpo,
poi deve stare sette giorni mentre la purifica,
e chiunque la toccherà sarà impuro fino alla sera.
(Levitico 15:19)

Nel corso dei secoli, ci sono state molte diverse opzioni di igiene. Uno dei metodi più antichi è l'isolamento (cioè l'isolamento) delle donne mestruate dalla società. Era comune in Polinesia e tra le tribù africane. Ogni insediamento aveva una capanna speciale per le mestruazioni, in cui le donne dovevano rimanere durante i loro periodi. Perché è stato fatto questo? In poche parole, si riduce a isolare le donne mestruate per garantire la loro massima sicurezza. Tuttavia, questo obiettivo era l'unico? Ecco una citazione di uno storico: “... perché. gli abiti delle donne di quel tempo non nascondevano completamente la loro condizione, quindi una donna simile sarebbe diventata oggetto di scherno per gli altri, se anche la minima traccia della sua malattia fosse stata notata su di lei, avrebbe perso l'affetto di suo marito o amante. Quindi, vediamo che la timidezza naturale si basa esclusivamente sulla consapevolezza della propria mancanza e sulla paura di smettere di piacere ". Quindi, la mancanza di prodotti per l'igiene di base nei tempi antichi costringeva una donna a essere isolata durante le mestruazioni. L'emergere di prodotti per l'igiene mestruale rese superflua l'isolamento, ma nacque la necessità di sviluppare prodotti per l'igiene, il cui compito principale era sia quello di garantire l'assorbimento delle secrezioni che di nascondere le condizioni della donna agli altri.

Nell'antico Egitto veniva usato il papiro, da cui i ricchi egiziani producevano tamponi. Il papiro era molto costoso, quindi i semplici egiziani usavano il lino che veniva lavato dopo l'uso. Bisanzio usava anche tamponi di papiro o materiale simile. Questi tamponi erano difficilmente comodi, dal momento che il papiro è molto crudele.

Nell'antica Roma venivano usati assorbenti e talvolta tamponi fatti di palline di lana. Ci sono informazioni sull'uso dei tamponi nell'antica Grecia e in Giudea. Ma, a quanto pare, i mezzi di igiene più comuni nei tempi antichi erano assorbenti riutilizzabili fatti di uno o l'altro materiale come tela, tessuto, seta, feltro, ecc..

Nel Giappone medievale, in Cina, in India, l'igiene femminile era molto alta, molti ordini di grandezza meglio che in Europa. Fu in Asia che apparvero per la prima volta gli assorbenti usa e getta. Gli asiatici usavano tovaglioli di carta usa e getta piegati in una busta. Tale busta era tenuta in posizione da un fazzoletto attaccato alla cintura. Successivamente in Giappone iniziarono a essere realizzate cinture mestruali (se l'autore non si sbaglia si chiamano "tu"), che era una cintura con una striscia passata tra le gambe. Un tovagliolo è stato posto tra la striscia e la vulva: la cintura era riutilizzabile, il tovagliolo era usa e getta. Esternamente, una cintura del genere assomigliava in qualche modo a un cesto capovolto. Ogni donna giapponese intelligente avrebbe dovuto essere in grado di farsi una cintura del genere..

In Polinesia venivano utilizzate cortecce di piante, erba, a volte pelli di animali e spugne di mare appositamente preparate. Le donne indiane del Nord America sembrano aver fatto più o meno lo stesso..

In Europa durante il Medioevo, l'igiene femminile era ai minimi termini. La gente comune, ad esempio, usava semplicemente i lembi di camicie o sottovesti infilati tra le gambe. In Russia nei secoli XVII-XVIII. a volte usato il cosiddetto. "Porti vergognosi", cioè qualcosa come pantaloni attillati o mutandine lunghe (le mutandine ordinarie non erano indossate allora) di materiale spesso - il flusso mestruale veniva assorbito direttamente dalle porte che erano sotto le ampie gonne.

Va notato che nel Medioevo le mestruazioni erano un raro "ospite" per le donne europee. Le mestruazioni iniziarono quindi all'età di 16-18 anni, si fermarono all'età di circa 40-45 anni. Perché non c'erano contraccettivi, molte donne erano quasi costantemente in gravidanza o in allattamento (le mestruazioni sono generalmente assenti durante l'allattamento con latte). Pertanto, molte donne nella loro intera vita potrebbero avere solo 10-20 mestruazioni, ad es. quanto una donna moderna ha in media in un anno o due. È chiaro che le questioni dell'igiene mestruale non erano allora così acute per le donne europee come lo sono ora. Tuttavia, entro la fine del XIX-inizio del XX secolo. il problema dell'igiene mestruale per le donne americane ed europee era già estremamente acuto.

In America e in Europa tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. tamponi di tela o feltro fatti in casa riutilizzabili usati, che venivano piegati in una borsa dopo l'uso, quindi lavati e riutilizzati. Alcuni hanno adottato il metodo cinese utilizzando buste di carta. Nei casi in cui era impossibile portare con sé una guarnizione usata o non era consigliabile conservare la guarnizione, le donne la bruciavano nel camino. L'usanza di bruciare le guarnizioni nel camino non è nata per caso. Il fatto è che il water si è diffuso solo alla fine del XIX secolo. (sebbene sia apparso due secoli prima). Prima dell'avvento della toilette in Inghilterra (e in molti paesi europei), le donne scrivevano in vaso, chiudendosi in una camera da letto o in un'altra stanza; dopo la minzione o la defecazione, i vasi venivano portati fuori dalla domestica o dalla donna stessa. Pertanto, i prodotti per l'igiene mestruale sono stati cambiati anche nelle stanze. semplicemente non c'erano servizi igienici speciali allora. Si noti che a quei tempi quasi tutte le abitazioni erano dotate di caminetto. Pertanto, era più facile bruciare la guarnizione nel camino che portarla fuori nella spazzatura. Ciò era particolarmente vero quando una donna era in viaggio: in questo caso, a quanto pare, era più facile donare un assorbente riutilizzabile che portarlo con te per molto tempo. A tale scopo è stato utilizzato un camino. Alla fine del XIX secolo. in Inghilterra c'erano persino crogioli portatili speciali per bruciare le guarnizioni, per quei casi in cui non c'era il camino a portata di mano!

Un esempio lampante della reazione di una ragazza alle mestruazioni, che è arrivata come un fulmine a ciel sereno, è offerto da Childhood Luvers di Boris Pasternak. La prima mestruazione non ha portato alcuna gioia a Zhenya Luvers. Al contrario, la ragazza ha ricevuto un rimprovero dalla governante, che ha considerato il sanguinamento qualcosa di vergognoso:

La francese prima le urlò contro, poi prese le forbici e tagliò il punto della pelle d'orso che era insanguinata.

La ragazza non riceve alcuna spiegazione sulle sue condizioni e tutto il giorno è tormentata da un sentimento opprimente:

Le sembrava che ora le avrebbero sempre urlato contro, e la sua testa non se ne sarebbe mai andata, e le avrebbe fatto costantemente male, e quella pagina del suo libro preferito, che stupidamente le galleggiava davanti, come un libro di testo dopo cena, non sarebbe mai più stata compresa..

Ma la reazione iniziale della governante erano ancora i fiori, le bacche stavano aspettando la sfortunata ragazza il giorno dopo, quando si macchiò accidentalmente la sua camicia da notte.

Zhenya iniziò ad andare a letto e vide che la giornata era lunga come quella, e all'inizio pensò di prendere le forbici e tagliare questi punti nella camicia e sul lenzuolo, ma poi decise di prendere la cipria dalla donna francese e strofinarla con il bianco, e già afferrò scatola di polvere, quando una francese è entrata e l'ha picchiata. Tutto il peccato era concentrato nella polvere. "Si spolvera da sola. Mancava solo quello. Adesso ha capito finalmente. Ha notato per molto tempo!"

Certo, Zhenya è scoppiata in lacrime, non tanto per l'iniquità della punizione, ma per il fatto di aver sentito un crimine ancora peggiore, forse meritevole di una censura ancora più severa. Poiché il dolore fisico si aggiunge alla situazione psicologicamente spiacevole, la ragazza diventa così grave che almeno annega (fortunatamente, viene fermata dal fatto che l'acqua nel fiume in questo momento è ancora molto fredda - l'eccellente conoscenza di Pasternak della psicologia adolescenziale).

Zhenya scoppiò in lacrime per le percosse, per le urla e per il risentimento; dal fatto che, sentendosi innocente di ciò di cui la sospettava la francese, sapeva dietro di sé qualcosa che era - lo sentiva - molto peggio dei suoi sospetti. Era necessario - si sentiva fino all'ottusità, si sentiva nei polpacci e nelle tempie - era necessario, nessuno sapeva perché e perché nasconderlo, come si vuole e ad ogni costo. Joints, November, galleggiava in una continua suggestione ipnotica. Tormentante ed estenuante, il suggerimento era il lavoro dell'organismo, che nascondeva il significato di tutto alla ragazza e, comportandosi come un criminale, le faceva credere in questa emorragia una sorta di nauseante, vile male. "Menteuse!" - Non mi restava che negare, ostinatamente rinchiuso in quello che era il più disgustoso ed era da qualche parte a metà tra la vergogna dell'analfabetismo e la vergogna di un incidente di strada. Dovetti sussultare, stringendo i denti e, soffocando per le lacrime, rannicchiarmi contro il muro. Era impossibile precipitarsi nel Kama, perché faceva ancora freddo e stavano arrivando gli ultimi temporali.

Fortunatamente, la madre di Zhenya ripristina la giustizia e caccia il cattivo francese. Da questo passaggio, possiamo concludere che, in primo luogo, Zhenya Luvers non sa quali misure prendere durante le mestruazioni e, in secondo luogo, considera questo fenomeno qualcosa di peccaminoso, qualcosa che la marcherà come una criminale. È probabile che le ragazze del XIX secolo la pensassero in questo modo. Ciò è particolarmente vero per gli adolescenti che vivevano nelle grandi città, dove i bambini erano tagliati fuori dalla natura e non potevano osservare i processi fisiologici nella stessa aia. È possibile che nelle zone rurali le cose fossero diverse.

In ogni caso, il senso di colpa provato da Zhenya Luvers era abbastanza comune tra le donne dell'era vittoriana. Le mestruazioni erano considerate una malattia in generale e le mestruazioni accompagnate da un forte disagio erano considerate una malattia estremamente vile e innaturale: "Se qualsiasi fase delle mestruazioni è accompagnata da dolore, allora qualcosa non va con i vestiti, o con la dieta, o con il comportamento della donna. " In altre parole, l'opinione pubblica ha aderito alla "colpa stessa". La responsabilità delle mestruazioni dolorose ricadeva sulle spalle dello sfortunato malato. Ebbene, dal momento che lei stessa era colpevole - per esempio, avendo letto di notte un romanzo straziante - non aveva il diritto di lamentarsi per non disturbare inavvertitamente gli altri. Nel 1885, l'americana Almira MacDonald scrisse nel suo diario:

19 aprile - Ho le mestruazioni, forti dolori tutto il giorno - che peccato che mi senta così male, potrebbe turbare Angus (suo marito).
20 aprile - Alle 9:40, Angus ha preso il treno per Chicago. Mi sento meglio. È così difficile che se ne vada quando mi sento male, ma devo sperare per il meglio..

I documenti di quell'epoca aprono il sipario sull'igiene durante le mestruazioni. I ricercatori hanno tratto la maggior parte dei dati da fonti americane, ma molto probabilmente gli stessi strumenti sono stati utilizzati in Europa. In particolare, nei materiali dell'inchiesta sull'omicidio di una certa Lizzie Borden, viene descritto un tampone di stoffa, un po 'più piccolo di un pannolino. I tamponi sono stati risciacquati in un bagno e poi asciugati. I lavori domestici leggeri erano considerati il ​​modo migliore per regolare le mestruazioni e alleviare il dolore. D'altra parte, la lettura e qualsiasi attività mentale, secondo la credenza popolare, assorbivano troppe energie e facevano defluire il sangue dai genitali, provocando danni alla donna e persino infertilità. Inoltre, c'erano vari rimedi, sia popolari che brevettati, per fermare il flusso di sangue. Questa è, ad esempio, la ricetta del balsamo emostatico del Dr. Chase. Se, dopo aver usato questo farmaco, la paziente non sognava una corda insaponata, allora probabilmente aveva un sistema nervoso invidiabile.

Versare due dracme e mezza (1 dracma - 3,69 grammi) di acido solforico in un mortaio farmaceutico, aggiungere lentamente una dracma di trementina, mescolando continuamente con un pestello, e una dracma di alcol. Mescola fino a quando la miscela non smette di fumare, quindi mettila in una bottiglia di vetro sigillata. La miscela dovrebbe essere limpida, di colore rosso, come il sangue scuro. Se realizzato con materiali di bassa qualità, sarà rosso pallido, sporco e inutilizzabile. Dose - Aggiungere 40 gocce a una tazza da tè, macinare con un cucchiaino di zucchero di canna, versare in una tazza d'acqua fino a quando la tazza è quasi piena e bere immediatamente. Ripeti ogni ora per 3-4 ore, ma interrompi se il sanguinamento peggiora. Il medicinale non si deteriora, ma con il tempo potrebbe formarsi una pellicola.

Il libro del dottor Chase includeva molte altre ricette.

Oltre a ricette così inquietanti, sono stati utilizzati rimedi più delicati, ad esempio il tè allo zenzero per i crampi e le borse dell'acqua calda. Tra le proposte per alleviare le mestruazioni si sono trovate abbastanza ragionevoli. Ad esempio, molti medici si sono espressi contro i corsetti, che non solo peggioravano le condizioni di una donna durante le mestruazioni, ma erano generalmente estremamente dannosi, contribuendo, secondo i medici che non conoscevano la misura, sia alla nascita di bambini con teste piccole che al prolasso dell'utero. Dovremmo soffermarci sull'ultimo punto in modo più dettagliato, perché anche qui notiamo una certa ossessione per il ventre vittoriano. I rimedi per il prolasso uterino erano drastici e intimidatori quanto i rimedi per le mestruazioni dolorose. In particolare, per sostenere l'utero sono stati utilizzati pessari in legno, osso, metallo, gomma, ecc. Di solito questa struttura consisteva in un disco fissato a un'asta. Una molla nell'asta esercitava pressione sull'utero quando il pessario veniva inserito nella vagina.
Un filo metallico collegava un'asta a una cintura. Alcuni tipi di pessari non avevano bisogno di essere rimossi durante il rapporto, ma i medici generalmente consigliavano di toglierli di notte. Fortunatamente, i pessari venivano usati per scopi medicinali, quindi non tutte le donne li indossavano. E questo non può che rallegrarsi.
Alla fine del XIX secolo, gli elettrodi divennero popolari, fornendo corrente a varie parti del corpo che richiedevano un trattamento. Fortunatamente, la corrente era molto debole.
Le mestruazioni in epoca vittoriana hanno causato molte speculazioni e interpretazioni errate. Logicamente, sbarazzarsi di questo disturbo sarebbe dovuto sembrare una beatitudine suprema. Eppure - nessuno ti riempie di acido, non ti porta via i libri, non ti manda a correre per casa con una scopa quando vuoi raggomitolarti tranquillamente in una palla, nessuno ti guarda come se fossi a Bedlam con un piede e avessi già alzato l'altra gamba. Paradiso in terra! Ma no, la realtà era molto più complicata. I medici hanno aspettato la menopausa per dire "Aha!" Perché la menopausa era considerata una transizione verso un momento molto più terribile della vita: era ora di raccogliere ciò che hai seminato prima. Con la menopausa arrivò il momento della resa dei conti per i peccati della giovinezza, come l'intemperanza sessuale, l'amore per i vestiti alla moda e la partecipazione al movimento per le libertà civili. I medici hanno promesso un intero sciame di malattie per i peccatori e le donne che evitavano il sacro dovere di qualsiasi donna vittoriana - avere figli - potevano cucirsi un sudario. Perché le prospettive per loro non erano brillanti. Tuttavia, potevano sempre seguire il consiglio preferito dei moralisti vittoriani: soffrire e tacere..

Ma torniamo al 20 ° secolo.

Fu solo negli anni '70 che si formò l'abitudine di avvolgere gli assorbenti usati in carta o giornali e gettarli nel cestino. XX secolo con l'uso diffuso di assorbenti usa e getta - prima, come si può vedere, si usavano sia gli assorbenti per i successivi lavaggi, sia bruciarli o gettarli via. Tuttavia, gli assorbenti riutilizzabili erano scomodi per le donne, non solo per il lavaggio sgradevole (che le cameriere facevano per i ricchi), ma anche per la necessità di raccogliere gli assorbenti usati durante le mestruazioni..

Per una protezione aggiuntiva, sono stati usati grembiuli, vestiti alla maniera della biancheria intima, cioè hanno ulteriormente protetto la gonna superiore dall'inquinamento. Un bel po 'di tempo negli anni '10 e '30. (o anche più lunghi) in America (forse in Europa) venivano usati slip mestruali, chiamati slip o bloomers (l'origine dei nomi non è chiara, non sono tradotti in russo). I tamponi, come gli assorbenti usa e getta, all'epoca erano praticamente sconosciuti in America, Europa e Asia..

Cambiamenti significativi ebbero luogo durante la prima guerra mondiale. Poi le suore francesi della misericordia negli ospedali militari notarono che il materiale cellucotton (qualcosa come il cotone idrofilo di cellulosa), che veniva ampiamente fornito in Europa per scopi militari, sviluppato dall'azienda americana Kimberly Clark, assorbe perfettamente il flusso mestruale e iniziò ad usarlo, infatti creando i primi assorbenti autocostruiti, ma già usa e getta in Europa.

Questa scoperta ha avuto un impatto significativo sull'ulteriore sviluppo dell'igiene mestruale, consigliando a Kimberly Clark di produrre assorbenti da questo materiale. I primi assorbenti usa e getta, chiamati Cellunap, furono rilasciati nel 1920, ma la loro commercializzazione in America si rivelò estremamente problematica. In linea di principio, le donne erano entusiaste dell'idea degli assorbenti usa e getta (questo è stato dimostrato da un'indagine sociologica approfondita e molto difficile in quel momento), ma era ovvio che le donne erano molto timide riguardo alle mestruazioni. Pubblicizzare o ostentare gli assorbenti allora era impensabile, le donne si vergognavano anche di comprare gli assorbenti, che allora venivano venduti solo in farmacia; spesso le madri mandavano piccole figlie sciocche per gli assorbenti. Al momento dell'acquisto, le donne erano molto imbarazzate persino a pronunciare il nome del prodotto, usando solo l'ultima sillaba, ad es. "Pisolino" Nap (nap) - in inglese significa "tovagliolo", e questo termine è abbastanza diffuso - per molti anni la parola nap è stata usata per riferirsi ad assorbenti, cioè tovaglioli, sebbene i tovaglioli, ovviamente, non lo fossero. Ben presto i Cellunapes furono ribattezzati Kotex, ma erano ancora venduti in confezioni senza iscrizioni o disegni..

Tuttavia, i sondaggi d'opinione hanno confermato che solo l'imbarazzo al momento dell'acquisto impedisce l'ampia distribuzione di nuovi prodotti: alle donne non piacevano i feltrini riutilizzabili, ma erano imbarazzate nel chiedere “assorbenti igienici” in farmacia. I tempi erano molto puritani, soprattutto in America.

Quindi le aziende manifatturiere (come Kotex, Fax e altre) hanno lanciato un'ampia campagna su una pubblicità molto accurata, ma persistente e ponderata di prodotti per l'igiene, il collegamento più importante dei quali erano i libri per ragazze, dove si parlava di pubertà, mestruazioni e "discretamente" la necessità di utilizzare i prodotti di questa o quella società (il più famoso di questi libri è "Il 12 ° compleanno di Marjorie May", che ha suscitato clamore tra i moralisti antiquati). La Disney ha realizzato un fumetto educativo sulle mestruazioni per le ragazze. Sulle pagine delle riviste femminili apparve una pubblicità di assorbenti.

Questa politica portò ad un successo abbastanza rapido, nel 1940 la quota di feltrini riutilizzabili scese al 20% e, dopo la guerra, alla fine degli anni '40. - fino all'1%, dopodiché gli elettrodi riutilizzabili appartengono al passato. Tuttavia, solo la rivoluzione sessuale degli anni '60. ha finalmente rimosso molti tabù, compreso il tabù in televisione e la pubblicità di strada dei prodotti per l'igiene femminile.

Quali sono state le prime guarnizioni industriali come Kotex? Le cinture mestruali erano usate per trasportare i "tovaglioli". Le cinture euroamericane differivano da quelle giapponesi, che assomigliavano a un cesto capovolto: erano una cintura elastica orizzontale abbastanza sottile indossata in vita, da cui scendevano due cinghie davanti e dietro, terminando con fermagli metallici (come fermagli per tende). Un distanziatore è stato attaccato a questi morsetti e passato tra le gambe. I modelli delle cinture erano leggermente diversi, ma avevano lo stesso diagramma di base. I cuscinetti stessi erano molto lunghi e spessi, di solito di forma rettangolare, e coprivano l'intero inguine. L'assorbenza degli assorbenti era piuttosto bassa, quindi a volte due assorbenti erano attaccati alla cintura contemporaneamente. Sostituire il tampone non è stato un compito facile; dopo la minzione, la donna molto probabilmente aveva sempre installato un nuovo tampone. Ciò ha portato al fatto che le donne preferivano resistere il più a lungo possibile prima di andare in bagno, il che era dannoso per la salute. Considerando che poi si indossavano le calze, anche attaccate alla cintura, allora si può immaginare quanto tempo e fatica richiedesse allora il processo di minzione di una donna mestruata..

Le guarnizioni erano diverse e le opinioni delle donne su di esse sono molto diverse, quindi non è facile trarre una conclusione generale. Apparentemente, questi cuscinetti erano morbidi e non irritavano la vulva. D'altra parte era difficile installarli nella giusta posizione, spesso si confondevano e perdevano, anche se erano un po 'ispessiti nella parte inferiore. Pertanto, le donne indossavano mutandine strette speciali, a volte con uno strato impermeabile nel cavallo, che riduceva le perdite, ma causava una maggiore sudorazione della vulva. Alcune mutande avevano dispositivi speciali per il fissaggio aggiuntivo del pad. Se una donna con le mestruazioni stava per ballare o indossare bei vestiti costosi, allora per una protezione aggiuntiva indossava anche qualcosa come una fascia. Tali guarnizioni dovevano essere cambiate più volte al giorno..

Tuttavia, per l'Europa e l'America, è stato un enorme passo avanti: dai prodotti per l'igiene riutilizzabili a quelli usa e getta. Tali cinture erano abbastanza diffuse fino alla fine degli anni '60, ma in seguito svanirono gradualmente con l'avvento di cuscinetti con uno strato adesivo, che avevano un principio di usura diverso..

I primi tamponi industriali apparvero in America alla fine degli anni '20. (Fax, Fibs, Wix). Non avevano applicatori, a volte anche cordini. Il primo tampone con applicatore (il famoso Tampax) apparve in America nel 1936 e iniziò a diffondersi gradualmente. La proliferazione degli assorbenti interni fu notevolmente facilitata dal famoso rapporto di Dickinson, "Tampons as a Menstrual Remedy", pubblicato nel 1945 sul Journal of the American Medical Association. Questo rapporto ha aiutato in una certa misura a superare la sfiducia delle donne nei confronti dell'idea stessa di un tampone. Tuttavia, negli anni '20 -'50. gli assorbenti interni per le donne americane ed europee erano ancora "esotici" e apparentemente gli assorbenti interni erano ampiamente usati solo negli anni '70.

Gli assorbenti usa e getta del concetto attuale sono apparsi intorno alla fine degli anni '60. - quelli più sottili che non richiedevano cinture da indossare, ma venivano inseriti in mutandine o calze. Si noti, tuttavia, che i primissimi assorbenti usa e getta di Johnson & Johnson sono apparsi nel 1890 (!), Curads nel 1920, ma non hanno messo radici affatto, poiché la società femminile semplicemente non era pronta per l'idea di prodotti per l'igiene usa e getta..

Negli anni '60, i tamponi con applicatori di vario tipo, dallo spillo al telescopico, solitamente di plastica, divennero più comuni. Allo stesso tempo, la pubblicità di assorbenti e tamponi è stata ampiamente diffusa in televisione e nelle riviste femminili..

Accelerazione (grazie alla quale l'età della prima mestruazione in poche generazioni è diminuita da 16 a 12-13 anni), un aumento dell'età della menopausa (cessazione delle mestruazioni), lo sviluppo diffuso di contraccettivi, una significativa diminuzione del numero di bambini nelle famiglie europee e americane, lo sviluppo dell'emancipazione - tutto questo ha portato ad un aumento del numero di mestruazioni nella vita delle donne e ha reso il problema dell'igiene molto più urgente di prima. La rivitalizzazione della vita delle donne ha anche stabilito nuovi requisiti: velocità di cambio dei prodotti per l'igiene, invisibilità agli altri, disponibilità per la vendita, affidabilità, facilità d'uso, ecc. Tutto ciò potrebbe essere fornito solo da prodotti per l'igiene monouso di produzione industriale. Già negli anni '70. la vita di una donna civile senza assorbenti e assorbenti di fabbrica è diventata inimmaginabile.

Negli anni '80 si continuò a migliorare le guarnizioni, apparvero uno strato di fondo protettivo e uno strato assorbente "a secco", apparvero le ali; ha iniziato a utilizzare materiali assorbenti che trasformano il sangue in un gel; iniziarono a essere realizzati cuscinetti tenendo conto della struttura del perineo femminile (forma anatomica). Gli assorbenti sono diventati più sanguinari e allo stesso tempo più sottili, la gamma si è ampliata - da potenti "durante la notte" a più sottili "per tutti i giorni". Sviluppati anche tamponi - ad esempio, i tamponi con applicatori telescopici sono diventati più popolari, che sono diventati più spesso fatti di cartone (perché, a differenza della plastica, il cartone si dissolve facilmente in acqua e quindi è più preferibile dal punto di vista ambientale).

Nello stesso periodo, i prodotti per l'igiene femminile iniziarono a internazionalizzarsi rapidamente: marchi come Tampax, Ob, Kotex, Always, Libresse e altri sono diffusi in tutto il mondo e si trovano raramente solo nei paesi poveri (tuttavia, le donne più ricche, anche nei paesi più poveri, lo sono sempre di più utilizzare marchi globali). Alcuni paesi aggiungono loro i propri marchi "nazionali". I marchi nazionali possono essere approssimativamente suddivisi in due categorie. Il primo è più economico rispetto ai modelli internazionali. In Polonia, queste sono guarnizioni Bella, in Russia - Angelina, Veronica e altre, comprese quelle polacche. Tali prodotti di solito non sono convenienti come quelli internazionali. La seconda categoria è quella dei prodotti più in linea con i gusti e le preferenze nazionali rispetto a quelli internazionali. In Francia, ad esempio, assorbenti Nana e Vania (provvisti di un involucro in cui avvolgere gli assorbenti dopo l'uso), in Giappone, tamponi con applicatori più lunghi e solitamente di plastica, forniti con sacchetti di plastica per avvolgere i tamponi usati, ecc..

Si noti che ci sono alcune preferenze nazionali nella scelta dei prodotti per l'igiene. Non sempre si prestano a spiegazioni, ma spesso sono molto ben tracciate. Quindi, le donne giapponesi categoricamente non accettano l'idea di inserire un dito nella vagina, quindi, quasi tutti i tamponi giapponesi sono con applicatori e le rare marche di non applicatori sono fornite con punte in gomma! In generale, le donne giapponesi preferiscono decisamente gli assorbenti. Anche asiatici, latini e russi preferiscono usare gli assorbenti. Le donne americane preferiscono decisamente i tamponi, in Europa occidentale la prevalenza di tamponi e assorbenti è paragonabile. L'autore presume (ma non ha conferma) che le donne musulmane usino solo assorbenti e quelli fatti in casa, poiché la pubblicità mestruale è vietata nei paesi musulmani.

In URSS fino alla fine degli anni '80. i tamponi industriali non esistevano affatto e gli assorbenti industriali erano estremamente rari e occasionalmente venivano venduti in farmacia con il nome... "prodotto per l'igiene" - in una parola, la situazione in America negli anni '30 era riprodotta con accuratezza aneddotica. Ma in ogni libro per scolarette veniva spiegato in dettaglio come realizzare dischetti di cotone avvolti in una garza. Questo "know-how" era perfettamente padroneggiato da tutte le donne sovietiche..

I primi tamponi e assorbenti Tampax sono apparsi in URSS all'inizio degli anni '90. e ha causato una vera sensazione tra le donne. Il primo annuncio di Tampax è apparso sulla rivista Burda nel 1989. La pagina mostrava un tampone con un applicatore sullo sfondo di una scatola. C'era anche un breve testo, la cui essenza era che con i tamponi Tampax nelle vagine, i russi avrebbero guadagnato libertà e comfort senza precedenti..

La salute riproduttiva di una donna è evidenziata dal suo ciclo mestruale regolare. Ciascuno del gentil sesso almeno una volta nella sua vita ha dovuto affrontare un ritardo nelle mestruazioni.